2016_01_24 Concerti a San Donato Milanese

Domenica 24 gennaio 2016 - Ore 17
Cascina Roma, Piazza delle Arti 6, San Donato Milanese
"Musica a San Donato" - Concerti a San Donato Milanese
una rassegna del comune di San Donato
con la collaborazione di Canone Inverso

Ingresso Euro 5
Quartetto Delfico
Mauro Massa e Andrea Vassalle, violini
Gerardo Vitale, viola
Silvia Serrano, violoncello
Programma:
F. J. Haydn (1732-1809): Quartetto op.55 n.1 in la maggiore
W. A. Mozart (1756-1791): Quartetto K. 421 in re minore
G. B. Cirri (1724-1808): Quartetto n.6 in mi minore
L. van Beethoven (1770-1827): Quartetto op.18 n.2 in sol maggiore

2016_01_31 Buon compleanno, caro Franz! allo Spazio Teatro 89 di Milano

Spazio Teatro 89 e Coop Lombardia
presentano
15a Rassegna Musicale  “In Cooperativa per amare la musica - I Concerti Fior Fiore Coop”
In collaborazione con Serate Musicali 
Domenica 31 gennaio 2016, ore 17   
Buon compleanno, caro Franz!
Schubertiade per il 219° anniversario di Franz Schubert
con Mirko Guadagnini, Piercarlo Sacco, Luca Schieppati
con la partecipazione di Luca Ciammarughi, pianista e narratore  
 e un cameo di Patty “Mignon” Rossi, arpa celtica  
 
Va bene, celebrare gli anniversari è pratica obsoleta quant'altre mai, chiaro segno di mancanza di fantasia in chi organizza l’evento e abbondanza di conformismo in chi lo approva e vi partecipa. E poi certi autori sono talmente eseguiti anche al di fuori delle ricorrenze che non si capisce la ragione di questi appuntamenti, più spesso pretesti di stucchevole agiografia che non di serio approfondimento storico-estetico… Tutte obiezioni ragionevolissime; ma sempre soccombenti o almeno tenute in non cale a fronte della felicità che la musica di Franz Schubert, con il suo miracoloso equilibrio di dolcezza, tragedia e profondità, è sempre in grado di donarci, qualsisia l’occasione in cui si abbia la fortuna di ascoltarla. E dunque, anniversario sia! A guidarci lungo il cammino del Poeta-Viandante nel giorno del suo 219° compleanno avremo a Spazio Teatro 89 Luca Ciammarughi, musicista e musicologo di comprovata fede schubertiana, assieme al tenore Mirko Guadagnini, al violinista Piercarlo Sacco e al pianista Luca Schieppati. In programma, brani noti e meno noti, alcune trascrizioni, e un omaggio di Carlo Galante al festeggiato. Oltre, naturalmente, a un brindisi, da elevare con entusiasmo e gratitudine:
“Tanti auguri, caro Franz!”
 

Spazio Teatro 89
via Fratelli Zoia 89 20153, Milano
Autobus: 49, 78; nelle vicinanze MM5 S. Siro Stadio
Accesso disabili: sì  
0240914901; 3358359131

2016_01_22 Stagione Lirica Live di Rosetum pronto il calendario della edizione 2016

STAGIONE LIRICA LIVE 2016
TEATRO ROSETUM

Venerdì 22 Gennaio 2016_01_22 ore 20
COSÌ FAN TUTTE
opera di Wolfgang Amadeus Mozart
Personaggi:
Fiordiligi Ahn Sun Young
Dorabella Marina Serpagli
Guglielmo Kwon Oh Young
Ferrando Rosario Di Mauro
Despina Ekaterina Korotkova
Don Alfonso Stefano Kim


Allievi dell’Opera Studio dell’ADADS Accademia dell’Arte dello Spettacolo

Direttore Musicale Al Pianoforte: MARCO BERETTA
Collaborazione alla Messa In Scena: ALBERTO OLIVA
Coro: Coro Dell'ADADS - Accademia Dell'Arte Dello Spettacolo

Disegni Luci: Irene Pellecchia
Costumi: Artescenica Reggio Emilia
Trucco E Parrucco: A.P.T.A. Accademia Professionale Trucco Artistico

Biglietto intero 15 euro
Ridotto Soci Amici di Rosetum 12 euro

Per informazioni e prenotazioni: tel. 02 48707203 info@rosetum.it



Seguiranno:

Domenica 28 Febbraio 2016_02_28 ore 20
LA TRAVIATA
opera in tre atti di G. Verdi

2016_02_26 Teatro Rosetum Traviata (Vedi fotoservizio)


Venerdì 18 Marzo 2016_03_18 ore 20
LUCIA DI LAMMERMOOR
opera in tre atti di G. Donizetti

2016_03_18 Rosetum Lucia di Lammermoor


Venerdì 15 Aprile 2016_04_15 ore 20
LA BOHEME
opera in quattro quadri di G.Puccini

Con gli allievi dell’Opera Studio dell’ADADS Accademia dell’Arte dello Spettacolo
Collaborazione alla Messa In Scena: ALBERTO OLIVA
Trucco E Parrucco: A.P.T.A. Accademia Professionale Trucco Artistico
Direttore Musicale Al Pianoforte: MARCO BERETTA

Dopo il successo dello scorso anno torna a Rosetum la grande stagione dedicata alla lirica live in collaborazione con Adads, Accademia dell’Arte dello Spettacolo. Si comincia venerdì’ 22  gennaio alle ore 20 con Così Fan Tutte di Wolfgang Amadeus Mozart. L’opera buffa in due atti del grande salisburghese viene presentata al pubblico sotto forma di  “Opera studio” e vede sul palcoscenico di via Pisanello il direttore musicale al pianoforte Marco Beretta e gli allievi dell’Opera Studio dell’ADADS. 
Per questa edizione la Stagione Lirica Live di Rosetum si avvale della collaborazione alla messa in scena di ALBERTO OLIVA, regista milanese che si muove tra prosa e lirica, tra i più  applauditi e apprezzati del momento. 

2016_01_28 CONCERTO DEL THAYMA DUO A LECCO

Giovedì 28 gennaio 2016_01_28 alle ore 20:30
Auditorium Casa dell'Economia, Lecco
CONCERTO DEL THAYMA DUO
Interpreti
Arpa: Elena Piva
Arpa: Marta Pettoni
Georg Friedrich Händel Sarabanda e Allegro
Jean-Baptiste Cardon Duetto n. 1 e n. 3 per due arpe
Anonimo What child is this (Greensleeves)
Camille Saint-Saëns Danza macabra
Ottorino Respighi Siciliana per due arpe
Jules Massenet Piccola suite dal balletto “El Cid”
John Thomas Cambria Duet

2016_01_29 Teatro Fraschini, i cieli bigi di Parigi si colorano nella Bohème pensata da Leo Muscato

Venerdì 29 gennaio 2016_01_29 alle 20.30 e in replica domenica 31 gennaio 2016_01_31 alle ore 15.30

TEATRO FRASCHINI
STAGIONE d’OPERA 2015-2016
BOHÈME di G. Puccini
La  Stagione d’Opera del Teatro Fraschini si conclude con la quinta opera in cartellone: Bohème di Giacomo Puccini. Direttore Carlo Goldestein. Regista Leo Muscato. 

