2009 08 13 Omaggio dalla Lirica alla Astronomia

17a Edizione Festival Ultrapadum
Giovedì 13 agosto 2009 ore 21,15
UN DI', ALL'AZZURRO SPAZIO, GUARDAI PROFONDO:
concerto lirico dedicato agli astri
Osservatorio Astronomico di Ca' del Monte (frazione di Cecima, PV)
Ingresso € 15,00 (È gradita la prenotazione)
In caso di maltempo il concerto sarà posticipato al 17 agosto
Il 2009 è stato proclamato dall'ONU Anno Internazionale dell'Astronomia. Per l'occasione il Festival Ultrapadum dedica una serata musicale agli astri e al firmamento, che spesso hanno ispirato le opere di grandi compositori. E non poteva esservi luogo migliore per questa celebrazione dell'Osservatorio Astronomico "G. Giacomotti" di Ca' del Monte, minuscola frazione di Cecima in provincia di Pavia.
Il concerto prevede l'esecuzione dal vivo di brani del grande melodramma internazionale accompagnati dalla proiezione dei video realizzati dall'Associazione Tethys. Accompagnati al pianoforte da Angiolina Sensale, si esibiranno i tenori Mauro Pagano e Giovanni Manfrin e i soprano Susie Georgiadis e Hiroko Morita. Il programma è incentrato sui grandi compositori italiani del melodramma – Puccini, Verdi, Giordano, Bellini – con unica eccezione Il canto della luna di Anton Dvorak, dalla sua "Russalka". Che gelida manina, Casta Diva, Viene la sera, E lucevan le stelle, Nessun dorma, sono solo alcune delle arie che verranno proposte dal talentuoso quartetto vocale. Al termine del concerto è previsto un breve spettacolo astronomico, a cura dell'Associazione Tethys.

Festival Ultrapadum 13 agosto 2009 Osservatorio Astronomico di Ca' del Monte

Canto alla luna dalla "Russalka" di Anton Dvorak
Susie Georgiadis, soprano
Viene la sera da Madama Butterfly di G.Puccini
Mauro Pagano, tenore Hiroko Morita, soprano
Gia nella notte densa duetto da Otello di G.Verdi
Mauro Pagano, tenore Susie Georgiadis, soprano

Che gelida manina da Boheme di Giacomo Puccini
Giovanni Manfrin, tenore
Casta Diva da Norma di V.Bellini
Hiroko Morita, soprano
L'alba separa dalla luce il giorno di F.P.Tosti
Susie Georgiadis, soprano

Vissi d'arte da Tosca di G.Puccini
Hiroko Morita, soprano

Mario, Mario duetto da Tosca di G.Puccini
Mauro Pagano, tenore Susie Georgiadis, soprano
Lucean le stelle da Tosca di G.Puccini
Giovanni Manfrin, tenore

Ah dischiuso è il firmamento da Nabucco di G.Verdi
Hiroko Morita, soprano
Un di all'azzurro spazio da Andrea Chenier di U.Giordano
Mauro Pagano, tenore
Nessun dorma da Turandot di G.Puccini
Giovanni Manfrin

O sole mio
Mauro Pagano, Giovanni Manfrin, Susie Georgiadis, Hiroko Morita
Angiolina Sensale,pianoforte

Osservatorio Giacomotti
Punto d'incontro per appassionati di astronomia e turisti in cerca di esperienze diverse, l'Osservatorio Giacomotti è stato realizzato nel 1997 dalla Comunità Montana Oltrepò Pavese con il coordinamento della Provincia di Pavia, dell'Ufficio Scolastico Provinciale e del Dipartimento di Fisica dell'Università di Pavia. Grazie all'impegno dell'Associazione Astrofili Tethys, la struttura svolge una costante attività di ricerca e ospita spesso conferenze scientifiche e altre iniziative culturali e didattiche. Nelle serate limpide, l'Osservatorio resta aperto per consentire al pubblico di ammirare la volta celeste in condizioni ideali, grazie al ridotto tasso di inquinamento luminoso della zona.
Mauro Pagano, tenore
Genovese ha affiancato agli studi universitari (Laurea in Medicina e Chirurgia) lo studio del canto con i maestri Saldari, Bandera, Verducci e con la guida preziosa del grande baritono genovese Giuseppe Taddei. Si perfeziona con il Maestro Paolo Barbacini. Ha sempre interpretato ruoli di protagonista come: Alfredo, Rodolfo, Ismaele, Pinkerton, Manrico, Chenier, Maurizio di Sassonia, Calaf, Don Jose', Cavaradossi, Turiddu, Radames, Pollione.
Intensa l'attività concertistica in Italia (ha cantato nel 1998 al Teatro Carlo Felice di Genova), Svizzera, Francia, Belgio, Germania, Croazia, Brasile.
Vincitore del Premio Jussi Björling 1999 e vincitore assoluto del Concorso Beniamino Gigli a Roma nel 2000, nell'estate 2004 è stato protagonista dell'opera "Salvator Rosa" di Carlos Gomes nel Trentennale del Festival della Valle d'Itria a Martina Franca. Sempre nel 2004 è stato Don Josè nella Carmen di Volterra.
È stato inoltre l'unico italiano ospite della produzione di Aida al Teatro Nazionale di Praga, nel ruolo di Radames (agosto 2004); altri impegni: Carmen a Varsavia, Praga, Dresda.
Nel 2006 è stato protagonista in Cavalleria Rusticana, Pagliacci e Tosca al Teatro dell'Opera del Cairo e in Carmen all'Anfiteatro Lirico di Terni, con i dialoghi originali in lingua francese. Nel febbraio 2007, sempre all'Opera del Cairo ha interpretato Radames.
Giovanni Manfrin, tenore
Milanese, si avvicina alla musica in giovanissima età, frequenta la scuola Franchino Gaffurio dove compie gli studi musicali in qualità di fanciullo cantore della Cappella musicale del Duomo di Milano. Successivamente si dedica allo studio del canto lirico con i maestri Giampiero Malaspina e Angelo Loforese.
Collabora con importanti istituzioni ed enti lirici tra cui Teatro Alla Scala di Milano, Teatro Regio di Torino, Gran Teatro La Fenice di Venezia, Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro Donizetti di Bergamo, Teatro Verdi di Sassari.
Interpreta con successo numerosi ruoli di primaria importanza (Radames in "Aida" di G. Verdi; Pinkerton in "Madama Butterfly" di G.Puccini; Alfredo Germont ne "La Traviata"di G.Verdi; Duca di Mantova in "Rigoletto" di G.Verdi; Turiddu in "Cavalleria Rusticana" di P. Mascagni; Fernando in "Una Partita a Scacchi" di P.A.Cornaglia) in Italia e all'estero, nei teatri di tradizione di importanti città in Austria, Germania, Paesi Bassi, Inghilterra, Norvegia, Portogallo, Francia, Cina e Corea.
Si esibisce inoltre in numerosi concerti operistici, sinfonici, di musica sacra e contemporanea prendendo parte ad eventi musicali di spicco tra cui la Biennale di Venezia, il Festival Verdi di Parma e il Festival di Obidos (Portogallo).
Susie Georgiadis, soprano
http://www.concertodautunno.it/cur/georgiadiss.html
Hiroko Morita, soprano
Nata a Kyoto e si è laureata in Canto con il massimo dei voti presso l'Università Statale di Belle Arti e Musica di Tokyo nel 1996 sotto la guida di Alda Noni e Marcella Reale. Successivamente ha frequentato un Master di specializzazione post-laurea in Canto presso la stessa Università sotto la guida del celebre soprano Yasuko Hayashi.
Ottenute le borse di studio del Governo giapponese, del Governo italiano e quella della Fondazione Nomura, ha proseguito i suoi studi in Italia con Milena Dal Piva, Dante Mazzola, e Rolando Nicolosi.
Ha vinto numerosi Concorsi Nazionali e Internazionali, ricevendo diversi premi e attestati come il Premio speciale al National Mainici Competition, il secondo premio all'"Operatic Battle Competition" di Tokyo e il premio speciale al "Concorso italo-giapponese" sempre a Tokyo. É stata finalista al XVI Concorso Internazionale di canto Voci Nuove per la Lirica "Gaetano Fraschini" e al Concorso Internazionale "Anselmo Colzani".
Ha iniziato la sua carriera artistica in Giappone (Tokyo Sumida Hall, Tokyo Art Sphere Hall, ecc.) riscuotendo notevoli successi personali e debuttando nei ruoli di: Micaela in Carmen di G. Bizet; Alice e Nannetta in Falstaff, Gilda in Rigoletto, Violetta ne La Traviata di G. Verdi; Manon di J. Massenet; Pamina ne Il Flauto Magico di W. A. Mozart; Mimì in La Bohéme e Liù in Turandot di G. Puccini.
Dal 2000 si trasferisce in Italia dove si esibisce con grande successo di pubblico cantando il ruolo di Violetta ne La Traviata presso il Teatro alle Colonne di Milano.
Nel 2007 è la volta di Cio-Cio-san in Madama Butterfly di G. Puccini a Milano al Teatro delle Erbe con la direzione del M° Roberto Gianola, e poi al Bellano Lirica Festival di Lecco, diretta dal M° Dennis Assaf.
Nel 2008 l'atteso debutto di Madama Butterfly negli Stati Uniti a New Orleans e in America Latina presso il Teatro de Bellas Artes di Bogotà (Colombia) e il Teatro Segura di Lima (Perù) con la regia di Luis Alva. In queste produzioni ottiene un trionfale successo personale, meritando l'appellativo di "Migliore Butterfly" da parte del celebre mezzosoprano spagnolo Teresa Berganza e gli apprezzamenti personali di stima del M° Alva.
Hiroko Morita è attivamente impegnata anche nel repertorio cameristico e sinfonico.
Angiolina Sensale, pianoforte
Nata a Voghera, ha affiancato agli studi umanistici lo studio del pianoforte sotto la guida del M° Giuseppe Aneomanti, diplomandosi brillantemente presso il Conservatorio "G. Verdi" di Milano nel 1984. Si è quindi perfezionata con il M° Luciano Lanfranchi. Ha seguito corsi e seminari tenuti da Piero Rattalino, Jörg Demus, Naum Starkman. Premiata in concorsi nazionali e internazionali, svolge attività concertistica in varie formazioni da camera, con l'orchestra e come accompagnatrice, ruolo per il quale ha conseguito, nel 1992, l'idoneità nel Concorso a cattedre per i Conservatori di Stato. Nell'ambito dell'attività di accompagnatrice ha avuto modo di lavorare con Gianni Raimondi, Fiorenza Cossotto, Ivo Vinco, Carlo De Bortoli, Maria Parazzini, Wilma Vernocchi, Ottavio Garaventa, Mario Malagnini, Giuseppe Sabbatici, Daniela Dessì. Ha inoltre collaborato come accompagnatrice a numerose master class e corsi di perfezionamento tenuti dai Maestri Paolo Barbacini, Sergio Segalini, Alain Billard, Gianni Tangucci.
Ha suonato in Italia per importanti associazioni e rassegne, tra cui: Teatro Regio di Torino, Università di Pavia, Teatro Verdi di Trieste, Teatro Donizetti di Bergamo, Teatro Fraschini di Pavia, Teatro Politeama di Palermo,Università per Stranieri di Perugia, Circolo Culturale "Rosetum" e "Umanitaria" di Milano.
È direttore artistico degli "Amici della Musica" di Voghera, del Festival Ultrapadum, dei premi "La cetra d'oro" e "La maschera d'argento. Nel 2004 ha ricevuto il Premio Internazionale "Foyer des artistes". Nell'estate 2004 ha partecipato , come pianista accompagnatrice, alla trasmissione radiofonica di RAI 2 "Due di notte".
Info e prenotazioni spettacolo astronomico: 328/0153438 - astri.concerto2009@gmail.com.
Info per il pubblico: Società dell'Accademia di Voghera, tel: 0383/46918, 335/66.80.112, 349/18.80.328, www.festivalultrapadum.com.

