1983_02_26 Piccola Scala un capolavoro di istituzione che abbiamo distrutto

Quando il Teatro alla Scala su sottoposto alla straordinaria ristrutturazione che ci ha portato alla condizione attuale, onde ricavare la biglietteria sotterranea ed eventualmente una sala prove fu distrutto il piccolo teatro chiamato appunto
PICCOLA SCALA
il tempio della lirica riscoperta
In quella struttura ebbi l'occasione di vedere diverse rappresentazioni molto rare e mai più proposte in altri ambiti, come nel caso della prima rappresentazione italiana de "I pellegrini alla Mecca" di Gluck, che sono rimasti famosi grazie alle variazioni scritte da Mozart sul tema di un buffo coro e che anche P.I.Tchaikowsky inserite come lungo movimento finale nella sua Suite Mozartiana.

Teatro alla Scala, Milano
Stagione d'opera e balletto 1982-1983
I pellegrini della Mecca o L'incontro imprevisto
Les pèlerins de la Mecque ou La rencontre imprévue
musica di Christoph Willibald Gluck
(Erasback, Alto Palatinato 1714 – Vienna 1787)
Opéra-cominque in tre atti su testo di Louis Hurtaut Dancourt da Lesage e d’Orneval
Prima rappresentazione Vienna, Burgtheater 7 gennaio 1764
traduzione italiana di Olimpio Cescatti
Prima rappresentazione in Italia, nell'ambito della stagione scaligera il 16 febbraio 1983

TEATRO ALLA SCALA
ENTE AUTONOMO
STAGIONE D'OPERA E BALLETTO  1982/83
PICCOLA SCALA ARTURO TOSCANINI
FUORI ABBONAMENTO
SABATO 26 FEBBRAIO 1983 - ORE 16 
OTTAVA RAPPRESENTAZIONE
LES PÈLERINS DE LA MECQUE
La rencontre imprévue
(I PELLEGRINI DELLA MECCA o L'INCONTRO IMPREVISTO)
Opéra-comique in tre atti di R. LESAGE e D'ORNEVAL
Musica di CHRISTOPH  WILLIBALD   GLUCK
(Proprietà Barenreiter - Rappr. Carisch, S.p.A. - Milano)
Edizione in lingua originale
Personaggi ed interpreti 
Ali, prince de Balzora, tenore EZIO DI CESARE
Rézia, bien-aimée d'Ali, favorita del Sultano soprano KAAREN  ERICKSON 
Amine, Balkis et Dardanée, suivantes au harem soprani JOLANTA  OMILL1AN, HELGA  MULLER MOLINARI, LUCIANA  D'INTINO
Osmin, schiavo di Ali, tenore CARLO GAIFA
Il Sultano d'Egitto (Achmet), tenore  IORIO ZENNARO
Vertigo, pittore, basso ALESSANDRO CORBELLI
Il Calender, derviscio basso chantante ARMANDO ARIOSTINI
Un Capo-carovana, basso ALDO   BRAMANTE
Con la partecipazione di Mimi
Morachin, ruolo recitato
Banou, ruolo recitato
Concertatore e direttore d'orchestra JOHN  MATHESON
Regia di GABRIELE LAVIA
(bozzetti dalle scene originali schizzi di Mario Mainino)
Scene di GIORGIO CRISTINI
Direttore dell'allestimento scenico GIORGIO  CRISTINI
Costumi di ANDREA VIOTTI
Costumi realizzati dalla Sartoria Teatrale ARRIGO,  Milano
Assistente alla regia FRANCO  PERO' 
L'OPERA SI RAPPRESENTA IN DUE PARTI, CON INTERVALLO DOPO IL SECONDO ATTO 

Tchaikowsky nel'ultimo movimento della sua "Mozartiana" rende omaggio ad una simpatica quanto poco nota pagina le Variazioni sopra "Unser dummer Pobel meint", da "I Pellegrini alla Mecca" di C. W. Gluck, KV 455 (1784) opera che il sottoscritto Mario Mainino vide alla Piccola Scala di Milano il 26 febbraio 1983.

