2020_09_13 Messa cantata a Castello D’Agogna (PV) con lo "Stellerranti Academy ensemble"

Domenica 13 settembre 2020, ore 11.00
Chiesa della Natività della Beata Vergine Maria – Castello D’Agogna (PV)
nell'ambito delle celebrazioni per la Festa Patronale del Paese.
Messa cantata 
con lo "Stellerranti Academy ensemble"
Stellerranti Academy Ensemble sono: 
Cinzia Bauci mezzosoprano, 
Pier Gallesi, tenore,organista, 
Gabriele Marmonti, tenore, 
Stefano Panfilio, tenore.
In programma tutta la liturgia cantata a partire da quella più conosciuta a pagine d'autore, come il Kyrie e l'Agnus Dei tratti dalla Petite Messe Solenne di Luis Bordèse, Gran finale con l'Ave Maria di Gounod, in onore della patrona di Castello D'Agogna e una piccola scelta di trascinanti spiritual afro americani.

Stellerranti
Cinzia Bauci e Pier Gallesi, duo dalla vis molto teatrale e cosmopolita, si esibiscono da anni sulle scene nazionali ed internazionali: Lisbona - Palacio Foz. Lugano - Palazzo dei Congressi, Spazio Ciani. Milano - Padiglione d'Arte Contemporanea, Villa Necchi Camiglio, Teatro Litta, Chiesa di San Maurizio, Castello Sforzesco. Vercelli - Palazzo Dugentesco. Novara - Castello Visconteo, Teatro Faraggiana, Cascina Marangana per Domeniche Fai, Cimitero Monumentale anteprima nazionale del "Concerto del Commiato". Soriso (NO) - Chiesa di San Giacomo Recital medioevale. Roma - Festival L'isola del Cinema - Genova Palazzo Ducale - Inaugurazione del Festival della Scienza 2011 con il coro dei ricercatori del CNR da loro diretto e preparato.
Affiancati dalla violinista barocca Lydia Cevidalli propongono un originale percorso nella cultura giudaica che si dipana dai canti sinagogali al cabaret tedesco, al klezmer e al musical americano, tra le date: Milano Sinagoga Centrale in occasione della visita del Cardinale Scola, Bergamo Città Alta - Sala Piatti, Pordenone - Villa Frova, Conegliano - Palazzo Sarcinelli, Vittorio Veneto - Museo della Battaglia, Belluno- Teatro Comunale, Soragna (RE) Sinagoga Museo di Soragna, Ferrara - Museo Archeologico, Merano - Centro Culturale Urania, Sinagoga di Merano, Lecce - Teatro Paisiello, Levanto Festival Amfiteatrov - Chiesa di Sant'Andrea, Torino Sinagoga .
Collaborano spesso con il pianista e compositore pop Mauro Sabbione (Matia Bazar, Litfiba) con cui in passato la Bauci ha fondato Melodrama, gruppo della scuderia Ira di Firenze, dedito alla contaminazione tra voce lirica ed elettronica.
Molto attivi anche nel territorio lomellino: Vigevano Teatro Cagnoni, Santa Maria del Popolo, Chiesa del Crocifisso, Cavallerizza del Castello, Spazio B - Palazzo Sanseverino, Mede Castello Sangiuliani, Castello D'Agogna, Castello Isimbardi, Castelnovetto Sala Polivalente ex Chiesa di Sant'Antonio, Ceretto Chiesa di San Pietro, Langosco Chiesa di San Martino.

Stellerranti Academy Ensemble 
Nasce come esperienza didattica all'interno della After Life Music Dimension di Marco Germani ed Elisa Collimedaglia. Le lezioni e le master class di Stellerranti sono incentrate sulle melodie, i ritmi e le sonorità che danno origine e si affiancano al pop commerciale di oggi, musica etnica e folklorica, canzone napoletana, standard internazionali, canzone francese, musical ecc..., Stellerranti Academy ha presentato a Vigevano diversi spettacoli con la presenza di una formazione corale e con gli allievi solisti dei corsi di pianoforte e canto: Concerto a tema amoroso per Vigevano in love 2019 - Sala dell'Ottocento, Concerto per il solstiizio d'estate - Festa della Musica Europea 2019 - Auditorium San Dionigi. La grande musica americana Festa della Musica Europea 2020 - Sala dell'Ottocento. Durante il lock down è maturato on line, con l'apporto di Gabriele Marmonti e Stefano Panfilio, un nuovo progetto legato alla spiritualità che vede il suo debutto nella Messa Cantata di Castello D'Agogna. Nell'ensemble la voce femminile di mezzosoprano fa talvolta da bordone alle voci maschili dal timbro tenorile, creando un impasto davvero affascinante. Gabriele Marmonti oltre che allievo delle Stelle studia chitarra e ha una band Uskuritel con repertorio proprio definito dalla critica pop intimista. Stefano Panfilio è bassista, chitarrista, didatta musicale, si è esibito in numerosi festival di musica ghospel capitanati dal famoso vocal coach britannico Colin Vassel.

