2018_05_12 FESTA DELLA MAMMA MAGENTA IN FIORE

Sabato 12 e domenica 13 maggio nelle principali vie del Centro storico, in Casa Giacobbe e nel suo parco
FESTA DELLA MAMMA: IN ARRIVO ‘MAGENTA IN FIORE’
In occasione della Festa della Mamma, Magenta si prepara a un evento unico che celebrerà degnamente tutte le mamme grazie a una due giorni ricca di intrattenimento per tutti. Sabato 12 e domenica 13 maggio è prevista infatti la rassegna ‘Magenta in fiore’, kermesse in cui la natura, l’arte, l’artigianato e l’enogastronomia saranno i protagonisti. Casa Giacobbe e il suo parco, Piazza Liberazione e le vie del centro storico saranno la cornice di una serie di attività di intrattenimento per grandi e piccoli. Fiori e piante, prodotti naturali, intrattenimenti a tema natura, infiorate, laboratori didattici per bambini, l’arte dei Madonnari all’opera nel rappresentare fiori e mamme, degustazioni e enogastronomia di qualità: queste alcune delle attività che i visitatori potranno trovare nella nostra Città. “Una manifestazione con cui intendiamo coniugare l’intrattenimento, lo svago, la voglia di stare insieme alla valorizzazione dei prodotti e delle bellezze del nostro territorio”, spiega il Sindaco Chiara Calati che ha assunto da poco la delega al Commercio. Coorganizzato con l’associazione culturale e artistica L’Iperbole di Parabiago e “frutto della collaborazione con tante realtà locali a partire da Confcommercio e Parco del Ticino che ringrazio per la partecipazione”, ‘Magenta in fiore’ si propone come una novità assoluta per la nostra Città offrendo al proprio interno tante opportunità e attrazioni: un concorso vetrine a tema in co-organizzazione con Confcommercio che, a ulteriore valorizzazione del concorso stesso, ha ottenuto il Patrocinio della CCIAA Milano-Lodi- Monza e Brianza, il Mercato della Terra a cura di alcuni produttori a Marchio Parco del Ticino, percorsi storico-culturali con visite guidate, musica dal vivo. Interessante anche la connessione con Santa Gianna Beretta Molla cui sarà dedicata una delle opere realizzate dai Madonnari e parte dell’infiorata di Piazza Liberazione che sarà curata da artisti marchigiani dell’Associazione Nazionale Infiorate Artistiche ‘Infioritalia’.
Qualche dettaglio organizzativo.
Concorso Vetrine: i Commercianti interessati hanno tempo fino a giovedì 10 maggio per iscriversi, inviando un’apposita scheda compilata a ConfCommercio m.magenta@unione.milano.it, fax 02.97291033 o al Comune di Magenta commercio@comunedimagenta.it o consegnandola direttamente alla Sede dell’Associazione in Via Volta 62 o presso l’Ufficio Protocollo del Comune, Piazza Formenti 3.
La Giuria sarà composta da 2 giurati indicati dall’Amministrazione comunale e 2 da Confcommercio Magenta.
Interno di Casa Giacobbe: esposizione di artigianato artistico e moda a tema natura (nei colori, forme e rappresentazioni) e alcuni prodotti enogastronomici selezionati. Sabato e domenica 10.00-19.30
Parco di Casa Giacobbe: esposizione di piante e fiori, di alcuni prodotti artigianali e prodotti enogastronomici selezionati. Sabato e domenica 10.00-19.30
Cortile interno del Palazzo Comunale: musica dal vivo sabato e domenica pomeriggio a cura di musicisti violinisti. Repertorio musica classica Quattro Stagioni di Vivaldi e altre opere a tema natura.
Madonnari: realizzeranno dal vivo le loro opere, su apposite tavole in legno, domenica 13 maggio dalle ore 8.00 alle ore 20.00 circa nelle seguenti vie: via Roma, Piazza Liberazione, via IV Giugno, via Garibaldi primo tratto fino a Piazza Parmigiani
Laboratorio per bambini con i gessetti “Piccoli artisti Madonnari”: domenica dalle 14.00 alle 19.00, Piazza Liberazione
Infiorata: sabato 12 maggio dalle ore 7.00 alle ore 20.00 circa, Piazza Liberazione
Piazza Formenti: Mercato della Terra
Percorsi turistici: punto informazioni e di partenza nel cortile di Casa Giacobbe

2018_05_16 Ultimo appuntamento per la stagione di Opera, arte e danza al Cinema

AgoraCult ULTIMO APPUNTAMENTO !
mercoledì 16 maggio 2018, ore 20.00
Le Corsaire
In diretta dal Teatro alla Scala di Milano
Azione, passione e romanticismo in un’invasione esotica del palcoscenico del Teatro alla Scala. Con musiche di Adolph Adam, Cesare Pugni, Léo Delibes, Riccardo Drigo e Prince Oldenbourg, e coreografie di Anna-Marie Holmes di Marius Petipa e Konstantin Sergeyev.
Durata ca. 2 ore e 20 minuti (balletto in tre atti)
Programma di sala a cura di Mario Mainino
http://www.concertodautunno.it/agora-robecco/agora-robecco-1718.htm



Le Corsaire: azione, passione e romanticismo trionfano nel più emozionante dei grandi balletti ottocenteschi, alla Scala dal 20 aprile al 17 maggio per la prima volta con la coreografia della specialista Anna-Marie Holmes, da Marius Petipa e Konstantin Sergeyev.

Il nuovissimo allestimento di Luisa Spinatelli, con 180 costumi, 5 cambi completi di scena e un veliero pirata, restituisce tutto l’esotismo dell’avventurosa storia d’amore del corsaro Conrad e della bella Medora tra tempeste e rapimenti, pirati e schiavi, odalische e pascià. Una trama vibrante e ricca di momenti di grande bravura e virtuosismo: una grande vetrina per gli artisti scaligeri, con diretta nei cinema del circuito all-opera.com il 16 maggio e trasmissione in differita su RAI 5.

Lo spettacolo coinvolgerà oltre un centinaio di interpreti fra comparse, allievi dell’Accademia,  artisti del Corpo di Ballo, solisti e primi ballerini, tra cui quelli freschi di nomina:  Timofej Andrijashenko, al debutto nel ruolo di Conrad accanto a Nicoletta Manni (Medora) in apertura di recite; Martina Arduino (Gulnare, e in seguito Medora), Virna Toppi (nelle tre odalische e in altre recite nel ruolo di Medora e Gulnare).

Sul podio Patrick Fournillier, specialista del repertorio francese.

