2016_02_24 ORCHESTRA DELL'ASSOCIAZIONE MOZART ITALIA DI MILANO in concerto a San Marco

MERCOLEDI' 24 FEBBRAIO 2016 ore 21.00
Chiesa di San Marco - Milano
  • L. Van BEETHOVEN Ouverture "Coriolan" Op. 62 in do min.
  • W. A. MOZART Concerto per pianoforte e orchestra n 24 in do min. KV 491.
  • L. Van BEETHOVEN Sinfonia n 5 Op. 67 in do min.
ORCHESTRA DELL'ASSOCIAZIONE MOZART ITALIA DI MILANO
Pianista
CRISTIANO BURATO
Direttore
ALDO BERNARDI
Scopri Programmi e interpreti sul sito dell' Associazione Mozart Italia-Milano:
www.mozartmilano.com

Qui il video della 5^ Sinfonia di Ludwig van Beethoven  interpretata da  Aldo Bernardi  sul podio dell' ORCHESTRA DELL'ASSOCIAZIONE MOZART ITALIA DI MILANO registrata il il 24 febbraio 2016  nella Chiesa di San Marco a Milano


Il calendario della Stagione musicale 2015-16 dell'Associazione Mozart Italia-Milano, filiazione milanese della Fondazione Mozarteum di Salisburgo, prosegue con il confronto evolutivo con Ludwig van Beethoven accostato ai principali capolavori dell'espressione pre-romantica del genio di Salisburgo.

Ad aprire il primo appuntamento dell'anno, assieme all'Orchestra dell'Associazione Mozart Italia di Milano diretta dal maestro Aldo Bernardi, il 24 febbraio 2016 alle ore 21, sarà uno dei pianisti più noti in campo internazionale, Cristiano Burato, premiato con medaglia del Presidente della Repubblica italiana per meriti artistici, che interpreterà il tragico e poco eseguito Concerto per pianoforte e orchestra n 24 KV 491 in do minore di W. A. Mozart, preceduto dalla celebre Ouverture de il Coriolano di Beethoven.
Il programma dell'accattivante ed emozionante serata, proseguirà, poi, con la tragica e sofferta Quinta Sinfonia di Ludwig Van Beethoven vista come la naturale prosecuzione dell'altrettanto dolorosa e tormentata Sinfonia n 40 di Mozart eseguita lo scorso anno. Archetipo imprescindibile di tutto il repertorio sinfonico occidentale, la celeberrima Sinfonia beethoveniana ben si accosta al tragico impeto preromantico di W. A. Mozart così bene anticipato ed espresso in numerosi capolavori ancor troppo poco noti al grande pubblico di cui il concerto n24 in do minore KV 491 in programma ne è la sintomatica dimostrazione!

GUARDA ED ASCOLTA il 1 MOV. della celebre SINF. n 40 di W.A.MOZART
Reg live in San Marco del 18Mar15 : 
1 - W. A. Mozart - Sinfonia n. 40 K 550 - Molto Allegro

2016_02_27 Buon compleanno Rossini al Teatro Belloni di Balassina

Teatro Antonio Belloni Barlassina
sabato 27 febbraio 2016 ore 17
domenica 28 febbraio 2016_02_28 ore 17
La cambiale di matrimonio | L’ inganno felice | La scala di seta
L’italiana in Algeri | Il barbiere di Siviglia | Semiramide | Guillaume Tell

VI e VII rappresentazione | VII stagione lirica 2016
Elisa Maffi | soprano
Livio Scarpellini | tenore di grazia
Lucas Moreira Cardoso | baritono
Davide Hong Shi Kil | basso
Elcin Huseynov | basso
Elisa De Luigi | concertatrice e pianista
Andrea Scarduelli | narratore
Marco Belloni | regia alle scene
Giovanni Belloni | maestro alle luci
Arturo Monti | tecnico luci
ingresso € 25 | giovani fino a 17 anni € 15
Per informazioni e prenotazioni:
tel. 349 43 59 917  |  0362 561420
Biglietteria elettronica: www.teatrobelloni.it
TEATRO ANTONIO BELLONI - Associazione culturale - via Colombo 38 - 20825
BARLASSINA MB - Tel. 0362.561420