2019_03_30 Brianza Classica ENSEMBLE FESTA RUSTICA

Sabato 30 marzo 2019, ore 20:45
Auditorium Don Oldani
Via G. Donizetti, 38 / Arcore (MB)
"Uno strumento per svelare la musica che è in te" - XVI edizione
IL BAROCCO MUSICALE EUROPEO:
ITALIA E GERMANIA A CONFRONTO
ENSEMBLE FESTA RUSTICA
(con copie di strumenti originali)
Giorgio Matteoli - flauto dolce e M° di concerto
Fabio D’Onofrio - oboe barocco
Luca Ambrosio - clavicembalo
Matteo Scarpelli - violoncello barocco

Prosegue il Primo Tempo della rassegna musicale Brianza Classica che sabato 30 marzo giunge ad Arcore. Alle ore 20,45 l’Ensemble Festa Rustica proporrà agli spettatori il concerto Il Barocco Musicale Europeo: Italia e Germania a Confronto. Durante i secoli XVII e XVIII le due principali scuole musicali, quella italiana e quella francese, dominarono la scena europea. La prima era caratterizzata da cantabilità e armonie trasparenti e da una spiccata tendenza allo stile improvvisativo; la seconda dall’uso frequente di ritmi “puntati” e dalla concatenazione di frasi e cellule melodiche più brevi, animate da abbellimenti scritti e non improvvisati, più piccoli e raffinati. A metà tra questi due mondi si collocava lo Stile Tedesco: il cosiddetto stile “Misto”, che aspirava a fondere il meglio del linguaggio musicale italiano e francese, filtrando il tutto attraverso la solida e complessa scienza armonica e contrappuntistica tipica dei compositori e degli organisti d’oltralpe. Telemann, Haendel e lo stesso Bach furono fortemente influenzati dallo stile italiano, per questa occasione ben rappresentato da Francesco Geminiani e Antonio Vivaldi. I tre trii di Telemann in programma sono tutti dotati di bellissimi e commoventi movimenti cantabili lenti, in puro stile italiano, puntualmente alternati ad allegri fugati, scritti in severo stile tedesco, ma anch’essi animati da una profonda vena melodica tutta di matrice italica.

Programma:
Georg Philipp Telemann (1681-1767)
Triosonata in Fa maggiore TWV42: F9
per flauto dolce, oboe e basso continuo
Allegro – Affettuoso – Presto

F. Geminiani (1687-1762)
Sonata in Mi m per oboe e basso continuo
Adagio – Allegro – Largo – Vivace

Georg Philipp Telemann (1681-1767)
Triosonata in Do minore Do min TWV42:c2
per flauto dolce, oboe e basso continuo
Largo – Vivace – Andante – Allegro


G.Fr. Haendel (1685-1759)
Sonata in Fa Maggiore Op.1 Nr XI
per flauto e basso continuo
Larghetto – Allegro – Siciliana – Allegro

A. Vivaldi (1678-1741)
Trio in sol Minore RV 103
per flauto, oboe o violino e basso continuo
Allegro ma cantabile – Largo – Allegro non molto


Il concerto è a ingresso gratuito con prenotazione consigliata sul sito www.brianzaclassica.it Le prenotazioni si aprono il lunedì e si chiudono il giorno prima del concerto, salvo esaurimento dei posti disponibili: in quest’occasione le prenotazioni online si aprono lunedì 25 marzo. Sono garantiti posti nelle prime file per i Sostenitori e posti a sedere per i Residenti di Arcore, previa prenotazione telefonica al numero 335 5461501 o via email: info@brianzaclassica.it. Per chiunque è possibile presentarsi il giorno stesso dello spettacolo e usufruire di eventuali posti residui. Tutte le prenotazioni sono garantite fino a 15 minuti dall’orario d’inizio.

Brianza Classica è un progetto di Early Music Italia.
Gode del sostegno di Fondazione Cariplo e del patrocinio del Consiglio della Regione Lombardia, della Provincia di Lecco, della Provincia di Monza e Brianza e del Touring Club Italiano. Ha inoltre il sostegno di Banca Popolare di Sondrio, FNP Cisl Pensionati Monza Brianza Lecco, Unione Fiduciaria.
Pianoforti Riva è sponsor tecnico.

