2015_12_07 Teatro alla Scala informa sulla apertura della Stagione 2015-2016


Lunedì 7 dicembre 2015 ore 18.00

Teatro alla SCALA di Milano
Giuseppe Verdi
GIOVANNA D'ARCO
Inaugurazione Stagione d’Opera e Balletto 
2015 ~ 2016
4*, 7, 10, 13, 15, 18, 21, 23 dicembre 2015 e 2 gennaio 2016 
Dramma lirico in un prologo e tre atti 
Libretto di Temistocle Solera tratto da Die Jungfrau von Orléans di Friedrich Schiller
(Edizione critica della partitura edita da Chicago University Press; Casa Ricordi, Milano; a cura di Alberto Rizzuti)
Prima rappresentazione: Milano, Teatro alla Scala, 15 febbraio 1845
Nuova produzione Teatro alla Scala
* Anteprima riservata ai giovani
opera in un prologo e tre atti

su libretto di Temistocle Solera, tratto parzialmente dal dramma di Friedrich Schiller La Pulzella d'Orléans, rappresentato per la prima volta il 15 febbraio 1845 proprio al Teatro alla Scala.
Personaggi e interpreti:
Carlo VII, re di Francia (tenore)Francesco Meli
Giovanna, figlia di Giacomo (soprano) 
Anna Netrebko (7, 10, 13, 15, 18, 21, 23 dic.); 
Erika Grimaldi (2 gen.)
Giacomo, Pastore in Dom-Remi (baritono) Carlos Álvarez
Talbot, supremo comandante degli inglesi (basso) Dmitry Beloselskiy
Delil, Michele Mauro
Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Direttore Riccardo Chailly
Regia Moshe Leiser e Patrice Caurier
Scene Christian Fenouillat; Costumi Agostino Cavalca; Luci Christophe Forey; Video Etienne Guiol; Movimenti coreografici Leah Hausman
Durata spettacolo: 2 ore e 20 minuti incluso intervallo

Venerdì 4 dicembre 2015 ~ ore 18
Anteprima riservata ai giovani
LaScala UNDER 30

Lunedì 7 dicembre 2015 ~ ore 18
Inaugurazione della Stagione d’Opera e Balletto 2015 ~ 2016
Prezzi 7 dicembre 2015
Platea - 2.000 euro
Palco - da 2.000 a 500 euro
Galleria - da 350 a 50 euro

giovedì 10 dicembre 2015 ore 20 ~ turno E
domenica 13 dicembre 2015 ore 15 ~ turno C
martedì 15 dicembre 2015 ore 20 ~ turno A
venerdì 18 dicembre 2015 ore 20 ~ turno B
lunedì 21 dicembre 2015 ore 20 ~ turno D
mercoledì 23 dicembre 2015 ore 20 ~ fuori abbonamento
sabato 2 gennaio 2016 ore 20 ~ fuori abbonamento
Prezzi: da 250 a 15 euro
Infotel: 02 72 00 37 44 www.teatroallascala.org
Il 7 dicembre 2015 è alle porte e Milano si prepara a festeggiare insieme al Teatro alla Scala.
A inaugurare la Stagione 2015/2016 sarà  Giovanna d’Arco. Venuta alla luce alla Scala circa 170 anni fa, torna ora nella sala del Piermarini in una nuova produzione, con la regia di Moshe Leiser e Patrice Caurier. Dirige Riccardo Chailly, al suo primo 7 dicembre nelle vesti di Direttore Principale.

La Prima verrà trasmessa in diretta televisiva da Rai5, dal canale Arte (Francia, paesi europei di lingua francese e paesi oltreoceano di lingua francese), ZDF (Germania, Austria, Svizzera di lingua tedesca), Česká Televize (Repubblica Ceca) e da VGTRK (Russia), e in differita su NHK (Giappone). Verrà trasmessa in diretta radiofonica da Rai Radio3 e da numerose radio in Europa e nel mondo.

Verrà inoltre proiettata in diretta a Milano nell’Ottagono di Galleria Vittorio Emanuele, gratuitamente in numerosi teatri e auditorium di quartiere a Milano e fuori Milano, nelle case circondariali di San Vittore e Bollate e in numerose sale cinematografiche in Italia (01 Distribution), in Francia (Côté Diffusion), in Spagna (Castelao Pictures) e Germania (20th Century Fox), e in differita nella Repubblica di Corea (SD Korea), in Giappone (Sony Livespire), in U.S.A. (Abramorama) e Australia (Palace Entertainment).


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Eccomi reduce dalla visione delle generale di GIOVANNA D'ARCO (grazie ad un'altra Giovanna che gentilmente mi ha procurato l'ingresso!). Che dire, la Pulzella è diventata la "Posseduta di Orleans" in questo nuovo lussureggiante - scenicamente - allestimento scaligero, credo che questo segni il trionfo della grafica e delle videoproiezioni e il definitivo tracollo della REGIA. Decidiamoci a prendere atto che le varie epoche giungono al tramonto: finita quela degli AUTORI (addio verdi o Rossini, quali dei contemporanei passerà ai posteri), finita l'era dei DIRETTORI (Toscanini, Karajan, Abbado, Muti quanti di oggi emergeranno in modo assoluto tanto da ... passare ai posteri), finita l'era dei CANTANTI (Callas, Di Stefano, Tebaldi, Del Monaco ma Domingo, Cappuccilli, Freni o Ricciarelli, oggi c'è una marea di professionisti ma quale genio brilla?), finita l'epoca dei REGISTI (dove sono gli Strehler, Ronconi o i Visconti) chi rimane? 
Gli scenografi, gli scenotecnici, loro si che sono i veri geni delle rappresentazioni contemporanee come in questo caso. 
Poi non ditemi che c'è qualcosa di nuovo in una povera pazza ricoverata con continue visioni, ma scusate non era tale ambientazione anche per la Giselle di Mats Eks (1997 Giselle in manicomio e il principe resta nudo) oppure per l'Amleto di Alessandro Preziosi, con il principino sull'orlo di una crisi di nervi nel suo lettino dove forse si è sognato tutto? 
Quindi persa ogni speranza di una visione drammaturgica delle messe in scena, che diano un senso al testo ed alla musica, accontentiamoci delle visioni sciorinate. 
Ogni nuovo allestimento è un capolavoro alla Hieronymus Bosch dove c'è di tutto e ognuno ci veda quello che vuole. 
Peccato che ormai anche cantanti e musicisti abbiano rinunciato a trovare un senso nel loro lavoro.
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Dopo il grande successo dell’anno scorso, replicato a fine ottobre con il Gala des Étoiles, torna la diretta streaming dal backstage sul nostro canale YouTube e sul nostro sito web: un’occasione unica per sbirciare dietro le quinte e scoprire tutti i segreti del Teatro. Seguila il 7 dicembre a partire dalle ore 17.30. Inoltre, come da cinque anni a questa parte, realizzeremo la diretta Twitter #PrimaScala sul nostro canale @teatroallascala, con immagini e video dello spettacolo e degli artisti.

Grande attesa anche per la nuova Stagione di Balletto 2015/2016, che verrà inaugurata il 19 dicembre 2015_12_19 con una nuova produzione di Cinderella: la straordinaria musica di Prokof’ev e l’universo fantastico della fiaba hanno stimolato l’estetica e la musicalità di Mauro Bigonzetti e la sua personale visione stilistica, per una creazione cucita addosso ai ballerini scaligeri. In scena la nostra étoile Roberto Bolle e Polina Semionova.
Anche in questa occasione saremo nel backstage, mostrando in diretta i ballerini che si riscaldano prima di entrare in scena e il lavoro dei tecnici.
Come di consueto, la Scala riserva agli UNDER30 le Anteprime dei due spettacoli di apertura di Stagione: Giovanna d’Arco il 4 dicembre e Cinderella il 17 dicembre.
E come ogni anno torna il tradizionale Concerto di Natale: il 22 dicembre 2015_12_22 Franz Welser-Möst dirigerà Coro e Orchestra del Teatro alla Scala per un programma che rende omaggio a Ludwig van Beethoven.
Ma la fine del 2015 riserva ancora una novità.
La Scala festeggia, infatti, il Nuovo Anno nella suggestiva cornice del Piermarini con il balletto Cinderella e il Cenone servito nel Foyer del Teatro Arturo Toscanini. Affrettati a prenotare il tuo posto!