17a Edizione Festival Ultrapadum

Giovedì 30 luglio 2009 ore 21,15
GRANDI EVENTI SINFONICI
Gran Galà Lirico Sinfonico con l’Orchestra Sinfonica dei Balcani
Piazza Castello - Cigognola (PV) - Ingresso libero

Susie Georgiadis, soprano
http://www.concertodautunno.it/cur/georgiadiss.html
Bosco Kim Choong Sik, tenore
Orchestra Sinfonica dei Balcani
http://www.concertodautunno.it/cur/orchsinfonicabalcani.html
Valentin Doni, direttore d'orchestra
http://www.concertodautunno.it/cur/doniv.html

In caso di maltempo il concerto si terrà a Stradella
presso la Basilica dei Santi Nabore e Felice

Presso il Ristorante Domus Paradisi, loc. Valle Cima Cigognola è possibile cenare prima del concerto a 22,00 Euro prenotando al numero 0385/284001.

Angiolina Sensale, direttore artistico della 17a Edizione del Festival Ultrapadum ha il piacere di annunciare un piacevole fuori programma nella lunga kermesse musicale: Giovedì 30 alle 21.15, la rassegna dei "Grandi Eventi Sinfonici" di Ultrapadum si arricchisce di un nuovo appuntamento. A fare da scenario a questa inaspettata serata, sarà la suggestiva piazza del Castello di Cigognola, comune sulle colline dell’Oltrepò Pavese dove si esibirà l’Orchestra Sinfonica dei Balcani, diretta da Valentin Doni in un Gran Galà Lirico Sinfonico con la soprano brasiliana Susie Georgiadis, già applaudita protagonista dell’operetta Principessa della Czarda e il tenore coreano Bosco Kim Choong Sik. Con l’esecuzione del Nessun dorma dalla Turandot di Giacomo Puccini si concluderà il galà di Cigognola.

Il programma della serata prevede l’esecuzione dei seguenti brani:
G. Rossini: Ouverture da La Gazza Ladra
G. Verdi: È strano da La Traviata
U. Giordano: Come un bel dì di maggio da Andrea Chenier
N. Rimsky Korsakov: Danza dei buffoni
G. Verdi: Addio del passato da La Traviata
R. Leoncavallo: Vesti la giubba da Pagliacci
A. Kaciaturian: Danza delle spade
G. Puccini: Valzer di Musetta da La Bohème
G. Puccini: Intermezzo da Manon Lescaut
G. Puccini: O mio babbino caro da Gianni Schicchi
G. Bizet: Suite n° 1 da Carmen
G. Puccini: Nessun dorma da Turandot


Cigognola si trova nell'Oltrepò Pavese, su un colle dominante lo sbocco in pianura della valle Scuropasso percorsa dell'omonimo torrente, di fronte alla più conosciuta Broni. Le origini di Cigognola sono citate nel diploma di Federico I (Il Barbarossa) del 1164, con cui il territorio dell'Oltrepò settentrionale e centrale venne posto sotto la giurisdizione di Pavia. Da questo scritto si deduce che doveva essere una località fortificata sotto il dominio di un proprio signore locale. In cima alla collina di Cigognola, a guardia della Valle di Scuropasso, in posizione strategica per gli avvistamenti, sorge il Castello di Cigognola risalente ai primi anni dell’XI° secolo. Il Castello fu edificato per volontà della potente casata pavese dei Sannazzaro.
La sua funzione principale fu quella di fortilizio posto a guardia della Via Emilia, per controllare il traffico transitante in questo che fu un estremo lembo del Ducato di Milano. Il Castello mantenne la sua funzione difensiva per oltre sette secoli, divenendo dimora delle più importanti famiglie feudali e teatro di notissimi episodi storici, come la congiura dei Malatesta contro il conte di Pavia e duca di Milano Filippo Maria Visconti. Con la fine del feudalesimo fu trasformato in dimora residenziale.

2009 08 12 Ultrapadum presenta un grande ma giovane orchestra

17a Edizione Festival Ultrapadum
Mercoledì 12 agosto 2009 ore 21,15
GRANDI EVENTI SINFONICI: La Jugendorchester Meerholz-Hailer
Piazza Principe Doria, Garbagna (AL) - Ingresso libero
 
I Grandi Eventi Sinfonici del Festival Ultrapadum proseguono con l'esibizione della Jugendorchester Meerholz-Hailer nella caratteristica cornice della Piazza Principe Doria a Garbagna. Un programma musicale apprezzabile da tutti, dal repertorio per orchestra di fiati ( bandistico ) alle contaminazioni jazz e pop.
 
Il programma dei concerti è suscettibile di variazioni. In caso di maltempo i concerti si terranno al coperto.
Info per il pubblico: Società dell'Accademia di Voghera, tel: 0383/46918, 335/66.80.112, 349/18.80.328, www.festivalultrapadum.com.
 
Jugendorchester Meerholz-Hailer
La giovane orchestra tedesca della chiesa cattolica Meerholz-Hailer nasce circa 45 fa con lo scopo di avvicinare i giovani alla musica e coltivarne il talento. È un'orchestra composta prevalentemente di fiati, che predilige la musica moderna e l'energia giovanile.
A Garbagna, i giovani musicisti diretti dal maestro Jens Weismantel presentano un programma in linea con il loro carattere giocoso, a partire dalle opere del compositore ceco Julius Fučík (celebre la sua Entrata dei gladiatori con cui i clown sono soliti fare il loro ingresso al circo). Il concerto prosegue tra brani di moderni autori per banda (D. Shaffer, J. de Haan, J. de Meij) ed estrose rivisitazioni di canzoni popolari inglesi e scozzesi, fino alla scoppiettante conclusione con i brani più celebri dei Blues Brothers.
 
Jens Weismantel, direttore
Nato nel 1976, ha iniziato la sua formazione musicale con quattro anni di pianoforte. Dal 1991 al 1999 ha suonato il trombone nella Musikverein Oberndorf (Assia). Nel 1993 si è laureato alla Hessischen Musikverband die Dirigentenausbildung (C3). Dal 1999 dirige la sua orchestra. Dal 2005 è direttore della Jugend-orchesters Meerholz-Hailer.
Jens Weismantel è stato attivo partecipante del Summer Academy per conduttori sotto il nuovo direttore musicale a Lipsia, Jan Cober. Come trombonista, ha suonato dal 2001 al 2006 nella Sinfonischen Blasorchester Main-Kinzig.
Dopo aver ricevuto la laurea in geologia Jens Weismantel ha deciso di seguire la carriera musicale. Nel 2004 si è laureato alla Schulmusikstudium an der Hochschule für Musik und Darstellende Kunst in Frankfurt (conduzione corale con il Prof. Wolfgang Schäfer, direzione d'orchestra con il professor Andreas Weis).
 
Garbagna
E' un piccolo borgo adagiato al centro della Val Grue e circondato da frutteti e rilievi boscosi. Tra i punti di interesse i resti di un maniero medievale a torre quadrata e la chiesa di S. Giovanni Battista, ricostruita nel Settecento sopra la primitiva pieve romanica dell'XI secolo. Garbagna è rinomata per l'artigianato del mobile, l'antiquariato, la gastronomia e la frutticoltura. In particolare la Ciliegia "Bella di Garbagna", insignita del Presidio Slow Food. Di grande richiamo turistico sono la Sagra delle Ciliegie e quella delle Castagne.

2009 08 30 A Palazzo Merula lo spettacolo organizzato da Mario Mainino (www.concertodautunno.it) per la Pro Loco di Vigevano

Vigevano è edizione 2009
Domenica 30 agosto 2009 ore 21.00
Cortile di Palazzo Merula
Ricordando Fiorella
Grami Gente nuovo concerto de "I Barabàn"
Ingresso libero.
 
Si ringrazia il Festival "Borghi e Valli – Sulle Note di Feste&Patroni per l'inserimento nel suo calendario e la promozione della iniziativa organizzata da Mario Mainino per la Pro Loco Vigevano.
 
"Grami Gente" è il titolo del nuovo appuntamento che è  in programma per la serata di domenica 30 Agosto, a Vigevano. Ospitati nella cornice del Cortile di Palazzo Merula, a partire dalle ore 21, si esibiranno i "Barabàn", compagnia che, attingendo ai saperi della "grama" gente del Nord Italia, lungo la linea del fiume Po, metterà in scena un nuovo spettacolo multimediale basato sul patrimonio musicale e culturale di queste terre. Suoni di violini e xilofoni, organetti, plettri e ocarine, canti solistici e a cappella, faranno da colonna sonora a immagini del paesaggio, usanze e mestieri che fluiscono sullo schermo.
Un concerto di musica popolare, organizzato in memoria di Fiorella Scaglioli, infaticabile e appassionata operatrice culturale.

Fiorella Scaglioli
Sono passati dieci anni dalla sua scomparsa. Fiorella Scaglioli è stata per molti amici che l'anno conosciuta ed amata una amica straordinaria. Non era necessario frequentarla quotidianamente. Io stesso non posso dire di essere stato un amico molto presente nella sua vita, e purtroppo nemmeno quando stava lottando con la malattia che ce l'ha portata via.
Ma anche in quei giorni in cui lei aveva problemi cosi gravi da affrontare bastave incontrarla per caso in una via ed ecco che ti buttava le braccia al collo con una gioia che ti faceva sentire al centro dei suoi pensieri, come se l'avessi visto l'ultima volta solo pochi giorni prima mentr invece erano passati dei mesi.
Fiorella Scaglioli è stata un lievito che ha prodotto nella nostra città dei momenti di aggregazione e formazione culturali di grandissima importanza quanto di scarsissima eradità. Il suo interesse di studiosa della musica popolare, di ricercatrice sul campo, quasi una novella epigone di Bela Bartok, ci ha fatto conoscere dai canti sardi, alle tradizioni quasi dimenticate del Carnavale Bianco in agosto, al tradizionale di Bagolino, sino a stimolare anche la formazione di nuovi esecutori che si sono dedicati alla musica della tradizione popolare.