Stellerranti Cinzia Bauci e Pier Gallesi
www.stellerranti.eu +39 339 383 7746

2020_09_15 Teatro alla Scala una stagione d'autunno in bilico COVID

Teatro alla Scala 
OPERA E BALLETTO 
Autunno 2020

Martedì 15 Settembre 2020_09_15 
Venerdì 18 Settembre 2020_09_18 
Martedì 22 Settembre 2020_09_22 
Venerdì 25 Settembre 2020_09_25 
Lunedì 28 Settembre 2020_09_28 
Giuseppe Verdi
LA TRAVIATA
In forma di concerto
Personaggi e interpreti
Violetta Valéry  Marina Rebeka
Flora Bervoix  Chiara Isotton
Annina  Francesca Pia Vitale*
Alfredo Germont  Atalla Ayan
Giorgio Germont  Leo Nucci
Gastone  Carlo Bosi
Barone Douphol Fabrizio Beggi
Marchese d’Obigny  Costantino Finucci
Dottor Grenvil  Alessandro Spina
Giuseppe  Brayan Avila Martinez *
Commissionario/Domestico Ernesto Panariello
*Allievi Solisti Accademia Teatro alla Scala
Orchestra e Coro del Teatro alla Scala
Direttore Zubin Mehta
Maestro del Coro Bruno Casoni

Anche in campo operistico, la Scala ricomincia dai titoli più identificativi della sua storia. Tosca diretta da Riccardo Chailly nell’allestimento di Davide Livermore e La traviata diretta da Zubin Mehta nello spettacolo storico di Liliana Cavani avrebbero dovuto segnare il grande ritorno del Teatro alla Scala in Giappone in settembre. Dopo l’annullamento della tournée a causa della pandemia, La traviata apre il cartellone operistico d’autunno in forma di concerto a Milano, con una dedica particolare di Zubin Mehta. “Sono ben consapevole - scrive il Maestro - di quanto siano stati terribili i momenti che tutti a Milano e alla Scala hanno passato negli ultimi mesi e sono molto felice che i miei colleghi abbiano il coraggio e la forza di riaprire questo meraviglioso Teatro per permettere a tutti di tornare ad ascoltare splendida musica. In questa difficile situazione auguro al nuovo Sovrintendente Dominique Meyer tutto il meglio e tanto successo”. All’attesa per la direzione del Maestro Mehta si aggiunge il prestigio di un cast importante, a cominciare dalla protagonista, Marina Rebeka, che è oggi tra le voci di soprano più richieste dai teatri di tutto il modo: ha cantato la parte di Violetta tra l’altro alla Wiener Staatsoper, al Metropolitan di New York e all’Opéra di Parigi prima di interpretarla alla Scala. Accanto a lei Alfredo è Atalla Ayan, che alla Scala è stato Nemorino con la direzione di Fabio Luisi nel 2015 ed è tra i più apprezzati interpreti della parte nei teatri di tutto il mondo: nei primi mesi del 2021 la canterà al Metropolitan di New York, alla Staatsoper di Amburgo e alla Semperoper di Dresda. Nella stagione della ripartenza scaligera non poteva mancare Leo Nucci, che è stato tra i volti e le voci più identificative degli ultimi decenni di storia scaligera: come Germont lo ricordiamo nel 2007 con Lorin Maazel, nel 2017 con Nello Santi e nel 2019 con Myung-Whun Chung. 
La recita del 28 settembre sarà riservata alla Promozione Culturale.

Mercoledì 23 Settembre 2020_09_23 
Giovedì 24 Settembre 2020_09_24 
Sabato 26 Settembre 2020_09_26 
Venerdì 02 Ottobre 2020_10_02 
GALA DI BALLETTO
Omaggio alla danza in occasione della ripresa delle attività di Balletto alla Scala 
Corpo di Ballo del Teatro alla Scala
Étoiles 
Svetlana Zakharova 
Roberto Bolle
Artista ospite Alessandra Ferri
Orchestra del Teatro alla Scala
Direttore David Coleman
Occasione per soddisfare il desiderio di danza, di spettacolo e di alta qualità, nello spirito di riunire le eccellenze del balletto, i Gala di Balletto alla Scala sono una tradizione che porta in scena i titoli più amati, i virtuosismi, firme coreografiche e musicali di prim’ordine, in omaggio al pubblico e alla storia del balletto attraverso i suoi protagonisti. E mai come questa volta l’omaggio è davvero profondo e sentito: con queste serate il Balletto della Scala riabbraccia il suo palcoscenico e il suo pubblico dopo tanti mesi e lo fa attraverso un inanellarsi di passi a due e assoli, con i suoi primi ballerini, i solisti e gli artisti del Corpo di Ballo e con le sue étoiles: Svetlana Zakharova e Roberto Bolle - che riporterà in scena sul mitico tavolo rotondo la potente sensualità e la trascinante intensità del balletto-icona di Béjart sul Boléro di Ravel - e con la straordinaria presenza di una artista che alla Scala ha indissolubilmente legato il suo nome: Alessandra Ferri. Quattro serate per un omaggio alla danza, alle emozioni che trasmette, alla profonda e vibrante connessione che si instaura, nel momento unico e irripetibile della performance dal vivo, tra interprete e spettatore, tra musica e movimento, al profondo desiderio di espressione artistica che in questi mesi ha proiettato la Compagnia verso la ripresa delle attività nel suo Teatro.