Personaggi ed Interpreti
Mimì  - Maria Teresa Leva  
Rodolfo - Matteo Falcier  
Musetta - Francesca Sassu
Marcello - Sergio Vitale  
Colline - Alessandro Spina  
Schaunard - Paolo Ingrasciotta
Benoît/Alcindoro - Paolo Maria Orecchia  
Parpignol - Daniele Palma  
Un venditore ambulante - Mattia Rossi
Sergente dei doganieri - Eugenio Bogdanowicz
Un doganiere - Victor Andrini
Maestro concertatore e Direttore Carlo Goldestein
Regia Leo Muscato
Scene Federica Parolini
Costumi Silvia Aymonino
Luci Alessandro Verazzi
Maestro del coro Antonio Greco
Maestro del coro di voci bianche Hector Raul Dominguez
Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano
Coro di OperaLombardia
Coro di voci bianche dell’Istituto Monteverdi di Cremona – Progetto Mousiké

NOTE a cura di Mariateresa Dellaborra
Bohème è da più parti considerata la prima opera matura di Giacomo Puccini e il primo capolavoro musicale uscito dall’ambiente borghese di Italia fin de siècle. Dramma lirico in quattro quadri tratto dal romanzo Scènes de la bohème di Henri Murger, fu programmato nella stagione del Teatro Regio di Torino il 1° febbraio 1896 e da allora le repliche si sono succedute, sopravanzando quelle di qualunque altra opera. Se il pubblico recepì positivamente la storia e la narrazione musicale concepita dal compositore, la critica fu più tiepida e sottolineò, talora con giudizi negativi, novità e differenze di questa opera soprattutto in relazione al melodramma tradizionale italiano. In effetti episodi, personaggi e linguaggio di Bohème non hanno nulla in comune con ciò che andava in scena a quei tempi e semmai precorrono ciò che sarà il teatro degli anni successivi. 
Il dramma richiese a Puccini due anni di intenso lavoro (1893-1895) e insieme a lui furono coinvolti, nella revisione, nel rifacimento e nell’adattamento del testo, gli infaticabili e pazienti librettisti Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, che riuscirono a confezionare un testo esemplare, un modello di sensibilità tardo-romantica, eliminando, sulla base delle rigorose indicazioni di Puccini stesso, ogni elemento che potesse attenuare l’aura patetica e la concentrazione sentimentale da immaginate dal musicista. Molte scene vennero tagliate per esaltare un’emotività introversa, respingendo le tentazioni della teatralità alla moda e si delinearono con estrema precisione i caratteri, scegliendo con infallibilità i termini del loro linguaggio. 
La musica di Bohème è la rielaborazione personale e coerente di molte suggestioni artistiche provenienti dal teatro europeo, ma l’intenso lirismo melodico, l’armonia originale e raffinata, il timbro strumentale e i colori sono inconfondibilmente pucciniani. Ogni idea musicale, ogni scoperta timbrica è finalizzata a uno specifico effetto ed è mirabilmente coerente nel tutto. Su questa trama si realizza un tipo di vocalità frantumata, sensibile alle inflessioni verbali, ma nello stesso tempo patetica e pronta ad espandersi. Molti discorsi prendono avvio da un accordo, anche da una sola nota che resta isolata nell’orchestra, iniziano sommessamente e si ampliano appoggiandosi agli strumenti, si slanciano e poi si richiudono. 
La forza innovativa di Bohème non riguarda tuttavia solo il tipo di scrittura vocale e strumentale ma anche le strutture del melodramma tradizionale. Il musicista le trasforma dall’interno, frantumandole e concentrando la propria attenzione sui vari elementi del pezzo considerati in sé e per sé. I brani d’assieme risultano dunque spesso costruiti non più secondo contrapposizioni formali, ma allineando differenti piani sonori relativi a situazioni drammatiche estranee le une alle altre, come fossero – secondo una concreta immagine utilizzata da un critico contemporaneo a Puccini - l’olio dentro l’acqua. Ma è proprio da questa diversità che scaturisce la peculiarità e l’efficacia espressiva del compositore. 

TRADIMENTI DI BOHÈME Note di regia di Leo Muscato
Quando Puccini cominciò a lavorare su La vie de bohème di Murger era ormai un compositore di successo. Probabilmente in quel soggetto ravvisava un po’ se stesso all’epoca degli stenti giovanili milanesi.  Aveva mosso i suoi primissimi passi fra quei giovani poeti, musicisti e pittori che appena qualche anno prima avevano dato vita alla Scapigliatura. Quei giovani, animati da un forte sentimento di ribellione e di disprezzo nei confronti della cultura e del perbenismo borghese, avevano desunto il loro nome da una libera interpretazione del termine francese Bohème (vita da zingari), e si erano ispirati alla vita libertaria e anticonformista degli artisti parigini descritta proprio nel romanzo di Murger. 
Nel momento in cui l’opera di Puccini andava in scena per la prima volta, il sentimento nostalgico per quei tempi passati, era un sentimento diffuso. Probabilmente, fra gli stessi spettatori presenti in sala c’era chi in gioventù aveva vissuto in prima persona quel fermento culturale, artistico e politico; invece adesso sedeva imborghesita nei palchi del teatro. “O bella età d’inganni e d’utopie! Si crede, spera e tutto bello appare!”  Già! Appare.
Questa prima intuizione ci ha accompagnato in tutta la fase di elaborazione del progetto: bisognava puntare sulla memoria emotiva dei nostri spettatori. 
Un’altra rivelazione ci è arrivata da una didascalia a cui non avevamo mai dato la giusta importanza: Parigi. 1830. Puccini aveva messo una distanza temporale fra la sua epoca e quella d’ambientazione di cui valeva la pena tenere conto. 
Ma cosa accadeva nel 1830, a Parigi? Era l’anno della Seconda Rivoluzione Francese (o Rivoluzione di Luglio, come i più la conoscono). Un anno di barricate e di sanpietrini divelti da migliaia di giovani scesi in strada per spodestare la monarchia. In quegli scontri caddero ottocento persone, e la loro morte servì appena a ottenere un cambio di dinastia: a un re Borbone, ne succedette uno della casa d’Orléans, quel Luigi Filippo citato da Puccini.
Ma il bohémien, come Murger l’intende, è più una categoria dello spirito che un prodotto della storia. E se è soggetto sociale determinato, lo è solo in quanto la storia l’attraversa tutta: “Dai cantori omerici dell’antichità greca, ai menestrelli di Provenza, ai trovatori erranti del Rinascimento”. E così via, sino alle soglie dei nostri tempi liquidi dove truppe di bobò in ansia da prestazione sul versante des alternatives de vie intasano le strade  dell’opzione libertaria radicale. Ma, per tornare a Murger, un soggetto sociale che attraversa l’intera storia, necessariamente la trascende. 
Il bohémien, dunque, come luogo simbolico dell’oltre sistema, degli schemi, delle gabbie sociali, della vita per l’arte. Il bohémien dell’amata opzione del vuoto identitario, la tentazione del vuoto, il vuoto - anche quello dello stomaco. Tutto, purché si respiri libertà.
Nella nostra messa in scena, l’archetipo simbolico slitta nel soggetto storico che ha animato il maggio francese; ed è qui che tradiamo. Perché, nonostante l’epoca di barricate e di sampietrini divelti, non era certo intenzione di Murger fare dei suoi quattro bohémiens dei rivoluzionari protosocialisti ante litteram. Abbiamo tradito, sì, ma cercando parentele.
I nostri protagonisti vivono e agiscono una delle più grandi rivoluzioni culturali del ‘900, decisamente diversa dalla scapigliatura, ma altrettanto dirompente. E poiché nei primi due quadri li vediamo allegri, divertiti, divertenti e spensierati, non riusciamo a immaginarceli con i libri di Althusser e di Marcuse nelle tasche. Pensiamo a loro piuttosto come a quel folto numero di giovani che ha animato il Sessantotto nei suoi aspetti di rivoluzione diffusa, culturale e di costume. È così che li abbiamo immaginati. 
Mimì invece. Lei no. Non tradiamo la grisette dei fiori finti di Murger, né quella pucciniana, né questa che portiamo in scena e che lavora in una fabbrica che le insozza i polmoni sino a condurla alla morte. 
Lei è soggetto storico privilegiato, non astratta categoria dell’anima, ma categoria sociale, semmai. Classe. Quella che nella seconda metà dell’800 si trova assembrata nelle fabbriche grigie di fumi velenosi e nei sobborghi mefitici delle metropoli industriali.
Lei è il movimento reale delle cose, è il sacrificio umano che sorregge l’impalcatura di pensiero rivoluzionario che si muove lungo i binari della storia. E se in questa messa in scena, Rodolfo, Marcello, Schaunard, Colline e Musetta sono forse pretestuosamente “sessantottini”, Mimì è invece la mia scelta d’elezione. Era operaia e ultima ai tempi di Murger, di Puccini; è un’operaia che crepa in questa messa in scena; è la morte bianca che affolla i nostri tempi. 
Il movimento reale, la storia non lo scalza, proprio perché è carne, e sangue, e morte, in taluni casi. È stata Mimì a trascinarsi dietro tutti gli altri, noi compresi, per andare a posizionarsi proprio là dove la storia del ‘900 ha tentato la rivoluzione, riuscendovi solo a metà. Noi le abbiamo solo dato retta.