Con questo spettacolo in diretta dalla Scala si chiude l'edizione 2017/2018 di Opera, arte e danza al Cinema che ha così superato i suoi primi DIECI anni di programmazione.
Con tutte le serata realizzate abbiamo affrontato una rosa di eventi a dir poco straordinaria, come potete vedere sfogliando i calendari delle ultime stagioni.
Opera 78 serate
ARTE 26 serate
Danza 18 serate
Concerto 3 serate
Teatro 1 serata
Canzone 1 serata
Totale 126 serate



2018_05_12 SOFIA GOETZ e il QUARTETTO JOHANNES in concerto al TEATRO EDI/BARRIO'S

sabato 12 maggio 2018 ore 20.30
TEATRO EDI/BARRIO'S

SOFIA GOETZ e il QUARTETTO JOHANNES in concerto

Sofia Goetz  violino
Yuko Kimura  pianoforte
Quartetto Johannes
Sofia Goetz, Chiara Borghese  violini
Francesco Mariotti  viola
Valentina Bionda  violoncello


IN PROGRAMMA
R.Schumann (1810-1856)
Sonata per violino e pianoforte op.105 n.1  (Mit leidenschaftlichem Ausdruck - Allegretto – Lebhaft)
Clara Wieck Schumann (1819-1896)
Romance op.21 n.1 (Andante molto)
J.Brahms (1833-1897)
Scherzo dalla Sonata per violino e pianoforte FAE
J.Brahms
Quartetto per archi op.51 n.1 in do minore (Allegro-Romanza, poco adagio-Allegretto molto moderato e comodo-Allegro)

2018_05_15 Il Muro arriva al Faraggiana di Novara

Lo spettacolo "Il Muro" arriva al Faraggiana

SerMais, insieme all'associazione Turi kumwe Onlus, conclude il percorso del progetto Promemoria Auschwitz 2018 solcando il palco del Teatro Faraggiana di Novara insieme allo spettacolo "Il Muro", martedì 15 maggio alle ore 20.30.

Come ogni anno, il progetto di educazione alla cittadinanza e alla memoria, realizzato in collaborazione con l'Istituto Storico della Resistenza "Piero Fornara" e con l'associazione Deina, vede i giovani protagonisti di una
Le immagini, le emozioni e i pensieri che hanno accompagnato iI cammino di oltre novanta ragazzi del territorio nel viaggio a Cracovia del febbraio scorso faranno da apertura e cornice al "Muro" portato in scena da Marco Cortesi e Mara Moschini. 
restituzione pubblica alla cittadinanza.

2018_05_13 Baf - Bibiena Art Festival

Domenica 13 maggio 2018 - ore 17.30
Piacenza, Chiesa di San Cristoforo - via Genocchi ang. via Gregorio X
il Gruppo Strumentale Ciampi
presenta
in occasione del BAF - Bibiena Art Festival
Colli Salaris piccola
Silvia Colli, violino
Roberta Salaris, fortepiano
interpretano composizioni strumentali di: W. A. Mozart, F. Schubert, L. van Beethoven 
info: www.gruppociampi.com
ingresso libero
Baf - Bibiena Art Festival 2018 - 13ª edizione
organizzazione - direzione artistica:
Gruppo Strumentale Ciampi

2018_05_21 Festival Internazionale di Danza Contemporanea TORINO 21> 31 MAGGIO 2018

I N T E R P L A Y / 18
Festival Internazionale di Danza Contemporanea
TORINO 21> 31 MAGGIO 2018

 
Teatro Astra + Lavanderia a Vapore + TRG/ Teatro Ragazzi
Blitz Metropolitani in vari spazi della città e dell’area metropolitana

Direzione artistica Natalìa Casorati
a cura dell’Associazione Culturale Mosaico Danza
  
100 artisti da tutto il mondo, 11 paesi europei ed extra europei, 23 compagnie, 8 prime nazionali per scoprire la nuova danza contemporanea di giovani coreografi italiani e internazionali. INTERPLAY/18: un festival coraggioso e provocatorio che anche quest'anno è luogo di discussione sulle tematiche più attuali e difficili approfondendo il rapporto fra il quotidiano e l'individuo.

Gli appuntamenti con il meglio della scena contemporanea italiana e internazionale
Tra i numerosi artisti ospiti, si segnala il 21 maggio una delle più significative coreografe della scena contemporanea, TABEA MARTIN, con una prima nazionale sul desiderio di esplorare le debolezze degli esseri umani in modo giocoso e provocatorio. Serata tutta italiana quella del 22 maggio con i più interessanti coreografi della scena italiana: SALVO LOMBARDOMARCO CHENEVIER e LUNA CENERE. Toccante ed emozionante lo spettacolo vincitore del contest Danse Élargie del coreografo siriano MITHKAL ALZGHAIRDisplacement il 25 maggio.

Blitz Metropolitani, ovvero progetti di danza urbana site specific al Museo di Arte contemporanea / Castello di Rivoli il 26 maggio, con sei performance di danza urbana tra cui Wreck di PIETRO MARULLO: 6 interpreti e una gigantesca scultura aerea.

Il 29 maggio negli spazi all'aperto della Lavanderia a Vapore la fisicità estrema del trio di LUCIO BAGLIVO, artista sostenuto dal grande Bob Wilson. Negli spazi del teatro è la coreografa spagnola LALI AYGUADÉ con l'eclettico compositore Josep Baldomà a catturare l'attenzione del pubblico con 5 danzatori.

Il 31 maggio la forza vibrante del silenzio a cura dei TECNOLOGIA FILOSOFICA e gli attesissimi RESODANCER COMPANY, i cui membri vantano una lunga collaborazione con la Batsheva Esemble Dance Company, con le coreografie della danzatrice israelo-statunitense Shi Pratt.  Chiude Interplay l'ironia tagliente di T.I.N.A di GISELDA RANIERI
                    

2018_07_27 ATTRAVERSO FESTIVAL UN VIAGGIO NEL PIEMONTE MERIDIONALE

ATTRAVERSO FESTIVAL
- Uomini e storie delle terre di mezzo -

Dal 27 luglio incontri, concerti e percorsi con artisti del calibro di

JOAN BAEZ
MARCO PAOLINI, PAOLO CREPET, NERI MARCORÉ, GIOVANNI LINDO FERRETTI, GIUSEPPE CEDERNA, WILLIE PEYOTE, GIOVANNI NUTI, ALESSANDRO BARBERO  

UN VIAGGIO NEL PIEMONTE MERIDIONALE
TRA LE TERRE INSERITE 
NELLA UNESCO WORLD HERITAGE

Venerdì 27 luglio, alle ore 21.00, presso la piazza della Chiesa a Carrega Ligure (Al) con lo spettacolo “Spaghetti Western” di Steve Della Casa ed Efisio Mulas - conduttori della trasmissione Radio Rai “Hollywood Party” – inizia la terza edizione di Attraverso Festival – Uomini e storie delle terre di mezzo, la rassegna diffusa che si sviluppa come un vero e proprio percorso turistico-spettacolare nei territori regionali inseriti nella World Heritage List dell'Unesco nel 2014 e quelli limitrofi del basso Piemonte.