2016_02_14 PICCOLI POMERIGGI MUSICALI in TI RACCONTO UNA FIABA

 Domenica 14 febbraio 2016 ore 11:00
 Teatro Dal Verme Via San Giovanni sul Muro 2 – Milano
Pomeriggi Musicali
in collaborazione con Sconfinarte e Milano Teatro Scuola Paolo Grassi
e con il sostegno di Fondazione Cariplo
presentano

I PICCOLI POMERIGGI MUSICALI
TI RACCONTO UNA FIABA
Concerto di Carnevale
Peter Pan
di James Matthew Barrie

Voce recitante: Mattia Pozzi
Regia: Manuel Renga
 Direttore: Diego Ceretta
Per l’appuntamento di febbraio, I Piccoli Pomeriggi Musicali hanno deciso di raccontare una storia un poco più moderna rispetto al solito, quella di Peter Pan, l’eterno bambino reso celebre dalla penna di James Matthew Barrie. Inoltre, una novità è da annunciare per questa domenica! Gli impegni sanremesi impediscono al M° Daniele Parziani di dirigere l’orchestra di piccoli professori e sarà allora l’occasione per il debutto sul podio de I Piccoli Pomeriggi di Diego Ceretta. Primo violino di spalla dell’orchestra sin dalla sua prima stagione, in questo concerto Diego riceverà il testimone da Daniele, per dirigere i suoi ex compagni in un programma eclettico che mescola La notte dei desideri di Jovanotti e Il rock di Capitan Uncino di Edoardo Bennato con brani tradizionali da tutto il Mondo. A raccontare le peripezie del ragazzino volante e della sua combriccola di amici sarà la voce di Mattia Pozzi, nell’adattamento curato, come sempre, daManuel Renga, responsabile per quello che riguarda la parte di drammaturgia e spettacolo dell’intera stagione. E poi? E poi non scordiamoci del Carnevale! Al Teatro Dal Verme aspettiamo infatti tutti i bambini in maschera, pronti per volare via in compagnia di Peter, della fata Trilli, di Wendy e dei suoi fratellini verso l’Isola che non c’è, dove incontreremo la tribù dei bimbi sperduti e combatteremo con coraggio contro il feroce Capitan Uncino, il suo fido nostromo Spugna e tutta la sua ciurma di pirati.

BIGLIETTI
. Adulti € 7,00 (+ prevendita)
. Bambini € 5,00 (+ prevendita) 

Biglietteria TicketOne – Teatro Dal Verme 
Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano  Tel. 02 87.905.201
dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00 - Domenica (nelle date dei concerti) ore 10:00 – 11:00
www.ipomeriggi.it  - www.ipomeriggi.it/facebook - www.ipomeriggi.it/youtube 
Biglietteria on-line: www.ticketone.it 

2016_02_19 Teatro Santuccio Varese prossimi appuntamenti.

Opera da camera in atto unico
"INTRIGO sull'OLIMPO"

Venerdì 19 febbraio 2016_02_19 ore 21.00
Alla fidanzata, decisamente vogliosa, il timido uomo mostra ostinatamente stelle e pianeti.
Durante questo gioco, pieno di equivoci, un meteorite colpisce in piena fronte il ragazzo che finisce in uno stadio di premorte sull’Olimpo. I medici decidono di operare il ragazzo che, tra un errore di cartella e altri equivoci, dovrà subire diverse operazioni.