BIGLIETTERIA C.so Strada Nuova 136 - Pavia
Aperta dal lunedì al sabato dalle ore 11 alle 13 e dalle 17 alle 19
Aperta un’ora prima di ogni spettacolo Tel. 0382-371214
PREZZI 
Da 55 euro (platea e palchi centrali) a 14 euro (posti in piedi non numerati).
Sono riconosciute riduzioni, oltre che di legge, anche per le scuole e gli studenti universitari.
Tutti i prezzi sono pubblicati sul sito www.teatrofraschini.org ACQUISTO ON LINE 


2016_01_21 Il barbiere di Siviglia rock??? al Teatro Leonardo di Milano

Da giovedì 21 Gennaio 2016_01_21 a domenica 31
Teatro Leonardo da Vinci via Ampere, 1 ang. Piazza Leonardo da Vinci 20131 Milano
Il barbiere di Siviglia, opera rock
AUTORE Pierre-Augustin de Beaumarchais
CON 
Fabrizio Bianchi, Matteo De Blasio, Paola Galassi, Isabella Perego, Lidia Piraino, Daniele Turconi
REGIA Susanna Baccari, Claudio Orlandini
MUSICA Gipo Gurrado, Lucio Sagone
COSTUMI Maria Chiara Vitali
SCENOGRAFIA Maria Chiara Vitali
LUCI Monica Gorla
La trama de Il barbiere di Siviglia è nota: il giovane conte d’Almaviva (soggetto e protagonista dell’azione) cerca di strappare all’oppositore Bartolo, figura paterna, la pupilla Rosina; l’impresa è condotta a termine grazie all’intervento di Figaro, aiutante del conte ed erede di una tradizione di servi astuti e intriganti che risale alla commedia classica. Lo svolgimento è interamente ed esclusivamente determinato dalla dialettica tra le astuzie dei giovani e quelle di Bartolo, tra gli attacchi dei primi e la difesa del secondo che alla fine soccombe… . Sei audaci attori in un gioco di ruoli e cambio continuo di personaggio, spiritoso e accattivante, in bilico tra farsa e poesia, rendono l’opera una commedia adrenalinica in cui tutto è a vista e il teatro accade in quel sensazionale presente.

La messa in scena, condotta dai registi in stretta collaborazione con il compositore Gipo Gurrado, esalta le sonorità rossiniane opportunamente elaborate per inventarne una nuova versione dal cuore rock. “Occuparsi delle musiche per una produzione teatrale de Il barbiere di Siviglia è come dover scrivere una melodia su un testo che dice “quando sei qui con me…”. Ovviamente non si può. Bisogna solo sedersi, mettere sul lettore CD (meglio se si ha un bel vinile) la Sinfonia in Mi maggiore di apertura dell’opera e farsi trascinare dall’inventiva di Rossini. Questo è stato il punto di inizio da cui siamo partiti, io e il batterista Lucio Sagone, per cercare di parafrasare quell’energia musicale così dirompente già nel 1816 in qualcosa di ascoltabile oggi e soprattutto di funzionale alla messa in scena di Susanna Baccari e Claudio Orlandini.” Gipo Gurrado

La trama de Il barbiere di Siviglia è nota: il giovane conte Almaviva (soggetto e protagonista dell’azione) cerca di strappare all’oppositore Bartolo, figura paterna, la pupilla Rosina; l’impresa è condotta a termine grazie all’intervento di Figaro, aiutante del conte ed erede di una tradizione di servi astuti e intriganti che risale alla commedia classica. Lo svolgimento è interamente ed esclusivamente determinato dalla dialettica tra le astuzie dei giovani e quelle di Bartolo, tra gli attacchi dei primi e la difesa del secondo che alla fine soccombe…

Sei audaci attori in un gioco di ruoli continuo, spiritoso e accattivante, in bilico tra farsa e poesia, rendono l’opera una commedia adrenalinica in cui tutto è a vista e il teatro accade in quel sensazionale presente.
La messa in scena, condotta dai registi in stretta collaborazione con il compositore Gipo Gurrado, esalta le sonorità rossiniane opportunamente elaborate per inventarne una nuova versione, dal cuore rock.

PERCHE' VEDERLO
Per scoprire con quale energia può essere riletto un classico della tradizione lirica e non solo // Per apprezzare la regia di un duo affiatato composto da Susanna Baccari e Claudio Orlandini // Per scoprire un cast giovane e talentuoso, che sarà in scena in maggio al Teatro Franco Parenti e dal quale Filippo Timi ha attinto per il suo Don Giovanni  Infotel: 02 86454545 Vedi sito

2015_10_31 Mortara on Stage 2015-2016 apre con Claudia Koll


INAUGURAZIONE


Sabato 31 Ottobre 2015_10_31 
Evangélion:
La Storia Di Gesù
Musica Di Mario Castelnuovo-Tedesco
Claudia Koll Attrice
Alessandro Marangoni, Pianoforte
Evento In Collaborazione Con L’organizzazione Internazionale Del Lavoro (Ilo) Per Il Manifesto

Sabato 21 Novembre 2015_11_21 
Chiedo Scusa al Signor Gaber
Enzo Iacchetti
Con la Witz Orchestra
Edil Maestro Marcello Franzoso, Pianoforte
Sculture Luminose Di Marco Lodola

Sabato 30 Gennaio 2016_01_30 
Mangia, Bevi e Taci!
Atto Unico Comico-Brillante
Manuela Tadini e Marcello Poletti
Luci di Enrico Maria Brocchetta
Regia di Manuela Tadini

Sabato 20 Febbraio 2016_02_20 
Vincitori del Concorso Internazionale per
Cantanti Lirici  Città di Mede
Arie d’opera Celebri di Rossini, Verdi, Puccini e Mascagni
Entrata a Offerta

Sabato 19 Marzo 2016_03_19 
Domenica 20 Marzo 2016_03_20 
L’altra Riva Del Fiume
Compagnia Teatrale
I Riso E Amaro
Testo e Regia Di
Marta Comeglio

Sabato 02 Aprile 2016_04_02 
Mozart, un ragazzo davvero galante
Mario Ancillotti Flauto e Direttore
Orchestra Sinfonica di Sanremo
Concerto In Sol Maggiore, per flauto e orchestra K 313

Sabato 23 Aprile 2016_04_23 Ore 21.00
Giuseppe Verdi
La Traviata
Libretto Di Francesco Maria Piave
Personaggi e interpreti:
Violetta Valéry - Carmen Claure
Alfredo Germont - Antonio Cervato
Giorgio Germont - Alessandro Civili
Flora Bervoix - Tania Pacilio
Gastone Di Létorières - Roberto Caccamese
Barone Douphol - Lim Jong Dal
Marchese D’obigny - Enrico Gaudino
Dottor Grenvil - Enrico Caporiondo
Annina - Maria Lucia Brunetti
Giuseppe - Gianfranco Morato
Un Domestico Di Flora - Gianfranco Morato
Un Commissionario - Adriano Sacchi
Gianluca Fasano Direttore
Orchestra Incanto In Musica di Pavia
Corale “F. Vittadini” Di Pavia
Regia di Nadia Matteucci
Costumi Sartoria Bianchi

Mortara On Stage 2016
Auditorium “Città Di Mortara”
Viale Dante 1 - Mortara
Poltrone: 12 Euro
Gradoni: 10 Euro
Spettacolo Di Enzo Iacchetti: 15 Euro, Posto Unico
Opera La Traviata: 20 Euro, Posto Unico
Biglietti: C/O Libreria “Le mille e una pagina”, Mortara
Telefono 0384 298493
Entrata Gratuita a tutti i possessori della Mortara-Card

2016_01_30 Riparte Mortara on Stage

Riparte Mortara on Stage nel 2016 con una commedia brillante e divertente dal titolo "Mangia, bevi e taci!!!", scritta e interpretata da Manuela Tadini, nota attrice milanese.