In Piemonte, nelle terre di mezzo delle Langhe, Roero e Monferrato, inizia un cammino che passa attraverso ventidue paesi e tre province nella cornice di un solo grande festival che si conferma anfitrione di un’esperienza unica tra paesaggio e spettacolo. Saranno protagoniste le ricchezze paesaggistiche e la cultura storica e sociale dei territori che ospitano la rassegna dove ogni appuntamento è stato pensato in armonia con il contesto che lo ospita.

Eventi, persone, arte in luoghi con una storia e un carattere proprio: dal Parco Naturale Capanne di Barcarolo a Bosio (Al), che farà da scenario allo spettacolo di Marco Paolini, alla Residenza Reale Unesco dell’Agenzia di Pollenzo a Bra (Cn), scenografia del concerto di Joan Baez passando per il centro storico di Novello (Cn) dove, in occasione dei quarant’anni della legge Basaglia, si avvicenderanno Paolo Crepet, Giovanni Nuti e Willie Peyote.

La rassegna si svilupperà in due tempi: il primo, dal 27 luglio al 9 agosto, come assaggio culturale dei territori al centro del festival, mentre, dal 23 agosto al 9 settembre, si avvieranno i percorsi legati alla storia e alle caratteristiche del Piemonte meridionale.

Ecco gli appuntamenti finora confermati:
 
ATTRAVERSO FESTIVAL
5 agosto-10 settembre

Primo tempo
27 luglio 2018_07_27 – STEVE DELLA CASA ed EFISIO MULAS – Carrega (Al), Piazza della Chiesa
29 luglio
 2018_07_29 – THE SWEET LIFE SOCIETY – Calamandrana Alta (At)
5 agosto 2018_08_05 – MARCO PAOLINI – Bosio (Al), Parco Naturale Capanne di Marcarolo
9 agosto 2018_08_09 – JOAN BAEZ – Pollenzo/Bra (Cn), Residenza Reale Unesco dell’Agenzia di Pollenzo

Secondo tempo
24 agosto 
 2018_08_24 RINO GAETANO BAND – Ovada (Al), Scuola di musica Antonio Rebora
25 agosto 2018_08_25  – FUNK OFF, BANDAKADABRA e BANDA MUNICIPALE – Ovada (Al), centro storico
26 agosto 2018_08_26  – TEATRO DELLE ARIETTE – Calamandrana Alta
26 agosto 2018_08_26 – FESTIVAL DELLA FELICITÀ con RINO GAETANO BAND – Monticello (Cn), Borgo
30 agosto 2018_08_30 – BEPPE TOSCO – Castelnuovo Calcea (At), Cantina Michele Chiarlo
1 settembre  2018_09_01 PAOLO CREPET, GIOVANNI NUTI, WILLIE PEYOTE – Novello (Cn), centro storico
1 settembre  2018_09_01 - NERI MARCORÉ – Serravalle Scrivia (Al), Area Archeologica di Libarna
2 settembre  2018_09_02 – NERI MARCORÈ – Monforte d’Alba (Cn), Auditorium Horszowski
4 settembre  2018_09_04 – ALESSANDRO BARBERO – Casaleggio Boiro (Al), Castello dell’Innominato
6 settembre  2018_09_06 GIOVANNI LINDO FERRETTI – Alba (Cn), Teatro Sociale “G. Busca”
7 settembre
  2018_09_07 – DON LUIGI CIOTTI – La Morra (Cn)
8 settembre  2018_09_08 – GIUSEPPE CEDERNA – Parodi Ligure (Al), Abbazia di San Remigio
9 settembre  2018_09_09 – HAPPY HOUR con Silvia Gallerano e Stefano Cenci – ALBA, Teatro Sociale “G. Busca”


Attraverso Festival è un progetto di Associazione Culturale Hiroshima Mon Amour e Produzioni Fuorivia con la collaborazione dell’Ente Parco Aree Protette Appennino Piemontese. È realizzato con il Patrocinio di Unesco, dell’Associazione per il patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato e della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo. Con il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione CRT, Fondazione CRC, Fondazione CrAsti, e il coordinamento di Fondazione Piemonte dal Vivo. Con la collaborazione e il sostegno dei comuni di Acqui Terme, Alba, Barbaresco, Bosio, Bra, Calamandrana, Canelli, Carrega Ligura, Casaleggio Boiro, Castelnuovo Calcea,  Gavi, Grinzane Cavour, La Morra, Monforte d'Alba, Monticello d'Alba, Novello, Novi Ligure, Ovada, Parodi Ligure, Serralunga d’Alba, Serravalle Scrivia/Libarna, Terruggia e da quest’anno anche con il sostegno di Banca d’Alba ed Egea. Un ringraziamento speciale va inoltre ai numerosi soggetti che già operano sul territorio e che sono partner fondamentali di questo Festival: ATL Langhe Roero, ATL Alessandria, ATL Asti, le vivacissime Pro Loco, i produttori e le associazioni culturali del territorio, oltre che a Cantine di Fontanafredda, Cantina Michele Chiarlo e Eataly.

www.attraversofestival.it; https://www.facebook.com/ATTRAVERSOFESTIVAL/;   

2018_07_07 MONFORTINJAZZ 2018 a Monforte d’Alba

MONFORTINJAZZ 2018
Monforte d’Alba

Auditorium Horszowski
Sabato 14 Luglio 2018_07_14 
Mercoledì 18 Luglio 2018_07_18 
Sabato 21 Luglio 2018_07_21 
Sabato 04 Agosto 2018_08_04 
Domenica 19 Agosto 2018_08_19 
 
sabato 7 luglio STEVE HACKETT Genesis Revisited, Solo Gems & Gtr
sabato 14 luglio CALEXICO
mercoledì 18 luglio GILBERTO GIL 

con BEM GIL, CHIARA CIVELLO, MAYRA ANDRADE e MESTRINHO Refavela 40
sabato 21 luglio MIKE STERN & RANDY BRECKER BAND 
f
eaturing DENNIS CHAMBERS & TOM KENNEDY
sabato 4 agosto RAPHAEL GUALAZZI
 
CAMBIO DATA per il live di GILBERTO GIL
Per motivi indipendenti dal festival, il concerto è stato anticipato di un giorno e spostato a MERCOLEDI' 18 LUGLIO 2018.

Il "tropicalista" post-moderno sarà sul palco con il figlio Bem Gil e altri musicisti d'eccezione per festeggiare i 40 anni dall'uscita del celebre album "REFAVELA"
........................................
Arrampicandosi per le stradine di Monforte d’Alba, stupendo centro delle Langhe piemontesi e patria di grandissimi produttori di barolo, ci si trova sempre conquistati dalla bellezza dell’Auditorium Horszowsky, situato sulla sommità del paese. Un luogo unico, e una delle location più particolari del panorama festivaliero italiano: proprio qui molti tra i più noti ed apprezzati protagonisti della scena musicale internazionale danno vita, da 42 anni, ad un appuntamento unico. Qualità artistica e raffinatezza degli interpreti si fondono nel programma di Monfortinjazz and more per offrire ad un pubblico sempre più internazionale, colto e preparato una suggestione irripetibile.