Tra un operazione e l’altra l’uomo vaga nell‘Olimpo in compagnia di una bramosa Venere che, tra una ricerca e l’altra del suo amato Ercole, non disdegna ogni possibile approccio ormonale.
Con la promessa di aver salva la vita l‘uomo aiuta la Dea a cercare Ercole.
Lo troveranno infine… ma, per tutt’è due, non sarà il finale che si aspettavano…


Teatro a Merenda presenta:
"A SPASSO con le OMBRE"

DOMENICA 21 febbraio 2016_02_21 ore 16.00
C’è una bambina di nome Lucia che un giorno si sveglia nel buio più nero. Sul suo castello regna il silenzio e la vita si è fermata nel sonno di tutti. Ma con l’aiuto delle ombre e delle storie Lucia troverà la strada per accendere di nuovo il suo mondo.
Indicato per bambini dai 4 anni in su – teatro d’ombre

ing. 7€

Tango social Club presenta:
"NUEVO TANGO ENSEMBLE"

SABATO 27 FEBBRAIO 2016_02_27 ore 22.00
Un trio di musicisti superlativi per un tango davvero nuevo, incredibilmente originale e reinventato da una formazione tra le più richieste in Europa.
Il Teatro Santuccio, con la sua acustica straordinaria, permetterà di cogliere tutta la ricchezza della loro tango contemporaneo, con qualche incursione nel repertorio piazzolliano.

Ingresso al concerto + Milonga 15€ inclusi stuzzichini, refreshments e prosecco DOC unlimited .

Richiesta tessera TSC o ACSI Fai Tango,

2016_02_21 MILANO CLASSICA Splendori violinistici del Barocco europeo

Enrico Casazza direttore e solista
Domenica 21 febbraio 2016, ore 10.45
MILANO CLASSICA per PALAZZINA LIBERTY IN MUSICA, Largo Marinai d'Italia, Milano
L’ARTE DELL’ARCO
Splendori violinistici del Barocco europeo
Arcangelo Corelli (1653-1713), Concerto grosso in re maggiore op. 6 n. 4
Jean-Marie Leclair (1697-1764), Concerto per violino in do maggiore op. 7 n. 3
Pietro Antonio Locatelli (1695-1764), Concerto grosso in re maggiore op. 1 n. 5
Pietro Antonio Locatelli, Concerto per violino in sol maggiore da L’arte del violino op. 3 n. 9
Antonio Vivaldi (1678-1741), Concerto in re maggiore per violino, archi e basso continuo RV 212 “Per la S.S. solennità della lingua di S. Antonio”
Orchestra da Camera Milano Classica
Enrico Casazza direttore e solista
Ingresso intero: € 13 | ridotto: € 10 | under 24: € 5
ORCHESTRA DA CAMERA MILANO CLASSICA
www.orchestramilanoclassica.it | info@milanoclassica.it | T. +39 02 28510173  
Palazzina Liberty in Musica, Largo Marinai d’Italia 1, Milano

Milano Classica, l'orchestra, torna in Palazzina per celebrare i fasti del Barocco europeo, con un programma che inanella una serie di celeberrime pagine per archi e per violino ed archi, sotto la guida e con la partecipazione di Enrico Casazza. Un percorso lungo la storia del concerto, che da grosso si trasforma in solistico, segnando l’evoluzione dello stile esecutivo del tempo, facendo del violino uno strumento principe per virtuosismo e cantabilità. Sarà una grande festa della musica.
E la festa continuerà a concerto finito con l'assemblea dei Soci di Milano Classica, piacevole occasione per confrontarci sulle tante attività che Milano Classica sta programmando e realizzando nell'ambito del rinnovato progetto Palazzina Liberty in Musica.
Non mancherà il momento conviviale, grazie alla generosità di Maria Candida Morosini.