2015_12_07 Agorà di Robecco si affianca ai punti proiezione di Milano per diffondere in diretta la prima della SCALA

Lunedì 7 dicembre 2015 ore 18.00
Live in diretta dal Teatro alla SCALA di Milano
Giuseppe Verdi
GIOVANNA D'ARCO

opera in un prologo e tre atti
su libretto di Temistocle Solera, tratto parzialmente dal dramma di Friedrich Schiller La Pulzella d'Orléans, rappresentato per la prima volta il 15 febbraio 1845 proprio al Teatro alla Scala.
Personaggi e interpreti:
Carlo VII, re di Francia (tenore) Francesco Meli
Giovanna, figlia di Giacomo (soprano) 
Anna Netrebko (7, 10, 13, 15, 18, 21, 23 dic.); 
Erika Grimaldi (2 gen.)
Giacomo, Pastore in Dom-Remi (baritono) Carlos Álvarez
Talbot, supremo comandante degli inglesi (basso) Dmitry Beloselskiy
Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Direttore Riccardo Chailly; Regia Moshe Leiser e Patrice Caurier
Scene Christian Fenouillat; Costumi Agostino Cavalca; Luci Christophe Forey; Video Etienne Guiol; Movimenti coreografici Leah Hausman
Durata spettacolo: 2 ore e 20 minuti incluso intervallo

Il GRUPPO ROBECCO ASCOLTO LIRICA informa
che al CINETEATROAGORÀ di ROBECCO sul NAVIGLIO
Sono aperte le prevendite per apertura STAGIONE 2015-16 in diretta dal
TEATRO ALLA SCALA
Prevendite c/o cassa cinema
Lunedì 30 novembre ore 21,15
Mercoledì 2 dicembre ore 21,30
Sabato 5 dicembre ore 16,30

Note di presentazione a cura di Mario Mainino
Giovanna d’Arco, conosciuta anche come la Pulzella d'Orléans (così musicata da P.I.Tchaikowskij)  manca dalla Scala dal 23 settembre 1865, ovvero da ben 150 anni, non da altri teatri italiani, nel maggio 2001 al Carlo Felice di Genova andò in scena con Mariella Devia (Giovanna), Roberto Aronica (Carlo) e Franco Vassallo (Giacomo) diretta da Nello Santi con la regia di Werner Herzog che già l'aveva messa in scena nel 1989 come inaugurazione del Comunale di Bologna. I protagonisti in queste edizione scaligera, Anna Netrebko e Francesco Meli, l'hanno cantata con grande successo nel 2013 a Salisburgo.

Prologo Introduzione (sinfonia)
Piazza di Dom-Remi, nel 1429, Coro Qual v'ha speme? (Borghigiani, Ufficiali, Uomini, Donne) Carlo VII annuncia che intende lasciare il trono al re d'Inghilterra, Il re! - Nel suo bel volto (Delil, Borghigiani, Ufficiali, Carlo) e smettere di combattere, dal momento che nel sogno gli è apparsa la Vergine che gli ha ordinato di deporre le armi e l'elmo nel bosco Cavatina Sotto una quercia parvemi ... (Carlo, Coro).
Non appena il Re spiega questo sogno, viene informato dell'esistenza di una cappellina dedicata appunto alla vergine e sita nel bosco Racconto Allor che i flebili (Borghigiani, Carlo). Decide così di andarvi e di deporre le armi Cabaletta Pondo è letal, martiro ... Mandami un raggio amico, Vieni non son più re. (Carlo, Coro).
Giacomo il padre di Giovanna "Gelo, terror m'invade!", nella foresta veglia accanto ad un quercia che crede sede del demonio "Qui sedotta... qui vinta... al gran nemico L'alma concesse! - Orribile pensiero!... Cielo, m'assisti a discoprire il vero!"
Giovanna è sconfortata per la sua impotenza a combattere per la Francia che sta per essere sottoposta agli inglesi " Oh, ben s'addice questo  .. Cavatina Sempre all'alba ed alla sera Quivi innalzo a te preghiera ...", stanca si addormenta ai piedi della quercia. Scena Paventi, Carlo, tu forse? (Carlo depone le armi ai piedi della quercia).

Durante il sonno Giovanna viene avvolta da una schiera di spiriti malvagi, i quali la tentano a lasciarsi vincere dalle gioie della gioventù Tu sei bella Pazzerella, Che fai tu?. Subito dopo però, accompagnato dal ritorno in cielo della luna, a Giovanna vengono in visita una schiera di spiriti Eletti, i quali le annunciano che il suo più grande desiderio si sta per avverare: Sorgi! I Celesti accolsero La generosa brama!... Francia per te fia libera,  ma non dovrà accogliere in cuore alcun affetto profano Sii nunzio del Signor...  Guai se terreno affetto Accoglierai nel cor!.  Giovanna si risveglia rivestita di elmo e armi, Chi sei tu ? chiede Carlo vedendola Son guerriera che a gloria d'invita. Anche il Re si infiamma Qual prodigio! - Ed io pure nel lampo De' tuoi detti, o fanciulla, divampo. Giacomo vede la scena e pensa che il Re con l'aiuto del demonio sia riuscito a conquistare Giovanna che segue Carlo, che comincia ad innamorarsi di lei. Stretta del Finale Or sia patria il mio solo pensiero... (Giovanna, Carlo, Giacomo)
Atto I Scena I Luogo rupestre presso Reims
I soldati inglesi piangono la sconfitta giunta dopo tante vittorie Coro Ai lari!... Alla patria! (Coro di Soldati, Talbot) ed assieme al loro comandante Talbot discutono la via di fuga. Improvvisamente, appare Giacomo, il quale promette ai nemici di suggerire la causa delle loro sconfitte. Scena e Aria di Giacomo Questa rea che vi percuote (Giacomo, Talbot, Coro)  .. Aria Franco son io, ma in core  ... E memoria d'una figlia Che tradiva il genitor.  Tempo di mezzo Vien!... di guerra in forte luogo  .. Cabaletta So che per via di triboli

Atto I Scena II Nel giardino della reggia di Reims.
Giovanna sola cerca un po di respiro uscendo dalla "festante reggia" nel giardino, ma la musica le ricorda alla mente il coro degli spiriti maligni Romanza di Giovanna Scena Qui! perchè rimango ancor qui!... la sua missione sempre fermata e decide di tornare alla propria casa O fatidica foresta, O mio padre, o mia capanna, Nella semplice sua vesta Tornerà tra voi Giovanna;  dove più s'apre... O fatidica foresta
Carlo la raggiunge, le confessa il suo amore, «puro e spirituale», Sol lo spirto mi concedi, E all'incendio basterà.
Giovanna inizialmente rifiuta, ma poco dopo ammette di ricambiare l'amore di Carlo T'amo!... Sì, t'amo!....
Subito Giovanna è investita da una sorta di delirio: gli spiriti celesti le ricordano la rinuncia ad ogni amore profano che lei stessa aveva offerto a prezzo di vestire l'armatura e vede il padre che la maledice. Carlo le chiede di seguirlo Vieni al tempio, e ti consola Fra il clamor de' gridi lieti; Coronar mi dêi tu sola Al cospetto del Signor.
Carlo prega per Giovanna, È puro l'aere - limpido il cielo Siccome il velo - di nostra fe' su queste parole si snoda una delle belle melodie create da Verdi. Giovanna viene inondata da una schiera di spiriti malvagi che esultano per la vittoria contro l'anima della donna guerriera. Le vie traboccano (Ufficiali, Delil, Giovanna, Carlo) Coro finale Vittoria, vittoria!... plaudiamo a Satàna (Spiriti malvagi)