Nell’estate 2018 il cartellone propone cinque concerti per esplorare il mondo della musica contemporanea, dal chitarrista dei Genesis e leggenda del prog Steve Hackett ai Calexico, una band in grado di unire spettacolo, emozione, voglia di ballare e grande musica. Il grandissimo Gilberto Gil arriva per la prima volta sul palco di Monfortinjazz per rievocare e celebrare, a 40 anni di distanza, uno dei suoi progetti più belli e poi ancora spazio ai mostri sacri del fusion e jazz-rock Mike Stern e Randy BreckerRapahel Gualazzi, unico italiano in programma, chiude con la tradizionale degustazione di barolo un’estate indimenticabile.

Steve Hackett inaugura sabato 7 luglio la 42esima edizione di Monfortinjazz con uno show entusiasmante. Il leggendario chitarrista inglese - prima con i Genesis ed in seguito come solista e con il supergruppo GTR - proporrà brani dagli album più acclamati scritti insieme ai Genesis, preziose gemme da solista, versioni speciale dei GTR, brani vecchi e nuovi, come quelli tratti dal più recente ed avanguardistico The Night Siren. Sul palco con Steve Hackett un eccezionale team di musicisti di altissimo livello: alle tastiere Roger King (Gary Moore, The Mute Gods); alla batteria, percussioni e voce Gary O'Toole (Kylie Minogue, Chrissie Hynde); al sax, flauto e percussioni Rob Townsend (Bill Bruford); al basso e chitarra Jonas Reingold (The Flower Kings); alla voce Nad Sylvan (Agents of Mercy).

Tornano, dopo l’indimenticabile concerto del 2014, i CalexicoSabato 14 luglio Joey Burns e John Convertino tornano sul palco dell’Auditorium Horszowski per presentare dal vivo l'ultima fatica, The Thread That Keeps Us, nono album della loro carriera uscito a fine gennaio, che offre nuove vibrazioni al loro folk-rock di frontiera. Insieme al vocalist e batterista fondatori della band Martin Wenk, Jacob Valenzuela, Sergio Mendoza, Jairo Zavala Ruiz, and Scott Colberg.

Per la prima volta in assoluto arriva a Monfortinjazz non soltanto una leggenda della musica popolare brasiliana, ma una vera e propria icona della musica del mondo. Mercoledì 18 luglio Gilberto Gil rievoca e celebra, a 40 anni di distanza, uno dei suoi progetti più belli ed emotivamente coinvolgenti. Il titolo è Refavela 40, dal disco che Gil incise nel 1977 dopo aver partecipato al festival di musica africana di Lagos, Nigeria. Un disco dedicato alle favelas, tipologia urbanistica e sociale, soprattutto metropolitana, che, come Gil ebbe modo di vedere, non cambiava molto da Lagos a Salvador de Bahia e nel resto del Brasile. In questa rivisitazione, 40 anni dopo, con Gil ci sono il figlio Bem, Chiara Civello, Mayra Andrade e Mestrinho.

In una carriera che abbraccia tre decadi e una discografia che include più di una dozzina di registrazioni eclettiche e innovative, Mike Stern, con cinque nominations ai GRAMMY, si è affermato come uno dei principali chitarristi e compositori jazz e jazz-fusion della sua generazione. Sul palco di Monfortinjazz insieme all’amico, il trombettista leggendario Randy Brecker sabato 21 luglio.  Stern e Brecker saranno affiancati dallo strepitoso batterista Dennis Chambers e dall’eccezionale bassista Tom Kennedy.

Torna per il concerto di chiusura dell’edizione 2018 del festival sabato 4 agosto Raphael Gualazzi, artista amatissimo, con la ricercatezza di Paolo Conte e l’esplosività di Jamie Cullum. L’unico italiano nel cartellone ha scelto proprio Monfortinjazz per una delle pochissime apparizioni dell’estate e la sua musica raffinata e frizzante promette il migliore dei feeling per la tradizionale degustazione di barolo offerta dai produttori di Monforte.

La manifestazione è organizzata dall’Associazione Monforte Arte in collaborazione con Ponderosa Music & Art, è promossa dal Comune di Monforte, patrocinata dalla Regione Piemonte con il contributo della Fondazione CRC.

Tutti i concerti in cartellone avranno inizio alle 21.30.


Biglietti in prevendita sui circuiti Mailticket, Vivaticket, Ticketone

STEVE HACKETT 
platea numerata euro 60,00 + ddp
tribuna non numerata euro 40,00 + ddp

CALEXICO
posto unico euro 30,00 € + ddp

GILBERTO GIL
platea numerata euro 50,00 + ddp
tribuna non numerata euro 40,00 + ddp

MILE STERN & RANDY BRECKER BAND 
posto unico euro 35,00 € + ddp

RAPHAEL GUALAZZI
posto unico euro 37,00 € + ddp


Per info www.monfortinjazz.itinfo@monfortinjazz.it
FB MonfortinjazzFestival | TW Monfortinjazz | IG monfortinjazz
 

2018_05_18 Fine settimana con CHRONOS3 al Teatro Libero di Milano

dal 18 al 20 maggio 2018
Teatro Libero via Savona, 10 (Milano)
LA COSA BRUTTA
regia Manuel Renga
drammaturgia Tobia Rossi
con Francesca Vitale,
Ilaria Marchianò, Eugenio Fea
coproduzione Chronos3
e Associazione La Memoria del Teatro

Venerdì 18 Maggio 2018_05_18 ore 21.00
Sabato 19 Maggio 2018_05_19  ore 21.00
Domenica 20 Maggio 2018_05_20  ore 21.00

VEDI FOTOSERVIZIO CONCERTODAUTUNNO

Motivazione PREMIO HYSTRIO 2016:
“… Per la capacità di passare
dal comico al drammatico, con dialoghi credibili e una lingua sapida, nel delineare situazioni e sviluppo dei personaggi dentro un paesaggio che racconta un’Italia di provincia nelle sue fughe in avanti
e nelle sue resistenze.”
La storia di una famiglia come tante, senza eroi e senza vincenti, l’avventura tragicomica, allo stesso tempo comunissima e straordinaria di un piccolo nucleo di essere umani che affronta il tracollo finanziario, la perdita, la paura, lo smarrimento, l’indicibile tabù del dolore, della depressione, fino all’invocazione della morte come liberazione e salvezza.
PER INFORMAZIONI: www.teatrolibero.it www.chronos3.it
TEATRO LIBERO - via Savona, 10 - 20144 - MILANO