Martedì 06 Ottobre 2020_10_06 
Venerdì 09 Ottobre 2020_10_09  
Lunedì 12 Ottobre 2020_10_12  
Giovedì 15 Ottobre 2020_10_15 
Lunedì 19 Ottobre 2020_10_19 
Giuseppe Verdi
AIDA
In forma di concerto
Personaggi e interpreti
Il Re  Roberto Tagliavini
Amneris  Anita Rachvelishvili
Aida  Saioa Hernández
Radamès  Francesco Meli
Ramfis  Dario Russo
Amonasro Luca Salsi
Messaggero  Francesco Pittari
Sacerdotessa  Chiara Isotton
Orchestra e Coro del Teatro alla Scala
Direttore Riccardo Chailly
Maestro del Coro Bruno Casoni
Riccardo Chailly torna a Aida dopo l’inaugurazione della Stagione 2006/2007 con regia, scene e costumi di Franco Zeffirelli. Questa volta non ci saranno ispirazioni pittoriche e scene monumentali, ma un cast stellare che schiera Saioa Hernández, Anita Rachvelishvili, Francesco Meli e Luca Salsi e la possibilità di ascoltare per la prima volta una versione del terzo atto scoperta pochi mesi fa che getta nuova luce sulla genesi dell’opera. Dalle carte del lascito verdiano di Villa Sant’Agata, consultabili dalla primavera 2019 presso l’Archivio di Stato di Parma, è infatti riemersa la versione originaria dell’attacco del terzo atto di Aida - un centinaio di battute, per circa otto minuti di musica -, ancora priva dell’originale attacco strumentale, dell’aria solistica di Aida “O cieli azzurri”, ma soprattutto con un coro a quattro voci ‘alla Palestrina’ di cui Verdi parla in alcune lettere e di cui s’era persa traccia. In origine Verdi aveva voluto differenziare il linguaggio arcaico e solenne dei sacerdoti egizi da quello dei protagonisti assegnandogli una scrittura neo-palestriniana, a cappella e a quattro voci. Dopo l’interruzione dovuta all’assedio di Parigi, e al conseguente mancato invio al Cairo delle scene che erano state commissionate all’Opéra, Verdi riprendendo in mano il lavoro nell’agosto 1871 giudicò che la soluzione ‘alla Palestrina’ non fosse abbastanza caratteristica e la sostituì con il coro unisono esotizzante che conosciamo. Il ritrovamento dei fogli che Verdi tolse dalla partitura rivela ora due cose: la prima è che questo esordio, espunto e messo da parte, era già completato e addirittura in bella copia; la seconda, che si tratta della stessa musica usata per il «Te decet Hymnus» del Requiem composto nel 1874 in memoria di Alessandro Manzoni. In margine a queste constatazioni l’articolo riflette sulla percezione che nell’Italia verdiana si aveva della musica liturgica e sul rapporto tra musica teatrale e musica da chiesa, anche in relazione ai giudizi non sempre concordi sulla partitura della Messa da Requiem.   
La recita del 19 ottobre sarà riservata alla Promozione Culturale.
La recita è stata sostituita da un recital di canto cui ha partecipato Janos Kauffman in sostituzione di Francesco Meli purtroppo positivo al Covid

CAUSA PANDEMIA IL RESTO DELLA STAGIONE E' STATO ANNULLATO COMPRESA LA PRIMA DEL 7 DICEMBRE 2020
CHE SARA' SOSTITUITA DA UN GALA LIRICO