Atto II Piazza di Reims, a sinistra la cattedrale di S. Dionigi
La folla inneggia alla vergine guerriera. Arriva intanto la processione composta da Ufficiali del Re, Grandi del regno, Araldi, paggi, fanciulle, Marescialli, Deputati, Cavalieri e Dame, Magistrati, Alabardieri e Guardie d'onore alla fine della quale vi sono Carlo e Giovanna i quali entrano nella chiesa. Marcia trionfale Dal cielo a noi chi viene (Coro)
Nelle vicinanze c'è Giacomo che ricorda il suo dramma di padre tradito Ecco il luogo e il momento! (Giacomo). Carlo ormai incoronato re esce dalla chiesa e annuncia che questa verrà dedicata a Giovanna. Improvvisamente avanza Giacomo, Speme al vecchio era una figlia...  e accusa Giovanna di rapporti con il demonio Comparire il ciel m'ha stretto Qui del popolo al cospetto; Cor di padre e bianca testa Daran fede a' detti miei.. Giovanna, sapendo che era venuta meno alla rinuncia dell'amore terreno, non sa come discolparsi: Giacomo: Di' per l'alma di tua madre Non sacrilega sei tu?... (Tuono e lampi. Terrore generale)Ecco! Il ciel per te lo attesta. Coro: Sì!... la colpa è manifesta. L'empia tace... non lo nega... Via la strega! via la strega! Maledetta da tutti (tranne che dal Re) la fanciulla si getta nelle braccia del padre il quale la purificherà con il rogo: Bene venga la mia croce, Io l'attendo con amor.. Terzetto Comparire il ciel m'ha stretto .. Finale No! forme d'angelo Ti discolpa!

Atto III Cella della prigione
Giovanna è imprigionata in una rocca inglese, Oh qual mi scuote Rumor di guerra? - di catene cinta Nell'abborrito io sto campo nemico! - E che mi attende?... Un rogo! dalla sua cella ode i suoni della battaglia che è ancora in corso e immagina il re circondato dalle truppe nemiche. I Franchi! I Franchi! (Coro, Giovanna, Giacomo). Entra Giacomo, il quale ascolta Giovanna che rivolge una preghiera a Dio Amai, ma un solo istante: l'azione si snoda in un bellissimo duetto Ella innocente e pura! Ella plorante a Dio!...
Giovanna chiede che le sue catene siano spezzate Tempo di mezzo Tu che all'eletto Sàulo (Giovanna, Giacomo). Giacomo, compresa la purezza della figlia, Sei libera!...(Accorrendo a lei e sciogliendola) Perdona a un padre in pianto ...  le infrange le catene e la invia a combattere contro gli inglesi. Cabaletta
GIOVANNA:
Or dal padre benedetta, Appurata dai dolori,
Sono ancor d'Iddio l'eletta,Torno ai bellici sentier'.
Niuno, ah! niun degli invasoriRivedrà la sua contrada!... La tua spada!... la tua spada! Ch'io rivoli a' miei guerrier'.
GIACOMO:
Va! l'ardire omai ripiglia, Ti ricingi di tua gloria;
Alla patria che periglia Va, ritorna il suo guerrier!
Sovra l'ale di vittoria Riconduci il tuo stendardo...
Deh non fia che invano e tardo A' miei sguardi ardesse il ver! 
Giovanna esce precipitosamente dalla rocca e si inoltra nella battaglia. Arrampicato sulla vetta della torre Giacomo osserva la figlia che combatte a fianco del re e scaccia gli inglesi. I francesi hanno vinto ed il re entra festante nella rocca perdonando il vecchio pentito: Di novel prodigio Il ciel ne arrise - La seconda volta Salvo per lei son io, per lei che a cieco Di popolo furore Abbandonai!... (Carlo, Giacomo, Delil).
Delil, però, annuncia che Giovanna durante la battaglia è morta, Carlo profondamente costernato, vaneggia e vuol morire: Chi più fedel amico Me col pugnal ferisce?... Supplice a voi lo dico... Il trono a chi l'ardisce!. Si vede avanzare lentamente la salma di Giovanna ormai defunta trasportata da un corteo Marcia funebre Un suon funereo d'intorno spandesi (Coro, Carlo, Giacomo).
D'improvviso, quasi miracolosamente, (Giovanna levasi dritta, e si muove come investita da forza soprannaturale) si alza riconosce il re e il padre Che mai fu? dove son?  e chiede la sua bandiera. Afferratala, vede aprirsi il cielo e discendere la Vergine Maria, essa trasfigura Finale S'apre il cielo... Discende la Pia (Giovanna, Carlo, Giacomo, Coro, Spiriti malvagi, Spiriti eletti).
Giovanna cade; una siderea luce spandesi improvvisamente pel cielo. I soldati abbassano gli stendardi, tutti si prostrano innanzi al glorioso cadavere. e Giovanna, compianta da tutti viene accolta dagli spiriti eletti
È il Signore, il Signor che ti appella.

Giovanna d' Arco torna in città

Il Comune di Milano ha realizzato in occasione dell' inaugurazione della Stagione d' Opera del Teatro alla Scala  un collegamento per il prossimo 7 dicembre 2015 alle ore 18:00 e il Teatro Dal Verme sarà tra le sedi che saranno in collegamento diretto con il Teatro alla Scala per la proiezione dell' opera Giovanna d'Arco di Giuseppe Verdi. 
Giovanna d' Arco torna in città è un progetto di Comune di Milano e Edison per far vivere la Prima della Scala in tutta la città, il 7 dicembre e non solo. Giunta alla sua quinta edizione, la "Prima diffusa" raccoglie in un unico palinsesto tantissimi appuntamenti tra cui concerti, mostre, conferenze, incontri e proiezioni legati all'opera di apertura della stagione scaligera. 
Dal 26 novembre al 13 dicembre 2015 oltre cinquanta eventi gratuiti in tutta la città.

L'intero programma è disponibile sul sito del Comune di Milano e di Edison.
Fra le attività vi segnaliamo:
I tanti incontri in programma con tanti artisti ed esperti fra cui Patti Smith, Carla Fracci, Monica Guerritore, Riccardo Chailly, Filippo Del Corno e le lezioni spettacolo del professor Fabio Sartorelli dell' Accademia Teatro alla Scala e molto altro ancora.

Le ventuno proiezioni in tutta la città per vivere l'emozioni della Giovanna d' Arco di Giuseppe Verdi, diretta da Riccardo Chailly in diretta dal Teatro alla Scala.
Allo Spazio Oberdan e alla Cineteca Italiana la rassegna di film "Il mio nome è Giovanna, Giovanna d' Arco" che presenterà le molteplici versioni del racconto dell' eroina francese realizzate dai più grandi registi della storia del cinema.
Il concerto di OUM, la "Stella d'Oriente" che si è valsa questo soprannome in virtù del suo crossover di suoni e culture.
E ancora mostre, laboratori e spettacoli. Tutte le proposte di #scalaDiffusa sono ad ingresso libero e gratuito. Potete seguire tutto "Giovanna d' Arco in città" seguendo il seguente link Facebook