Sabato 30 gennaio 2016 ore 21 precise
“MANGIA, BEVI e TACI!!!”
Atto Unico Comico
con Manuela Tadini, Marcello Poletti
Regia Manuela Tadini
Un uomo e una donna convivono sotto lo stesso tetto, detestandosi apertamente.
Forse perché l'eventuale solitudine li terrorizza più del loro reciproco rancore,
Perché non si separano?
o forse perché il disprezzo è ormai l’unica alternativa  alla loro noiosa e monotona quotidianità.
Fuori casa, vili attentati terroristici uccidono indiscriminatamente ma di fronte a tale vero dramma, i due litiganti badano solo alla loro  personale sopravvivenza ed al patetico predominio dell'uno sull'altra.
uomini, donne e bambini,
Come finirà?
Note di Regia
Nulla è più congeniale di una situazione palesemente grottesca per esprimere al meglio gli egoismi e le individuali meschinità della natura umana più deplorevole, perché è solo ridendo del paradosso che possiamo notare quanto tale comportamento ci appartenga più di quanto si immagini.

Manuela Tadini
Teatrante milanese, è una figura completa di attrice, dramaturg e regista.Due volte vincitrice del Premio del Pubblico al concorso teatrale nazionale La Parola ed il Gesto, sviluppa da anni un lavoro alternativo di ricerca che sperimenta soprattutto sulle proprie drammaturgie.
Come attrice, autrice e regista, la sua opera coinvolge soprattutto la contaminazione e l’amalgama fra le Arti, non a caso la sua prima esperienza dove ricopre tali ruoli unisce il Teatro al Cinema d’Autore. Attraverso il Teatro di Innovazione, ha inoltre incarnato la vita della scultrice francese Camille Claudel in una sua pièce ospitata anche al Festival Teatrale di Mantova, realtà fra le più prestigiose ed autorevoli a livello internazionale.
Nel 2007 crea la Compagnia Teatrale R.a.M.p.L.à. acronimo sarcastico di Rien à Manger pour les Artistes, con cui porta in scena gli spettacoli “Mangia, bevi e taci!!!” e “Il Ritratto di Dorian Gray”, versione teatrale avant-garde del noto romanzo di Oscar Wilde da lei scritta, diretta e cointerpretata. In entrambe le performance recita accanto a Marcello Poletti, suo partner teatrale da diversi anni.

Marcello Poletti
Attore milanese, ha condiviso la Direzione Artistica del Teatro Greco di Milano fino al 2005. E’ il protagonista di vari spettacoli fra cui “L’uomo dal fiore in bocca” di Pirandello, “Il Diario di Anna Frank”, “La bisbetica domata” di Shakespeare, “Frankenstein Junior” , “Le relazioni pericolose” di De Laclos, ed è presente anche nelle commedieteatrali “L’importanza di chiamarsi Ernesto” di Oscar Wilde e “La cena dei cretini” di Francis Veber.
In vendita i biglietti presso la Libreria "Le mille e una pagina"

2016_01_23 Storie di un Artigiano di Illusioni (Spettacolo Teatrale)

Sabato, 23 Gennaio 2016 - Ore 20,30
Presso TEATRO GIACOSA P.zza del Teatro, 1  Ivrea

AURELIO PAVIATO MUVIX EUROPA Srl
PRESENTANO



STORIE DI UN ARTIGIANO DI ILLUSIONI

Intero Euro 15,00 - Ridotto (under 12) Euro 10,00
Prenotazioni
Aurelio Paviato, unico italiano ad aver vinto il Campionato del Mondo di Magia a Losanna, porta sul palcosconico le Storie di un artigiano di illusioni, una visione poetica ed elegante dell’illusionismo di altissimo livello tecnico. Un viaggio nel mondo magico coinvolgente ed emozionante. Un vero maestro nella “magia d’autore”.
Storie di un Artigiano di Illusioni Vedi video
Recensione dello spettacolo L'Eco di Bergamo
www.aureliopaviato.com
aurelio@aureliopaviato.com

2016_01_29 Varese MARCO PAOLINI RACCONTA JACK LONDON

IL 29 E IL 30 GENNAIO 2015 PRIMO APPUNTAMENTO DELLA RASSEGNA TEATRALE "GOCCE 2016" - Varese

MARCO PAOLINI RACCONTA JACK LONDON AL TEATRO DI VARESE CON LO SPETTACOLO "BALLATA DI UOMINI E CANI"

VENERDI' 29 e SABATO 30 GENNAIO 2016
TEATRO - BALLATA DI UOMINI E CANI DI E CON MARCO PAOLINI 
 

Organizzatore: RagTime
Luogo: Teatro di Varese - Piazza della Repubblica - Varese
Orario: 21.00
 
Ingresso: Biglietti: platea, 30 € – I Galleria, 25 € – II Galleria, 20 €
                 Ridotti:   platea 28 €  – I Galleria, 23€  – II Galleria, 18 €
                Studenti: platea, 25 € – I Galleria 20 €  – II Galleria, 15 €
 
Biglietti in prevendita online su www.vivaticket.it, presso i punti vendita vivaticket, presso i supermercati COOP e presso gli uffici Rag Time, c/o ARCI, Via Monte Golico 14, Varese, tutti i martedì e i giovedì dalle 17 alle 19 e il sabato dalle 10 alle 12.30

Venerdì 29 e Sabato 30 Gennaio, con lo spettacolo "Ballata di uomini e cani", Marco Paolini ci introdurrà in un viaggio tra i sentimenti più forti dell'essere umano: la paura, la compassione, l'odio.
Tra dramma e ironia darà vita a tre diverse storie, che prendono la forma di un canzoniere teatrale con brani tratti da opere e racconti di Jack London e musiche ad essi ispirate, capaci di evidenziare lo strettissimo e drammatico rapporto tra uomo e natura.
Il primo racconto è ironico, lieve, parla di un cane, Macchia, bello e furbo, troppo furbo. L’unico cane da slitta che non sa, o non vuole tirare. L’unico cane che annusa la carestia in tempo per andarsene prima di diventare cibo per gli umani. Un cane con un senso dell’orientamento disarmante, capace di ritrovare i suoi proprietari che cercano di liberarsene con rocamboleschi quanto inutili stratagemmi.
Nel secondo racconto Bastardo è il cane protagonista, Black Leclère il suo padrone. Cresceranno in simbiosi, nel freddo, nella fatica, nella paura reciproca. In un crescendo che sembra culminare in una lotta disperata tra amore e odio.
Il terzo racconto è l'ultima e più emozionante tappa del monologo: è la scintilla da cui è scaturito lo spettacolo: to build a fire - Preparare un fuoco.
La storia è quella di un uomo e del suo cane, che durante la corsa all’oro, nello Jukon, tentano una strada diversa, più breve ma più rischiosa, dove il percorso del protagonista è seguito con il cuore in gola dall'intera platea.
A comporre lo spettacolo, oltre ai racconti, troveremo due ballate: una dedicata al Jack London vagabondo per scelta che, negli anni della crisi (quella del 1896), sale abusivo sui treni, in cerca di una possibilità di futuro.
L’altra è dedicata invece a Zaher Rezai, un ragazzino afgano, uno dei tanti vagabondi che, per cercare un futuro, sono costretti a chiedere passaggi rischiando la vita in acque nere.