Info tratte dal sito ufficiale:
Notte. Fiore e Davide, una madre e un figlio, si fanno largo impacciati tra le fronde di un bosco. L’aria è umida, farsi strada è complicato, c’è il fango e ci sono gli insetti, soprattutto ci sono le mille cose che i due non si sono mai detti, i segreti, i silenzi, le bugie piccole e grandi, i dolori taciuti, la distanza siderale che negli anni si è creata tra loro. La morte del capofamiglia, marito e padre, li ha riportati vicini. Il funerale ha appena avuto luogo, ben presto scopriamo che si trovano in quel boschetto perché proprio lì è fuggita Martina, la figlia minore, mentalmente ritardata, sconvolta dalla scomparsa del papà, che è sgattaiolata fuori di casa nel cuore della notte e si è gettata nel bosco buio, inspiegabilmente armata di un fucile. Ma a tutto c’è una spiegazione.
Fiore e Davide, nella loro goffa e faticosa avanzata tra felci e arbusti, disseppelliscono ricordi, affrontano fantasmi, si rivelano a vicenda, fino a che la madre non racconta al figlio una verità oscena: il padre, che da tempo soffriva di una segreta depressione, si è tolto la vita.
Durante gli anni della sua spossante malinconia, l’uomo ha motivato alla figlia Martina la ragione del suo malessere raccontandole una favola spaventosa: esiste la Cosa Brutta,  un’orrida creatura che di tanto in tanto gli fa visita, gli strappa via la voglia di vivere e lo minaccia di portarlo via con sé, per sempre. La ragazza non ha accettato l’idea che il padre fosse morto e ha pensato che il mostro lo avesse rapito, per quello si è lanciata armata nella foresta, con l’idea di trovare la tana della Cosa Brutta, ucciderla, salvare il padre e riportarlo a casa…

La storia di una famiglia come tante, senza eroi e senza vincenti, l’avventura tragicomica, allo stesso tempo comunissima e straordinaria di un piccolo nucleo di essere umani che affronta il tracollo finanziario, la perdita, la paura, lo smarrimento, la tristezza soprattutto, l’indicibile tabù del dolore, della depressione, fino all’invocazione della morte come liberazione e salvezza. Guardare i nostri famigliari da vicino, affacciarsi sul loro baratro, e affrontare la vertigine della messa in discussione di ciò che riteniamo saggio, giusto, sensato. Una madre scopre che suo figlio è diventato un uomo e suo figlio scopre che la madre è una donna oramai anziana, fragile e fallibile, piene di ferite, meschinità, menzogne che racconta a sé stessa e agli altri, sola.
Questa storia così intima e privata è adagiata sul manto muschiato della favola nera, con atmosfere che rimandano ai fratelli Grimm e ai racconti di Hoffman, un incubo lungo una notte popolato da esseri umani, animali, forse anche mostri.
Il bosco notturno si fa scenario rituale della reviviscenza di un’epopea famigliare, i sentieri accidentati e inospitali della foresta si fanno simbolo delle zone inesplorate del sé, delicate, pericolose. L’ambiente perfetto per raccontare queste creature imperfette, incomplete, irrisolte e bellissime.

2018_05_09 Alessandro Galoppini nominato Direttore artistico de Teatro Regio di Torino

Alessandro Galoppini, nella foto di Concertodautunno
Si è riunito mercoledì, 9 maggio 2018, il Consiglio di Indirizzo del Teatro Regio presieduto dalla Sindaca Chiara Appendino e formato da Paolo Cantarella, Angelica Corporandi D’Auvare Musy, Filippo Fonsatti, Cristina Giovando, Giambattista Quirico e Vittorio Sabadin. Nel corso della riunione il Collegio dei revisori ha esposto la relazione in merito ai conti dell’esercizio 2017, dalla quale emerge quanto segue.
Nel 2017 si evidenzia una possibile perdita di esercizio – provvisoriamente indicata nel bilancio preconsuntivo – di circa di 1.800.000 euro. Questa cifra è principalmente frutto di minori contributi e sponsorizzazioni da parte di Enti pubblici e privati rispetto al Bilancio di previsione che il sovrintendente Vergnano sottopose al Consiglio di Indirizzo all’inizio del 2017. Sono stati inoltre riscontrati minori introiti di Biglietteria, sempre rispetto al suddetto preventivo. Il Teatro Regio, nel corso del 2017, è riuscito a ridurre i costi di circa 1.000.000 di euro.
Sono ancora in fase di esame le possibilità tecnico-contabili di azzeramento della perdita, lavoro attualmente in corso sotto la supervisione di William Graziosi sovrintendente nominato dal Ministro Franceschini il 3 maggio.
Infine, il Collegio dei Revisori, ha sottolineato che non ci sono errori nelle scritture contabili dell’esercizio 2017 così come è stato evidenziato anche dalla società di revisione contabile Ernst&Young che le ha periodicamente sottoposte a verifica.
Al termine del Consiglio di indirizzo la Sindaca Chiara Appendino e il sovrintendente William Graziosi, hanno incontrato i rappresentanti sindacali e poi tutti i lavoratori riuniti in assemblea, dando rassicurazioni sul fatto che si sta facendo tutto il possibile per risolvere al più presto i problemi di bilancio e che verranno mantenuti gli alti livelli artistici del Teatro Regio.
Il sovrintendente Graziosi, insediatosi da sole 48 ore, ha inoltre presentato il nuovo Direttore artistico Alessandro Galoppini, figura centrale del Teatro Regio dove ha svolto negli ultimi 9 anni il ruolo di direttore dell’Area artistica. Entrambi stanno lavorando con grande impegno alla prossima stagione che verrà presentata, come di consueto, entro la metà di giugno.

Tratto da COMUNICATO TEATRO REGIO di Torino

2018_05_15 Omaggio a Goffredo Petrassi laVerdi festeggia il ‘900 italiano

Martedì 15 Maggio 2018 - ore 20.30
Auditorium di Milano - largo Mahler
Stagione 2017/18
laVerdi festeggia il ‘900 italiano
Omaggio a Goffredo Petrassi
Nel 15° anniversario della scomparsa del compositore romano, Carlo Boccadoro dirige laVerdi nel Quinto Concerto per orchestra. In programma anche una prima esecuzione assoluta di Giorgio Colombo Taccani