I Baraban
Il gruppo è nato a Milano nel 1982, per iniziativa di quattro fra i più attivi musicisti e ricercatori dell'Italia settentrionale: Vincenzo Caglioti, Aurelio Citelli, Giuliano Grasso e Guido Montaldo. Compagnia fra le più rappresentative della scena folk italiana, apprezzata in Europa e America, "Barabàn" ha sviluppato un percorso che rivisita la tradizione musicale del nord Italia con un linguaggio e una sensibilità contemporanea. L'ensemble mescola melodie, lingue, ritmi e sonorità dell'Italia settentrionale, polifonie della pianura Padana, liriche contemporanee, canti arcaici dell'Appennino, musiche swing e dal sapore yiddish. Da sempre attento alle tematiche sociali e civili, più recentemente Barabàn si è dedicato all'interpretazione di brani composti da discendenti di immigrati italiani in Sud America e alla creazione di una nuova musica sperimentando l'incontro tra le liriche di scrittori contemporanei (Loi, Biamonti) e proprie composizioni in cui gli stili e le sonorità della musica di tradizione si aprono alla contaminazione multietnica.
 
Vigevano
La parte più vecchia è datata al Basso Medioevo, quando la città venne fortificata lungo uno dei lati della pianura del Ticino. Il paese divenne indipendente grazie alla sua posizione strategica e, per questo, centro di conflitti frequenti tra Pavia e Milano. Il 14 Marzo 1530 la città divenne sede vescovile e, successivamente, feudo di diverse famiglie: i Della Torre e i Visconti durante il Medioevo e gli Sforza nel Cinquecento. Durante il periodo sforzesco Vigevano entrò nel suo periodo aureo, divenendo residenza ducale ed un centro commerciale di notevole importanza. Il 9 Agosto 1848 venne firmato, presso l'attuale vescovado, l'armistizio Salasco, che prevedeva una tregua di sei settimane tra Austria e Piemonte, nel corso delle Prima Guerra d'Indipendenza.
 
Palazzo Merula
Ex convento del XVII secolo ed ex orfanotrofio maschile, ospita una grande quantità di tesori presso il Museo dell'Imprenditoria Vigevanese e l'Archivio Storico Comunale; quest'ultimo, in particolare, contiene una eccezionale esposizione di antichi documenti, pergamene, incunaboli e cinquecentine. Il palazzo si trova a pochi metri dal Teatro Cagnoni
 
 
 
 
 
 

2009 08 27 Borghi e Valli a Pizzale per ricordare Gino Marchesi

Giovedì 27 Agosto 2009 ore 21.15
Festival "Borghi e Valli"-Sulle Note di Feste&Patroni
Pizzale - Centro l'Ottagono
"Echi della Memoria" : Omaggio a Gino Marchesi
Grande saxofonista e clarinettista, già membro dell'Orchestra RAI di Milano e guida storica della Filarmonica Jazz Orchestra di Vercelli.
L'ingresso alla serata è di 7 euro. In caso di maltempo il concerto si terrà presso la Chiesa Parrocchiale.
Per informazioni e prezzi: www.festivalborghievalli.it; 329.9861644
 
Duke Ellington Trio
Formato da Pierluigi Alessandrini (sax alto), Luigi Storchi (sax tenore) e Alessandro Creola (sax baritono).
Il gruppo, nato nel Gennaio 1988, si distingue per la particolarità delle sue esecuzioni.  Nel 1989, con il pezzo "Studio Uno", contenuto nell'album "Blues", si aggiudica il primo premio ex aequo al concorso nazionale di composizione "Nuove Proposte Musicali" bandito dalla RAI. In seguito a questa particolarissima proposta è stato invitato a rappresentare l'Italia al IX Congresso Mondiale del Saxofono di Pesaro, nel Settembre 1992, e al XIV di Lubiana (Slovenia) nel Luglio 2006.
Il repertorio che viene proposto dal gruppo spazia da temi classici della storia del jazz sino ad arrivare ad alcuni brani dal suo ultimo CD "In itinere", contenente musiche tratte dagli autori rinascimentali di Viadana (MN) e arrangiate in stile jazz per tre sax.
 
Pizzale
E'  da vedere la Chiesa Parrocchiale, dedicata a San Giacomo, fondata in epoca antica, anche se l'edificio attuale risale al XVIII secolo. L'interno è a tre navate, affrescato in anni recenti da C. Sacchi.
Da non perdere è poi la frazione di Porana, che fa parte della stretta cerchia dei Borghi più Belli d'Italia. Nota già nel '200, era nominata negli estimi del contado pavese. Nella frazione è possibile ammirare una splendida villa patrizia, appartenente all'ingegnere Severino Grattoni, uno dei costruttori della galleria Frejus, nato a S. Gaudenzio, oggi frazione di Cervesina. Proprio qui è conservata una delle più grandi piante d'Italia – 80 metri di altezza per 4,80 metri di circonferenza – catalogata dal Corpo Forestale dello Stato.  Vi è poi la Chiesa Parrocchiale, dedicata a San Crispino, bell'esempio dello stile gotico-lombardo.

2009 08 22 Fisorchestra a Tremosina

22 Agosto 2009 ore 21.00
Festival "Borghi e Valli – Sulle Note di Feste&Patroni"
Borgo di Tremosine
Fisorchestra "Arco di Trento"
I fisarmonicisti proporranno un vasto repertorio popolare che ben si presta ad un pubblico di ogni età, attingendo, in particolar modo, dal folklore della terra trentina e tirolese, senza comunque disdegnare qualche incursione nella musica più impegnata.
La serata, inserita anch'essa nell'ambito della Rassegna Musicale Tremosinese ed organizzata dalla Pro Loco di Tremosine, prenderà il via alle ore 21e verrà ospitata sempre presso la località Pieve.
Per informazioni: 0365.953185 o info@infotremosine.it
 
Fisorchestra Arco di Trento
Nata all'interno della scuola musicale di Arco ufficialmente un anno fa, il 18 Agosto 2008. L'ensemble, prima ed unica  orchestra di fisarmoniche in Trentino Alto-Adige, è composto da quindici elementi nella formazione standard, compresi un basso e una chitarra, che, per la prima volta sul territorio, affiancano la più classica banda, coordinati e diretti dal maestro Marco Graziola, insegnante proprio presso la scuola musicale di Arco.
Per ulteriori informazioni e prezzi: www.festivalborghievalli.it; 329.9861644
www.agenziacreativamente.it; 0383.804175 (orari ufficio)
 
 
 
 

 

2009 08 15 Borghi e Valli nel bresciano

Festival "Borghi e Valli – Sulle Note di Feste&Patroni".
15 agosto 2009
Tremosine (BS),
Tributo a De Andre'
con Gli Apocrifi di Rovereto
La serata, organizzata dalla Pro Loco di Tremosine, è inserita nell'ambito della "Rassegna Musicale Tremosinese". Per informazioni: 0365.953185 o info@infotremosine.it
 
Per ulteriori informazioni e prezzi: www.festivalborghievalli.it; 329.9861644
www.agenziacreativamente.it; 0383.804175 (orari ufficio)

La rassegna, per l'occasione, si sposterà a Tremosine (BS), uno dei Borghi più Belli della Lombardia, nella suggestiva cornice del Lago di Garda.
La località Pieve, ospiterà, a partire dalle ore 21, un Tributo a Fabrizio De Andre', affidato al gruppo "Gli Apocrifi di Rovereto", che ha dato vita ad un vero e proprio progetto di ampio respiro, nel quale si coniugano l'immensa opera del cantautore genovese, l'attenzione verso temi sociali e la promozione musicale sul territorio. In quest'ottica, nel corso degli anni, sono stati realizzati diversi eventi: lo spettacolo innanzitutto, attraverso il quale lo spettatore viene accompagnato dalla poesia e dalla musica di De Andre'. Nelle due ore di concerto, in particolare, verranno proposti sia i pezzi classici, sia quelli meno conosciuti del repertorio del popolare cantautore, eseguiti in maniera filologicamente corretta ma senza tralasciare il gusto di un'intepretazione personale. Un percorso di sintesi, intervallato da dialoghi che tendono a spiegare le canzoni di De Andre' e arricchito da elementi scenografici e coreografie che aiutano il pubblico a capire e a sentirne la "sacralità".
Gli Apocrifi di Rovereto
Il gruppo è formato da Luca Valduga (voce e chitarra), Eliana Sacco Comis (voce, cori e percussioni), Lucio Zandonati (chitarra acustica ed elettrica), Giulia Valle (fisarmonica), Paolo Bertolini (chitarra, cori, armonica e banjo), Elia Pedrotti (violino e tastiere), Evan Mazzucchi (basso) e Roberto Sartori (batteria, tastiere e cori).
 
Tremosine
Con questo nome si indicha un'ampia zona all'interno del Parco Alto Garda Bresciano, istituito nel 1989, uno dei più ampi della Provincia di Brescia: 18 sono infatti le piccole frazioni disseminate nell'altopiano e lungo le profonde vallate che caratterizzano la zona. Tremosine è collegata con la statale gardesana da sole due strade, una che sale da Limone sul Garda, un'altra da Campione verso Pieve (Forra del Brasa). Il territorio si caratterizza per una grandissima varietà di bellezze naturali: lago, dirupi, valli, montagne. Ma non solo. Molte frazioni hanno infatti una propria chiesa o cappella. Ne è un esempio la Chiesa di S. Giovanni Battista, a Pieve, che conserva il campanile romanico risalente all'XI secolo, con gli altari della Madonna del Rosario, della Madonna dei Miracoli, della Sacra Famiglia, dei Santi Rocco e Valentino, dell'Immacolata e dell'Ultima Cena; numerose sono poi le tele e le opere lignee presenti, come il coro del presbiterio, il bancone e gli scranni della sagrestia, opera di Giacomo Luchini, di Condino (TN). Da vedere è anche la Chiesa di S. Bartolomeo, a Vesio, con tele di Gian Domenico Cignaroli, Bartolomeo Zeni e Antonio Staliani. Conserva un organo, recentemente restaurato, realizzato da Gaetano Callido (1727-1813).  C'è poi il Santuario di S. Michele, nella valle omonima, lungo la mulattiera che unisce a Tremalzo; edificato probabilmente dai Longobardi, che onoravano il santo come patrono, l'edificio subì diversi rifacimenti. Oltre alla chiesetta, si trova un romitorio.
 