Il programma aggiornato dei concerti, gli approfondimenti e le schede degli artisti sono presenti sul sito web www.brianzaclassica.it

2019_04_07 Pensieri Divergentiun musical da favola

L'assessorato alla cultura ed istruzione  del Comune di Cassolnovo promuove
DOMENICA 7 APRILE 2019 
Teatro verdi - Cassolnovo
OGNI GIORNO E' GIA' QUA , un musical da favola
realizzato da:
i Pensieri Divergenti in collaborazione con
gli alunni delle classi terze della scuola primaria di
Cassolnovo e la Biblioteca Civica "A. Del Bo Boffino "
Orario d'inizio :
pomeridiano : ore 16.00  serale :20.30
ENTRATA AD OFFERTA 
il ricavato è destinato alle scuole di Cassolnovo
Si è da poco conclusa la stagione ufficiale  teatrale  de IL TEATRO AL VERDI a CASSOLNOVO  che spunta piacevolmente un fuori programma quasi a non voler proprio smettere di calcare la scena da parte dei cassolesi  in particolare qui è la collaborazione tra Assessorato ,Scuola, Biblioteca e i Pensieri Divergenti ,che saranno protagonisti anche a Maggio col loro nuovo spettacolo e che  qui fanno da coacher  ai bambini insieme alle insegnanti della Scuola Primaria cassolese.
Si tratta dello spettacolo OGNI GIORNO E' GIA' QUA ,un progetto realizzato dalle insegnanti delle classi terze della scuola Primaria di Cassolnovo in collaborazione con i Pensieri Divergenti che è un po' il proseguimento o meglio la degna conclusione del percorso. VideoFiabando progetto di ascolto e narrazione per le prime e terze elementari, aperto ai nonni per "condividere con chi vuole ancora avere un appuntamento con la fantasia." che con cadenza mensile si è tenuto al Verdi  per tutta la stagione teatrale-scolastica,
In sintesi OGNI GIORNO E' GIA' QUA è un musical ispirato alla storia di Shrek nel quale i bimbi interpretano i personaggi delle fiabe e cantano diretti dalla maestra Claudia Pane; i genitori  si cimenteranno nei panni dei personaggi principali ed i componenti dell'Associazione Pensieri Divergenti li supporteranno nella gestione di suoni e luci.
Il divertimento è assicurato come anche il raggiungimento dell'obiettivo principale: garantire il successo formativo dei bambini. L'Entrata è ad offerta libera e servirà  a raccogliere fondi  per le Scuole di Cassolnovo. 

2019_03_21 Seconda volta sul podio del Teatro Dal Verme per Alessandro Cadario

Giovedì 21 marzo 2019 ore 20.00
Sabato 23 marzo 2019 ore 17.00
Teatro dal Verme - Milano
Via San Giovanni sul Muro 2 – Milano
74ª STAGIONE SINFONICA
ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI
Direttore Artistico, M° Maurizio Salerno
Ritratti d’Autore Čajkovskij
Violino: Roman Simović
Orchestra I Pomeriggi Musicali
Direttore: Alessandro Cadario

P.I.Čajkovskij
Concerto per violino e orchestra, in Re maggiore, op. 35
Suite n. 4, in Sol maggiore, “Mozartiana”, op. 61

Generale aperta – giovedì 21 marzo ore 10.00
Seconda volta sul podio del Teatro Dal Verme in questa stagione per il Direttore Ospite Principale dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali: Alessandro Cadario. La bacchetta varesina, giovedì 21 marzo alle ore 20:00, con replica sabato 23 marzo alle ore 17:00, sarà impegnato in uno dei dieci ritratti d’autore che percorrono questo 74° cartellone sinfonico.
A dividere il palco con Cadario, questa volta sarà il talentuoso violinista Roman Simović e il ritratto musicale che i due andranno a delineare sarà quello di Pëtr Il’ič Čajkovskij, attraverso il Concerto per violino e orchestra, in Re maggiore. A seguire l’esibizione con il solista, il direttore e l’Orchestra ci faranno poi ascoltare anche la Suite n. 4, in Sol maggiore, “Mozartiana”.