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Direttore Carlo Boccadoro

Il sesto e ultimo incontro della Stagione 2017/18 con la speciale rassegna “laVerdi festeggia il ‘900 italiano”, in programma martedì 15 Maggio (ore 20.30) all’Auditorium di Milano, vede protagonista Goffredo Petrassi, nel 15° anniversario della morte. Per ricordare il compositore romano, scomparso il 3 marzo 2003, sarà eseguito il Quinto Concerto per orchestra, scritto nel 1955 per la Boston Symphony Orchestra. La carriera di Petrassi, sia in veste di compositore che di didatta, è stata lunga e costellata di successi, in Italia e all’estero, prima e dopo il Secondo conflitto mondiale, attraverso l’intero Novecento.  Basti pensare che, nel corso della sua impressionante parabola didattica, ebbe innumerevoli allievi, tra cui spiccano Aldo Clementi, Franco Oppo, Mauro Bortolotti, Wolfango Dalla Vecchia, Robert W. Mann, Kenneth Leighton, Peter Maxwell Davies, Cornelius Cardew, Ennio Morricone, Marcello Panni, Boris Porena, Fausto Razzi, Ivan Vandor, Jesus Villa Rojo, Marcello Giombini, Domenico Guaccero e Daniele Paris.
Ottenne numerosi riconoscimenti internazionali: fu nominato socio della Akademie der Künste di Berlino, della Académie Royale de Belgique, dell'American Academy and Institute of Arts and Letters di New York, dell'American Academy of Arts and Sciences di Boston, della Bayerische Akademie di Monaco di Baviera e dell'Academia Nacional de Bellas Artes di Buenos Aires. Gli furono inoltre conferite le lauree Honoris Causa dall'Università degli Studi di Bologna e dall'Università degli studi di Roma "La Sapienza", nonché il Premio Prince Pierre de Monaco a Montecarlo ed il Premio Internazionale "Antonio Feltrinelli" dell'Accademia Nazionale dei Lincei.
La ricca locandina dell’evento vedrà anche l’esecuzione di una prima assoluta del brano Quattro Parole del milanese Giorgio Colombo Taccani, per continuare con Vertige, brano per orchestra d’archi di un altro compositore milanese, Luca Francesconi, e chiudere con Orbis Tertius di Carlo Boccadoro: sarà proprio il Maestro maceratese a salire sul palco di largo Mahler per dirigere l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi in questo grande affresco della musica italiana contemporanea.
Lasciamo proprio a Carlo Boccadoro il compito di introdurci all’ascolto del programma:
“Cominciamo da Francesconi e dal suo Vertige: il brano del 1985, che a Milano non si esegue da parecchi anni, rispecchia pienamente lo stile del compositore. Parte da figure minime, diventa sempre più accelerato, più veloce, fino agli ostinati ritmici del finale. Un pezzo sempre in tensione, come del resto tutta la musica di Francesconi: ricorda una miccia che si accende, in una corsa folle fino alla fine. Pezzo super virtuoso, tostissimo; musica ipercinetica, piena di energia; del resto, il titolo dice tutto: parte dal nulla e accelera, senza un attimo di tregua, in una folle corsa fino alla conclusione.
“Il pezzo di Colombo Taccani – Quattro Parole - è nuovo, presentato per questa speciale occasione: si tratta di un brano molto ritmico, con figure decisamente assertive, come la grande fanfara di ottoni; composizione fatta di scatti imprevedibili e coinvolgenti, che passano da frasi forti ad altre più delicate. La sua musica ha sempre figure molto chiare, che la altrettanto significativa nei confronti del pubblico. L’orchestrazione è fantastica, spettacolare, di grande effetto, con la musica che porta un messaggio senza compromessi.
“E veniamo al mio brano, Orbis Tertius: commissinatomi proprio da laVerdi, eseguito e diretto da John Axelrod all’Auditorium di Milano due anni fa, è un omaggio ai sei pezzi per orchestra di Anton Sebel Webern: omaggio ideale, sei aforismi molto brevi di poco più di un minuto l’uno, caratterizzati da atmosfere molto diverse tra loro; l’idea era quella di realizzare sei piccole miniature per orchestra
“Infine il grande Petrassi. Il Quinto Conceto per orchestra è uno dei pezzi massimi dell’intero ‘900, basato su un frammento di una sua composizione precedente, il Coro di morti, con testo di Leopardi. Un vero capolavoro, scritto per la Boston Symphony: difficilissimo nell’esecuzione, forse il più spettacolare sotto il profilo dell’orchestrazione. Si identifica in due parti in due parti: la prima scandita da un adagio seguito da un superallegro; la seconda costruita su un adagetto un po’ neoclassico, con un finale che ricorda una marcia molto cadenzata, dove tornano le figure del primo tempo, e in tutto il brano riemerge ricorrente il motivo del Coro di morti”.

(Biglietti: euro 20,00/10,00; info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler, orari apertura: mar/dom, ore 10.00/19.00, tel. 02.83389401/2; on line: www.laverdi.org www.vivaticket.it )

2018_05_01 Theo Dallosta per un mese le sue foto alla biblioteca di Vigevano

dal 2 maggio al 31 maggio 2018
Biblioteca Civica L. Mastronardi - Androne
DiMostra...l'artista che è in te: Esposizione fotografica
L'occhio di Theo
espone Theo Dallosta (Tun The Maung)
Ingresso libero durante l'orario di apertura della Biblioteca.

Biblioteca Mastronardi:
lun. - gio.  8.30-13.30 e 14.30-19.00
ven. 8.30 - 13.30 e 14.30 -23.00
sab 9.-13.

Nell'esiguo spazio della bacheca espositiva Theo propone un ventaglio delle sue immagini che esplorano diverse tematiche, dal ritratto (sia del popolano che del Dalai Lama), a paesaggi che esplorano paesi lontani dalla Birmania alla Lomellina e le diverse stagioni dell'anno, dai colori delle belle stagioni, sino al clima uggioso delle giornate di nevischio.
La tecnica usata tocca le immagini scintillanti di colore, il bianco e nero, e il virato seppia.



Theo Dallosta (Tun The Maung) è nato a Yangon in Birmania nel 1982 e nel Settembre 2012 si è trasferito in Italia. Attualmente vive con la sua nuova famiglia a Gravellona Lomellina (Pv), caratteristico “paese d'arte” di tradizione contadina. Nel corso di questi 4 anni, pur avendo conseguito il Diploma Alberghiero, ha continuato a coltivare la propria passione per la fotografia con grande diletto e con profonda dedizione e intraprendendo questa professione per un futuro lavoro.

Nel ottobre 2017 ha proposto in Biblioteca immagini di Gravellona e del suo paese natale.
Nel 2016 il giovane fotografo Ko Theo Dallosta, di origine birmana, ma residente da alcuni anni a Gravellona Lomellina, ha curato un allestimento, durante la Festa dell'arte. non solo una mostra fotografica ma anche oggetti artistici della tradizione birmana nella "Sala delle Colonne" del Comune di Gravellona. Aperta dal pomeriggio di sabato 11 giugno e per tutta la giornata di domenica 12 giugno 2016. 