 
 
 
 
 
 

2009 08 28 Sino ad allora ferie estive al CinemateatroNuovo di Magenta

Lo staff del cinemateatronuovo augura a tutti BUONE FERIE e vi aspetta dal 28 Agosto 2009 con: L'ERA GLACIALE 3
e dal 10 Settembre con: FILMFORUM 2009-2010 1° ciclo al cinemateatroNuovo
Questo il programma con Data/Titolo/Regia
10 settembre 2009 GRAN TORINO Clint Eastwood
17 settembre 2009 L'OSPITE INATTESO Thomas McCarthy
24 settembre 2009 C'ERA UNA VOLTA IL WEST Sergio Leone
1 ottobre 2009 TWO LOVERS James Gray
8 ottobre 2009 MILK Gus Van Sant
15 ottobre 2009 VINCERE Marco Bellocchio
22 ottobre 2009 MAR NERO Federico Bondi
29 ottobre 2009 KATYN Andrzej Wajda
5 novembre 2009 L'ONDA Dennis Gansel
12 novembre 2009 STELLA Sylvie Verheyde
19 novembre 2009 VUOTI A RENDERE Jan Sverák
3 dicembre 2009 RACHEL STA PER SPOSARSI Jonathan Demme
10 dicembre 2009 THE READER-a voce alta Stephen Daldry
presso il
cinemateatroNuovo - via San Martino, 19 - 20013 Magenta (MI) - Tel/Fax 02 97.29.13.37
Si può scaricare la locandina a questo indirizzo :
http://www.teatronuovo.com/download/Filforum_1_CICLO_2009-2010.pdf

2009 08 06 Non solo opera all'Arena Sferisterio di Macerata

Aperitivi Culturali a Macerata
Antichi Forni ore 12 Ingresso Libero
Accanto alla tradizionale stagione lirica nell'arena si svolgono ogni giorno degli interessanti incontri con illusti critici musicali che permetteranno si avvicinare l'opera lirica da punti prospettici molto diversi.
 
Giovedì 6 agosto 2009, Quirino Principe: "L'inganno come forma simbolica".
Il musicologo Principe, partendo dal teatro greco con i suoi archetipi, arriva a quello di oggi, fortemente influenzato dalle tragedie e dalle commedie attiche.
 
Venerdì 7 agosto 2009, Luigi Domenico Cerqua: "Madama Butterfly: tra turismo sessuale e prostituzione minorile".
Il presidente della Corte di Assise di Milano affronta l'opera di Puccini con l'occhio del legale. Il tutto parte della giovane età di Cio-Cio-san e dalla volontà di Pinkerton di farla sua.
 
Sabato 8 agosto 2009, S.E. Mons. Claudio Giuliodori: "Verità del tempo e tempo della verità".
Il Vescovo di Macerata presenta l'oratorio sacro di Georg Friedrich Händel, Il Trionfo del Tempo e del Disinganno, che andrà in scena la sera seguente al teatro Lauro Rossi.
 
Domenica 9 agosto 2009, Pier Luigi Pizzi: "Senza inganni".
La rassegna degli aperitivi culturali chiude il suo ciclo con il direttore artistico dello Sferisterio Opera Festival che annuncia in anteprima la stagione 2010.
 
 

2009 08 15 Riparte Un paese a sei corde

Sabato 15 agosto 2009
Associazione Culturale "La Finestra sul Lago"
Nonio (VB), nel cortile di Casa Moglini ore 21.00
Un Paese a Sei Corde 2009
Chitarre sul lago d'Orta e non solo
Beppe Gambetta e Dan Crary
 
Riparte, dopo le breve pausa, la rassegna di concerti proposta da Un Paese a Sei Corde.
Con una proposta davvero eccezionale, un modo fantastico per trascorrere la sera di Ferragosto in maniera divertente e po' diversa dal solito. A Nonio, nel cortile di Casa Moglini (vicino alla biblioteca e alla scuola), in caso di pioggia nella chiesa di San Rocco, si alterneranno sul palco Beppe Gambetta, uno dei più grandi chitarristi acustici in circolazione, e Dan Crary, artista e compositore che ha fatto la storia della musica contemporanea.
La serata, come tutte le altre in programma nella rassegna, comincia alle 21 ed a è ingresso gratuito, grazie al patrocinio e al contributo della Regione Piemonte, della Provincia di Novara, dell'Unione dei Comuni del Cusio e della Banca Popolare di Novara per il Territorio.
 
Per informazioni ulteriori informazioni: Lidia 328.4732653, Domenico 347.4683319, oppure visitate su internet il sito www.unpaeseaseicorde.it, dove troverete il programma completo della manifestazione, le foto e le news degli artisti, i link ai loro siti e le foto dei concerti delle scorse edizioni e tanto altro.
Il Comune ospitante riunisce tre insediamenti (Nonio, Oira e Brolo) che, nel corso dei secoli, all'attività agro-pastorale hanno unito quella artigianale con la produzione di chiodi e ferramenta, la tornitura del legno e la lavorazione del serpentino di Oira, un marmo pregiatissimo e raro impiegato anche nella costruzione e decorazione del Duomo di Milano, con il quale è stato realizzato l'ambone della Basilica di S.Giulio sul'Isola.
Ristoranti e trattorie di buon livello, ma chi cerca la specialità locale deve assaggiare l'impagabile "focaccina"!
 

Beppe Gambetta, chitarra
Ha fatto del vagabondaggio un'arte, componendo il suo personale mosaico di suoni e sapori. In giovanile pellegrinaggio lungo le mitiche "blue highways" della profonda America cantate da Woody Guthrie, quel giovane chitarrista genovese sulle tracce del country e del bluegrass ne ha macinata, è proprio il caso di dirlo, di strada. Virtuoso dello stile "flatpicking" consacrato, ormai, a livello internazionale, autore di dieci dischi, quattro libri didattici, tre video e un DVD, Gambetta è oggi considerato dagli stessi maestri americani un loro pari, degno continuatore di una tradizione musicale sempre viva e rinnovantesi. Di casa negli States (è di quattro mesi, in media, la sua permanenza annuale in terra americana), una fama consolidata grazie alle numerose tournées, alle partecipazioni ai più prestigiosi festival, dal Walnut Valley Festival di Winfield in Kansas al Merlefest di Wilkesboro in North Carolina, da quello di Chico in California ai Festivals canadesi di Edmonton e Winnipeg, e all'attività didattica nell'ambito di seguitissimi workshop – uno su tutti: lo Steve Kaufman Flatpicking Camp di Maryville nel Tennessee -, Gambetta nel corso della sua carriera ha avuto l'opportunità di suonare con i più grandi artisti della scena folk internazionale, quali, per citarne alcuni, Doc Watson, Tony Trischka, Gene Parsons, Norman Blake, David Grisman. E, naturalmente, Dan Crary, Tony McManus e Don Ross, membri insieme a Beppe dei Men of Steel, il fantastico quartetto chitarristico che più cosmopolita non si può - Usa, Scozia, Canada, Italia sono infatti le nazioni di provenienza di questi "fab four" delle sei corde – e che ha mietuto unanimi consensi di pubblico e critica in tutto il mondo. L'America nel cuore, le radici tra il sole e gli ulivi del Mediterraneo, è con estrema naturalezza che Gambetta riesce a saldare le sponde dei due continenti, creando, alla faccia di quell'oceano frapposto lì in mezzo, una "koiné" musicale in cui country e tradizione ligure, canti dell'emigrazione e ballate popolari, mandolini e chitarre-arpa non solo coesistono ma vanno a interagire, intrecciando un fitto dialogo ignaro di ogni rigida (e supponente) classificazione.
 
Dan Crary, chitarra
E' una leggenda della musica, il pioniere di una delle più complesse ma coinvolgenti tecniche della musica Americana, un asso della chitarra, maestro del flatpicking conosciuto internazionalmente per inventiva, gusto e brio. Da più di 50 anni sui palcoscenici, Crary è uno dei pochi artisti, si può ben dire, che trascenda i confini degli stili e dei generi. Nato in Kansas, il suo interesse per la chitarra risale all'infanzia e si approfondisce in gioventù verso la fine degli anni '50. Le sue prime esibizioni nelle chiese del Midwest crearono e fissarono uno stretto rapporto che continua a pervadere la sua musica di una particolare dimensione spirituale: "Lo si chiami Dio, divinità, spirito del mondo - dice Dan Crary – non si può provare un'esperienza estetica se non si è in contatto con qualcosa che esiste, ma che non si riesce a comprendere appieno." Da questa punto di partenza essenzialmente spirituale, ha sviluppato un approccio alla chitarra acustica che esplora nuove dimensioni, trasformando uno strumento da sempre considerato d'accompagnamento, in un solista che produce linee melodiche fluenti ed espressive e una incredibile gamma di arpeggi. Nei suoi viaggi negli Stati Uniti, Crary ha appreso stili musicali e motivi tipicamente Americani, rielaborandoli in forma personale e creativa e restituendoli in opere profondamente legate alle radici culturali americane ma al tempo stesso assolutamente nuove. Una carriera lunga e piena di riconoscimenti, sia come solista, che in gruppo oltre a molte apparizioni come ospite, hanno consacrato Dan Crary come versatile musicista capace di spaziare da Mozart ai brani della tradizione anglo-americana, fino a pensose ed evocative composizioni originali. La sua abilità di relazionarsi sia musicalmente che a livello personale lo ha portato al successo non solo in Nord America, ma in tutto il mondo, con concerti e workshop dall'Europa al Giappone, fino al Pacifico meridionale. In questi tempi in cui le star di ieri sono oggi troppo spesso degli sconosciuti dell'oggi, e i generi passano di moda troppo rapidamente, una musica come la sua che attraversa gli stili e i decenni restando gradevole e coinvolgente, è una vera rarità. Se profondità, creatività e longevità sono le stimmate di un processo artistico, Dan Crary va riconosciuto come uno dei più grandi artisti della musica tradizionale Americana dei nostri giorni.