Giovedì 21 marzo 2019 ore 18.00
Sabato 23 marzo 2019_03_23 ore 15.00
Ritratto di Pëtr Il’ič Čajkovskij
Angelo Foletto intervista Alessandro Cadario e Roman Simović
Anche questa settimana il pubblico del Teatro Dal Verme avrà poi la possibilità di partecipare – a ingresso libero e fino ad esaurimento posti – all’incontro di approfondimento che introdurrà i concerti, durate i quali Angelo Foletto, critico e giornalista, intervisterà il M° Cadario e Roman Simović: giovedì 21 marzo alle ore 18:00 e sabato 23 marzo alle ore 15:00.

Biglietti per la 74ª Stagione Sinfonica, Ritratti d’Autore
Interi Primo Settore (Platea, da fila 1 a 30) € 20,00 + prevendita
Secondo Settore (Platea, da fila 31 a 40) € 14,50 + prevendita
Balconata € 11,00 + prevendita

Ridotti*Primo Settore (Platea da fila 1 a 30) € 16,00 + prevendita
Secondo Settore (Platea da fila 31 a 40) € 12,50 + prevendita
Balconata € 9,00 + prevendita

Biglietti per le prove generali aperte, I Pomeriggi in anteprima
Interi€ 10,00 + prevendita
Ridotti* € 8,00 + prevendita
* (Giovani under 26; Anziani over 60; Cral; Associazioni Culturali; Biblioteche; Gruppi; Scuole e Università)

Biglietteria TicketOne - Teatro Dal Verme
Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano
Tel. 02 87.905.201 - dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00
www.ipomeriggi.it www.ipomeriggi.it/facebookwww.ipomeriggi.it/youtube
Biglietteria on-line: www.ticketone.it

2019_03_25 Concerto della Arrowhead Union High School Symphony Band al Dal Verme

Lunedì 25 marzo 2019 ore 20.30
Teatro Dal Verme – Milano
Concerto della Arrowhead Union High School Symphony Band
Per partecipare al concerto sarà necessario ritirare il biglietto gratuito presso la biglietteria del Teatro Dal Verme. 1000 inviti disponibili per il concerto straordinario.

Arrowhead Union High School Symphony Band
Hartland, Wisconsin, USA
Direttori: Jacob Polancich e Sarah Dunmire

American School of Milan Band
Direttore: Joshua Yaniw

La Filarmonica Junior Band
Direttore: Luca Ragona

VEDI FOTOSERVIZIO CONCERTODAUTUNNO

Programma:
La Filarmonica Junior Band
Direttore: Luca Ragona
Fighting Falcon March - Todd Stalter
Cambridge Ouverture - A. McGinty
Intermezzo da Cavalleria Rusticana - P. Mascagni, arr. L. Ragona
The Phantom of the Opera - A. L. Webber, arr. M.Sweeney
Graduation Suite - M. Story
1. Processional da Pomp and Circumstance no. 1 - E. Elgar
2. Recessional da Rondeau from Premiere Suite - J.J.Mouret
Windhaven Celebration - J. Edmonson

American School of Milan Band
Direttore: Joshua Yaniw
Amazing Grace - arr. by William Himes
Nessun Dorma - Giacomo Puccini, arr. by Jay Bocook
Soundtrack Highlights from Star Wars: The Force Awakens - Williams/Brown

Arrowhead Union High School Symphony Band
Hartland, Wisconsin, USA
Direttori: Jacob Polancich e Sarah Dunmire
Novo Lenio – Samuel Hazo
In My Father’s Eyes – Julie Giroux
Addison Red Line – Jeremy Bell
Think About It – Jennifer Jolley
Three London Miniatures – Mark Camphouse
Florentiner March – Julius Fucik, ed. John R. Bourgeois
On, Wisconsin - William T. Purdy