2016_02_18 Claus Peter Flor torna alla guida de laVerdi con Rossini (Stabat Mater) e Paisiello (Sinfonia funebre)

Giovedì 18 Febbraio 2016_02_18 (ore 20.30)
Venerdì 19 Febbraio 2016_02_19 (ore 20.00)
Domenica 21 Febbraio 2016_02_21 (ore 16.00)
Auditorium largo Mahler - Milano
Stagione sinfonica 2016
In ricordo di Romano Gandolfi  
Nel decennale della morte del Maestro
Soprano Veronica Cangemi
Mezzosoprano Marta Beretta
Tenore Davide Giusti
Basso Mirco Palazzi
pianoforte Luigi Ripamonti
organo Eugenio Maria Fagiani
Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi
Maestro del Coro Erina Gambarini
Direttore Claus Peter Flor

Sabato 20 febbraio 2016_02_20 (ore 21.00, ingresso con offerta libera fino a esaurimento posti), concerto straordinario al Santuario di Santa Maria dei Miracoli presso San Celso, in corso Italia 37, con il Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi, sempre diretto da Erina Gambarini, impegnato nell’esecuzione della Petite messe solennelle di Rossini. Il cast dei solisti sarà formato da Daniela Bruera (soprano), Shin Je Bang (mezzosoprano),  Stefano Ferrari (tenore), Christian Senn (baritono); inoltre al pianoforte Luigi Ripamonti, all’organo Eugenio Maria Fagiani.

Il 18 febbraio 2006 moriva nella sua casa di Medesano (Parma), dov’era nato 72 anni prima, Romano Gandolfi. Fondatore nel 1998 del Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi - il complesso vocale  che partecipa stabilmente alla programmazione della stagione dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi – è stato un punto di riferimento imprescindibile nel panorama musicale e culturale internazionale, dagli anni ’60 del Novecento fino alla sua scomparsa. Basti ricordare che dal 1968 al 1970 fu Maestro del Coro del Teatro Colon di Buenos Aires e dal 1971 al 1983 del Coro del Teatro alla Scala di Milano, collaborando con i maggiori direttori del suo tempo - Herbert von Karajan,  Leonard Bernstein, Georges Prêtre, Carlo Maria Giulini, Claudio Abbado, Riccardo Muti, Riccardo Chailly tra gli altri - alternando la direzione corale alla direzione d’orchestra. Sarebbe praticamente impossibile elencare i successi che hanno costellato la sua impareggiabile carriera in ogni parte del mondo. Con laVerdi, memorabili – tra le altre – le esecuzioni dello Stabat Mater di  Rossini, portato trionfalmente al Festival delle Canarie nel gennaio 2004.
È apparso l'ultima volta sul podio de laVerdi, all'Auditorium di Milano, nella Messa in Do minore di  Mozart, il 22 gennaio 2006.
In occasione del decimo anniversario della morte, laVerdi dedica a Romano Gandolfi due eventi consecutivi, su quattro giorni.
Si comincia con il settimo programma sinfonico della stagione, giovedì 18 (ore 20.30), venerdì 19 (ore 20.00) e domenica 21 febbraio (ore 16.00), all’Auditorium di Milano: questa speciale occasione vedrà il ritorno sul podio di largo Mahler di Claus Peter Flor alla direzione dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, affiancata dal Coro sinfonico di Milano, guidato da Erina Gambarini, e dal cast delle voci soliste formato da Maria Grazia Schiavo (soprano), Marta Beretta (contralto), Davide Giusti (tenore), Mirco Palazzi (basso). In locandina, lo Stabat Mater di Gioacchino Rossini, capolavoro del genio pesarese particolarmente amato da Gandolfi, preceduto in apertura dalla Sinfonia funebre di Giovanni Paisiello.
Paisiello e Rossini, noti al pubblico principalmente come compositori di teatro musicale, lasciarono importanti tracce del proprio lavoro anche nel genere sacro. Con la Sinfonia funebre del primo  e lo Stabat Mater del secondo si ha la possibilità di un confronto diretto – sul medesimo tema – tra i due maestri che rivoluzionarono l’opera italiana tra la fine del Settecento e l’inizio del secolo successivo.
Giovedì 18, sempre all’Auditorium (ore 18.00, Foyer della balconata, ingresso libero), Eugenio della Chiara e Laura Nicora saranno i relatori della tradizionale conferenza di introduzione all’ascolto, dal titolo “Il belcanto sacro di Paisiello e Rossini”.