2009 06 18 al 2009 08 31 Leonardo a Palazzo Marino con il Codice Atlantico

A Milano, Palazzo Marino sarà sede dell'esposizione di due fogli del
Codice Atlantico di Leonardo
che saranno presso la sala Alessi dal 18 giugno al 31 Agosto 2009.
Chi visiterà l'esposizione a Palazzo Marino potrà contribuire alla raccolta fondi che serviranno al restauro di opere in  Abruzzo e all'Ambrosiana. "Sempre per la raccolta fondi, alla mostra di Palazzo  Marino sarà possibile" - ha spiegato il presidente della fondazione Federico Borromeo Giorgio Ricchebuono - acquistare   Dvd per interagire con il genio di Leonardo, cartellette con la riproduzione di tre fogli originali o un singolo foglio".
L'Assessorato al Turismo, Marketing Territoriale, Identità del Comune di Milano ha coordinato e sostenuto la realizzazione dell'iniziativa.
Leonardo è legato intimamente alla storia e all'identità di  Milano" così l'Assessore al Turismo, Marketing Territoriale, Identità Massimiliano Orsatti. "Una nuova  testimonianza del genio vinciano – continua Orsatti – che ogni ospite della città può vivere e ammirare attraverso pacchetti turistici e percorsi  ad hoc. Itinerari capaci di mostrare in maniera completa ed esaustiva la presenza di Leonardo in città,  spaziando dalla pittura con il famoso Cenacolo, sino alla navigazione dei famosi navigli milanesi,  simbolo stesso dalla sua passione per l' ingegneria idraulica o addirittura  interagire con le sue  macchine custodite al Museo della Scienza e della Tecnica." 
Andranno all'asta su e-bay 10 raccolte di 25 fogli come quelle regalate ai Capi di Stato al  G8.
Altre 10 andranno all'asta da Sotheby's in una serata speciale a settembre.

I corsi della Accademia Perosi a Biella con grandi musicisti come docenti


per le modalità di iscrizione visita il stio www.accademiaperosi.org oppure Informazioni n. +39 015 29040 fax +39 015 352828
Academic Courses 2009
I corsi saranno tenuti dai docenti:
Ana Chumachenco (violino): corso speciale dal 30 settembre al 9 ottobre 2009
Marco Rizzi (violino): corso speciale dal 12 al 18 ottobre 2009
Pavel Berman (violino): corso speciale dal 20 al 26 ottobre 2009
Pavel Vernikov (violino): corso speciale data da definire 2009
Roberto Ranfaldi (violino): corso annuale
Anna Serova (viola e musica da camera): corso annuale
Yumiko Urabe (musica da camera): corso speciale dal 30 settembre al 9 ottobre 2009
Konstantin Bogino (pianoforte e musica da camera): corso speciale dal 22 al 26 settembre 2009
Daniel Grosgurin (violoncello): corso speciale dal 7 all'11 settembre 2009
Umberto Clerici (violoncello e musica da camera): corso annuale
Antonio Sciancalepore (contrabbasso): corso annuale
Giorgio Giacomelli (esercitazioni orchestrali): corso annuale
Mauro Bonifacio (composizione): corso annuale
Azio Corghi (composizione): corso annuale
Sandro Cappelletto (critica musicale): seminario nel mese di dicembre 2009
Carlos Arcieri (liuteria e restauro): corso speciale nel mese di settembre o ottobre 2009
Giancarlo Arcieri (montatura del violino): corso speciale nel mese di settembre o ottobre 2009
Gabriele Negri (liuteria e restauro): corso speciale nel mese di settembre o ottobre 2009

Accademia Perosi onlus, Palazzo Gromo Losa
Corso del Piazzo 24 - tel. +39 015 29040 +39 015 352828
segreteria@accademiaperosi.org
tutte le attività dell'Accademia Perosi si svolgono con il contributo di:

Ufficio Stampa Accademia Perosi – Tel. 015 29040
E-mail:
info@accademiaperosi.org

2009 09 06 Xian Zhang, nuovo conduttore de La Verdi entra alla Scala


CONCERTO STRAORDINARIO in collaborazione con il Teatro alla Scala
domenica 6 settembre 2009 ore 20.00

Milano, Teatro alla Scala
Ludwig van Beethoven
Le creature di Prometeo, ouverture op. 43
Igor Stravinskij
Petruška (edizione 1911)
Ludwig van Beethoven
Sinfonia n.7 in La maggiore op.92

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Direttore Xian Zhang

La Stagione 2009/2010 si aprirà, come è ormai consuetudine da qualche anno, con il concerto straordinario al Teatro alla Scala. Sul podio il nuovo Direttore Musicale de laVerdi Xian Zhang.
E' possibile acquistare i biglietti presso le biglietterie (Auditorium di Milano Fondazione Cariplo e IAT - Informazione e Accoglienza Turistica della Provincia di Milano) e alla biglietteria del Teatro alla Scala.
BIGLIETTO:da 11 a 66 euro

2009 09 07 Appuntamenti al Teatro Franco Parenti di Milano


Lunedì 7 settembre 2009 ore 11,30
Teatro Franco Parenti
Nonostante Hitler. Il Viaggio dell'Arca
Una conversazione di Haim Baharier con Filippo Del Corno, Giuseppe Genna, Francesco Frongia in occasione della prima assoluta di Io Hitler
Ingresso libero
Mercoledì 9 e giovedì 10 settembre 2009 ore 21
MITO SettembreMusica
Teatro Franco Parenti, Sala Grande
Filippo Del Corno
Io Hitler
Azione di teatro musicale
Testo di Giuseppe Genna
(RaiTrade Edizioni Musicali)
Adolf Hitler Fulvio Pepe
Scene e costumi Giovanni De Francesco
Regia Francesco Frongia
Ensemble Sentieri selvaggi
Mirco Ghirardini clarinetto basso
Valentino Spaggiari trombone
Andrea Dulbecco marimba e percussioni
Andrea Rebaudengo pianoforte
Aya Shimura violoncello
Paola Perardi violoncello
Carlo Boccadoro pianoforte e direzione
Teatro Franco Parenti
Via Pier Lombardo, 14 Milano
Biglietti Posto unico numerato € 10
Sentieri selvaggi riserva agli Amici 2009 il biglietto ridotto a 8 €
Gli Amici di Sentieri selvaggi che desiderano prenotare devono confermare la loro presenza entro il 5 settembre 2009 all'indirizzo pubblicherelazioni@sentieriselvaggi.org oppure telefonando al numero 02 28510170

2009 08 08 Omaggio a Nino Rota a San Sebastiano Curone

17a Edizione Festival Ultrapadum
Sabato 8 Agosto 2009 ore 21,15
Omaggio a Nino Rota
Nino Rota Ensemble
Piazza Solferino - San Sebastiano Curone (AL)
Ingresso libero
Al termine del concerto si terrà la degustazione di vini e prodotti tipici
Il programma dei concerti è suscettibile di variazioni. In caso di maltempo i concerti si terranno al coperto.
Info per il pubblico: Società dell'Accademia di Voghera, tel: 0383/46918, 335/66.80.112, 349/18.80.328, www.festivalultrapadum.com
 
 
Il Festival Ultrapadum, dopo la tappa piemontese di Volpedo si sposta nel centro storico di San Sebastiano Curone in provincia di Alessandria, nella bella Piazza Solferino.
A esibirsi sul palco sabato 8 agosto alle 21.15 sarà il Nino Rota Ensemble, un gruppo tutto al femminile composto da musiciste unite dalla stessa passione per la musica e per il cinema, che si presentano in sestetto con la soprano Tiziana Santarelli, il flauto di Federica Torbidoni, il violino di Giannina Guazzaroni, l'oboe di Diletta Dell'Amore, il violoncello di Francesca Favit e il pianoforte di Deborah De Vico.
 
Nino Rota Ensemble
Nasce nel 1995 in occasione delle celebrazioni dei 100 anni del Cinema e da allora a oggi ha svolto un'intensa attività concertistica affermandosi per le capacità e l'originalità della formazione in Europa e in alcuni Paesi extraeuropei, con esibizioni nei più prestigiosi teatri in Svezia, Portogallo, Egitto, Germania, Francia, Croazia, Grecia, Turchia, Taiwan, Brasile, Tunisia, Marocco, Cipro, Libano, Libia e Siria, Lussemburgo, Lettonia, Indonesia e Nigeria.
Tra le numerose esibizioni tenute dall'Ensemble in varie parti del mondo, di particolare rilievo sono stati alcuni concerti in occasione delle inaugurazioni di Festival Cinematografici Internazionali, tra i quali: Salonicco, Annecy, Villerupt, Stoccolma, Lussemburgo.
Le musiciste che formano l'Ensemble, vincitrici di concorsi nazionali e internazionali, hanno frequentato corsi di perfezionamento e seminari con i più celebri maestri in campo internazionale e sono conosciute e apprezzate come soliste in varie formazioni da camera, collaborando stabilmente con le migliori orchestre italiane.
Il Nino Rota Ensemble presenta un repertorio particolare, eseguendo le più celebri composizioni di alcuni grandi maestri italiani e stranieri, quali Nino Rota, Ennio Morricone, Stelvio Cipriani, Riz Ortolani, Nicola Piovani, George Gershwin, Leonard Bernstein, Max Steiner e altri mostri sacri del panorama internazionale, con arrangiamenti originali elaborati dalla pianista Deborah Vico che ha adattato questo interessante repertorio all'Ensemble.
Oltre a diverse registrazioni discografiche, i concerti dell'Ensemble sono stati diffusi dalla Radio e Televisione Italiana, Radio Vaticana, Televisione Nazionale Portoghese e numerosi Network e Reti di Stato nazionali e internazionali.
 
San Sebastiano Curone
Sorge nel mezzo del punto di confluenza tra i torrenti Museglia e Curone e la sua storia è piuttosto recente. Questo territorio acquistò importanza strategica e commerciale sotto gli Spagnoli, quando il porto di Genova costituiva la base di partenza e di arrivo per gli scambi commerciali tra la Spagna e la Pianura Padana. Così San Sebastiano Curone divenne luogo di incontro e di contrattazioni lungo la Via del Sale (o del Cereale, a seconda delle merci), dove i mulattieri in lunghe carovane, quelli provenienti da Genova e quelli provenienti dallo Stato di Milano, si scambiavano i prodotti: per questo in paese si formò una sorta di "centro logistico" ante litteram, con ampi deposti di merci, locande e osterie, maniscalchi e sensali. Gli abitanti curavano il commercio e traevano profitto dalla sosta delle carovane. Questa vocazione commerciale si mantenne viva nel corso dei secoli.
San Sebastiano Curone si è sviluppato sui fianchi di un'altura, a ridosso della confluenza del Museglia e del Curone, per questo motivo le strade interne del paese sono piuttosto strette e in pendenza, le case addossate le une alle altre, unite a volte da archi, e i portali sono ingentiliti da fregi.
Il fitto tessuto urbano, conservatosi miracolosamente intatto nel tempo, richiama le architetture proprie dei borghi liguri e ricorda un passato di nobiltà e benessere.
Merita un'attenta visita il centro storico, certamente uno dei più belli della zona, con varie emergenze artistiche, a cominciare dalla sorprendente Piazza Roma, su cui s'affacciano, oltre alla seicentesca chiesa parrocchiale, il Palazzo Mazza Galanti, sede del Municipio e della Comunità Montana, con la sua facciata in stile liberty riccamente decorata, opera dell'artista locale Bourges; di fronte s'innalza il Palazzo Pollini, con un festoso cornicione floreale; opposto alla chiesa si trova il Palazzo Giani, con un ampio scalone interno; infine ricordiamo il Palazzo Signoris, con pregevoli interni decorati dal Bourges.
Altri edifici degni di nota sono il Castello Visconteo, un tempo costruzione fortificata, poi ridotta ad abitazione e la Casa del Principe, già residenza dei Doria durante le loro rare visite in paese.
 