Lunedì 25 marzo 2019 al Teatro dal Verme si terrà una grande festa per accogliere il concerto della Arrowhead Union High School Symphony Band, Orchestra di Fiati Giovanile proveniente da Hartland, Wisconsin – Stati Uniti D’America.
Insieme alla Symphony Band, formata da 60 allievi di età compresa tra i 15 e i 18 anni, suoneranno anche le milanesi American School of Milan Band diretta dal M° Joshua Yaniw, e La Filarmonica Junior Band diretta dal M° Luca Ragona di Abbiategrasso.
In programma musiche e arrangiamenti da The Phantom of the Opera di Webber, l’Intermezzo da Cavalleria Rusticana di Mascagni, Nessun Dorma di Puccini, musiche di autori classici, tutte rigorosamente trascritte per orchestra di fiati.

La Symphony Band dell’Arrowhead Union High School (Hartland, Wisconsin, USA) sarà in tour in Italia nel periodo dal 21 al 27 marzo 2019, sono previsti un concerto a Darfo Boario Terme e a Milano, al Teatro Dal Verme.
La Symphony Band nasce dal dipartimento di musica dell’Arrowhead Union High School, composta da più di 230 studenti e riconosciuta per l’eccellenza delle performance e i più alti standard.
La Symphony Band è formata da quasi 60 studenti della fascia d’età compresa fra i 15 e i 18 anni. Con la Direzione del Maestro Jacob Polancich (direttore) e del Maestro Sarah Dunmire (direttore associato), la Symphony Band eseguirà brani di Giroux, Camphouse, Samuel Hazo, Tchaikovsky e altri ancora.
Il concerto che si svolgerà al Teatro Dal Verme chiude il tour internazionale e quello che rende speciale questa occasione è che vi prenderanno parte anche L’American School of Milan Band diretta dal Maestro Joshua Yaniw, e da Abbiategrasso La Filarmonica Junior Band diretta dal Maestro Luca Ragona, con un programma che prevede l’esecuzione di diversi brani.
La distribuzione dei biglietti avverrà fino a esaurimento dei posti disponibili a partire da mercoledì 20 marzo. La biglietteria del Teatro Dal Verme sarà aperta da mercoledì a sabato dalle ore 11 alle ore 19 e domenica dalle ore 11 alle ore 13.

2019_04_10 EcoExpo sarà lo spazio espositivo di EcoTeatro

Mercoledì 10 aprile 2019 ore 21.00
EcoExpo spazio espositivo di EcoTeatro
Grandi novità all'EcoTeatro di Milano
Da aprile diventa operativo lo spazio espositivo in platea con una serie di mostre dedicate a creativi di fama internazionale che hanno unito arte, moda e design al rispetto per l'ambiente.
La prima mostra è dedicata ai celebri Boschi Verticali dell'architetto Stefano Boeri e verrà inaugurata il 10 aprile 2019_04_10 con uno spettacolo ad ingresso gratuito in occasione della Design Week / Salone del Mobile.
Descrizione:ECOTEATRO (Ex Teatro di Milano- Cinema Orione)-Via Fezzan,11 - Milano 20146 www.ecoteatro.it La biglietteria è aperta da mercoledì a sabato dalle ore 15 alle 19 - tel 02 82773651 - biglietteria@ecoteatro.org Mercoledì 10 Aprile 2019_04_10 ore 21.00 BIO SHOW DESIGN Cabaret e Bio Archiettura per la Design Week ingresso libero con prenotazione obbligatoria

2019_04_06 LA MUSICA AI TEMPI DI LEONARDO DA VINCI

Sabato 6 aprile 2019, ore 21,00
Sala Consiliare presso il Castello Sforzesco di Galliate (No)
Aprile Cultura 2019
LA MUSICA AI TEMPI DI LEONARDO DA VINCI
Quartetto Vocale LAURUS
Chiara Sampietro - soprano
Sara Dawalibi - contralto
Matteo Monico - Tenore
Marco Calderara - Basso e viola
maestro concertatore e cembalo Franco Calderara