2016_01_30 FRANKENSTEIN KABARETT del Teatro delle Ali

sabato 30 gennaio 2016, ore 20.30
Teatro delle ALI Via Maria SS. del Guadalupe 5 - Breno BS
FRANKENSTEIN KABARETT - 
sezione CIRCOMERAVIGLIA, il circo contemporaneo del Teatro delle Ali


Non fatevi spaventare da queste brutte facce! Frankenstein Kabarett è uno spettacolo divertente ed emozionante per tutta la famiglia: tra gag musicali e clownesche un gruppo di mostri - ma solo all'apparenza, a metà strada tra gli allampanati personaggi di Tim Burton e i buffi e adorabili figuri della Famiglia Addams - si presenta sul palco con l'intenzione di allietare il pubblico con musiche, circo e arte varia. Non andrà tutto liscio e la goffaiggine di questa compagine freak farà il resto, in una performance frenetica, tra ritmo demenziale e impensabili situazioni comiche e grottesche... Scopri di più!
Biglietti: PLATEA intero 14€ ridotto 10€ GALLERIA intero 11€ ridotto 8€ 

 info.delleali@gmail.com

2016_01_23 Arriva a Monza l'operetta con la stagione musicale TERRA

Teatro Antonio Belloni di Barlassina STAGIONE LIRICA PRIMAVERA 2016

Teatro Antonio Belloni di Barlassina,
la Stagione Autunno 2015 si è appena conclusa con il nostro Concerto di Natale che ha visto il teatro esaurito in ogni ordine di posto per ben cinque rappresentazioni.
Siamo già pronti a dare il via alla Stagione Primavera 2016 con i ‘Concerti-spettacolo narrati’, format totalmente innovativo, che permette al neofita di immergersi nel mondo della lirica senza aver necessità di conoscere l’argomento.

Lo spettatore viene guidato dalla narrazione attraverso i segreti e le meraviglie dell’opera lirica potendo così essere personaggio attivo nella fruizione del programma musicale.
Anche i melomani più preparati proveranno immenso piacere nella scelta accuratissima dei programmi musicali, interpretati dalle voci più professionali che possa offrire il teatro lirico e nelle infinite curiosità che scopriranno grazie a una narrazione attenta e coinvolgente.

Vi offriremo ben nove titoli che daranno vita a una ventina di serate cui aggiungeremo dalle tre alle cinque conferenze dedicate a Lirica e Sinfonica e un prestigioso Concorso Internazionale di Canto per Baritoni e Bassi verdiani.
Ci auguriamo che anche nel 2016 vi facciate contagiare dalle iniziative culturali, uniche in assoluto nel panorama musicale italiano, del Teatro Antonio Belloni di Barlassina, oggi sicuramente vero punto di riferimento per la Cultura in Brianza.

Sono già in vendita abbonamenti e biglietti per i Concerti.
Gli abbonati ai Turni A e B potranno esercitare il diritto di prelazione sino al 18 gennaio 2016.

STAGIONE LIRICA PRIMAVERA 2016
concerti-spettacolo ideati e narrati da Andrea Scarduelli

sabato 6 febbraio ore 17 | Turno A
domenica 7 febbraio ore 17 | Turno B
ingresso € 25 | giovani fino a 17 anni € 15
PAZZIA NELL’OPERA
Lucia di Lammermoor | Roberto Devereux
Macbeth | Dinorah | Hamlet | Mefistofele
Bianca Tognocchi | Alice Quintavalla | Sehoon Moon
Elisa De Luigi | Andrea Scarduelli


sabato 27 febbraio ore 17 | Turno A
domenica 28 febbraio ore 17 | Turno B
ingresso € 25 | giovani fino a 17 anni € 15
IL COMPLEANNO DI GIOACHINO ROSSINI
La cambiale di matrimonio | L’ inganno felice | La scala di seta
L’italiana in Algeri | Il barbiere di Siviglia
Maometto Secondo | Semiramide | Guillaume Tell
Elisa Maffi | Livio Scarpellini | Lucas Moreira Cardoso
Elcin Huseynov | Elisa De Luigi | Andrea Scarduelli


sabato 19 marzo ore 17 | Turno A
domenica 20 marzo ore 17 | Turno B
MANON ET LA DAME AUX CAMÉLIAS
VERDI | AUBER | MASSENET | PUCCINI
La traviata
1853 | Manon Lescaut 1856 | Manon 1884 | Manon Lescaut 1893
Bianca Tognocchi | Elisa Maffi | Livio Scarpellini
Elisa De Luigi | Andrea Scarduelli
ingresso € 25 | giovani fino a 17 anni € 15


sabato 9 aprile ore 17 | Turno A
domenica 10 aprile ore 17 | Turno B
IL TENORE ROMANTICO
BELLINI | DONIZETTI | VERDI | WAGNER
Il pirata | L’elisir d’amore | I puritani | Lucia di Lammermoor
La favorita | Don Pasquale | Rigoletto | Lohengrin | Un ballo in maschera
Livio Scarpellini | Carlos Cardoso | Sehoon Moon
Elisa De Luigi | Andrea Scarduelli
ingresso € 25 | giovani fino a 17 anni € 15


sabato 16 aprile ore 18 | Concerto di Gala fuori Abbonamento
CONCERTO DI GALA
SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE 2016
LE GRANDI VOCI DEL TEATRO ANTONIO BELLONI
URAN URTNASAN COZZOLI | ELISA MAFFI | LIVIO SCARPELLINI
Elisa De Luigi | Andrea Scarduelli
ingresso € 35 | giovani fino a 17 anni € 15


domenica 17 aprile ore 17 | Concerto Straordinario fuori Abbonamento
CONCERTO STRAORDINARIO
SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE 2016
HOMMAGE À MARIA CALLAS
URAN URTNASAN COZZOLI | ELISA MAFFI | LAURE KIEFFER
Elisa De Luigi | Andrea Scarduelli
ingresso € 25 | giovani fino a 17 anni € 15


venerdì 13 maggio ore 21 | Concerto Straordinario fuori Abbonamento
sabato 14 maggio ore 17 | Turno A
domenica 15 maggio ore 17 | Turno B
ingresso € 25 | giovani fino a 17 anni € 15
TRILOGIA DELLA LEGGENDA E OPERE IMMAGINATE
RICHARD WAGNER
Der fliegende Holländer | Tannhäuser | Lohengrin
La Saracena ∙ La miniera di Falun ∙ Gesù di Nazareth ∙ Wieland il fabbro


sabato 21 maggio ore 17 | semifinali | Turno A
domenica 22 maggio ore 17 | finali e premiazione | Turno B
ingresso € 15 | giovani fino a 17 anni ingresso libero
CONCORSO INTERNAZIONALE TEATRO ANTONIO BELLONI 2016
Baritoni e Bassi Verdiani 'Felice Schiavi'
URAN URTNASAN COZZOLI | ELISA MAFFI | LIVIO SCARPELLINI
Elisa De Luigi | Andrea Scarduelli


ABBONAMENTI | sei concerti | Turno A | Turno B
Abbonamento | € 125
Giovani fino a 17 anni | € 60
Socio Ordinario 2016 € 20 | Socio Sostenitore 2016 € 50

Teatro Antonio Belloni Barlassina, il Teatro d’Opera più piccolo al mondo

Andrea Scarduelli
Sovrintendente, Direttore Artistico e Musicale Teatro Antonio Belloni Barlassina