2015_12_19 STEFANO MHANNA IN CONCERTO

Basilica Don Bosco, Viale dei Salesiani, 9, Roma
Sabato 19 dicembre 2015, ore 19.00
STEFANO MHANNA IN CONCERTO
In programma musiche di violino solo e organo solo di Bach, Paganini e Franck
Stefano Mhanna (violinista, violista, pianista, organista, compositore e direttore d’orchestra)
[ .. estratto dal suo curriculum ]
Ha tenuto e tiene concerti in prestigiose Basiliche di Roma, Bologna, Milano, Governatorato della Città del Vaticano e dal 2010 ricopre l’incarico di Organista ufficiale presso la Basilica del Sacro Cuore di Gesù a Castro Pretorio in Roma, ove tiene regolarmente concerti.
Dispone di un repertorio a dir poco comprensivo di una pregiata biblioteca musicale: composizioni per violino solo, per violino e orchestra, organo, viola, pianoforte ecc., ma parlare di repertorio sarebbe per lui superfluo viste le sue capacità e la velocità con cui ha approccio a qualsiasi tipo di partitura.
Richiesto nelle più importanti sedi, si esibisce anche in qualità di pianista, in varie città come Roma e Milano e il suo repertorio spazia da Mozart a Ravel.
Rinomato negli ambienti anche come prestigioso organista e riconosciuto ed apprezzato a livello mondiale, ha la rara capacità di trasmettere agli ascoltatori quel piacere profondo che lui stesso prova durante le sue esecuzioni suscitando grandi emozioni in tutti gli spettatori.
Importanti nella sua formazione organistica Domenico Morgante e Jiri Lecian. Dispone di un repertorio che comprende circa 40 concerti con l’orchestra, oltre 50 Sonate e pezzi con pianoforte e numerose composizioni per violino solo, ma parlare di repertorio sarebbe per lui superfluo viste le sue capacità e la velocità con cui ha approccio a qualsiasi tipo di partitura.
Noto negli ambienti anche come prestigioso organista e riconosciuto ed apprezzato al livello mondiale da numerosi ed insigni maestri e concertisti d’organo, esegue spesso i suoi concerti rigorosamente a memoria e con una maestria interpretativa e tecnica di alto livello, il più delle volte su organi di particolare prestigio, come Olgiati, Callido, Rieger, Tamburini, Mascioni, Zanin e vari altri.

2015_11_29 Piccoli Pomeriggi Musicali mettono in scena Biancaneve

Domenica 29 novembre 2015 ore 11:00
Teatro Dal Verme Via San Giovanni sul Muro 2 – Milano
I Pomeriggi Musicali
in collaborazione con Sconfinarte e Milano Teatro Scuola Paolo Grassi
e con il sostegno di Fondazione Cariplo
presentano
I PICCOLI POMERIGGI MUSICALI
TI RACCONTO UNA FIABA
Biancaneve
di Jacob Ludwig Karl Grimm e Wilhelm Karl Grimm 
Voce recitante: Marcello Mocchi
Regia: Manuel Renga
Direttore: Daniele Parziani
Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali
Manuel Renga - Daniele Parziani
Domenica 29 novembre, alle consuete ore 11:00, i nostri “piccoli professori” ci racconteranno Biancaneve e come sempre sarà una mattinata di fiaba, in equilibrio tra teatro, musica e fantasia. Per questo appuntamento sarà Marcello Mocchi a narrarci la storia della dolce Biancaneve, nell’adattamento per voce recitante e orchestra curato da Manuel Renga, responsabile per quello che riguarda la parte di drammaturgia e spettacolo dell’intera stagione. Diretti come sempre dal M° Daniele Parziani, direttore stabile dell’orchestra, I Piccoli Pomeriggi si cimenteranno in un repertorio che raccoglie, tra gli altri, musiche dalla saga di Twilight, brani di Mozart (Voi che sapete da Le nozze di Figaro) e di Churchill (Heigh-Ho), scelti appositamente per accompagnare le vicende della principessa Biancaneve. Protagonista al fianco dei nostri piccoli musicisti sarà il pubblico di grandi e piccini che affollerà il teatro, trasformato per l’occasione in un luogo fatto di sogno, gioia e fantasia! (Foto Lorenza Daverio)
BIGLIETTI
. Adulti € 7,00 (+ prevendita)
. Bambini € 5,00 (+ prevendita)
Biglietteria TicketOne – Teatro Dal Verme
Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano
Tel. 02 87.905.201
dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00 - Domenica (nelle date dei concerti) ore 10:00 – 11:00
Biglietteria on-line: www.ticketone.it

2015_12_16 Teatro Menotti presenta il debutto nazionale di uno spettacolo dedicato a Giorgio Gaber e a Georges Brassens

Dal 16 al 23 dicembre 2015 e dal 28 dicembre al 1° gennaio 2016
TEATRO MENOTTI Via Ciro Menotti 11, Milano
Tieffe Teatro Milano
presenta
Andrea Mirò e Alberto Patrucco
in
DEGNI DI NOTA
Tra Gaber e Brassens
prima nazionale
scritto da Alberto Patrucco e Antonio Voceri
con
pianoforte e tastiera Daniele Caldarini
contrabasso e basso elettrico Francesco Gaffuri
batteria e percussioni Beppe Gagliardi
musiche di Georges Brassens e Giorgio Gaber
arrangiamenti e direzione musicale di Daniele Caldarini e Andrea Mirò
costumi Pamela Aicardi
regia Emilio Russo
produzione TieffeTeatro Milano
Durata 90 minuti senza intervallo

Alberto Patrucco e Andrea Mirò, con la complicità di tre musicisti, presentano Degni di nota, la nuova produzione di Tieffe Teatro, diretta da Emilio Russo, in scena al Teatro Menotti dal 16 al 23 dicembre e dal 28 dicembre al 1° gennaio 2016.
Frutto di un appassionante lavoro durato quasi due anni, lo spettacolo di teatro musicale è stato scritto da Alberto Patrucco con la collaborazione di Antonio Voceri.
Gli interpreti hanno ripreso il lavoro che Alberto Patrucco aveva ideato nel 2014 in  segni (e) particolari – Alberto Patrucco e Andrea Miro’ cantano Georges Brassens, disco che riprendeva 13 musiche di George Brassens, tradotte dallo stesso Patrucco, inedite, prima, in italiano.
Agli argomenti trattati dall’autore francese, non potevano che unirsi i temi e le musiche di Giorgio Gaber, due artisti unici, in antitesi, ma allo stesso tempo con sinergie in comune.
Un recital coinvolgente e graffiante privo di retorica e tormentoni, nel quale ironia, musica e riflessione, per una volta, sono padrone di casa insieme alle parole e alle melodie di due artisti senza eguali dotati di rara genialità. Un incontro tra canzone d’autore e comicità, senza che una dimensione prevarichi l’altra, sul filo di emozioni da anni dimenticate, che si colorisce qua e là di suoni e poesia.
Niente celebrazioni brasseniane e gaberiane, bensì l’idea di unire, seppure in epoche storiche diverse, sensibilità tanto affini; punti di vista che coesistono in perfetta armonia, proprio grazie al tessuto connettivo della musica.
Uno spettacolo dolce-amaro che lascia spazio a riflessioni profonde sul senso della vita. 
Con Degni di nota il Teatro Menotti prosegue con il programma per cui per la prima volta in Italia un teatro aderisce in maniera concreta al progetto Banco Alimentare invitando il pubblico ad essere protagonista nella distribuzione alimentare alle famiglie più bisognose. 
Chi porterà esclusivamente nelle serate di mercoledì 16, giovedì 17, venerdì 18 dicembre al Teatro Menotti un prodotto alimentare a lunga conservazione avrà in cambio un biglietto di ingresso a soli 5 €. (80% di sconto) per lo spettacolo. Si ringrazia la Fondazione Gaber. 
tel. 02 36592544 biglietteria@tieffeteatro.it 
Orari di biglietteria
lunedì e mercoledì dalle ore 15.00 alle ore 18.00
martedì, giovedì, venerdì  dalle ore 15.00 alle ore 19.00
sabato dalle ore 15.30 alle ore 19.00
domenica dalle ore 15.00 alle ore 17.00 solo per la vendita della replica pomeridiana 
Acquisti online con carta di credito su www.teatromenotti.org
PREZZI 
intero - € 26.50
ridotto over 65 - € 14.00
ridotto under 25, gruppi, cral, biblioteche - € 16.50
ridotto convenzioni - € 18.00
ridotto gruppi studenti - € 11.50 
SPECIALE SERATA DI CAPODANNO
ore 19.00
intero - € 31.50 + prevendita (totale € 35)
ridotto under 14 - € 22.50 + prevendita (totale € 25)
ore 22.00
per lo spettacolo delle 22.00  è previsto un brindisi con panettone
intero - €  45 + prevendita (totale € 50)
ridotto under 14 - € 31.50 + prevendita (totale €35)
ORARI SPETTACOLI
da mercoledl 16 a sabato 19 dicembre - ore 20.30
martedì 22 dicembre - ore 20.30
mercoledì 23 dicembre - ore 19.30
da lunedì 28 a mercoledì 30 dicembre - ore 20.30
giovedì 31 dicembre - ore 19.00 e 22.00
venerdì 1°gennaio 2016 - ore 16.30