Programma sinfonico (18/19/21 febbraio)
Paisiello scrisse la sua Sinfonia funebre come overture “caratteristica” pensata per precedere la Missa defunctorum: le due composizioni dovevano essere eseguite ad una messa in suffragio di Papa Pio VI, scomparso l’8 luglio 1799, che si tenne nella chiesa di Trinità Maggiore a Napoli il primo di novembre del medesimo anno. Paisiello ricevette l’incarico in qualità di «maestro della real camera» partenopea, ufficio ricoperto dal compositore tarantino già dal 1787.
La sequenza dello Stabat Mater – tradizionalmente attribuita a Jacopone da Todi – è stata musicata in molteplici occasioni nel corso dei secoli; Rossini affrontò questo testo a più riprese, dal momento che alla première del 1833 l’opera del pesarese era completata da alcuni numeri composti da Tadolini: bisognerà attendere il 1842 perché la composizione fosse scevrata dai numeri spuri. La prima italiana dello Stabat Mater – avvenuta a Bologna sotto la direzione di Donizetti – riscosse un grande successo: da quel momento l’opera rossiniana si pone in un dialogo ideale con quella di Pergolesi, il maestro che aveva portato in Italia quel genere buffo rivoluzionato – poco meno di un secolo dopo – proprio da Rossini.
(Biglietti: euro 40,00/15,00; info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler, orari apertura: mar – dom ore 14.30 – 19.00, tel. 02.83389401/2/3;  on line:  www.laverdi.org o www.vivaticket.it ).

2016_03_10 Shakespeare ritorna al Menotti, dopo Amleto ecco Romeo e Giulietta

Dal 10 al 20 marzo 2016
TEATRO MENOTTI Via Ciro Menotti 11, Milano
William Shakespeare
ROMEO E GIULIETTA
prima milanese
adattamento e traduzione Francesco Niccolini
regia Tonio De Nitto
con
Lea Barletti, Dario Cadei, Ippolito Chiarello, Angela De Gaetano,
Filippo Paolasini, Luca Pastore, Fabio Tinella
scenografie Roberta Dori Puddu
scene L.C.D.C. luminarie Cesario De Cagna
costumi Lapi Lou
luci Davide Arsenio
assistente alla regia Paola Leone
coproduzione Factory, Terramare Teatro, Teatri Abitati
Durata 105 min
ORARI SPETTACOLI
feriali ore 20.30
mercoledì ore 19.30
domenica ore 16.30

Per la prima volta a Milano sul palcoscenico del Teatro Menotti lo spettacolo Romeo e Giulietta, interpretato da sette giovani e talentuosi attori, diretti da Tonio De Nitto e adattato e tradotto da Francesco Niccolini. Un allestimento che mantiene intatta la sua vitalità e impeto giovanili e trasforma la tragedia scespiriana in una commedia corale per raccontare lo scontro generazionale tra madri, padri e figli.