2016_01_23 Teatro Antonio Belloni Barlassina commedia di Eduardo De Filippo

Teatro Antonio Belloni Barlassina
sabato 23 gennaio 2016_01_23 - ore 21.00
NON TI PAGO!
commedia in 3 atti di Eduardo De Filippo
Biglietto euro 15,00
Con la Compagnia teatrale “I nuovi istrioni” di Meda, guidati dalla regista Simona Colombo, si apre la stagione teatrale della nostra Associazione Culturale con una delle più riuscite e divertenti commedie scritte da Eduardo De Filippo!
Presentata al pubblico nel ’40, la commedia “Non ti pago” esordisce sul  palcoscenico del Teatro Quirino di Roma. Tre anni dopo, nel ‘43, ne viene realizzata la versione cinematografica  per la regia  di Carlo Ludovico Bragaglia, mentre nel ’56 venne registrata per la televisione. Ora sul palco del Teatro Antonio Belloni!
Le vicende dell'opera ruotano attorno ad uno  dei fenomeni piu’ caratteristici della tradizione partenopea: il gioco del lotto. E' un mondo chiassoso, ricco di spassosa cialtroneria e credenze popolari, ma anche di una umanità genuina e speranzosa nel colpo di fortuna.
Al centro della storia e’ Ferdinando Quagliuolo, gestore di un botteghino di banco lotto a Napoli, gioca con accanimento ma non indovina mai un numero vincente. Al contrario, il suo impiegato e futuro genero Mario Bertolini, interpretando i sogni, colleziona vincite su vincite fino ad arrivare a “fare quaterna” con i numeri dati in sogno dal defunto padre del suo datore di lavoro. Accecato da una feroce invidia Don Ferdinando si rifiuta di pagargli la vincita e rivendica il diritto di incassare la somma per sé sostenendo che lo spirito di suo padre avrebbe commesso un involontario scambio di persona recandosi per errore nella vecchia abitazione della famiglia Quagliolo dove ora risiede il giovane Bertolini.
“Non ti pago!” gli urla inferocito, “O bilietto E’ mio! Manco nu squadrone 'e cavalleria m'o leva dint' a sacca. T''o viene a piglia’ 'ncopp' 'o Tribunale”.
Per informazioni e prenotazioni:
0362 561420

Biglietteria elettronica:  www.teatrobelloni.it

2016_01_24 Passeggiata al plenilunio con le Stelle .... Erranti

Domenica 24 Gennaio 2016 alle 17.00
Passeggiata al plenilunio con le Stelle
Le Stellerranti vi invitano a scoprire, o a riscoprire, una Lomellina magica: propongono infatti una passeggiata in campagna per veder sorgere la luna piena di gennaio detta, in alcune tradizioni folkloriche, la luna del lupo, legata agli affetti e alla dimensione intima e familiare. Il ritrovo è alle 17, a casa delle Stelle in Via Maestra 95, verranno distribuito un genere di conforto, the o caffè o cioccolata, Cinzia vi spiegherà cos'è la luna del lupo e altre faccende. La camminata, che culminerà con l'alba lunare alle 18,05, durerà un'ora circa. Al ritorno momento poetico musicale della durata di una decina di minuti per chiudere in bellezza e poi merenda sinoira con ippocrasso e cibi di stagione ispirati ai colori della luna del lupo, il nero e il violetto.
Offerta libera.
Il percorso è semplice e poco impegnativo ma mettete scarpe e vestiti comodi.
Stellerranti
Cinzia Bauci e Pier Gallesi
+39 339 3837746
+39 0384 74055

2015_06_15 Teatro Fraschini presentata a pubblico e stampa la nuova stagione

Lunedì 15 giugno 2015
(ore 11.00 Stampa ore 21.00 pubblico)
Teatro Fraschini - Pavia è stata presentata la stagione, nel calendario riportto qui gli altri spettacoli precedenti sono a fondo pagina.


GENNAIO 2016

Martedì 12 Gennaio 2016_01_12
Mercoledì 13 Gennaio 2016_01_13
Giovedì 14 Gennaio 2016_01_14
21:00
QUELLO CHE NON HO

liberamente ispirato all’opera
di Pier Paolo Pasolini
Con Neri Marcorè
Regia Giorgio Gallione

Venerdì 15 Gennaio 2016_01_15 – 21:00
MY FAIR LADY
di Alan Jay Lerner
musiche di Frederick Loewe
COMPAGNIA CORRADO ABBATI
fuori abbonamento

Domenica 17 Gennaio 2016_01_17 - 21:00
ORCHESTRA DELLA SVIZZERA ITALIANA

Direttore Markus Poschner
Violoncello Mischa Maisky
Musiche di Antonín Leopold Dvorák e Johannes Brahms

Martedì 19 Gennaio 2016_01_19 – 21:00
NOTTURNO DI DONNA CON OSPITI

di Annibale Ruccello
Con Giuliana De Sio
Regia Enrico Maria Lamanna
ALTRI PERCORSI

Giovedì 21 Gennaio 2016_01_21 – 21:00
GISELLE

Musica Adolph Charles Adam
Coreogra"a Marius Petipa
Balletto di Mosca La Classique
musica di Adolphe-Charles Adam
coreografia di Marius Petipa

Venerdì 29 Gennaio 2016_01_29 – 20:30
Domenica 31 Gennaio 2016_01_31 – 15:30
LA BOHÈME

Opera in quattro atti
di Giacomo Puccini
Direttore Carlo Goldstein
Regia Leo Muscato
Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano
Coro Opera Lombardia

Il regista Leo Muscato, che traspone la storia nella Parigi degli anni Sessanta, in piena contestazione politica e nel tumulto degli scioperi di fabbrica. Una rilettura al contempo cruda e travolgente, che vede nel cast nomi conosciuti dal pubblico comasco, come Maria Teresa Leva, Francesca Sassu, Paolo Ingrasciotta. Alla guida dei Pomeriggi Musicali di Milano, è stata fatta una sostituzione. Sul podio ci sarà il Maestro Carlo Goldstein, che già è stato con noi per Adriana Lecouvreur nella scorsa stagione lirica e al Festival 2015 dirigendo Pagliacci.

FEBBRAIO 2016

Martedì 02 Febbraio 2016_02_02
Mercoledì 03 Febbraio 2016_02_03
Giovedì 04 Febbraio 2016_02_04
21:00
DOPO IL SILENZIO

di Francesco Niccolini e Margherita Rubino
tratto da “Liberi tutti” di Pietro Grasso
Con Sebastiano Lo Monaco
e Mariangela D’Abbraccio
Regia Alessio Pizzech

Sabato 06 Febbraio 2016_02_06 – 21:00
TALE E QUALE... A ME!

con GABRIELE CIRILLI

Martedì 09 Febbraio 2016_02_09 – 21:00
HABEROWSKI

ispirato a Charles Bukowski
con Alessandro Haber
regia Tonino Zangardi
musica a cura di Alfaromeo

Giovedì 11 Febbraio 2016_02_11 – 21:00
GIUSEPPE ALBANESE

pianoforte solista GIUSEPPE ALBANESE
musiche di Franz Liszt

Sabato 13 Febbraio 2016_02_13 – 21:00
Domenica 14 Febbraio 2016_02_14 – 15:30 Teatro per Noi
AL CAVALLINO BIANCO

di Hans Müller e Erik Charell
musiche di Ralph Benatzky e Robert Stolz
COMPAGNIA CORRADO ABBATI
fuori abbonamento

Martedì 16 Febbraio 2016_02_16 – 21:00
LOS VIVANCOS – BORN TO DANCE

musica e coreografia Los Vivancos

Venerdì 19 Febbraio 2016_02_19 , Sabato 20 Febbraio 2016_02_20 – 21:00
Domenica 21 Febbraio 2016_02_21 – 16:00
IL BUGIARDO

di Carlo Goldoni
Con Maurizio Lastrico
Regia Valerio Binasco

Mercoledì 24 Febbraio 2016_02_24 – 21:00
PAOLO FRESU E DANIELE DI BONAVENTURA

Tromba e flicorno PAOLO FRESU
Bandoneon Daniele di Bonaventura
Musiche originali di Paolo Fresu

Venerdì 26 Febbraio 2016_02_26, Sabato 27 Febbraio 2016_02_27 – 21:00
Domenica 28 Febbraio 2016_02_28 – 16:00
CALENDAR GIRLS

di Tim Firth
Con Angela Finocchiaro e Laura Curino
Regia Cristina Pezzoli

MARZO 2016

Venerdì 04 Marzo 2016_03_04, Sabato 05 Marzo 2016_03_05 – 21:00
Domenica 06 Marzo 2016_03_06 – 16:00
SIGNORI... LE PATÈ DE LA MAISON!