Mercoledì 04 Novembre 2020_11_04 
Sabato 07 Novembre 2020_11_07 
Martedì 10 Novembre 2020_11_10 
Giovedì 12 Novembre 2020_11_12 
Martedì 17 Novembre 2020_11_17 
Giacomo Puccini
LA BOHÈME
Regia e scene Franco Zeffirelli
Personaggi e interpreti
Rodolfo  Giorgio Berrugi / Charles Castronovo
Schaunard  Giulio Mastrototaro / Mattia Olivieri
Benoit  Costantino Finucci
Mimì  Marina Rebeka / Angel Blue
Marcello  George Petean / Simone Piazzola
Colline  Alessandro Spina / Fabrizio Beggi
Alcindoro Alfonso Antoniozzi
Musetta  Aida Garifullina / Federica Guida
Parpignol  Paolo Antonio Nevi*
Sergente dei doganieri Giorgi Lomiseli*
Doganiere Toni Nežić*
Venditore ambulante Brayan Avila Martinez*
*Allievi Solisti Accademia Teatro alla Scala
Orchestra e Coro del Teatro alla Scala
Direttore Paolo Carignani
Maestro del Coro Bruno Casoni
Il ritorno all’opera in forma scenica dopo la lunga pausa imposta dalle misure di sicurezza è previsto a partire dal 4 novembre con La bohème di Giacomo Puccini nell’allestimento storico di Franco Zeffirelli; sul podio Paolo Carignani e in scena due cast a dividersi le sei rappresentazioni. 
Marina Rebeka veste i panni di Mimì a novembre dopo aver sostenuto a settembre la parte di Violetta in forma di concerto, felice ritorno di un’artista straordinaria per sensibilità e sempre puntigliosa preparazione. Con lei si alterna Angel Blue, che proprio con La bohème aveva debuttato alla Scala nell’edizione diretta da Gustavo Dudamel nel 2015 ma nella parte di Musetta. Giorgio Berrugi, che il pubblico ricorda in titoli verdiani come Rigoletto con Dudamel, la Messa da Requiem diretta da Zubin Mehta e Simon Boccanegra diretto da Myung-Whun Chung oltre che nella Fledermaus, divide le recite di Rodolfo con Charles Castronovo, uno dei più eleganti tenori lirici del panorama internazionale, che con questa parte fa il suo debutto in scena alla Scala. Ma tutti i personaggi di questa Bohème hanno voci importanti: come Marcello si ascoltano George Petean, che alla Scala è stato il generale romano Ezio nell’Attila inaugurale della Stagione 2018/2019, e Simone Piazzola, recentemente intervenuto a sostituire l’indisposto Luca Salsi nel primo concerto da camera al Piermarini dopo i mesi di chiusura, ma già ascoltato in Don Carlo e Simon Boccanegra. Schaunard ha le voci di Giulio Mastrototaro, rivelazione del recente Turco in Italia scaligero nella parte di Geronio, e di Mattia Olivieri che questa estate ha entusiasmato nel debutto come Don Giovanni a Macerata. Uno sguardo particolare meritano infine le due interpreti di Musetta: debutta infatti al Piermarini Aida Garifullina, nata a Kazan nel 1987 e cresciuta fino a diventare un’autentica diva all’Opera di Vienna ma anche negli altri grandi teatri europei. Con lei si alterna un’altra debuttante: la giovanissima Federica Guida, vincitrice del Concorso di Portofino del 2019. 
Sul podio il direttore e pianista milanese Paolo Carignani, che alla Scala ha debuttato con Alì Babà e i 40 ladroni di Cherubini per il Progetto Accademia e che è accreditato tra i più autorevoli specialisti del repertorio italiano nei grandi teatri europei; tra i suoi prossimi impegni Nabucco e Rigoletto a Vienna, Macbeth ad Amburgo e La traviata a Ginevra. 
La recita del 17 novembre sarà riservata alla Promozione Culturale.


Giovedì 29 Ottobre 2020_10_29 
Venerdì 30 Ottobre 2020_10_30 
Martedì 03 Novembre 2020_11_03 
Giovedì 05 Novembre 2020_11_05 
Venerdì 06 Novembre 2020_11_06 
Mercoledì 11 Novembre 2020_11_11  (riservata alla Promozione Culturale)
Venerdì 13 Novembre 2020_11_13 
Mercoledì 18 Novembre 2020_11_18 
Adolphe Adam
GISELLE
Coreografia  Jean Coralli – Jules Perrot
Ripresa coreografica Yvette Chauviré
Scene e costumi Aleksandr Benois
rielaborati da Angelo Sala e Cinzia Rosselli
Corpo di Ballo e Orchestra del Teatro alla Scala 
Direttore  David Coleman
Produzione Teatro alla Scala
Una storia d’amore, tradimento e redenzione, tra gioiose feste contadine e il bianco stuolo di willi, affascinanti quanto spietate: Giselle, balletto romantico per eccellenza, continua a commuovere il pubblico con la sua storia delicata, a coinvolgerlo grazie alla tecnica e alla sensibilità dell’interpretazione dei protagonisti, nel contrasto fra un mondo solare e un regno oscuro e terribile, popolato di spiriti. Giselle e il principe Albrecht sono ruoli paradigmatici nel repertorio classico: i protagonisti, nello sviluppo coreografico, sono chiamati a variare il registro tecnico-espressivo dall’allegria alla disperazione, dalla scanzonata padronanza di sé alla consapevolezza che la vita non ha scopo senza amore. Giselle racchiude tutti gli elementi del balletto romantico, li esalta in una storia universale e in una struttura esemplare della tradizione, arricchito dall’allestimento di Aleksandr Benois che è parte del repertorio scaligero. Il Corpo di Ballo porta di nuovo in scena l’indimenticabile coreografia di Coralli-Perrot nella ripresa di Yvette Chauviré, che proprio con la cura e la raffinatezza di ruoli come Giselle ha esaltato la tradizione classica in tutta la sua purezza e consegnato la sua fama al mondo. La sua versione, per la prima volta alla Scala nel 1950, la vide proprio nel ruolo della sfortunata giovane di campagna che sognava l’amore e amava danzare. Protagonista delle recenti stagioni scaligere e delle tournée internazionali, Giselle viene messa in scena anche come omaggio a Yvette Chauviré, straordinaria artista recentemente scomparsa.
Note da comunicato area stampa Teatro alla Scala ed integrazioni

2020_09_13 Musica Antica della Fondazione Ghislieri EVENTI AUTUNNALI

Centro di Musica Antica della Fondazione Ghislieri
EVENTI AUTUNNALI
Collegio Ghislieri Pavia