2016_01_01 13 Maggio 2018, Morimondo presenta la Birra dell'Abbazia

Data :01/01/2016
13 Maggio 2018, Morimondo presenta la Birra dell'Abbazia
Sede piazza del Municipio, via Roma
Città: Morimondo (Mi)
Sezione #concertodautunnonews: altro
Descrizione: Domenica a tutta birra a Morimondo, borgo slow e bandiera arancione del circuito dei Borghi Più Belli d'Italia. L'Abbazia di Morimondo presenta ufficialmente la sua birra: una giornata di festa, un contest per vincere 200 bottiglie di birra ed un progetto per valorizzare il territorio. Tra i protagonisti anche il Mercatino Enogastronomico della Certosa di Pavia con le sue tipicità a chilometro vero

Una birra del territorio: autoctona, a chilometro vero, trappista, come Dio comanda. E' la BAM – Birra dell'Abbazia di Morimondo che domenica 13 Maggio verrà presentata ufficialmente nel borgo slow alle porte di Milano, bandiera arancione dei Borghi più belli d 'Italia. Dalle 10 alle 20 in piazza del Municipio il pubblico avrà la possibilità di assaggiare la birra di Birreria BAM Brewery. Tra tutti colori che scansioneranno il QRcode presente sul volantino in distribuzione in questi giorni verranno estratti 200 bottiglie di birra.

Una birra del territorio con le caratteristiche delle birre trappiste, nata dalla passione di Luca, Luisa e Mauro, appassionati della propria terra, delle proprie tradizioni e di birra. Nel progetto lo sviluppo di un "ceppo" autoctono, un lievito madre made in Morimondo, o meglio ancora dell'Abbazia di Morimondo.

Tra i protagonisti di questa giornata di festa anche il Mercatino Enogastronomico della Certosa di Pavia con le sue tipicità a chilometro vero, il meglio del meglio della produzione agricola del Pavese, dell'Oltrepo, della Lomellina e del vicino Monferrato. Specialità casearie di latte vaccino, di latte di pecora e di latte di capra; Varzi DOP e salame d'oca di Mortara IGP, prosciutti, paté di fegato d'oca; vino dei Colli d'Oltrepo, riso e offelle: una vetrina che comprende anche pani speciali ad accompagnare salumi e formaggi (alla curcuma, integrale, farina Senatore Cappelli, alle olive; pane con l'uvetta per quanto riguarda i pani dolci). Non mancano, infine, distillati d'erbe, verdura, frutta, olio e conserve dalla Sicilia; spezie dal mondo, tisane, miele, zafferano. E ancora lumache e chiocciole bio preparate secondo varie e gustose ricette. A base di lumaca e presenti sulle bancarelle del MEC anche prodotti di bellezza.

La storia della BAM inizia nel 2014, quando Luca Livrieri, appassionato di birra ed esperto del settore, ha proposto al Comune di creare una birra autoctona con le caratteristiche delle birre trappiste ed un progetto articolato che comprendeva anche lo sviluppo di un lievito madre autoctono proprio di Morimondo e della sua Abbazia. Da qui la collaborazione con il Professor Pier Giacomo Sarra della Bionova Probiotec, società specializzata nello sviluppo di biomasse. E' del 2017 la nascita del lievito madre made in Morimondo: un mosto di birra depositato nei sotterranei dell'Abbazia, nella zona della vecchia ghiacciaia, ambiente giudicato particolarmente adatto all'insediamento di micro organismi. Da qui alla nascita della Birra dell'Abbazia di Morimondo il passo è stato breve.

Il progetto ha anche uno sfondo sociale: infatti, per ogni litro di birra prodotta e venduta, verrà donata una fee al comune, che potrà così utilizzare il denaro raccolto per valorizzare ulteriormente il territorio.



Presentazione ufficiale della birra BAM, Birra dell'Abbazia di Morimondo

Domenica 13 Maggio 2018

Dalle 10 alle 20

Piazza del Municipio, Morimondo (Mi)
Mercatino Enogastronomico della Certosa
Domenica 13 Maggio 2018

Dalle 10 alle 20
Via Roma, Morimondo (Mi)

Per informazioni 347 7264448; www.agenziareclam.it
Contatti:
Indirizzo e-mail :
Numero di cellulare:
Numero fisso:
Sito Web:

2018_05_06 Barbiere in scena al Teatro SOMS di Sannazzaro de Burgundi

Domenica 06 Maggio 2018 - ore 20.30
Teatro Soms - Viale Italia, 14 Sannazzaro de' Burgondi, 27039, Pv
Gioachino Rossini
IL BARBIERE DI SIVIGLIA
Melodramma buffo in due atti su libretto di Cesare Sterbini
Personaggi ed interpreti
Il Conte d'Almaviva, innamorato della giovane Rosina, (tenore) ALEJANDRO ESCOBAR
Don Bartolo, dottore in medicina, tutore di Rosina e suo pretendente (basso buffo) ANTONIO RUSSO
Rosina, sua pupilla (contralto) RITA SORBELLO
Figaro, barbiere tuttofare (baritono) GIULIO BOSCHETTI
Don Basilio, maestro di musica di Rosina (basso) DANIELE BICCIRÈ
Berta, vecchia governante in casa di Bartolo (soprano) INCORONATA BUTTINO
Fiorello, servitore del Conte d'Almaviva (basso) SERGIO RAO
Un ufficiale SERGIO RAO
Alguazils, o siano Agenti di polizia; soldati; suonatori di istromenti   - coro "Antonio Vivaldi"
Orchestra Sinfonica di Lecco
maestro concertatore e direttore d'orchestra
GIAN MARCO MONCALIERI
Regia Clelia Antonelli
Scenografie Cherubino Opera Live Roma
Luci Pietro Gatti
Costumi Grandi Spettacoli
Coreografia Sara de Gregorio Spazio Danza ASD-Mede
Maestro al cembalo Martina Trivigno

Attenzione: il cast qui riportato è aggiornato e quindi altre indicazioni on line di siti vari sono da non considerare se diversi da questo, in quanto riportano versioni di stagioni precedenti riferiti alla attuale.

Associazione Corale "Antonio Vivaldi" e Cherubino Opera Live Roma
Info prezzi e prenotazioni: 331 2704719 - 333 6860308
www.coralevivaldi.it

2018_05_11 Cenerentola in scena allo SPAZIO TEATRO 89 per la Stagione lirica VoceAllOpera

SPAZIO TEATRO 89
Indirizzo: via Fratelli Zoia 89, Milano, tel: 0240914901.
Biglietti: intero 20 euro; ridotto 18 euro.