Programma musicale prima parte:
Josquin des Près:
El grillo è buon cantore (a 4 voci)
Pierre de la Rue:
Au feu d'amour (soprano, viola, cembalo)
Tous le regret (tenore, viola, cembalo)
Jacob Arcadelt:
Il Bianco e dolce cigno (a 4 voci)
Ave Maria ( a 4 voci)
Nous voyons (soprano, contralto, viola)

al termine della prima parte breve relazione sui rapporti tra Leonardo da Vinci e la musica del tempo: abitudini musicali, conoscenza di musicisti, progettazione strumenti....
Audiovisivi sulle realizzazioni moderne dei progetti leonardeschi e sulle fonti del brano a lui attribuito.

Programma musicale seconda parte:
Leonardo da Vinci: Movesi l'amante (soprano e cembalo)
Franchino Gaffurio: Adoramus te Christe (a 4 voci)
Adrian Willaert: A quand'a quando (a 4 voci)
G. P. da Palestrina: Chiare, fresche e dolci acque (a 4 voci)
Orlando di Lasso: Matonia mia cara

2019_03_30 TRIBUTO ai NOMADI al Verdi di Cassolnovo

SABATO 30 MARZO 2019 ORE 21 ,15 
CASSOLNOVO TEATRO VERDI
CONCERTO TRIBUTO  ai NOMADI
della coverband ufficiale
ATTORI E SPETTATORI
dedicato all ANFFAS DAY
 "porte aperte all'inclusione sociale"
info 3335740348  Anffas Cassolnovo  0381 92140
Entrata ad Offerta libera
Sarà sabato 30 Marzo  il concerto  speciale con interventi e letture degli ATTORI E SPETTATORI  Cover band ufficiale dei NOMADI  dedicato alla giornata nazionale dell ANFFAS ,l'ultimissimo appuntamento de IL TEATRO AL VERDI  a CASSOLNOVO . La stagione promossa ed organizzata in totale autonomia dall'assessorato a cultura e spettacoli del Comune di Cassolnovo partita ad Ottobre arriva a fine Marzo dopo una serie pressochè continua di spettacoli di ogni genere tutti con ENTRATA ad OFFERTA destinata a progetti ludico-didattici per i bambini della scuole di Cassolnovo e  Molino del Conte.
Un appuntamento con la prestigiosa band nata nel   milanese  che presenta  un repertorio particolarmente apprezzato dai numerosissimi fans  dei Nomadi sparsi in tutta la penisola

La band  che prende il nome da un verso di un brano dei Nomadi "Ma che film la vita, tutta una sorpresa, attore e spettatore, tra gioia e dolore, tra il buio ed il colore." (Ma che film è la vita?) nasce nel dicembre del 2015 in una sala prove di Magenta (MI).Nel corso degli anni ha collezionato diversi concerti in tutto il Nord Italia   ricreando  le atmosfere ed il clima familiare tipiche dei concerti dei Nomadi, cercando di avere un dialogo aperto e d’insieme con il pubblico.Tutti i componenti provengono da diverse esperienze musicali, talvolta molto lontane dallo stile del gruppo di Novellara ma  lo spirito della mitica Band che aleggia su di loro li tiene insieme come una grande famiglia .Dal 2017 è la Nomadi Cover Band ufficialmente riconosciuta da  Beppe Carletti  & family gli  STORICI COMPONENTI DELLA  GRUPPO  grazie ad impeccabili esibizioni dalla precisione certosina ma soprattutto per lo spirito  goliardico e passionale che li contraddistingue unitamente alla passione civile e sociale che li muove.
Non di meno del gruppo originario sono infatti le collaborazioni di volta in volta associazioni finalizzate ad iniziative benefiche locali e nazionali, come ad esempio AISAC-Associazione per l’Informazione e lo Studio dell’Acondroplasia, Anffas o le raccolte fondi per le popolazioni terremotate.Proprio con l'ANFFAS di Cassolnovo è dedicato questo concerto che  ha come tematiche : l'inclusione sociale; "Gente come Noi " nel concetto più allargato del testo  è un po' il brano simbolo al quale seguiranno tutti i successi  sempre attuali dei sempre vivi NOMADI ( a Giugno uscirà il loro nuovo album e conseguentemente partirà il loro tour) Da "Come potete giudicar " alle Gucciniane :AUSCHWITZ,CANZONE PER UN’AMICA,IL VECCHIO E IL BAMBINO,STATALE 17,DIO E’ MORTO a GLI AIRONI NERI,HO DIFESO IL MIO AMORE,IL VENTO DEL NORD, IO VAGABONDO,CRESCERAI,DECADANZA,LA LIBERTA’ DI VOLARE ecc. Insomma  quasi 60 anni di storia della canzone e d'Italia .
Nella serata  proprio a sottolineare la vicinanza da sempre della band alle tematiche della disabilità in particolare Numerosi anche i momenti dedicati agli interventi degli esponenti dell'anffas cassolese e dei ragazzi del Consiglio comunale dei ragazzi e  ragazze che recentemente hanno incontrato l'associazione che si occupa di disabilità ed hanno programmato alcuni momenti di collaborazione ed interazione tra loro. i temi dell "inclusione  sociale "  dell Anffas e della comunità cassolese intesa come   luogo di accoglienza ed inserimento sociale come "famiglia  aggiunta" ,saranno oggetto di letture poesie ed interventi dei ragazzi e le canzoni faranno da preziosa colonna sonora.
Un degno finale per una rassegna IL TEATRO AL VERDI che quest'anno ha incrementato sia il livello qualitativo , peraltro già buono e il numero degli spettatori , molti anche da fuori. 