Domenica 13 settembre 2020 
CASTELLO VISCONTEO, PAVIA
DOPO IL SILENZIO
Federico Fiorio, soprano
Maria Chiara Gallo, alto
Raffaele Giordani, tenore
Alessandro Ravasio, basso
Coro Ghislieri
Giulio Prandi, direttore
Maria Cecilia Farina, organo
La città commemora le vittime della pandemia con una serata al Castello Visconteo.
Domenica 13 settembre, alle ore 21, si terrà, nella suggestiva cornice del Castello Visconteo, un appuntamento speciale dedicato alla commemorazione delle vittime di Covid-19. La serata è programmata in collaborazione con il Centro di Musica Antica della Fondazione Ghislieri, nell’ambito della rassegna estiva La città come palcoscenico organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Pavia.

Sabato 26 settembre - ore 21
Chiesa di S. Primo, Pavia
PASSEGGIATA ORGANISTICA
Laboratorio di polifonia del '700 del Conservatorio "G. Verdi" (MI)
Giulio Prandi, direttore

Giovedì 1 ottobre 2020_10_01 alle 21
Aula Magna del Collegio Ghislieri
SUITE CASE
CHIARA ZANISI E STEFANO BARNESCHI
Béla Bartók "Bagpipes" from 44 Duos
G. Ph. Telemann Sonata n.3 in re maggiore per due violini
Giovanni Sollima da “Suite Case” per due violini soli, dedicato a Chiara e Stefano, 2017 “Wood”
Carlo Tessarini Duetto in sol min. op. 15 n. 3
Luciano Berio Duetti per due Violini “Bela”e "Carlo"
Jean-Marie Leclair Sonata in mi min. op. 3 n. 5
Giovanni Sollima da “Suite Case” per due violini soli, dedicato a Chiara e Stefano, 2017
“B275” (da un frammento inedito di Beethoven, catalogo Biamonti)
Franz Joseph Haydn Duetto n.3 in si bemolle maggiore op. 99
Béla Bartók "Rumanian Whirling Dance"
Antonio Vivaldi Prima Suonata per due violini soli RV 70 in fa Maggiore
Giovanni Sollima da “Suite Case” per due violini soli, dedicato a Chiara e Stefano, 2017
"Alleluja"
SUITE CASE Un Viaggio in Duetto, da Vivaldi a Sollima
Il repertorio per due violini non accompagnati è aumentato di popolarità nei primi decenni del XVIII secolo. Ma pochi ascoltatori sono consapevoli del fatto che Antonio Vivaldi fu tra i primi a sperimentare questo genere, in un gruppo poco conosciuto di quattro sonate che, secondo un'affascinante ipotesi, avrebbe potuto comporre per esibirsi in duetto con suo padre durante il suo tour di Europa centrale nel 1729-30. Chiara Zanisi, già comparsa sull'etichetta Arcana ( nelle “6 Sonate per clavicembalo  e violino” di J.S Bach con Giulia Nuti e poi nel 2020 in “The Lady from the Sea – Duos for Violin and Cello from Vivaldi to Sollima” al fianco del violoncellista  e compositore Giovanni Sollima) e Stefano Barneschi, spalla de Il Giardino Armonico, ci portano in un viaggio attraverso questa letteratura relativamente piccola, da Vivaldi a Sollima passando per Leclair, Pleyel, Telemann, Haydn, Tessarini, Berio, Bartok. Il programma è incorniciato da una Suite di Duetti scritti apposta per questo progetto e dedicati ai due musicisti dal brillante violoncellista e compositore italiano Giovanni Sollima. Il suo ultimo movimento, Alleluja, è un tributo sia al finale di Exsultate di Mozart che alla chiesa di Sant'Antonio Abate (Milano), dove ha avuto luogo la prima esecuzione del primo pezzo di Mozart e dove è stato registrato questo programma. E’ proprio la raccolta di duetti scritti da Sollima, “Suite Case”, un po’ valigia e un po’ scatola musicale, a dare il nome a questa preziosa registrazione e a questo intrigante “Viaggio in Duetto”.

Martedì 13 ottobre 2020_10_13 - ore 21
Aula Magna del Collegio Ghislieri
BACH/PURCELL

Ghislierimusica
Piazza Collegio Ghislieri, 5
Pavia, PV 27100
Italy

2020_09_19 CAVALLERIA RUSTICANA in Piazza della Chiesa di Dorno (Piazza Galassi)

Sabato 19 settembre 2020 ore 21.00
Piazza della Chiesa di Dorno (Piazza Galassi)

Pietro Mascagni
CAVALLERIA RUSTICANA
opera in un unico atto su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci, tratto dalla novella omonima di Giovanni Verga.
Personaggi ed interpreti
Santuzza, giovane contadina (soprano) ELEANOR MCINTYRE
Turiddu, giovane contadino (tenore) ALBERTO PROFETA
Lucia, madre di Turiddu (contralto) SILVIA ZANARDI
Alfio, carrettiere (baritono) UBERTO FRUSTIN 
Lola, moglie di Alfio (mezzosoprano) SILVIA PEPE
Orchestra Lunghi
Coro Vivaldi
Maestro concertatore e direttore 
Gian Marco Moncalieri