 

2009 08 09 Domenica di festa con la musica popolare

17a Edizione Festival Ultrapadum
Domenica 9 Agosto 2009 ore 21,00
Cegni Trad 2009
con il Birkin Tree in Trio, il Duo Valla-Scurati e il Duo Blanc-Coltri
Piazza della Chiesa – Cegni (PV) - Ingresso 10 Euro
Al termine del concerto si terrà la degustazione di vini e prodotti tipici
 
Domenica 9 agosto il Festival Ultrapadum si ferma nell'antico borgo di Cegni, situato nell'Alta Valle Staffora, conosciuto per il suo Carnevale che si svolge il sabato grasso e per il Carnevale Bianco del 16 agosto.
Una anticipazione del Carnevale Bianco di Cegni si svolgerà domenica 9 agosto nella Piazza della Chiesa del ridente borgo dell'Oltrepò Pavese, dove alle 21 si terrà la serata musicale Cegni Trad 2009, che vedrà esibirsi il Birkin Tree in formazione trio, il Duo Valla-Scurati e il Duo Blanc-Coltri.
La serata prevede un ricco programma di musiche tradizionali irlandesi, italiane e francesi in un variegato carosello di ballate e sonate delle tradizioni popolari di questi Paesi.
I migliori interpreti di queste tradizioni popolari sono proprio i protagonisti di questa serata di Ultrapadum, che alle tipiche musiche italiane locali, affiancano quelle irlandesi e francesi.
Il programma dei concerti è suscettibile di variazioni. In caso di maltempo i concerti si terranno al coperto.
Info per il pubblico: Società dell'Accademia di Voghera, tel: 0383/46918, 335/66.80.112, 349/18.80.328, www.festivalultrapadum.com.
 
 
Carnevale di Cegni
E' una rappresentazione tradizionale del rito carnevalesco, tra le più importanti manifestazioni nell'ambito delle quattro province: Pavia, Alessandria, Genova e Piacenza.
Si volge nel paesino di Cegni, frazione di Santa Margherita di Staffora in provincia di Pavia, nei giorni del sabato grasso e del 16 agosto (quando si svolge il carnevale bianco).
In entrambi gli appuntamenti il festeggiamento prevede gli stessi momenti, ovvero il corteo e le danze che accompagnano al matrimonio tra il "brutto" e la "povera donna", seguiti dalla cena e dal ballo serale.
Le danze delle quattro province sono un repertorio di balli diffusi su un'area culturale omogenea che comprende le zone montane delle province di Genova, in Liguria (alta val Trebbia, val d'Aveto e val Fontanabuona), Alessandria, in Piemonte (val Borbera e val Curone), Pavia, in Lombardia (valle Staffora) e Piacenza, in Emilia-Romagna (val Trebbia, val Boreca, val Luretta, alta val Nure e val Tidone). Il particolare isolamento geografico delle alte vallate ha fatto sì che la tradizione sia arrivata intatta sino ai nostri giorni, sia nel repertorio musicale che in quello coreutico.
 
Duo Stefano Valla (piffero) e Daniele Scurati (fisarmonica)
Il duo è profondamente legato al territorio delle Quattro Province e in particolare a Cegni, paese di Giacomo ed Ernesto Sala (pifferai tra i più importanti del secolo scorso), Stefano Valla e Daniele Scurati sono continuatori diretti del repertorio e del linguaggio musicale di questi musicisti. La loro attività è volta a mantenere viva la musica e la cultura di tradizione orale di questa area montana e a stimolarne la diffusione attraverso feste, concerti, stage e conferenze.
Il Duo porta avanti parallelamente una duplice attività suonando nelle feste dei paesi dell'Appenino, dove il ballo è tuttora uno dei fondamentali momenti di aggregazione (feste patronali, matrimoni, sagre, carnevali) e nell'ambito di rassegne e iniziative musicali in Italia e all'estero.
Nell'area di diffusione del piffero esiste tuttora, strettamente legato al repertorio musicale, un repertorio di danze tradizionali precedenti l'affermazione del ballo liscio; ne fanno parte: Giga, Alessandrina, Monferrina, Piana e Povera donna, quest'ultima con connotazioni rituali e simboliche particolari.
 
Birkin Tree
Nascono nel 1982 fondati da Fabio Rinaudo e Daniele Caronna. Sin da allora tutti i musicisti del gruppo hanno studiato con passione e serietà il repertorio della musica tradizionale irlandese, genere musicale che negli ultimi decenni si è fatto sempre più conoscere e apprezzare in ogni parte del mondo.
I componenti della band hanno soggiornato ripetutamente in Irlanda avendo così numerose occasioni per suonare con musicisti locali di fama internazionale, tra cui Tommy e Siobhan Peoples, John Martin, Mick O'Brien. Durante la serata del 9 agosto il trio che salirà sul palco sarà formato da Fabio Rinaudo (uilleann pipes), Michel Balatti (flauto traverso irlandese) e Daniele Caronna (violino, chitarra).
 
Duo Blanc-Coltri
Gabriele Corti è uno dei più importanti suonatori di cornamusa in Italia e fa parte di diverse formazioni di musica tradizionale. Ha inciso con il gruppo Calicanto (musica veneta), Picotage (musica francese), Is-Trio (musica istriana), Mireille Ben Ensemble (musica francese) e ha partecipato a diverse altre registrazioni. È membro dell'Atelier De La Danse Populaire di Parigi.
Bernard Blanc è professore di cornamusa e oltre a suonarla e a insegnarla, dal 1978 le produce. Ha studiato etno-musicologia all' Ecole des Hautes Etudes en sciences sociales a al Musée des Arts et Traditions Populaires e dal 1973 al 1978 ha suonato con il gruppo francese La Bamboche. È autore di ballate e suonate folk.

2009 08 07 Capolavori del '900 a Volpedo

17a Edizione Festival Ultrapadum
Venerdì 7 Agosto 2009 ore 21,15
Capolavori del '900 a Volpedo
Duo Francioli-Scarabottini
Ristorante La Palmana, via Clementina – Volpedo (AL)
Ingresso concerto 10,00 Euro
Cena + concerto 35,00 euro. Per informazioni e prenotazioni
tel: 0131/80.62.04 – 346/38.95.368
 
Il Festival Ultrapadum sconfina ancora una volta nel vicino Piemonte tornando nella storica Volpedo, dove venerdì 7 agosto propone una suggestiva serata dedicata ai "Capolavori del '900" con il clarinetto e il sax di Gabriele Francioli e la fisarmonica di Gianni Scarabottini. Il concerto si svolgerà a partire dalle ore 21.15 nell'affascinante cornice del giardino del Ristorante La Palmana.
Prima del concerto è possibile cenare con i piatti tipici della tradizione locale realizzati dallo chef del ristorante La Palmana, che ha sede in una splendida dimora storica dove è possibile pernottare approfittando della raffinata ospitalità dei proprietari.
Il programma dei concerti è suscettibile di variazioni. In caso di maltempo i concerti si terranno al coperto.
Info per il pubblico: Società dell'Accademia di Voghera, tel: 0383/46918, 335/66.80.112, 349/18.80.328, www.festivalultrapadum.com.
 
Programma:
G. Gershwin   Oh lady be good - A foggy day – Summertime
G. Caporilli   Lelia – Lora
E. Garner   Misty
H. Arlen   Over The rainbow
H. Palmer   Variazioni su un tema di Paganini
A. Piazzolla   Libertango
F. Luciano   Acquarelli cubani - 10 km al finestrino
N. A. Rimsky-Korsakov Il volo del Calabrone
 
Duo Francioli-Scarabottini
Nasce nel 2007 ma ha già al suo attivo oltre venti concerti. L'esuberante e travolgente virtuosismo strumentale dei due musicisti spoletini, unito alle loro geniali improvvisazioni caratterizza l'ensemble per un originale modo di "fare musica", incantando letteralmente le platee italiane, tedesche e spagnole. Il Duo esegue un repertorio basato su personali rielaborazioni di celebri composizioni che spaziano tra il genere di musica classica e il jazz.
 
Gabriele Francioli, clarinetto e sax
Musicista eclettico, clarinettista, sassofonista e fagottista, collabora stabilmente in qualità di solista e direttore d'orchestra con numerose orchestre europee e americane di fama internazionale. Svolge una intensissima attività concertistica. Ha al suo attivo oltre 600 concerti che lo hanno portato a esibirsi nei maggiori teatri e piazze di tutto il mondo come New York, Berlino, Roma, Santiago, Caracas, Gerusalemme, Montevideo. Vincitore di cinque primi Premi assoluti in altrettanti concorsi musicali nazionali e internazionali, È fondatore del "Gabriele Francioli Sax Quartet", una formazione che affronta un repertorio accattivante a cavallo tra la musica classica e il jazz, riportando in tutta Europa successo di critica e pubblico.
 
Gianni Scarabottini alla fisarmonica
Virtuoso talento musicale italiano, partecipa a numerosi concorsi nazionali e internazionali vincendo oltre cinquanta primi premi. Studia con il M° Lepri con il quale ottiene la piena maturità strumentale. Prosegue gli studi dedicandosi al pianoforte a cui affianca l'intensa attività concertistica della fisarmonica.
Collabora con numerosi artisti del mondo dello spettacolo in qualità di tastierista e fisarmonicista, nei gruppi spalla di Simona Marchini e nello spettacolo teatrale "I quattro moschettieri" con Rita Forte e Lino Banfi e con le ragazze della trasmissione "Non è la Rai".
 
Volpedo
L'antico borgo, dalla struttura urbanistica tipicamente medioevale, ha dato i natali al celebre pittore Giuseppe Pellizza che fu in un primo tempo uno dei massimi esponenti del divisionismo, mentre in seguito divenne esponente della corrente sociale con il celeberrimo dipinto Il Quarto Stato, vera e propria allegoria del mondo del lavoro subordinato e delle sue battaglie politico-sindacali. Ma Volpedo non è solo sinonimo di arte e storia, infatti è anche una tappa della Strada del Vino dei Colli Tortonesi ed è rinomata per la produzione di miele e di ottima frutta come pesche e fragole che vengonono trasformate in squisite marmellate e conserve di frutta sciroppata.