RIPOSO domenica 20 e lunedì 21 dicembre

2015_11_30 Concerto di pianoforte a torino tra Schubert e Schumann

Lunedì 30 Novembre 2015_11_30, ore 17.00
SALA DEI CONCERTI “A.DELLA CORTE”
Corso Francia 186, Torino
RECITAL DI PIANOFORTE
IN VILLA TESORIERA
in programma:
Robert Schumann (1810-1856)
Nachtstücke op. 23
-Mehr Langsam, oft zurückhaltend
-Markiert und lebhaft
-Mit grosser Lebhaftigkeit
-Einfach
Franz Schubert (1797-1828)
Drei Klavierstücke D946
-Allegro assai -Allegretto -Allegro


CARLO LEVI MINZI, pianoforte
in collaborazione con:
Biblioteche Civiche Torinesi, I Fiori della Musica Torino
e Associazione Corti Armoniche Milano

CARLO LEVI MINZI
Allievo di Enrica Cavallo, Vladimir Natanson, Paul Baumgartner e Mieczyslaw Horszowski Carlo Levi Minzi ha tenuto concerti nelle principali città di Europa e America ed effettuato numerose registrazioni radiotelevisive e discografiche.
Il suo repertorio, che si estende da Bach ai giorni nostri, comprende, oltre al ciclo integrale delle Sonate di Mozart, Beethoven, Schubert e Skrjabin, anche più di cinquanta Concerti per pianoforte e orchestra.
E’ Professore Ordinario presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano ed è stato Visiting Professor presso prestigiose istituzioni europee e americane.

2015_11_27 Tra Austria e America latina, concerto a Padova

Venerdì 27 novembre 2015 – ore 21
SALA DEI GIGANTI, PALAZZO LIVIANO, PADOVA
Matteo Mignolli, flauto - Mirko Satto, bandoneon - Maddalena Murari, pianoforte

Programma
Schubert-Liszt  Ständchen
Liebesbotschaft
Aufenthalt
Gretchen am Spinnrade
 Erlkönig
Valse-caprice n. 6
F. Liszt  Rapsodia Spagnola
Maddalena Murari, pianoforte

C. Gardel  El dia que me quieras  Por una cabeza
V. Saparov  Alla Tango
H. Salgan  A Don Augustin Bardi
S. Cosentino  El nuevo tango
A. Piazzolla  Milonga de la anunciacion - Adios nonino
P. Laurenz  Milonga de mis amores
G. Matos Rodriguez La cumparsita

il Consiglio Direttivo Vi INVITA all'annuale Concerto dell'Associazione:
15° Concerto di Musica Classica
"Sul filo di una liricità danzante"
Venerdì 27 Novembre 2015 alle ore 20,45
nella SALA DEI GIGANTI –
Palazzo Liviano – Piazza Capitaniato a Padova,
con Maddalena Murari al pianoforte, Matteo Mignolli al flauto e Mirko Satto al bandoneon.
Eseguiranno musiche di Franz Schubert, Franz Liszt, Astor Piazzolla e altri autori contemporanei.
L’ingresso è gratuito (fino ad esaurimento posti).
Scarica l'INVITO con un clic sul link qui sotto:
Invito Concerto 2015
I fondi ricevuti dagli Associati e dai Sostenitori sono interamente devoluti per gli scopi statutari e quelli definiti ed approvati annualmente dalla Assemblea degli Associati.
Cordiali saluti.
per il Consiglio Direttivo
Guido Rossi presidente Associazione:
"Ed allora sarà sempre festa per te"
Piazzale San Giuseppe, 2
35141 Padova
info@festaperte.org
www.festaperte.org

2016_01_20 Teatro Coccia inserisce un nuovo appuntamento nella stagione in corso

Mercoledì 20 gennaio 2016 ore 21.00
Gino&Michele in
“Passati col Rosso”
Reading concerto di e con GINO&MICHELE 
Appunti sulla regia di PAOLO ROSSI
Messa in scena e allestimento di RICCARDO MALLUS
Musiche dal vivo e canzoni di FOLCO ORSELLI e VINCENZO MESSINA
Immagini tratte dalle opere del pittore MARCO PETRUS

Novità nella programmazione della Stagione 2015/2016 del Teatro Coccia di Novara: mercoledì 20 gennaio 2016 alle 21 arrivano Gino&Michele e il loro reading concerto Passati col Rosso. I pezzi più famosi scritti dal duo che ha attraversato da protagonista la storia comica e satirica dell’Italia degli ultimi 40 anni, per la prima volta sul palco, con “appunti sulla regia” di Paolo Rossi.

C’è sempre una prima volta. Quella di Gino&Michele arriva al quarantesimo compleanno della coppia, la G&M più longeva della storia dello spettacolo, anzi probabilmente la coppia in assoluto da più tempo in attività nel comico. Gino&Michele si conoscono dall’adolescenza e lavorano insieme (ma loro questo si ostinano a chiamarlo incoscientemente non-lavoro) dal 1976, anno in cui hanno debuttato dai microfoni di Radio Popolare con la trasmissione di satira e amenità varie Passati col rosso. È proprio con quel titolo e dallo studio MetroCubo, sgangherato ma pieno di emozioni, che nasce il reading di questi due autori comici e satirici, che hanno attraversato da protagonisti l’Italia tra tv, teatro, libri, giornali, eccetera.
Alternandosi tra citazioni da Cuore, Tango, dai testi che hanno scritto per Paolo Rossi a quelli che hanno reso famosa Smemoranda, Gino&Michele, in questo particolare e divertente excursus, percorrono la storia del nostro Paese. Si alternano le biografie inventate ma credibili (Bossi, Maradona, Berlusconi…), alle  pagine memorabili legate alla vita metropolitana, dalla inventata invasione del gioiello berlusconiano Milano 2 da parte degli operai delle fabbriche di Sesto San Giovanni, alla fenomenologia del Puttanone, la mitica “pilotessa” del Cherokee 4x4 parcheggiato in seconda fila. Ne esce un’Italia metropolitana dai lavori stradali perenni, e sognata, magari all’incontrario, come nei più acclamati spettacoli di Paolo Rossi.
Insomma, muovendosi da “dilettanti di qualità” tra i loro scritti migliori, Gino&Michele ci regalano un reading unico nel suo genere e dall’impatto fortemente comico, dando vita a uno spettacolo davvero attuale: una vera sorpresa. I ritmi e le atmosfere sono dettati dagli stessi Gino&Michele con il contributo attento e in sintonia del cantautore e musicista Folco Orselli, accompagnato in scena dal compositore Vincenzo Messina. Gli umori registici sono regalati da Paolo Rossi, in una divertente scelta di contaminazione all’incontrario, una specie di legge del contrappasso. L’aiuto regista è il promettente Riccardo Mallus. Oltre alle citazioni visive e storiche proposte con video di supporto, il reading si avvale anche delle immagini preziose tratte dai quadri del pittore Marco Petrus.