"Cavalleria Rusticana andrà in scena in Piazza della Chiesa a Dorno (Piazza Galassi) con le atmosfere di una sera settembrina ed un'acustica invidiabile.  Oltre al Coro Vivaldi e all'Orchestra Lunghi, avrò il piacere di lavorare con cari amici, oltre che straordinari artisti: Virginia Eleanor McIntyre (Santuzza), Alberto Profeta Tenore (Turiddu), Uberto Frustin (Alfio), Silvia Zanardi (Lucia) e Silvia Pepe (Lola). Abbiamo pensato ad ogni dettaglio, come alla coreografia della Maestra Sara De Gregorio, con la scuola Spazio Danza di Mede, o alle luci progettate dagli amici Pietro Gatti e Federico Morgantini.

Ancora un ringraziamento al Direttivo della Vivaldi che ogni giorno affronta problemi inenarrabili, in un periodo notoriamente già difficile, risolvendoli con grande pazienza e garbo, mettendomi sempre in condizione di lavorare al meglio e, soprattutto, evitandomi la parte a me meno congegnale (eufemismo), quella diplomatica... Piercarlo Invernizzi, Stefano Nicrosini, Cristina Motta, Giuseppe "Foster" Sparvieri e Arianna Ghislieri."  note di Gian Marco Moncalieri

Info e prenotazioni sul sito ufficiale www.coralevivaldi.it e ai numeri 331 270 4719 e 333 686 0308.
L'appuntamento è per il 19 settembre, ore 21.00

2020_09_13 LA RISONANZA per MILANO

 Domenica 13 Settembre 2020 ore 18.00

MUSIC FROM THE QUARANTINE - LIVE
Chapters seven to twelve

Domenica 13 settembre 2020 Ore 18:00
Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame Largo Marinai d'Italia, Milano
MUSIC FROM THE QUARANTINE - LIVE
Chapters seven to twelve

Concerto nell’ambito del Palinsesto Aria di Cultura promosso dal Comune di Milano

Chapter seven
Antonio Vivaldi (1678-1741)
Sonata in re minore per due violini e basso continuo "La follia", op. 1 n. 12, RV 63

Chapters eight & nine
J. S. Bach (1685-1750)
Concerto italiano (Concerto nach italienischem Gusto) in fa maggiore, BWV 971
Senza indicazione di tempo, Andante, Presto

Chapter ten
Jean-Baptiste Barrière (1707-1747)
Sonata op.1 n.5 in Fa maggiore per violoncello e basso continuo
Adagio, Allegro, Adagio, Allegro

Chapter eleven
Georg Philipp Telemann (1681-1767)
Partita n. 4 in sol minore TWV 41:G2 per oboe e basso continuo
Grave, Allegro, Allegro, Tempo di Minuetto, Allegro, Tempo giusto, Allegro assai

Chapter twelve
Antonio Vivaldi (1678-1741)
Concerto nº 10 in si minore RV 580 per quattro violini, violoncello ed orchestra
Allegro, Grave, Allegro

Addenda
Antonio Vivaldi
Concerto nº 1 in re maggiore RV 549 per quattro violini, violoncello ed orchestra
Allegro, Largo, Allegro

LA RISONANZA
Andrea Mion oboe
Fabio Ravasi, Claudia Combs, Ulrike Slowik, Victoria Melik violino
Livia Baldi, Gianni De Rosa viola
Caterina Dell’Agnello, Agnieszka Oszanca violoncello
Davide Nava contrabbasso
Fabio Bonizzoni clavicembalo e direzione

Con MUSIC FROM THE QUARANTINE - LIVE Chapters seven to twelve vi presentiamo la seconda puntata del nostro intermezzo estivo. 
Seguendo il percorso dei nostri concerti virtuali Music from the Quarantine, questa volta mettiamo in scena le opere per organico più grande e variegato che avete già potuto sentire nei concerti virtuali durante il lockdown... 

MISURE ANTI COVID: 
Prenotazione obbligatoria a
Mail: larisonanza.palazzina@gmail.com 
telefono: +393737004456 
Specificare eventuali congiunti (fino ad esaurimento disponibilità)

Modalità di pagamento preferenziale con carte.
 
BIGLIETTERIA
10€ - Biglietto intero
5€ - Over65 e accompagnatori della convenzione UNIMI 
1€ - Under18, studenti iscritti agli istituti convenzionati, iniziativa IN BICI e dipendenti del Comune di Milano 

2020_09_15 JAZZNOSTOP un’iniziativa del Comune di Fiesso D'artico, VE

 