Romeo e Giulietta è un gruppo di famiglia sbiadito e accartocciato dal tempo, una foto che ritrova vigore e carne per poi consumarsi e scolorirsi di nuovo. Sono gli adolescenti di una comitiva che si cancella per sempre nel tempo di un paio di giorni, le morti innocenti, i desideri irrealizzati e la capacità di sognare che non può esserci tolta.
Romeo e Giulietta è un meccanismo perfetto che ben rispecchia il presente e che fa del Bardo un nostro attento contemporaneo.
Con un allestimento corale, pop e visionario ambientato in una festa patronale del Sud proviamo a restituire la bellezza e la vitalità di uno dei classici per eccellenza con un gruppo affiatatissimo di attori.
Tonio De Nitto
Quando Tonio De Nitto mi ha proposto di adattare alla sua compagnia quel testo, mi è venuta un'idea al limite dell'incoscienza: non accontentarmi di adattare una traduzione esistente, ma ritradurre in rima, così come nell'originale shakespeariano. All'inizio credevo di morire. I primi versi un'autentica tortura. Ma piano piano la mente si abitua ai nuovi ritmi e le dita corrono sui versi, sulle rime, sui giochi di parola. Più un'intuizione di Tonio: scrivere i dialoghi dei due innamorati non in rima, ma nella prosa più semplice e piana possibile. Una grandissima idea, perché l'amore che ti fulmina non ha bisogno delle regole e delle forme che servono per relazionarsi con il mondo, soprattutto quel mondo ostile e vigliacco nel quale prevalgono violenza e arroganza.
Francesco Niccolini
L’intera stagione del Teatro Menotti è dedicata ad un progetto di solidarietà a favore dell’Associazione Banco Alimentare della Lombardia “Danilo Fossati” Onlus, che effettua il recupero quotidiano delle eccedenze alimentari e la loro redistribuzione a strutture caritative convenzionate in favore delle persone bisognose della Lombardia.
Con Romeo e Giulietta prosegue quindi il progetto “Protagonisti insieme a Banco Alimentare”; è la prima volta in Italia che un teatro organizza gesti di concreta solidarietà, invitando il proprio pubblico a donare cibo al Banco Alimentare per le famiglie più bisognose.
Chi porta al Teatro Menotti giovedì 10 marzo un prodotto alimentare a lunga conservazione avrà in cambio un biglietto di ingresso a soli 5 € per lo spettacolo (80% di sconto portando prodotti a lunga conservazione in quantità e/o qualità adeguata al progetto di solidarietà).

Orari di biglietteria tel. 02 36592544 biglietteria@tieffeteatro.it
lunedì e mercoledì dalle 15.00 alle 18.00
martedì, giovedì, venerdì  dalle 15.00 alle 19.00
sabato dalle 15.30 alle 19.00
domenica dalle 15.00 alle 17.00 solo per la vendita della replica pomeridiana

Acquisti online con carta di credito su www.teatromenotti.org
PREZZI
intero - € 26.50
ridotto over 65 - € 14.00
ridotto under 25, gruppi, cral, biblioteche - € 16.50
ridotto convenzioni - € 18.00
ridotto gruppi studenti - € 11.50


2016_02_2i Pomeriggi primo appuntamento domenicale al mattino con Direttore e Pianoforte Ramin Bahrami

71ª STAGIONE SINFONICA
ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI

Direttore Artistico, M° Maurizio Salerno

LE DOMENICHE DEI POMERIGGI

Domenica 21 febbraio 2016
ore 11:00

Teatro Dal Verme
Via San Giovanni sul Muro, 2 – Milano

Direttore e Pianoforte: Ramin Bahrami
Orchestra di Archi dei Pomeriggi Musicali


Bach, Aria dalla Suite n. 3 in Re maggiore, BWV 1068
Bach, Concerto per pianoforte e orchestra in La maggiore, BWV 1055
Bach, Concerto per pianoforte e orchestra in re minore, BWV 1052
Bach, Contrapunctus I, V e IX da L’Arte della fuga, BWV 1080


Concerto inaugurale per la nuova rassegna fiore all’occhiello della 71ª Stagione Sinfonica dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali: Le domeniche dei Pomeriggi. Il primo dei sette concerti in programma è dedicato all’arte somma di Johan Sebastian Bach, proposta da uno dei suoi migliori interpreti contemporanei: Ramin Bahrami, il quale si esibirà al fianco dell’Orchestra di Archi dei Pomeriggi nel doppio ruolo di solista e direttore.

2016_02_18 Appuntamenti a Vigevano

- Giovedì 18 febbraio 2016_02_18 - ore 16 e 21,15 - Cinema Odeon - Marguerite regia di X.Giannoli

- Venerdì 19 febbraio 2016_02_19 - ore 21 - Biblioteca civica/sala Franzoso - La mediazione: un metodo alternativo di risoluzione dei conflitti - relatrice Stefania Ambroggi, mediatrice professionista

- Sabato 20 febbraio 2016_02_20 - mattina - apertura della sede degli Amici di Palazzo Crespi e iscrizioni ai viaggi del 20 marzo: Borgio Verezzi e Finalborgo e del 23/24 aprile: Venezia - info cell. 366 1449081