Biglietti: posto unico 15,00 euro (ridotto 12,00). A breve informazioni sulle date di vendita. 
Gino Vignali e Michele Mozzati (Gino&Michele) sono principalmente scrittori satirici e autori comici. Diversificano la loro attività suddividendola tra editoria, televisione, cinema e teatro. Nati alla fine degli anni Settanta come conduttori e autori satirici a Radio Popolare di Milano, sono approdati alla scrittura pubblicando una quindicina di volumi di narrativa, comicità e satira, tra cui le numerose raccolte di Anche le formiche nel loro piccolo s’incazzano.
In tv hanno firmato, da soli o con altri, molti tra i varietà comici più seguiti. Tra i principali Drive In, Emilio, Su la testa e I vicini di casa (sitcom). In questi ultimi 15 anni sono stati e sono gli ideatori e gli autori con Giancarlo Bozzo di Zelig, in tutti i suoi sviluppi. Hanno inoltre coordinato per alcuni anni la trasmissione tv riguardante il Concertone del primo maggio.
Hanno debuttato in teatro con Gabriele Salvatores, per poi diventare autori soprattutto di Paolo Rossi e Aldo Giovanni e Giacomo. Hanno collaborato alle più prestigiose testate, in particolare per i giornali satirici Tango, diretto da Sergio Staino, e Cuore, diretto da Michele Serra. Hanno collaborato per oltre un decennio a Linus, diretto da Oreste del Buono e in seguito da Fulvia Serra. Hanno avuto rubriche fisse sul Corriere e l’Unità, e collaborato ad altre testate, tra cui Repubblica.
Sono, insieme a Nico Colonna, gli ideatori e condirettori dell’agenda Smemoranda, della quale sono anche editori. 
Folco Orselli -  Compositore, cantautore, chitarrista e pianista. Folco Orselli si è imposto come una delle realtà più interessanti e prolifiche della musica e cultura milanese degli ultimi anni. Vincitore assoluto in tutte le categorie del premio Musicultura nel 2008, ha partecipato al Festival di Sanremo nel 1998 e ai tour di Tina Turner e Zucchero Fornaciari. Nel 2003 partecipa con un cameo al film di Silvio Soldini “Agata e la tempesta”.
Da sempre attratto dalla commistione della musica col teatro è uno dei fondatori dell’originale movimento musicale milanese, il Caravanserraglio. Nella sua musica rivivono atmosfere vintage che attingono ai generi funk, soul, blues e jazz. 
Vincenzo Messina – musicista poliedrico, produttore e arrangiatore. Messina vanta collaborazioni importanti con artisti del calibro di Terence Trent D’Arby, Aida Cooper e in Italia, oltre che con Orselli, con Francesco Renga e Zucchero Fornaciari. 

2015_12_03 L'histoire du soldat a I Pomeriggi Musicali

71ª STAGIONE SINFONICA
ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI 
Direttore Artistico, M° Maurizio Salerno

Stagione 2014-2015 
Giovedì 3 dicembre 2015_12_03, ore 21.00
Sabato 5 dicembre 2015_12_05, ore 17.00  
Teatro Dal Verme Via San Giovanni sul Muro 2 – Milano 
Voce recitane: AlfonsoAntoniozzi
Direttore: AlessandroFerrari
Prime parti della Filarmonica della Scala 
Igor Stravinskij L'histoire du soldat
per clarinetto, fagotto, cornetta, trombone, percussioni, violino, contrabbasso e voce recitante

Ricercato appuntamento al Teatro Dal Verme di Milano per questa prima settimana di dicembre, giovedì 3 alle ore 21:00 e sabato 5 alle ore 17:00. In stagione, infatti, sono ospitate le prime parti della Filarmonica della Scala per eseguire L’histoire du soldat di Igor Stravinskij, diretti da Alessandro Ferrari e accompagnati dalla voce recitante di Alfonso Antoniozzi.
Antoniozzi, che già la stagione scorsa è stato ospite come voce recitante in Vatel di Marco Tutitno, una prima esecuzione assoluta qui al Teatro Dal Verme, torna per raccontare la storia del soldato che tentò di farsi beffe del Diavolo. Questa volta sarà accompagnato da Alessandro Ferrari alla guida di un settimino formato dalle prime parti della Filarmonica della Scala, che comporranno l’“orchestra in miniatura” – come fu chiamata all’epoca – che il genio russo scelse come organico per la sua opera, ma in cui ad ogni strumentista egli concesse un ruolo solistico.
Con questo prestigioso concerto termina la porzione di cartellone dedicata alle orchestre ospiti e, da giovedì 17 dicembre, il pubblico del Teatro Dal Verme tornerà ad ascoltare l’Orchestra I Pomeriggi Musicali, che rientrerà sul palco di via San Giovanni sul Muro diretta dal M° Daniele Rustioni.
BIGLIETTI
Interi
Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla 30): € 19,00 + prevendita
Secondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla 40): € 13,50 + prevendita
Balconata: € 10,50 + prevendita

Ridotti (Giovani under 26; Anziani over 60; Cral; Ass.
Culturali, Biblioteche; Gruppi; Scuole e Università)
Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla fila 30) € 15,00 + prevendita
Secondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla fila 40) € 11,50 + prevendita
Balconata € 8,50 + prevendita 
Biglietteria TicketOne
Teatro Dal Verme
Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano
Tel. 02 87.905.201
dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 18.00


Biglietteria on-line: www.ticketone.it

2015_12_08 G.A.P. Stella Cometa inaugura mostra Presepi a Magenta

Piazza Camillo Formenti, 3, Magenta, MI- c/o la Ex Sala Consiliare Comune di Magenta
pronti per una nuova
Mostra Presepi
l'8 dicembre 2015 si inaugura la VI° edizione di Mostra Presepi Città di Magenta
Vi aspettiamo http://gapstellacometa.com/

In vista delle prossine festività natalizie, l’Associazione GAP Stella Cometa si avvia a realizzare la VIª edizione di “Mostra di Presepi Città di Magenta”.
Come nelle precedenti edizioni saranno esposti diorami inediti, frutto del lavoro e della passione di diversi artisti del presepe. Non mancherà come di consueto il presepe di grandi dimensioni, realizzato dal gruppo Amici del Presepe di Penne (Pescara), con il quale abbiamo, dallo scorso anno, allacciato rapporti di collaborazione e scambio di diorami.
La mostra sarà inaugurata l’8 dicembre 2015 alla presenza delle autorità cittadine, presso la EX Sala Consiliare (all’interno del cortile del comune) e resterà aperta al pubblico sino all’10 gennaio 2016.

Sarà possibile effettuare visite su appuntamento per le scuole e i gruppi organizzati, contattando l’ufficio Cultura del Comune al 02 9735 248 / 223.

La manifestazione si articolerà con il seguente orario:
Inaugurazione della mostra: 8 Dicembre ore16.30
• Domenica dalle ore 10,00 alle 12,00 / ore14,30 alle 18,30
• Sabato dalle ore 14,30 alle 18,30
• Natale dalle ore 15,30 alle 18,30
• S. Stefano dalle ore 10,00 alle 12,00 / ore14,30 alle 18,30
• 1° Gennaio dalle ore 15,30 alle 18,30
• Epifania dalle ore 10,00 alle 12,00 / ore14,30 alle 18,30
Apertura nei giorni : 21-22-23-24-28-29-30/ Dic. e 4-5-7-8/ Gen.: dalle ore 14.30 alle 18.30
Ricordiamo che il 31/12/2015, causa chiusura degli uffici comunali, non saranno possibili effettuare visite.
La mostra resterà aperta al pubblico fino a domenica 10 gennaio
L’ingresso è gratuito e aperto a tutti.

2015_11_29 Da Händel a Morricone, senza dimenticare Bach

Domenica 29 novembre 2015 ore 11.30
Da Händel a Morricone, senza dimenticare Bach…
Musica da camera: grande festa al M.A.C. con gli Ottoni de laVerdi 
Programma

I parte
G.F. Handel - The Arrival of the Queen of Sheba
T. Susato - La Moresque from “Dauserye”
G. Gabrieli - Canzone Duodecimi Toni
J.S. Bach - Sheep My Saflely Graze from “Cantata 209”
G. Bizet - Toreador Song from “Carmen”.