Stagione lirica VoceAllOpera

Venerdì 11 maggio 2018 ore 20.00
Domenica 13 maggio 2018_05_13 ore 1600
Gioachino Rossini
LA CENERENTOLA

Su libretto di Jacopo Ferretti
#150rossini
Continua la stagione di lirica nell’auditorium milanese di via Fratelli Zoia 89 con uno dei tra capolavori comici di Rossini con il celebre "Il barbiere di Siviglia" e "L'italiana in Algeri".
Mercoledì 9 maggio ore 20.00 (prova aperta riservata a under25 e over65)

INTERPRETI
Don Ramiro - Pasquale Conticelli
Dandini, suo cameriere – Carlo Checchi
Don Magnifico - Fabio La Mattina
Clorinda – Chiara Iaia
Tisbe – Marianna Mennitti
Angelina, sotto il nome di Cenerentola, figliastra di Don Magnifico – Angela Schisano/Elena Caccamo
Alidoro, filosofo, maestro di Don Ramiro – Elcin Huseynov
Costumi – Sara Marcucci e Simone Martini
Le Scene sono state offerte dalla fondazione Castellini di Melegnano e realizzate dagli ospiti della comunità psichiatrica “La casa di Anania”
Scene ideate da Alessia Colosso e Gianmaria Aliverta
Coro di VoceAllOpera
Orchestra Testori
Direttori – Marco Alibrando (11) – Nicolò Jacopo Suppa (13)
Regia – Gianmaria Aliverta
Assistente alla Regia - Luisa Travaglini
Segreteria organizzativa – Vittorio Dante Ceragioli
Ufficio Stampa Gaetano Moraca
Direzione artistica – Gianmaria Aliverta
VEDI FOTOSERVIZIO DI CONCERTODAUTUNNO
Si conclude la stagione lirica organizzata dall’associazione VoceAllOpera presso lo Spazio Teatro 89 di Milano: il prossimo appuntamento è in programma, nell’auditorium milanese di via Fratelli Zoia 89, nel mese di maggio con “La Cenerentola” di Gioacchino Rossini, nell’anno in cui si celebra il 150° anniversario della sua morte. Mercoledì 9 maggio (ore 20; ingresso 10 euro) è prevista la prova aperta, riservata agli under 25 e agli over 65, mentre venerdì 11 (ore 20) e domenica 13 maggio (ore 16) si svolgeranno le due repliche (ingresso 18- 22 euro).
A firmare la regia torna Gianmaria Aliverta, direttore artistico della stagione e presidente di VoceAllOpera, appena rientrato da due importanti appuntamenti: la finale degli International Opera Awards (finalista come unico regista italiano nella categoria Newcomer) e una rassegna di eventi lirici che si è svolta, per la prima volta, nell’isola caraibica di Antigua.
La Cenerentola di Aliverta lascia un po’ da parte l’anima fiabesca della vicenda che, invece, viene calata nel mondo dell’Alta moda, luogo in cui apparenza ed essenza, arrivismo e umiltà sono costantemente in lotta fra loro. Angelina, con la sua bontà d’animo e la sua semplicità, riuscirà a venire fuori da un mondo di squali e a conquistare il cuore di Don Ramiro.
La direzione dell’Orchestra Testori sarà affidata a Marco Alibrando (classe ’87, alle spalle esperienze al Rossini Opera Festival di Pesaro e in grandi orchestre italiane) nella serata dell’11 maggio, mente domenica 13 gli subentrerà Nicolò Jacopo Suppa (classe ’93, già apprezzato violista e responsabile d’orchestra in svariate produzioni di VoceAllOpera), al suo debutto in questa veste. Nei panni di Angelina-Cenerentola debuttano anche Elena Caccamo, classe 1993, reduce dalla Carmen organizzata da Opera Education di AsLiCo, e Angela Schisano, classe ’92, per la prima volta su un palcoscenico.
VoceAllOpera continua così, da otto anni a questa parte, a dare la possibilità a giovani cantanti di stare sotto le luci della ribalta. Per molti artisti (Michele Spotti, Maria Mudryak, Chiara Isotton, Barbara Massaro, Elena Caccamo, Niccolò Donini) l’associazione ha rappresentato il classico trampolino di lancio.
Don Ramiro sarà interpretato da Pasquale Conticelli; Dandini, il suo cameriere, da Carlo Checchi; Don Magnifico da Fabio La Mattina; Clorinda da Chiara Iaia; Tisbe da Marianna Mennitti; Alidoro, filosofo e maestro di Don Ramiro, da Elcin Huseynov. A dirigere l’affiatato Coro di VoceAllOpera ci sarà Fabio Maggio, mentre il Maestro al fortepiano sarà Claudio Marchetti.
Le scenografie ideate da Aliverta e Alessia Colosso sono state realizzate dagli ospiti della comunità psichiatrica riabilitativa “La Casa di Anania” della Fondazione Castellini di Melegnano, in cui è attivo un laboratorio di falegnameria. Infine, i costumi sono a cura di Sara Marcucci e Simone Martini.

2018_05_11 Tosca fa il tutto esaurito al Teatro Lirico di Magenta nell'allestimento degli Amici della Lirica

Venerdì 11 maggio 2018 ore 20.30
Teatro Lirico via Cavallari. 2 - Magenta
Allestimento a cura degli Amici della Lirica di Magenta
Giacomo Puccini
TOSCA
Melodramma in tre atti su libretto
di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa
SERATA BENEFICA A FAVORE DI
"NON DI SOLO PANE"

Personaggi ed interpreti:

Floria Tosca, celebre cantante (soprano)
MARIA SIMONA CIANCHI
Mario Cavaradossi, pittore (tenore)
GIORGIO CASCIARRI
Il Barone Scarpia, capo della polizia (baritono)
GIORGIO VALERIO


Cesare Angelotti (basso) GIUSEPPE LISCA
Il Sagrestano (basso) DAVIDE ROCCA
Spoletta, agente di polizia (tenore) FRANCESCO FRASCA
Sciarrone, Gendarme (basso) ANGELO OLDANI
Un carceriere (basso) MARCO BELLINI
Un pastore (voce bianca) TIZIANA MOTELLI
Il cardinale: SERGIO PORTA
Giudice fisco: MASSIMO GAVARDI
Sergente: MAURO MITTINO

ORCHESTRA DEI COLLI MORENICI 
Direttore: Damiano Maria Carissoni
CORO CIVICO CITTÀ DI MAGENTA
Direttore: Tatiana Borodai
CORO DI VOCI BIANCHE DE "la Verdi" DI MILANO
Direttore: M. Teresa Tramontin
Regia: Davide Rocca

COSTO BIGLIETTI NUMERATI € 30 - 25 - 15

Arredi Matteo Borioli Pavia
Luci: G. Vilbi
Macchinista: G. Mancin
Costumi: Sartoria teatrale Bianchi
Commento all'opera ed introduzione all'ascolto: Prof. Cesare Vitali
Presenta: Arabella Biscaro

Al termine dello spettacolo, all'esterno del teatro, verrà offerto un gustoso piatto gastronomico.

"NON DI SOLO PANE" www.nondisolopanemagenta.it info@nondisolopanemagenta.it

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)