- Sabato 20 febbraio 2016_02_20 - ore 10 - Auditorium s.Dionigi - Presentazione del Progetto MOVI-Movimento Volontariato italiano: Le strade nuove per l'Italia, a cura di Coordinamento Volontariato Vigevano, MOVI Lombardia e CSV Pavia

- Sabato 20 febbraio 2016_02_20 - ore 17,30 - Auditorium s.Dionigi - Presentazione del libro De honesta voluptate et valitudine di Bartolomeo Platina. Un trattato sui piaceri della tavola e la buona salute (ed.Olschki), a cura di Enrico Carnevale Schianca - conduce Dino Rabai, a cura di Unitre

- Sabato 20 febbraio 2016_02_20 - ore 17,30 - Spazio Scotellaro v.Cesarea 49 - Inaugurazione Mostra DUO di Giordana Zuffardi e Jean Mégier - aperta fino 6 marzo

- Sabato 20 febbraio 2016_02_20 - ore 20.45 - Auditorium s.Dionigi - Cerimonia di intitolazione del presidio di Libera a Giorgio Pedone

- Domenica 21 febbraio 2016_02_21 - ore 15,30 - Questa non la bevo. Alternative e nuova normalità nell'uso di alcool e altre sostanze - a cura di Diocesi Vigevano e Gruppo Scout Vigevano 1

- 23, 25 e 26 febbraio 2016_02_23 - mattina - Biblioteca dei ragazzi - Giornate del Braille: laboratori con le classi, giochi sensoriali, dialogo sui problemi della vista con disabili visivi - info tel. 0381 690754

- Mercoledi 24 febbraio 2016_02_24 - ore 21.30 - Biblioteca dei ragazzi - con i volontari di AVDA si parla di Sitema solare e Pianeti gassosi - Segue osservazione degli oggetti celesti al telescopio dal giardino della Biblioteca. Aperto a tutti a partire dagli 8 anni

- Corso di Musica d'assieme pop rock al Civico Istituto Musicale Costa, rivolto a tutti i musicisti e le band acustiche ed elettriche - iscrizioni entro il 1° marzo - info tel.0381 299859 e mail: costa@comune.vigevano.pv.it

- Corsi di cucina in collaborazione con MasterCooking: A casa dello chef: 5 lezioni dal 4 marzo e Corso base di pasticceria: 3 lezioni dal 13 aprile - info in Biblioteca civica e http://bit.ly/1LgAQmh

- Gita a Gardaland con CRAL il 2/4/2016 - info cral.vigevano.ducale@gmail.com

Stagione del Teatro Menotti il super classico AMLETO in una nuova prima milanese

Da Giovedì 11 Febbraio 2016_02_11 
a Sabato 20 Febbraio 2016_02_20 
TEATRO MENOTTI Via Ciro Menotti 11, Milano
Teatro di Messina
presenta
AMLETO di WILLIAM SHAKESPEARE
prima milanese
con
(nell’ordine del testo originale)
Emmanuele Aita - Claudio
Angelo Campolo - Amleto
Antonio Alveario - Polonio
Gionni Boncoddo - Il Fantasma
Maurizio Puglisi - Il Becchino
Maria Sole Mansutti - Gertrude
Celeste Gugliandolo - Ofelia
e con 
Ivan Bertolami, Simone Corso, Stefano Cutrupi, Luca D’Arrigo, Dario Delfino,  
Diego Delfino, Michele Falica, Alessandro Lui, Riccardo Morganti, Francesco Natoli, Fabrizia Salibra
musicheToni Canto eseguite dal vivo da Gianluca Scorziello e Toni Canto
scene Mariella Bellantone
costumi Cinzia Preitano
luci Antonio Rinaldi
regia Ninni Bruschetta
produzione Teatro di Messina
Durata 150 minuti
PREZZI
intero - € 26.50
ridotto over 65 - € 14.00
ridotto under 25, gruppi, cral, biblioteche - € 16.50
ridotto convenzioni - € 18.00
ridotto gruppi studenti - € 11.50
ORARI SPETTACOLI
feriali ore 20.30
mercoledì ore 19.30
domenica ore 16.30

Chi porta al Teatro Menotti l’11 febbraio un prodotto alimentare a lunga conservazione avrà in cambio un biglietto di ingresso a soli 5 € (80% di sconto portando prodotti a lunga conservazione in quantità e/o qualità adeguata al progetto di solidarietà) per lo spettacolo.