II parte
Marzi - Tribute Glenn and Tommy
C. Trenetis - Beyond the Sea
A.C. Tobim - Wave
AA.VV. - Mexico
Rota-Morricone-Piovani - Cinema all’Italiana
C. Hazell - Brass Cats

Domenica 29 novembre (ore 11.30) tornano al M.A.C., in piazza Tito Lucrezio Caro 1, gli Ottoni de laVerdi per il 43° appuntamento con la stagione di Musica da camera. Un appuntamento particolarmente atteso, perché la formazione all brass della “scuderia” laVerdi ha tutta l’intenzione di ripetere il grande successo dello scorso maggio. La formazione (trombe: Alessandro Caruana, Edy Vallet, Alessandro Ghidotti, Andrea Arrigoni; tromboni: Giuliano Rizzotto, Giacomo Ceresani, Massimiliano Squadrito, Andrea Arrigoni; corno: Giuseppe Amatulli; bassotuba: Davide Viada) proporrà al pubblico de M.A.C. un percorso musicale attraverso stili e generi caratteristici di cinque secoli, che può essere considerato un riassunto di storia della musica in note, naturalmente dal vivo: dalle danze rinascimentali del ‘500 all’opera lirica, dallo swing al pop fino ad arrivare alle musiche da film. Un vasto repertorio proposto con arrangiamenti sapientemente elaborati per le particolari caratteristiche sonore e timbriche degli ottoni.
(Biglietti: euro 15,00/9,00; Info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, orari apertura: mar – dom, ore 14.30 – 19.00, chiuso lunedì Tel. 02.83389401/2/3; on line: www.laverdi.org o www.vivaticket.it.) 

2015_12_01 Teatro Libero uno spettacolo che pone degli interrogativi

Teatro Libero Via Savona, 10 – Milano
Dall'1 al 14 dicembre 2015
HARD CANDY
di Brian Nelson
progetto, adattamento e regia Corrado d'Elia
assistente alla regia Luca Ligato
con Alessandro Castellucci e Désirée Giorgietti
scene Corrado d'Elia e Luca Ligato
tecnico luci Marcello Santeramo
fonica Mario Bertasa
costumi Stefania Di Martino
produzione Teatro Libero
Attenzione: SPETTACOLO CONSIGLIATO AI MAGGIORI DI 14 ANNI
martedì 8 dicembre non si terrà la replica di HARD CANDY. Lo spettacolo, andrà in scena fino al 14 dicembre ad esclusione quindi del 5 dell'8 dicembre. Nelle giornate di lunedì 7 e martedì 8 dicembre, comunque, la biglietteria rimarrà regolarmente aperta dalle 15.00 alle 21.30.

Dall'1 al 14 dicembre a Teatro Libero andrà in scena uno spettacolo diretto da Corrado d'Elia, "Hard Candy" di Brian Nelson, tratto da una storia vera portata al cinema nel 2005. Lo spettacolo, consigliato ai maggiori di 14 anni ed interpretato da Alessandro Castellucci e Desirée Giorgietti, indaga il mondo sommerso delle chat, la cronaca dei nostri giorni, la pedopornografia, i risvolti psicologici delle nostre mille facce nascoste, le pulsioni più sotterranee, le perversioni di cui poco comprendiamo, poco sappiamo e per nulla parliamo. d'Elia mette in scena una storia affascinante, dove niente è come sembra e un'innocente ragazzina nasconde un terribile segreto.
Una ragazzina e un uomo si conoscono in chat, s'incontrano, e niente sarà più come prima. Corrado d'Elia firma la regia di una favola nera che vede protagonista un'affascinante e pericolosa vittima che si tramuta rapidamente in carnefice.
E' un gioco di ruoli che si intrecciano, si sdoppiano e si scambiano tra la quattordicenne Hailey e il trentaduenne Jeff. Lei è una ragazzina candida e delicata. Lui un uomo affascinante distinto. Chi è il Lupo e chi è Cappuccetto Rosso? E se la ragazzina dietro l'aspetto innocente nascondesse un piano perfetto? Se l'uomo si ritrovasse a scontare una terribile vendetta, calcolata freddamente? In un susseguirsi imprevedibile e sconcertante di accadimenti, la storia prende le tinte del thriller e il dramma si compie.
Le parti si invertono continuamente.
“Non accettare mai le caramelle da uno sconosciuto". Chi non si è mai sentito ammonire così da bambino? Ma se la situazione si ribaltasse? Se ad offrire le caramelle fosse una ragazzina e lo sprovveduto in pericolo fosse l'adulto? Oppure no, il contrario. Lui la adesca e lei è l'innocente vittima.
Tratto da una storia vera, portata sul grande schermo nel 2005 da Ellen Page e Patrick Wilson, quello che Corrado d'Elia porta in scena per la prima volta in teatro è uno spettacolo forte, che indaga il mondo sommerso delle chat, la cronaca dei nostri giorni, la pedopornografia, i risvolti psicologici delle nostre mille facce nascoste, le pulsioni più sotterranee, le perversioni di cui poco comprendiamo, poco sappiamo e per nulla parliamo.

"Serrati ritmi cinematografici per una storia di ordinaria follia."
Corriere della Sera, 23 giugno 2010

"Da una sceneggiatura mai uscita in Italia per un tema scabroso come la pedofilia. Sicuro appeal."
La Repubblica, 22 giugno 2010

"Il tocco di classe di d'Elia è dato dalla rivisitazione iconica di una figura-topos come la bambina in impermeabilino rosso." serialmagazine.it, 13 luglio 2010

BIGLIETTERIA
PREZZI BIGLIETTI
Intero € 21,00
Ridotto under26 e over60 € 15,00
Prevendita € 1,50
Allievi Teatri Possibili con TPCard € 10,00
(prime rappresentazioni € 3,00)
Studenti universitari € 10,00

ORARIO SPETTACOLI
Da lunedì a sabato ore 21.00
Domenica ore 16.00
Giorno di riposo sabato 5 dicembre

ORARI BIGLIETTERIA
Da lunedì a venerdì dalle 15.00 alle 19.00
Nei giorni di spettacolo:
Da lunedì a venerdì fino alle 21.30
Sabato dalle 19.00 alle 21.30
Domenica dalle 14.00 alle 16.30

CONTATTI 02 8323126 biglietteria@teatrolibero.it

ACQUISTI ONLINE www.teatrolibero.it

2015_11_26 Pomeriggi ancora formazioni ospiti, oggi tocca alla Orchestra Haydn di Bolzano e Trento

71ª STAGIONE SINFONICA
ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI
Direttore Artistico, M° Maurizio Salerno
Stagione 2014-2015
 Giovedì 26 novembre 2015_11_26, ore 21.00
Sabato 28 novembre 2015_11_28, ore 17.00
Teatro Dal Verme Via San Giovanni sul Muro 2 – Milano
Stravinskij, Apollon musagète, per orchestra d'archi 
Varèse, Octandre, per ottavino e flauto, clarinetto e clarinetto in mi bemolle, corno, fagotto, tromba, trombone e contrabbasso
Brahms, Sinfonia n. 4 in mi minore, op. 98
Direttore: George Pehlivanian

Al Teatro Dal Verme di Milano, nell’ambito della 71ª Stagione Sinfonica dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali, torna una gradita presenza: l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Da anni sodale dei Pomeriggi, la formazione altoatesina allieterà, come ogni stagione, il pubblico della sala di via San Giovanni sul Muro con un programma ricercato e originale. Il concerto inizierà con Apollon musagète di Stravinskij, che chiamerà la fantasia del pubblico a immaginare il balletto che le muse regalano ad Apollo per guadagnarsi la sua predilezione. Si prosegue poi con Octandre di Varèse, una rarità nel catalogo del compositore, perché una delle poche opere in cui non utilizza strumenti a percussione ma esclusivamente fiati, sorretti e accompagnati da un contrabbasso. Al termine del programma l’orchestra si ricongiungerà per eseguire uno dei capolavori sinfonici più amati dal pubblico: la Quarta sinfonia di Brahms. Sul podio a dirigere la compagine di Bolzano e Trento sarà George Pehlivanian; origini libanesi, statunitense di adozione e cittadino del Mondo, Pehlivanian è un direttore eclettico ed esperto.  