SCRIGNO D’ORIENTE
Jazz East to West

Rassegna musicologica e percorso d’ascolto 
con quattro grandi musicologi

JAZZNOSTOP 2020
17^ edizione

Fiesso d’Artico VE, settembre - ottobre  2020

Palazzo Municipale, ore 20.45


Martedì 15 settembre 2020_09_15  - ore 20.45

QUANDO C’ERA L’EST
Il jazz oltre cortina, da Berlino alla Siberia

Relatore: Stefano Zenni

Martedì 22 settembre 2020_09_22 - ore 20.45

SEDUZIONI D’ORIENTE
Il jazz scopre l'India

Relatore: Luca Bragalini

Martedì 29 settembre 2020_09_29 - ore 20.45

“THE WORLD IS GOING ORIENTAL”
Duke Ellington in giro intorno al mondo
Relatore: Marcello Piras

 

Martedì 6 ottobre 2020_10_06 - ore 20.45

NIGHT IN TUNISIA
Il jazz e le musiche del mondo dell'Islam

Relatore:
Francesco Martinelli
 

JAZZNOSTOP è un’iniziativa culturale e musicale organizzata dal Comune di Fiesso d’Artico/Assessorato alla Cultura e ideata dalla Biblioteca Comunale Primo Maggio, realizzata con il sostegno di Fondazione Riviera Miranese nell’ambito del progetto territoriale JJU, in collaborazione con Veneto Jazz e il supporto tecnico di Hotel Villa Giulietta.


Ingresso gratuito
Iscrizione obbligatoria entro il 10 settembre 2020
Info: t. 041.5160865 – t. 041.5137135
biblioteca@comune.fiessodartico.ve.it

2020_09_12 PAVIA PASSEGGIATE ORGANISTICHE CONCERTI E VISITE GUIDATE

PAVIA PASSEGGIATE ORGANISTICHE
CONCERTI E VISITE GUIDATE
Dal 12 settembre 2020 tornano le Passeggiate Organistiche, realizzate in collaborazione con l'Associazione Musicale Lingiardi e con il patrocinio del FAI – Delegazione di Pavia.

Sabato 12 Settembre 2020_09_12 

– ore 15
Chiesa del SS. Salvatore, PV
concerto con STEFANO MOLARDI

Organo Ernesto Lingiardi, 1910
A seguire visita guidata:
Da fondazione longobarda a complesso rinascimentale


Sabato 26 Settembre 2020_09_26 
– ore 15
Chiesa dei SS. Rocco e Martino, Redavalle
concerto con MARIA CECILIA FARINA

Organo Ernesto Lingiardi, Opus 1
A seguire visita guidata:
Le pietre e la memoria: l’evoluzione di un progetto architettonico
 
Sabato 10 Ottobre 2020_10_10 
– ore 15
Chiesa dei SS. Gervasio e Protasio, PV
concerto con CARLO MARIA BARILE

Organo Antonio Amati, 1822
A seguire visita guidata:
Tra sacro e profano
 
Sabato 24 Ottobre 2020_10_24 
– ore 15
Chiesa di San Michele Arcangelo, Bascapè
concerto con ANDREA MACINANTI

Organo Prestinari, 1828
A seguire visita guidata:
Nel segno del barocco 


Quattro importanti organisti italiani, chiamati a far risuonare altrettanti strumenti storici collocati in alcune delle più belle chiese del territorio pavese, presenteranno al pubblico programmi appositamente ideati per mettere in evidenza le particolari caratteristiche tecniche e costruttive degli strumenti. Un quinto appuntamento speciale si terrà nella Chiesa di San Primo a Pavia, luogo dove è custodito il prezioso organo Lingiardi op. 110 del 1855, uno strumento attualmente non utilizzabile poichè necessita di restauri e che non potrà quindi essere utilizzato per il concerto. La parte musicale sarà quindi affidata alle voci dell’ensemble del Laboratorio di Polifonia Sacra del Conservatorio “G. Verdi” di Milano diretto da Giulio Prandi, con la speranza che l'organo possa tornare presto a suonare.
Ogni concerto sarà preceduto da una breve presentazione dell'organo su cui sarà eseguito il concerto.
Ad ogni concerto sarà associata una visita guidata a cura di Martina Pastura per svelare al pubblico storie e opere d’arte custodite nelle architetture sacre che ospitano gli organi.
Quest’anno, per garantire il rispetto delle norme di sicurezza, gli eventi sono ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria del posto. è inoltre obbligatorio l'uso della mascherina.
INFO E PRENOTAZIONI visita il sito ghislieri.it o contattaci allo +39 0382 3786266

2020_09_12 Festival Organistico Internazionale Armonie Sacre a Borzonasca

Sabato 12 settembre 2020_09_12 ore 21.15
Santuario del SS. Crocifisso di Borzonasca
XXII Festival Organistico Internazionale 
“Armonie Sacre percorrendo le Terre di Liguria”
Giovani Cantori dell'Accademia Vocale di Genova
diretti da Roberta Paraninfo
organista Gabriele Giacomelli




L’appuntamento di chiusura del XXII Festival Organistico Internazionale “Armonie Sacre percorrendo le Terre di Liguria” si terrà sabato 12 settembre presso il Santuario del SS. Crocifisso di Borzonasca. La rassegna aderisce per il terzo anno consecutivo al F.O.N.O. – Festival Organistico del Nord Ovest, manifestazione che affianca ai tradizionali concerti in Liguria diversi appuntamenti in Piemonte e Valle d’Aosta. 
Saranno protagonisti dell’evento i Giovani Cantori dell'Accademia Vocale di Genova, diretti da Roberta Paraninfo, e l’organista Gabriele Giacomelli. Si rinnova quindi l’opportunità di ascoltare lo storico organo “Fratelli Serassi” (1821) in un ampio repertorio concepito appositamente per esaltarne le caratteristiche foniche. Il concerto si avvale del sostegno economico della Fondazione Compagnia di San Paolo, Regione Liguria, Comune di Borzonasca e Comitato Promozione e Sviluppo di Borzonasca.