di Matthieu Delaporte e Alexandre de la Patelliére
Con Sabrina Ferilli, Maurizio Micheli, Pino Quartullo
Regia Maurizio Micheli

Martedì 08 Marzo 2016_03_08 – 21:00
NATI IN CASA

con Giuliana Musso
di Giuliana Musso e Massimo Somaglino
Regia Massimo Somaglino

Venerdì 11 Marzo 2016_03_11 – 21:00
I POMERIGGI MUSICALI DI MILANO
Direttore e violino solista S. Montanari
Musiche di L. V. Beethoven, W. A. Mozart, M. Khayami
fuori abbonamento

Martedì 15 Marzo 2016_03_15 – 21:00
MATTI DA SLEGARE

con ENZO IACCHETTI e GIOBBE COVATTA

Mercoledì 16 Marzo 2016_03_16
Giovedì 17 Marzo 2016_03_17
Venerdì 18 Marzo 2016_03_18 – 21:00
DECAMERONE vizi, virtu', passioni

liberamente tratto da Decameron di Giovanni Boccaccio
Con Stefano Accorsi
Regia Marco Baliani
Sabato 19 Marzo 2016_03_19 – 21:00
CHAMBER ORCHESTRA OF EUROPE
Direttore Sir ANTONIO PAPPANO

Oboe François Leleux
Musiche di W. A. Mozart, R. Strauss, G. Bizet, G. Fauré

Martedì 22 Marzo 2016_03_22 – 21:00
REGINA MADRE

di Manlio Santanelli
Con Milena Vukotic
Regia Antonello Avallone


APRILE 2016

Venerdì 01 Aprile 2016_04_01 , Sabato 02 Aprile 2016_04_02 – 21:00
Domenica 03 Aprile 2016_04_03 – 16:00
CIRINO E MARILDA NON SI PUO' FARE

di e con Anna Marchesini
musiche eseguite dal vivo da Aire De Mar

Martedì 05 Aprile 2016_04_05 – 21:00
LO STRANIERO, UN’INTERVISTA IMPOSSIBILE

reading tratto da “L’Etranger”
di Albert Camus
Con Fabrizio Gifuni
Regia Roberta Lena

Mercoledì 06 Aprile 2016_04_06 – 21:00
PERFORMANCE

con VIRGINIA RAFFAELE

Martedì 12 Aprile 2016_04_12 – 21:00
CENERENTOLA

Accademia Teatro alla Scala di Milano
Musica di Sergej Sergeevic Prokof'ev
Coreografia di Frederic Olivieri

Mercoledì 13 Aprile 2016_04_13 – 21:00
THANKS FOR VASELINA

di Gabriele Di Luca
con Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Beatrice Schiros, Ciro Masella, Francesca Turrini
Compagnia Carrozzeria Orfeo
Regia Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi

Lunedì 18 Aprile 2016_04_18 – 21:00
LA LAVATRICE DEL CUORE

lettere di genitori e figli adottivi
di Edoardo Erba
con Maria Amelia Monti

Mercoledì 27 Aprile 2016_04_27 – 21:00
SWEDISH RADIO SYMPHONY ORCHESTRA

Direttore DANIEL HARDING
Violino Veronica Eberle
Musiche di J. Brahms

Venerdì 29 Aprile 2016_04_29 – 21:00
FAR

Random Dance Company
Musica Ben Frost
Coreogra"a Wayne McGregor

MAGGIO 2016

Martedì 03 Maggio 2016_05_03 – 21:00
SCENDE GIU' PER TOLEDO

di Giuseppe Patroni Griffi
Regista e interprete Arturo Cirillo

Venerdì 13 Maggio 2016_05_13 – 21:00
GHISLIERI CHOIR & CONSORT

Direttore Giulio Prandi
Musiche di W. A. Mozart
Soprano Marlis Petersen

Calendario completo degli spettacoli, le date, il calendario di vendita su www.teatrofraschini.it

Il rinnovo degli abbonamenti sarà possibile a partire da giovedì 18 giugno 2015. 
Vendita dei nuovi abbonamenti da settembre. 

Lunedì 15 giugno si è presentata al pubblico, dopo la presentazione del mattino alla stampa, la nuova Stagione di opera, prosa, danza e musicale del Teatro Fraschini di Pavia per il periodo 2015-2016
Giacomo Galazzo ( a sinistra il conduttore Alberto Rizzardi)
Una presentazione che è diventata quasi un talk show televisivo grazie alla conduzione spigliata di Alberto Rizzardi che ha tenuto le redini dei vari interventi dal saluto, a palcoscenico chiuso, dell'Assessore alla Cultura del Comune di Pavia, in rappresentanza del Sindaco, ai tre relatori seduti al banco,  "finalmente anche noi abbiamo l'apertura del sipario": Fabrizia Ghisolfi (Vice Presidente Vicario), Monica Migliorini (Consigliera) e ovviamente Fiorenzo Grassi direttore artistico.
Giacomo Galazzo
Fabrizia Ghisolfi
Gli interventi si sono succeduti nell'ordine di citazione, ognuno dei quali sottolineando lo stato di "ottima salute" dei bilanci del teatro pavese, le innumerevoli iniziative che vanno ben oltre la stagione ufficiale, con un super nutrito numero di saggi delle varie scuole pavesi, sino alla felice conclusione del triennio di formazione teatrale, che ripartirà dunque quest'anno con un "Open Day" illustrativo dei contenuti del percorso di studio. 
Tra le valenze più positive rimane ovviamente l'affezione del pubblico pavese nel frequentare la secentesca sala del Fraschini, testimoniata dalla numerosa presenza anche in questa occasione gratuita si, ma senza un evento spettacolare, ne un rinfresco finale.
Monica Migliorini
L'ordine di presentazione delle varie sezioni della stagione indica sia l'importanza con cui vengono considerate, sia il livello di attenzione che suscitano nel pubblico.
Non è dunque un caso che, esaurita opera e prosa, parte del pubblico levi le tende, seguito da altri dopo la danza. L'opera infatti è sicuramente la parte più importante della stagione con i titoli che saranno presentati sotto la nuova etichetta di "Opera Lombardia".
Sebbene il "Circuito Lirico Lombardo", che è stato mandato in pensione dalla nuova denominazione, abbia avuto origine per offrire opportunità a giovani artisti di entrare in carriera, oggi come oggi diventa sempre di più uno sfoggio di "star" che vanno dai direttori a, soprattutto, chi si occupa della regia.
Vedremo tornare, dopo dieci anni, Stefano Montanari a dirigere "Le Nozze di Figaro" di W.A. Mozart, spettacolo che inaugurerà la stagione ad ottobre (29/31) con la regia che non sarà più di David Livermoore che ha dato forfait, ma probabilmente di Mario Martone. 
Fiorenzo Grassi direttore artistico Fraschini
Seguiranno "Un Ballo in Maschera" di Giuseppe Verdi, produzione del Teatro Fraschini (20 e 22 novembre), regista Nicola Berloffa, direttore Pietro Mianiti, in una allestimento "che vuole recuperare le intenzioni originarie di Verdi", ma stranamente anziché essere ambientato nel Teatro dell'Opera di Stoccolma finirà nel teatro Ford dove fu ucciso ... Abramo Lincoln, nuova identità di Gustavo III (Re di Svezia) dopo quella di Riccardo Duca di Boston.
Alberto Rizzardi conduttore della serata
Per questa produzione non c'è spazio per i giovani, ma il cast vede le citate star di prima grandezza occupare tutti i ruoli principali Sergio Escobar (Riccardo), Daria Masiero (Amelia) Angelo Veccia (Renato) e Anna Maria Chiuri (Ulrica).
In cartellone seguiranno: "La scala di seta" di G. Rossini (27 e 29 novembre) diretta da F.Ommamsini e regia di Damiano Michielietto dal ROF (Rossini Opera Festival); il "Don Pasquale" di G. Donizetti (9 e 12 dicembre) con la regia di Andrea Cigni, opera che segna il rientro in circuito del Teatro Donizetti di Bergamo e per finire "La Bohème" di G. Puccini (29 e 31 gennaio) diretta da Giampaolo Bisanti per la regia di Leo Muscato. Un cartellone di alto livello per festeggiare il 200esimo anniversario della nascita del tenore pavese Gaetano Fraschini (1816-1887) grande creatore di ruoli verdiani come appunto Riccardo in "Ballo in maschera". (mm)

§§§§§§§  seguono le note del teatro sugli altri spettacoli in calendario §§§§§§§
STAGIONE D’OPERA E TEATRALE 2015/2016 
TEATRO FRASCHINI DI  PAVIA
La Fondazione Teatro Fraschini presenta la nuova stagione d’opera e la stagione Teatrale che comprende le sezioni di opera, prosa, musica, altri percorsi, danza e operetta. 