2019_02_27 TEATRO alla SCALA torna KHOVANSHCHINA

Dal 27 Febbraio al 29 Marzo 2019
TEATRO alla SCALA - Milano
Modest Petrovič Musorgskij
CHOVANŠČINA
KHOVANSHCHINA

Personaggi ed interpreti:
Personaggi
Il Principe Ivan Chovanskij, comandante degli strel'cy (basso)
Il Principe Andrej Chovanskij, suo figlio (tenore) SERGEY SKOROKHODOV
Il Principe Vasilij Golicyn (tenore) EVGENY AKIMOV
Fëdor Šaklovityj, un boiardo (baritono) ALEXEY MARKOV
Dosifej, il capo dei vecchi credenti (basso) STANISLAV TROFIMOV
Marfa, una vecchia credente (mezzosoprano) EKATERINA SEMENCHUK
Susanna, una vecchia credente (soprano) IRINA VASHCHENKO
Uno scrivano (tenore) MAXIM PASTER
Emma, una ragazza del quartiere tedesco (soprano) EVGENIA MURAVEVA
Un prete, pastore luterano (baritono) MAHARRAM HUSEYNOV*
Kuz'ka, un moschettiere degli strel'cy (baritono) SERGEJ ABABKIN*
Tre strel'cy (due bassi, un tenore) EUGENIO DI LIETO* GIORGI LOMISELI*
Varsonofev, confidente di Golicyn (basso) LASHA SESITASHVILI*
Strešnev, un giovane araldo (tenore) SERGEJ ABABKIN
Uomo di fiducia del principe Golicyn CHUAN WANG*
Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Direttore VALERY GERGIEV
Regia MARIO MARTONE
Scene Margherita Palli
Costumi Ursula Patzak
Luci Pasquale Mari
Video designer Umberto Saraceni per Italvideo Service
Coreografia Daniela Schiavone

*Allievo dell'Accademia Teatro alla Scala
Durata spettacolo: 4 ore e 11 minuti inclusi intervalli
PRIMO ATTO 52 minuti / Intervallo 30 minuti / SECONDO E TERZO ATTO 79 minuti / Intervallo 30 minuti / QUARTO E QUINTO ATTO 60 minuti
Nuova produzione Teatro alla Scala
Le date (inizio serale ore 19.00)
Mercoledì 27 Febbraio 2019_02_27
Domenica 03 Marzo 2019_03_03
Mercoledì 06 Marzo 2019_03_06
Mercoledì 13 Marzo 2019_03_13
Martedì 19 Marzo 2019_03_19
Domenica 24 Marzo 2019_03_24
Venerdì 29 Marzo 2019_03_29

