2012_11_04 Teatro Verdi di Genova, si può ascoltare il famoso Inno delle Nazioni di Verdi che cita l'inno di Mameli

Domenica 4 novembre 2012_11_04 16.00
Associazione Spettacolo Cultura di Genova
Teatro Verdi - Genova

CONCERTO PER LA PACE
Irene Cerboncini soprano
Alejandro Escobar tenore 
Michele Patti baritono
Enrico Gregori basso
coro lirico Quadrivium 
Massimo De Stefano, pianoforte
Giovanni Battista Bergamo, direttore
Ingresso 15 Euro

Programma :
Inno di Mameli   (Mameli/Novaro)
Inno alla Pace     (Rossini)
Inno delle Nazioni   (Verdi)
Coro dei pellegrini dal Tannhauser   (Wagner)
Aria dal Tannhauser/ Oh tu bell'astro incantator "O du, mein holder abendstern "  (Wagner)
Aria di Isolde  (Morte di Isotta)  Wagner
Parafrasi di Liszt dal Simon Boccanegra  (Liszt/Verdi)
La Vergine degli Angeli da La forza del destino   (Verdi)
Coro a bocca chiusa da Butterfly  (Puccini)
Casta Diva da Norma  (Bellini)
Il Lacerato Spirito   dal Simon Boccanegra  (Verdi)
Aria tenore 
Pace, mio Dio da La Forza del Destino  (Verdi)
Inno alla Gioia  (Beethoven)
Va' pensiero   (Verdi)
Biglietteria tel. 010-6148366

Il 4 novembre 1918 fu firmato l'armistizio che pose fine alle ostilità tra Italia e Austria-Ungheria nella 1a guerra mondiale. Vittoria sulla carta ma che costò soprattutto la vita a 689.000 italiani, mentre 1.050.000 furono i mutilati e i feriti: cifre che devono far riflettere, numeri da ricordare.  Tre anni dopo, il 4 novembre 1921, l'Italia si stringeva attorno alla figura del "Milite ignoto", un soldato senza nome simbolo di lutto personale e collettivo e, soprattutto, simbolo di identità collettiva e di unione.
Ecco perché il 4 novembre si celebra il Giorno dell'Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate. Una giornata che il Regio decreto del 23 ottobre 1922 dichiarò festa nazionale.
L'Associazione Spettacolo Cultura vuole onorare il 4 novembre con un concerto per la Pace, con un percorso di grandi autori che parte dall'Italia all'Austria fino alla Germania: da Beethoven a Verdi, da Wagner a Rossini. Un percorso di pace, non di guerra, accompagnato da brani che inneggiano alla comunione e all'Unità nazionale, all'identità collettiva e alla pace tra i popoli.
Il coro lirico Quadrivium sarà accompagnato dal pianoforte e da solisti di grande spessore artistico.





Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)