2020_09_07 Maggio Musicale Fiorentino Händel RINALDO il controtenore RAFFAELE PE sarà il protagonista

Da Lunedì 07 Settembre 2020 a Domenica 13 Settembre 2020
Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
Georg Friedrich Händel
RINALDO  (HWV 7) 
opera in tre atti su libretto di Giacomo Rossi
RECITE IL 
Lunedì 07 settembre 2020_09_07 ore 20:00
Mercoledì 09 settembre 2020_09_09 ore 20:00
Giovedì 10 settembre 2020 _09_10 ore 20:00
Domenica 13 settembre 2020_09_13 ore 15:30

Personaggi
Rinaldo, eroe (controtenore)  RAFFAELE PE
Goffredo, generale dell'esercito cristiano (tenore) LEONARDO CORTELLAZZI
Almirena, sua figlia, promessa sposa di Rinaldo (soprano) FRANCESCA ASPROMONTE
Armida, maga regina di Damasco (soprano) CARMELA REMIGIO
Argante, re di Gerusalemme, innamorato di Armida (basso) ANDREA PATUCELLI
Eustazio, fratello di Goffredo (contralto) 
Mago cristiano (contralto) WILLIAM CORRÒ
Un araldo (tenore) SHUXIN LI
Due donne/ due sirene (soprani) MARILENA RUTA E VALENTINA CORÒ
Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino
Direttore
Federico Maria Sardelli

Regia, scene e costumi
Pier Luigi Pizzi

Assistente regista e Lighting designer
Massimo Gasparon 


Vedi sito ufficiale per prenotazione biglietti


Era il 30 settembre 2007 quando finalmente la lirica tornò in una grande serata di gala sul palcoscenico del teatro Cagnoni di Vigevano; la serata fu organizzata da Mario Mainino che ha creato l'associazione “Concertodautunno” per l’organizzazione e la promozione di eventi culturali non solo in città. 

Fondazione di Piacenza e Vigevano

Teatro Cagnoni - Vigevano

Domenica 30 settembre 2007 ore 21.00

I° GALA DELLA LIRICA

Grande Maria

Omaggio a Maria Callas

In quella serata salirono sul palcoscenico del nostro teatro cittadino due grandi personaggi il soprano Maria Malatesta Calabrò, voce straordinaria di Soprano leggero che ha conservato la sua bellezza incorrotta col passare degli anni, e Luisa Mandelli, purtroppo  ormai scomparsa, che fu un personaggio legato a Maria Callas cui era dedicata la serata, in quanto le fu al fianco come interprete nella memorabile Traviata diretta da Luchino Visconti al Teatro della Scala e successivamente Luisa Mandelli non abbandonò mai quel teatro diventando un personaggio mitico dei Loggionisti e una voce sempre critica ed attenta su tutte le rappresentazioni che seguiva.
Ma in quella serata ascoltammo anche le voci di Olha Zhuravel e Margherita Tomasi, soprani e di un giovane allievo della Accademia della Scala il tenore Leonardo Cortellazzi,.
Tante sono state le voci di giovani che “Concertodautunno” ha coinvolto e fatto debuttare nei suoi spettacoli organizzati a Vigevano e altrove e che ora calcano i palcoscenici più importanti del mondo.
Leonardo Cortellazzi è uno di questi,  dopo le molte rappresentazioni alla Scala di Milano alla Fenice di Venezia e in moltissimi altri teatri questa sera sarà lui a sostenere il ruolo di Goffredo nel “Rinaldo” opera di Georg Friedrich Haendel che inaugurerà il Maggio Musicale Fiorentino, un progetto che era stato sospeso purtroppo per l'emergenza Covid e che questa serata finalmente riprende vita come spettacolo inaugurale della nuova stagione 2020-2021

2020_09_11 FESTIVAL DEL CARMINE a Pavia con il Coro GIUSEPPE VERDI

Venerdì 11 settembre 2020 ore 21.00
Chiesa del Carmine, Piazza del Carmine, 27100 Pavia PV
In occasione della festa della Madonna del Carmine
FESTIVAL DEL CARMINE 
Edizione 2020
Coro
GIUSEPPE VERDI
di Pavia
Il Maestro Luca Pavanati è il nuovo direttore del coro Giuseppe Verdi 
Concerto in piazza con inizio alle ore 21.00
Prenotare il posto mandando un SMS o messaggio Whatsapp con nome e cognome dei partecipanti al n. 339 855 5228
info corogiuseppeverdipavia@gmail.com 
https://www.facebook.com/corogiuseppeverdipavia
https://www.corogiuseppeverdipavia.it/




Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)