2009 08 10 Quintetto Brass di Bolzano per Ultrapadum

17a Edizione Festival Ultrapadum
Lunedì 10 Agosto 2009 ore 21,15
Black or White
Quintetto Brass di Bolzano
Azienda Agricola Montelio – via Domenico Mazza, 1 - Codevilla (PV)
Ingresso 10 Euro
 
L'incasso della serata sarà devoluto all'Associazione per la ricerca sui tumori cerebrali dei bambini di Montelio
Al termine del concerto si terrà la degustazione a cura dell'Azienda Agricola Montelio
Il programma dei concerti è suscettibile di variazioni. In caso di maltempo i concerti si terranno al coperto.
Info per il pubblico: Società dell'Accademia di Voghera, tel: 0383/46918, 335/66.80.112, 349/18.80.328, www.festivalultrapadum.com.
 
In questo concerto, il Quintetto Brass di Bolzano eseguirà i seguenti brani:
Nexus - Robert Neumair;
Can she excuse my wrongs - di John Dowland (Arr. R. Neumair);
Partita In Sib - J. S. Bach (Arr. R. Neumair);
Duetto buffo di due gatti - G. Rossini (Arr. R. Neumair);
Verdissimo - G. Verdi (Arr. R. Neumair);
King Of Pop - M. Jackson (Arr. R. Neumair);
Galaxy - Robert Neumair;
Hora Staccato – (Trad. Arr. R. Neumair);
Englishman in New York - Sting (Arr. R. Neumair);
Spain - Chick Corea (Arr. R. Neumair);
Cicken - Jaco Pastorius (Arr. R. Neumair);
Besame Mucho – (Trad. Arr. R. Neumair).
 
Quintetto Brass Bolzano
 
Composto dai cinque musicisti sudtirolesi Robert Neumair (Tromba), Anton Ludwig (Tromba), Norbert Fink (Corno), Stefan Mahlknecht (Trombone), Toni Pichler (Basso Tuba), esiste dal 1989. Il successo del Quintetto è basato sugli studi compiuti dal gruppo, in sedi internazionali (Bolzano, Firenze, Innsbruck, Stoccarda, Augsburg, Detmold) e la grande esperienza musicale nei vari stili musicali e nelle varie orchestre (Saarländischer Rundfunk, Orchestra sinfonica della Radio di Baviera, Opera di Stato di Monaco, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Gustav Mahler Jugendorchester, Orchestra giovanile italiana, VBB Musical Orchestra).
Con la pura gioia di fare musica a ogni esibizione, l'ensemble di ottoni compie un lungo viaggio musicale attraverso tutte le epoche della storia della musica e tutti gli stili. Il loro programma è poco convenzionale ma sempre di alto livello artistico.
 
Azienda Agricola Montelio di Codevilla
Situata sulle dolci colline dell'Oltrepò Pavese. In origine era l'antica sede della grangia di un monastero dove sin dalla metà del 1200 si coltivava la vite, come dimostrano alcuni contratti di affitto dell'epoca. Nel 1802 Angelo Domenico Mazza acquistò i primi terreni e nel 1848 venne fondata l'Azienda.
Il nome Montelio sta a significare "monte del sole", in greco Helios, a testimonianza dell'amenità della collina e della felice esposizione dei vigneti.
L'Azienda Agricola Montelio di Codevilla è una delle tappe della famosa Strada del Vino e dei Sapori dell'Oltrepò Pavese.  Azienda Agricola Montelio, tel. 0383/373090 - montelio.g@virgilio.it.
 
Codevilla
E' un piccolo comune della provincia di Pavia, situato ai piedi delle colline dell'Oltrepò Pavese, presso lo sbocco in pianura della Staffora; il comune è esteso parte in pianura, parte in collina.
Questa posizione favorisce una rinomata produzione vitivinicola che è l'attività preminente locale, senza disdegnare tuttavia i larghi appezzamenti di pianura coltivati a seminativo che offrono un incantevole esempio della tradizionale campagna lombarda.
I due centri storicamente più importanti che fanno parte del comune di Codevilla sono l'attuale capoluogo e la sua frazione Mondondone: mentre quest'ultima ebbe per lungo tempo la preminenza politica, il primo mantenne sempre la maggiore importanza religiosa. Entrambi estendevano, nel loro campo, la propria influenza anche sulle zone circostanti (Torrazza Coste, Retorbido).

CORI , A PORANA IL FESTIVAL SI RINNOVA

Festival dei Cori di Porana
 
E' una delle manifestazioni più longeve per la piccola comunità di Porana di Pizzale e la sua Associazione Culturale Porana Eventi. Quando è nato, undici anni fa, nessuno si sarebbe aspettato il successo che il Festival dei Cori ha raggiunto di edizione in edizione, tanto che ad oggi, oltre ai sempre più numerosi consensi di pubblico, si registrano adesioni di corali provenienti da tutto il Nord Italia, che ne fanno senza dubbio il Festival più importante del settore anche al di là dei confini pavesi. Il Festival dei Cori, nato per ricordare la figura di Don Sandro Magnani sacerdote generoso, per lungo tempo guida spirituale della piccola comunità di Porana nonostante la grave malattia che l'ha poi condotto alla morte, dallo scorso anno si è arricchito dell'appuntamento con Cori al Kiwi, gustosa anteprima nell'ambito della famosa sagra del kiwi di Pizzale, organizzata da Pro Loco e Comune, e che vede l'esibizione di cori legati alle tradizioni popolari. L'intento degli organizzatori (Porana Eventi, Agenzia CreativaMente, Festival Borghi&Valli – Sulle note di Feste&Patroni) è proprio quello di valorizzare al meglio due tra i principali prodotti del territorio: il frutto entrato a far parte a pieno diritto delle nostre abitudini alimentari e coltivato da anni anche a Pizzale, ed il festival che più di ogni altro esalta le qualità dei gruppi corali in territorio lombardo. L'appuntamento con Cori al Kiwi, è fissato per Domenica 25 Ottobre dalle ore 15 davanti alla Piazza del Municipio di Pizzale: sono aperte le iscrizioni per i cori popolari, con canti folkloristici, ma anche gruppi di differenti generi musicali, con l'obiettivo di trascorrere un pomeriggio in allegria degustando le prelibatezze locali, grazie alla collaborazione con Comune ed Associazioni del territorio. La gara vera e propria tra cori torna invece a Porana Domenica 29 Novembre e prevede due sezioni, liturgica (cori che abitualmente accompagnano le funzioni religiose in Chiesa) ed extraliturgica (cori gospel, spiritual, lirica, con premi suddivisi per sezione). Per chiudere poi l'anno con un ideale filo conduttore e per festeggiare il Santo Natale è ormai una tradizione a Porana richiamare i cori delle varie edizioni del festival la sera di S. Stefano, il 26 Dicembre, per cantare le più belle melodie natalizie alla presenza di affermati personaggi della lirica internazionale come il baritono pavese Ambrogio Maestri ed il soprano americano Sally Kline. In questo caso non si tratta di partecipare ad un concorso, ma semplicemente di proporre gli auguri in musica secondo differenti stili e generi. Informazioni ed iscrizioni al numero 0383.804175 (orari ufficio), 328.4036307 o www.porana.it (dove si trova anche il regolamento di questa edizione)
Associazione Porana Eventi c/o via Pirandello 20 27045 - Casteggio (PV) Tel. 338.7339962 (Diego Bianchi)        328.4036307 (Riccardo Vicini) Fax 0383.803007 www.porana.it

Corsi & Concorsi = ISCRIZIONI APERTE PER PORANA LIRICA

Quest'anno il concorso internazionale si svolgerà il 3 e 4 Ottobre 2009
Porana Lirica quest'anno si svolgerà presso la Certosa Cantù di Casteggio e verrà inserito nel cartellone del Festival Borghi&Valli – Sulle note di Feste&Patroni.
Le iscrizioni sono già aperte ed è possibile visionare il regolamento su www.porana.it: si attendono come sempre numerosi concorrenti provenienti da conservatori ed istituti musicali parificati di tutta Europa, visto che il concorso è aperto a tutti i cantanti lirici italiani e stranieri senza limiti di età.
Dopo due giorni di selezioni, basati su prova eliminatoria e finale, la sera del 3 Ottobre, a partire dalle ore 21,15, è previsto il concerto dei vincitori.
Il pubblico sarà chiamato, attraverso una scheda consegnata all'ingresso, a dare una valutazione dei cantanti finalisti del concorso per l'assegnazione del premio speciale "Borghi&Valli".
Oltre alla valutazione della qualificata giuria, presieduta dal maestro Ennio Poggi (che è anche direttore artistico del Festival) e comprendente musicisti, cantanti ed agenti lirici, i cantanti saranno valutati per la comunicativa e la simpatia dimostrate al pubblico.
In palio ci sono premi per 2500 euro, grazie anche ad Acquatek, che sostiene l'iniziativa, oltre a concerti inseriti nella prossima stagione del Borghi&Valli.
Porana Lirica non è il solo concorso inserito nel Festival, c'è anche Giovani Talenti, riservato a pianisti italiani o stranieri nati tra il 1969 ed il 2002 ed è in programma il 5 e 6 Dicembre presso la Certosa Cantù di Casteggio. Presidente di giuria è Laura Beltrametti (che è anche consulente artistica del Festival), docente di pianoforte presso il Conservatorio Piccinni di Bari; saranno presenti musicisti attivi in campo didattico e/o concertistico, impresari ed organizzatori di Festival, critici musicali e giornalisti dello spettacolo. Tante le novità del concorso, suddiviso nelle seguenti sezioni:
- Solisti: pianoforte, chitarra e strumenti ad arco, strumenti a fiato eventualmente accompagnati al pianoforte
- Musica da camera: gruppi cameristici dal duo in poi ad esclusione della formazione per due pianoforti
- Studenti delle Scuole secondarie di Primo Grado ad indirizzo Strumentale SMIM: riservata a solisti e formazioni di qualsiasi organico dal duo all'orchestra composte interamente da studenti iscritti nell'anno scolastico 2010-2011 in una Scuola Secondaria di Primo grado ad indirizzo musicale
- Concorso Internazionale di esecuzione pianistica
In palio premi complessivi per 3600 euro, oltre a concerti inseriti nella prossima stagione del Borghi&Valli.
L'organizzazione è sempre a cura della Associazione Porana Eventi, con il supporto di Agenzia CreativaMente ed il patrocinio del Comune di Casteggio e della Provincia di Pavia.
Per ulteriori informazioni e per iscrizioni ad entrambi i concorsi contattare la segreteria in orari d'ufficio allo 0383.804175, inviare mail a info@porana.it o visitare il sito www.porana.it.
Associazione Porana Eventi c/o via Pirandello 20
27045 - Casteggio (PV) Tel. 338.7339962 (Diego Bianchi) 328.4036307 (Riccardo Vicini) Fax 0383.803007 www.porana.it

2009 08 16 Corpi danzanti a Martignano (LE)

Domenica 16 AGOSTO 2009 - ore: 19:30
Parco Palmieri -  Martignano (LE)
Arakne Mediterranea, in collaborazione con Il Festival La Notte della Taranta, il Parco Turistico Culturale Palmieri, AirDanza di Roma, l'assessorato alla cultura del Comune di Martignano, presenta la pubblicazione degli Atti:
 
CORPI DANZANTI - Culture - Tradizioni - Identità
Atti delle Giornate di studio in memoria di Giorgio Di Lecce
 
Il testo edito da Besa, raccoglie gli interventi che studiosi, ricercatori e docenti universitari italiani e stranieri hanno tenuto nell'ambito delle intense giornate di studio"Corpi Danzanti". Culture, tradizioni, identità, svoltesi a Martignano (Lecce) dal 14 al 16 settembre 2007 per rendere omaggio alla memoria di Giorgio Di Lecce, studioso, musicista, attore e danzatore, ambasciatore della cultura popolare salentina nel mondo. Nel libro, il filo conduttore che unisce tutti questi lavori, è naturalmente: "Il Corpo Che Danza". L'ampiezza della visione, l'approccio interdisciplinare, l'attenzione alla funzione storica, socio-culturale e artistico educativa della musica e della danza già tipiche dell'operato di Di Lecce ben risaltano nei vari interventi, si tratti di danze tradizionali di ambito europeo ed extraeuropeo, oppure colte, teatrali e di sala. Il risultato, è una vivace e variegata riflessione sulle molte problematiche inerenti la storia, l'etnografia, l'antropologia della danza.
 