L’Amleto che Ninni Bruschetta mette in scena è il risultato della precisa volontà del regista di proporre una lettura fedele dell’opera shakespeariana, tant’è che il titolo dello spettacolo, perché l’intento sia subito chiaro, nella sua completezza è: Amleto di William Shakspeare. “Fedele – puntualizza comunque il regista – nella misura in cui la fedeltà prevede un margine, sia pur impercettibile, di tradimento. Del resto tradire un testo significa anche tramandarlo, cioè, nel caso del teatro, renderlo leggibile ad un pubblico moderno”. L’Amleto, che emerge dal profondo studio dedicato da Bruschetta all’opera shakespeariana, indossa i panni della figura archetipica, ma è anche un uomo moderno, è il rappresentante di un mondo che acquisisce la consapevolezza di una caduta spirituale e sceglie di abbandonare il Paradiso Terrestre per diventare semplicemente un uomo. Amleto, nella trascrizione scenica del regista, è l’uomo nella sua imperfetta completezza, ma privo di una certa convenzionale cupezza con cui spesso viene rappresentato. Anzi, è un uomo vivo, vitale, attivo, un uomo che sceglie, in cui il dubbio rappresenta solo un passaggio obbligato. “Probabilmente sceglie la cosa sbagliata – tiene a precisare Bruschetta – ma sceglie. Il suo discorso più celebre passa attraverso un dubbio che fuga già nelle ultime righe, quando parla della purezza dell’azione. Allora, o Amleto decide per la vendetta perché crede che agire sia più nobile o perché vuole semplicemente vendicarsi. Ma sceglie di agire. Dal momento in cui capisce chi ha ucciso suo padre, ordisce una trama teatrale, che porta esattamente dove vuole lui. La sua domanda è già la sua risposta”. Questa lettura, suggestiva, offre un’ulteriore occasione per continuare a riflettere sui grandi temi di sempre: sul perché della vita e della morte, sul rapporto tra verità e menzogna, tra desiderio di giustizia e vendetta; sul ruolo del caso; sul potere reale o illusorio della volontà. A sottolineare l’atemporalità delle problematiche che la vicenda propone i costumi di Cinzia Preitano, le scenografie di Mariella Bellantoni, le musiche di Toni Canto e Gianluca Scorziello.    
L’intera stagione del Teatro Menotti è dedicata ad un progetto di solidarietà a favore dell’Associazione Banco Alimentare della Lombardia “Danilo Fossati” Onlus, che effettua il recupero quotidiano delle eccedenze alimentari e la loro redistribuzione a strutture caritative convenzionate in favore delle persone bisognose della Lombardia.
Con Amleto di William Shakespeare prosegue quindi il progetto “Protagonisti insieme a Banco Alimentare”; è la prima volta in Italia che un teatro organizza gesti di concreta solidarietà, invitando il proprio pubblico a donare cibo al Banco Alimentare per le famiglie più bisognose

TEATRO MENOTTI
Via Ciro Menotti 11, Milano tel. 02 36592544 biglietteria@tieffeteatro.it

Orari di biglietteria
lunedì e mercoledì dalle 15.00 alle 18.00
martedì, giovedì, venerdì dalle 15.00 alle 19.00
sabato dalle 15.30 alle 19.00

Acquisti online con carta di credito su www.teatromenotti.org
PREZZI 
intero - € 20.00
ridotto - € 10.00
mercoledì - € 10.00
TEATRO VERDI
Via Pastrengo 16 – Milano
Tel. 02.6880038 www.teatrodelburatto.it

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)