LA STAGIONE TEATRALE
Apertura   martedì 20 ottobre 2015 con La bisbetica domata di W. Shakespeare, interprete Nancy Brilli, regia Cristina Pezzoli.  La stagione di Prosa, oltre a soddisfare gli appassionati,  incontrerà il favore di chi a teatro ama i grandi protagonisti della scena, una carrellata di attori popolari: Umberto Orsini (Il prezzo), Neri Marcorè (Quello che non ho), Sebastiano Lo Monaco (Dopo il silenzio) Maurizio Lastrico (Il bugiardo), Angela Finocchiaro (Calendar girls) Sabrina Ferilli e Maurizio Micheli (Le Paté de la maison!)), Stefano Accorsi (Decamerone), Anna Marchesini (Cirino e Marilda non si può fare). 
Per il pubblico di Capodanno la nuova edizione del musical Cabaret di Bob Fosse prodotta dalla Compagnia della Rancia.

RASSEGNA ALTRI PERCORSI
Creata per soddisfare l’interesse del pubblico nei confronti dei testi del ‘900, quest’anno la rassegna presenterà artisti popolari: Giuliana De Sio nel testo di Annibale Ruccello Notturno di donna con ospiti,  Alessandro Haber con un testo ispirato a Charles Bukowski, Milena Vukotic con la scrittura di Manlio Santanelli, Fabrizio Gifuni che interpreta Albert Camus, Maria Amelia Monti sul tema dell’adozione e un testo firmato da Edoardo Erba, Arturo Cirillo interprete di una pièce di Giuseppe Patroni Griffi, e giovani artisti emergenti  quali Giuliana Musso (8 marzo) e Carrozzeria Orfeo, il giornalista Federico Buffa che racconta le Olimpiadi del 1936.

DANZA
La Stagione di Danza come da tradizione, alterna titoli classici di repertorio ad ensemble di danza moderna. Quest’anno in cartellone La Sylphide con il Balletto dell’Opera di Tirana, Giselle del Balletto La classique di Mosca e Cenerentola dell’Accademia del Teatro alla Scala di Milano.  Tornano a grande richiesta Los Vivancos spagnoli e per la prima volta il coreografo inglese Wayne Mc Gregor.

MUSICA
Chamber Orchestra of Europe, Swedih Radio Symphony Orchestra, Orchestra della Svizzera italiana, Solisti di Pavia (21/12), Ghislieri Choir & Consort, Pomeriggi musicali le orchestre in programma.
In stagione Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura, Giuseppe Albanese pf; i direttori Antonio Pappano, Markus Poschner, Daniel Harding.

OPERETTA
Per gli assidui amanti dell’operetta, l’intramontabile compagnia di Corrado Abbati che presenta My Fair Lady (15 gennaio) e Al cavallino bianco  (13 e 14 febbraio).  

COMICI
Rassegna giunta alla nona edizione, con comicità intelligente e corrosiva che sarà quest’anno rappresentata da Teo Mammucari (6 febbraio), Enzo Iacchetti e Giobbe Covatta (15 marzo), Virginia Raffaele (16 aprile).

OTTOBRE 2015

Martedì 20 Ottobre 2015_10_20
Mercoledì 21 Ottobre 2015_10_21
Giovedì 22 Ottobre 2015_10_22
21:00
LA BISBETICA DOMATA
di William Shakespeare
Con Nancy Brilli
Regia Cristina Pezzoli
http://concertodautunno.blogspot.it/2015/10/20151020-teatro-fraschin-apre-cristina.html

Sabato 24 Ottobre 2015_10_24 – 21:00
CARMINA BURANA
Direttore Alessandro Cadario
Musiche di Carl Orff
MUSICA
http://concertodautunno.blogspot.it/2015/10/20151024-teatro-fraschini-parte-con-la.html

Giovedì 29 Ottobre 2015_10_29 20:30
Sabato 31 Ottobre 2015_10_31 20:30
LE NOZZE DI FIGARO

Commedia in quattro atti
di Wolfgang Amadeus Mozart
Direttore Stefano Montanari
Regia Davide Livermore
Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano
Coro Opera Lombardia
http://concertodautunno.blogspot.it/2015/10/20151029-teatro-fraschini-il-direttore.html

NOVEMBRE 2015

Venerdì 20 Novembre 2015_11_20 – 20:30
Domenica 22 Novembre 2015_11_22 – 15:30
UN BALLO IN MASCHERA

Melodramma in tre atti
di Giuseppe Verdi
Direttore Pietro Mianiti
Regia Nicola Berlo!a
Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano
Coro Opera Lombardia
http://concertodautunno.blogspot.it/2015/11/20151120-teatro-fraschini-presenta-il.html

Venerdì 27 Novembre 2015_11_27 – 20:30
Domenica 29 Novembre 2015_11_29 – 15:30
LA SCALA DI SETA

Farsa comica in un atto
di Gioachino Rossini
Direttore Francesco Ommassini
Regia Damiano Michieletto
Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano
http://concertodautunno.blogspot.it/2015/11/20151127-rossini-in-scena-al-fraschini.html

DICEMBRE 2015

Martedì 01 Dicembre 2015_12_01
Mercoledì 02 Dicembre 2015_12_02
Giovedì 03 Dicembre 2015_12_03
21:00
DUE DONNE CHE BALLANO
di Josep Maria Benet i Jornet
con Maria Paiato e Arianna Scommegna
regia Veronica Cruciani
http://concertodautunno.blogspot.it/2015/11/20151201-teatro-fraschini-prosa.html

Mercoledì 09 Dicembre 2015_12_09 – 20:30
Sabato 12 Dicembre 2015_12_12 – 20:30
DON PASQUALE

Opera comica in tre atti
di Gaetano Donizetti
Direttore Christopher Franklin
Regia Andrea Cigni
Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano
Coro Opera Lombardia
http://concertodautunno.blogspot.it/2015/11/20151209-pavia-in-festa-per-san-siro-al.html

Domenica 13 Dicembre 2015_12_13 – 21:00
LA SYLPHIDE

Balletto dell’Opera di Tirana
musica di Herman Severin Løvenskiold
coreografia di Ilir Kerni

Martedì 15 Dicembre 2015_12_15
Mercoledì 16 Dicembre 2015_12_16
Giovedì 17 Dicembre 2015_12_17
21:00
IL PREZZO

di Arthur Miller
Con Umberto Orsini
Regia Massimo Popolizio

Venerdì 18 Dicembre 2015_12_18 – 21:00
FEDERICO BUFFA racconta
LE OLIMPIADI DEL 1936

di Federico Buffa, Emilio Russo, Paolo Frusca, Jvan Sica
con Federico Buffa
Regia Emilio Russo e Caterina Spadaro

Lunedì 21 Dicembre 2015_12_21 – 21:00
I SOLISTI DI PAVIA
Direttore e solista Enrico Dindo
Musiche di Joseph Haydn
Ingresso libero e gratuito
fuori abbonamento

Giovedì 31 Dicembre 2015_12_31 – 21:30
Venerdì 01 Gennaio 2016_01_01 – 18:00
San Silvestro e Capodanno
CABARET

COMPAGNIA DELLA RANCIA
Con Giampiero Ingrassia e Giulia Ottonello
Regia Saverio Marconi
fuori abbonamento

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)