Introduzione dei curatori e dell'editore:
Immacolata Giannuzzi - Direttrice Artistica Arakne Mediterranea
Ornella Di Tondo - AirDanza
Sergio Torsello - Consulente Scientifico Ist. "Diego Carpitella"
Livio Muci - Editrice Besa
A seguire gli Interventi di:
Luigi Chiriatti - Prof.  Ricercatore Storia Orale
Gino L. Dimitri - Università del Salento
Eugenio Imbriani - Università del Salento
Alessandro Coppola - Leader  Nidi D'Arac
 
Il gruppo Arakne Mediterranea prosegue nel suo intenso calendario di impegni nelle seguenti date e luoghi:
 
6 Agosto - Santa Caterina Dello Ionio (CZ)
11 Agosto - Ortelle (LE)
13 Agosto - Bivongi (RC)
15 Agosto - Giuliano di Roma (RM)
16 Agosto - Soleto (LE)
18 Agosto - Francavilla Sul Sinni (PZ)
19 Agosto - Valenzano (BA)
22 Agosto - San Sossio Baronia (AV)
24 Agosto - Piaggine (SA)
 
Per tutti i dettagli sulle date (Piazza, orario, ecc) guardare gentilmente il sito www.araknemediterranea.com perchè per alcune date è ancora in fase di aggiornamento!!!
 
 
 

Forza Bande a Porana ci andate ?? Vi aspettano per il Festival

PARATA DI BANDE PER LA FESTA PATRONALE DI PORANA
Si cercano anche artisti popolari per il raduno lombardo
dei "Borghi più belli d'Italia"
 
Non si tratta della solita Sagra Patronale ma di una vera e propria parata di bande e artisti popolari: di anno in anno raccoglie sempre più consensi, tanto che da manifestazione provinciale è diventata interregionale, ospitando complessi bandistici un po' da tutto il nord Italia. "Bande&Borghi in Allegria" è organizzato dall'Associazione Porana Eventi in collaborazione con Festival Borghi&Valli, Agenzia CreativaMente e Comune di Pizzale.
Tramite i consensi della giuria popolare, formata dal pubblico presente, vengono premiate la banda più preparata, la banda più elegante e la banda più simpatica: insieme, ad inizio della manifestazione, eseguono l'inno del Festival Borghi&Valli, quello dei Borghi più belli d'Italia e infine quello di Mameli.
L'appuntamento è per Domenica 27 Settembre dalle 15,30 nell'area della stazione ferroviaria di Lungavilla, che sorge sul territorio comunale di Porana, dove in quell'occasione viene proprio celebrata la festa del patrono, San Crispino: da lì partirà la sfilata per la via principale del paese (accompagnata da majorettes e altri elementi di supporto) con la gente al seguito della statua di San Crispino e dei "Crocioni" portati da alcune caratteristiche confraternite, con costumi d'epoca; le bande, una volta radunatesi nel parco di Villa Meroni, e terminata la benedizione impartita dal parroco Don Cesare De Paoli, daranno vita ad uno spettacolare concerto.
Ciascun gruppo eseguirà brani per un tempo massimo di 30 minuti, dopodiché verrà giudicato dalla giuria popolare in base all'intensità degli applausi del pubblico. Proprio per questo si consiglia sempre ai componenti le bande di portare al seguito un nutrito numero di sostenitori.
Quest'anno, poi, Porana, che fa parte dell'Associazione dei Borghi più Belli d'Italia, invita gli altri Borghi lombardi e delle aree limitrofe a partecipare con una rappresentanza di artisti locali per dare vita ad un altro premio, "Borghi in allegria": cantanti, ballerini, gruppi folkloristici e fantasisti porteranno così una ventata di allegria nella piccola frazione di Pizzale e anche in questo caso il pubblico presente decreterà il vincitore.
Ma ci sarà spazio anche per tutte le associazioni di volontariato del territorio, che avranno a disposizione un piccolo spazio in cui promuovere la loro attività, al pari dei produttori locali che vorranno fare conoscere i loro prodotti in un originale mercatino.
La rassegna ha sempre grande risalto su TV, radio e giornali regionali: nelle intenzioni degli organizzatori vi è il desiderio di creare un ampio confronto culturale, musicale e sociale tra i partecipanti, valorizzando i complessi bandistici ma anche la "vetrina artistica" di ciascun borgo.
Da sottolineare infine che il Festival è dedicato alla memoria del musicista Gino Marchesi, ma anche a Don Francesco Barbieri e Mons. Carlo Gomarasca, a lungo guide spirituali della Parrocchia di Porana, e al missionario salesiano Don Ivano Zanovello.
Le iscrizioni, già aperte, continueranno sino ai dieci giorni precedenti la data del concorso.
Per ogni banda e gruppo folkloristico è previsto un rimborso spese da concordare con la Segreteria Organizzativa. Ulteriori informazioni chiamando il 328.4036307, oppure sul sito www.porana.it o inviando una mail a info@porana.it
 
Associazione Porana Eventi
c/o via Pirandello 20
27045 - Casteggio (PV)
Tel. 338.7339962 (Diego Bianchi)
328.4036307 (Riccardo Vicini)
Fax 0383.803007
www.porana.it

2009 08 10 Notte di San Lorenzo con la grande musica per Organo

Le Voci della Città
ANTICHI ORGANI
Un Patrimonio di Milano
Nono Ciclo
1° luglio  - 12 dicembre 2009
Nella notte di San LORENZO
Lunedì 10 agosto 2009, ore 21
Basilica di San Lorenzo Maggiore
Corso di Porta Ticinese 39, Milano
Primo Concerto sull'antico organo restaurato
(organo Pietro Bernasconi 1884)
Enrico Viccardi, organo

Al termine visita della Basilica con apertura straordinaria della
Cappella di Sant'Aquilino (V - XII secolo)
ingresso libero e gratuito
fino ad esaurimento dei posti disponibili

INFO:
Le Voci della Città
info@levocidellacitta.org
tel 02. 3910 4149
www.levocidellacitta.org

Georg Friederich Händel (1685-1759)
Ouverture in Theseus (Lentement)-Allegro-Lentement, Allegro

Georg Böhm (1661-1733)
Partite sopra l'aria "Jesu, du bist allzu schöne"

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Wer nur den lieben Gott läßt walten BWV 691
Toccata e fuga in re minore BWV 565

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Variazioni in do maggiore KV 265  Ah, vous dirai-je, Mamam

Padre Davide da Bergamo (Felice Moretti, 1791-1863)
Sinfonia in si bemolle maggiore

Vincenzo Antonio Petrali (1830-1889)
Studio in sol maggiore "Flauto traversiere e Corno inglese"
Studio in la maggiore "Principale di 16, Flauto traverso, Cornetto 1°"
Studio in fa maggiore "Principale 1° e 2° di 8 piedi e Voce Umana"
Suonata per la Consumazione 

Alexandre Guilmant (1837-1911)
Offertoire in mi bemolle maggiore
Marche in fa maggiore

Enrico Viccardi, nato a Maleo nel 1961, si è diplomato con il massimo dei voti in Organo e Composizione organistica al Conservatorio di Piacenza nella classe di Giuseppina Perotti, perfezionandosi poi per due anni con Michael Radulescu alla Hochschule für Musik di Vienna. Ha seguìto inoltre numerosi corsi di perfezionamento con qualificati insegnanti quali E.Fadini, C.Tilney, J.Langlais, D.Roth e in particolare quelli tenuti da L.F. Tagliavini all'Accademia di Pistoia. L'attività concertistica lo ha portato a suonare in numerosi centri italiani ed all'estero - con un particolare interesse alla valorizzazione del ricco patrimonio di strumenti storici - per rassegne ed associazioni prestigiose, fra le quali Musica e poesia a San Maurizio (Milano), Feste organistiche di Venezia, Accademia di Pistoia (a Colorno), Cattedrale di Cremona, Festival Internazionale di Trento, Settimana Organistica Internazionale di Piacenza, Festival Organistico della Città di Bolzano, Festival Internazionale di Paola, La Chaise Dieu, Granada, Festival Internazionale delle Asturie, Barcellona, Festival Internazionale di Lisbona, Azzorre, Città del Vaticano, Malmö, Uttum, Alma-Ata. Ha collaborato anche come continuista con prestigiosi complessi quali il Coro della Radio della Svizzera Italiana, l'ensemble Vanitas, i Sonatori della Gioiosa Marca con direttori quali René Clemencic, Diego Fasolis, Giuliano Carmignola. Ha registrato per Bottega Discantica, Divox Antiqua e Dynamics; per la casa Fugatto ha invece realizzato un dvd intieramente dedicato a musiche per organo di J.S.Bach. Interessato allo studio delle antiche scuole organarie, ha partecipato al censimento degli strumenti storici delle Province di Cremona e Piacenza ed è autore di una monografia sullo storico organo L.Riccardi (1859) di Fombio. Ha tenuto corsi di perfezionamento in Italia, Spagna, Portogallo, Germania, Svezia e Kazakhstan. È docente ai Corsi d'Organo dell'associazione Marc'Antonio Ingegneri di Cremona e all'Istituto diocesano "San Cristoforo" di Piacenza nonché presidente dell'associazione musicale Accademia Maestro Raro di Casalpusterlengo (LO). È titolare della cattedra d'Organo e Composizione organistica al Conservatorio "G.Verdi" di Como. (www.enricoviccardi.org)

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)