BIGLIETTI
Interi
Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla 30): € 19,00 + prevendita
Secondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla 40): € 13,50 + prevendita
Balconata: € 10,50 + prevendita

Ridotti (Giovani under 26; Anziani over 60; Cral; Ass.
Culturali, Biblioteche; Gruppi; Scuole e Università)
Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla fila 30) € 15,00 + prevendita
Secondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla fila 40) € 11,50 + prevendita
Balconata € 8,50 + prevendita


Biglietteria TicketOne
Teatro Dal Verme
Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano
Tel. 02 87.905.201
dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 18.00

Biglietteria on-line: www.ticketone.it

2015_11_14 Teatro Besostri Mede stagione 2015 2016


Sabato 3 ottobre 2015_10_03 ore 21:00
IL CANTO DELL'OPERA
concerto lirico inaugurale della stagione di lirica e prosa 2015-2016
Solisti e interpreti: I finalisti del Concorso “Teatro Besostri di Mede”
Corale Franco Vittadini di Pavia
Direttore M° Filippo Dadone
M° al pianoforte Alma Shakimova
Produzione Incanto in Musica

Sabato 17 ottobre 2015_10_17 ore 21:00                          
”SEMI DI ZUCCA”
di Marina Thovez
con Mario Zucca
produzione Ludus in Fabula

31 ottobre 2015_10_31 ore 21:00
IN ARTE LIALA
Con Laura Negretti, Alessandro Baito, Valentina Ferrari, Antonio Grazioli, Franco Maino
Regia e Drammaturgia: Marco Filatori
Progetto teatrale: Laura Negretti
Scenografia - Progetto Luci: Armando Vairo
Assistente alla regia: Manuela Maffina
Produzione: Teatro in Mostra - Como

Sabato 14 Novembre 2015_11_14 ore 21:00
LA BOHÈME
Interpreti : i vincitori della prima edizione del Concorso lirico internazionale Teatro Besostri di Mede

Giacomo Puccini  La Bohème
opera in quattro quadri di Giacomo Puccini su  libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

Interpreti : i vincitori della prima edizione del Concorso lirico internazionale “Teatro Besostri di Mede”

Personaggi ed interpreti
Mimi Sarah Tisba
Rodolfo Kym Yjuk Soo
Musetta Anna Delfino
Marcello Ra Hyun Kyu
Schaunard Daniele Caputo
Colline Michele Filanti
Alcindoro/Benoit Mario Gaudino
Indicazioni registiche di Michele Mirabella 
Corale Franco Vittadini di Pavia
M° del Coro  M° Filippo Dadone
Orchestra Incanto in Musica
Direttore M° Gianluca Fasano
Aiuto regista Nadia Matteucci
M° collaboratore Alma Shakimova
Scenografie Laboratorio Sormani Cardaropoli
Costumi Sartoria Bianchi
Produzione InCanto in Musica 
Ingresso 28/25€
vedi il FOTOSERVIZIO di CONCERTODAUTUNNO


Sabato 28 novembre 2015_11_28 ore 21:00
IERI E’ UN ALTRO GIORNO
Di Sylvain Meyniac e Jean Francois Cros
Versione italiana di Luca Barcellona e David Conati
Con Gianluca Ramazzotti, Antonio Cornacchione e Milena Miconi
e con Biancamaria Lelli, Antonio Conte e Alessandro Sampaoli nel ruolo di Federico Faletti
progetto di Gianluca Ramazzotti
Regia di Eric Civanyan
Produzione Ginevra Media Production Srl  In Collaborazione Con Theatre Des Bouffes Parisien (Paris)
Sabato 5 dicembre 2015_12_05 ore 21,15
CARMEN
Balletto su musiche di   Georges Bizet
Liberamente ispirato all'omonima novella di Prosper Mérimée e all’opera di Georges Bizet
Coreografie Agnese Omodei Salè – Federico Veratti
Costumi Federico Veratti
Scene Marco Pesta
Produzione Balletto di Milano

Sabato 12 dicembre 2015_12_12 ore 21:00
“Un Bacio A Mezzanotte”: varietà Retrò
Di e con: Martina Allia, Chiara Campi e Christian Primavera
Regia di
Produzione Gruppo Anteprima

Sabato 16 gennaio 2016_01_16 ore 21:00
MIA MOGLIE PARLA STRANO
Di Alfredo Collina e Barbara Bertato
con Alfredo Colina, Barbara Bertato, Amedeo Bonalumi
Regia di  Corrado Accordino
assistente alla regia Valentina Paiano
Produzione: La Danza Immobile –Teatro  Binario 7

Sabato 30 gennaio 2016_01_30 ore 21:00
OTELLO
di William Shakespeare
Traduzione di Carlo Sciaccaluga
con Filippo Dini, Antonio Zavatteri, Roberto Serpi, Alberto Giusta, Mariella Speranza, Andrea Nicolini, Silvia Biancalana
Scene e costumi Catherine Rankl
Luci Sandro Sussi
Musiche originali Andrea Nicolini
Regia di Carlo Sciaccaluga
Produzione Teatro degli Incamminati

Sabato 13 febbraio 2016_02_13
LA FORTUNA SI DIVERTE
di Athos Setti
con Daniela Morozzi, Emanuele Barresi
elaborazione e regia di Emanuele Barresi
Produzione Compagnia degli onesti

Sabato 27 febbraio 2016_02_27 ore 21:00
eLEVATI e LAVATI -  storie d’amore in ascensore
scritto da Alfredo Colina, Barbara Bertato, Paola Galassi
con Alfredo Colina e Barbara Bertato
scene e costumi Rosaria Ricci
coreografie Michele Casula
regia Paola Galassi
produzione La Danza Immobile/Teatro Binario 7

Sabato 12 marzo 2016_03_12 ore 21,15
ROMEO E GIULIETTA
Balletto in due atti su musica di P. I. Ciaikovskij
Coreografia di Agnese Omodei Salè e Federico Veratti
Scenografia di P. I. Ciaikovskij

Sabato 26 marzo 2016_03_26 ore 21:00UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIOdi Tennessee Williams
con Nicolò Collivignarelli, Erica del Bianco, Jacopo Sartori, Chiara Serangeli e altri attori
regia: Elisabetta Piloni
costumi: Collezione La Camelia di M.Luisa Siviero ed A.Restelli
musiche: Cristian Mosca
produzione: Vicolo del Teatro

Sabato 9 aprile 2016_04_09 ore 21:00
La Traviata
opera in tre  atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave
Interpreti : i vincitori della prima edizione del Concorso lirico internazionale Teatro Besostri di Mede
Regia di Nadia Matteucci
Corale Franco Vittadini di Pavia
M° del Coro  M° Filippo Dadone
Orchestra InCanto in Musica
Direttore M° Gianluca Fasano
M° collaboratore Alma Shakimova
Scenografie Laboratorio Sormani Cardaropoli
Costumi Sartoria Bianchi
Produzione InCanto in Musica

Sabato 23 aprile 2016_04_23 ore 21:00
“QUESTA SERA COSE TURCHE”
Testi di Giorgio Centamore
con la collaborazione di Rossana Carretto, Pia Engleberth, Alessandra Sarno
con Rossana Carretto - Pia Engleberth - Alessandra Sarno
Regia di Enzo Iacchetti
Produzione: Cooperativa Zenart

Teatro Besostri Mede http://www.teatrobesostri.it tel. 335 7848613

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)