La Prima rappresentazione delle Kovancina del 27 febbraio verrà trasmessa in diretta radiofonica su RAI-Radio3 in Italia e dal circuito Euroradio in Serbia e Slovacchia.
Sarà inoltre trasmessa in differita radiofonica in Spagna, Russia, Bulgaria, Lettonia, Slovenia, Francia, Turchia e Repubblica Ceca.
Sarà possibile prepararsi all'ascolto dell'opera, 45 minuti prima dell'inizio di ciascuna recita, con una conferenza introduttiva, tenuta dal Prof. Franco Pulcini, aperta a tutti gli spettatori muniti di biglietto.

L'OPERA IN POCHE RIGHE
Il grande repertorio russo torna alla Scala con un’importante nuova produzione del capolavoro di Musorgskij. La rivolta dei Vecchi Credenti guidati dal principe Chovanskij contro le spinte innovatrici di Pietro il Grande sarà fatta rivivere da Mario Martone, esperto narratore di affreschi storici e regista di scene di massa, tra le scenografie di Margherita Palli. Sul podio torna Valery Gergiev, già interprete trascinante dell’edizione del 1998, mentre nel cast insieme al Chovanskij di Mikhail Petrenko e alla Marfa di Ekaterina Semenchuk spicca, al debutto scaligero, Evgenia Muraveva che ha conquistato l’attenzione internazionale sostituendo Nina Stemme in Una Lady Macbeth del distretto di Mcensk a Salisburgo nel 2017.
Chovanščina, titolo imponente e grandioso le cui necessità sceniche e musicali spaventano molti teatri, è però storicamente presente alla Scala, anche in produzioni del Bol’šoj: da ricordare almeno l’interesse di Gianandrea Gavazzeni, che la diresse nel 1967 e nel 1971, e lo spettacolo di Yuri Ljubimov del 1981.

Vedi info sulla edizione 1973

Ricerca in Archivio Storico Locandine del Teatro alla Scala
http://www.teatroallascala.org/archivio/ricerca-per-oggetto.aspx
CHOVANSCINA

http://www.teatroallascala.org/it/stagione/2018-2019/opera/chovanscina.html

Vedi wikipedia

2019_03_29 VA PENSIERO dalla musica risorgimentale di Verdi agli episodi politici del nostro secolo

Teatro Fraschini di Pavia
Stagione 2018/2019


www.teatrofraschini.org Call center Vivaticket by Charta 899.666.805
Call center 89.24.24 Pronto PagineGialle
Controllare sempre DATE, ORARI e PREZZI
sul sito ufficiale!


Venerdì 29 Marzo 2019_03_29  alle 21
Sabato 30 Marzo 2019_03_30  alle 21
Domenica 31 Marzo 2019_03_31 alle ore 16.00
STAGIONE DI PROSA DEL TEATRO FRASCHINI
VA PENSIERO
di Marco Martinelli
ideazione e regia Marco Martinelli e Ermanna Montanari
in scena Ermanna Montanari, Alessandro Argnani, Salvatore Caruso, Tonia Garante, Roberto Magnani, Mirella Mastronardi, Ernesto Orrico, Gianni Parmiani, Laura Redaelli, Alessandro Renda
scene Edoardo Sanchi
costumi Giada Masi
disegno luci Fabio Sajiz
musiche originali Marco Olivieri
suono Marco Olivieri, Fagio
organizzazione e promozione Silvia Pagliano, Francesca Venturi
produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatro delle Albe / Ravenna Teatro

UNA STORIA DI INFILTRAZIONI MAFIOSE IN EMILIA:
IL TEATRO DI MARCO MARTINELLI AL TEATRO FRASCHINI DI PAVIA
Ermanna Montanari ha vinto il premio UBU 2018 come miglior attrice e performer per questo spettacolo.
Il Teatro delle Albe di Marco Martinelli ed Ermanna Montanari era già stato al Teatro Fraschini con la vicenda legata al caso di Marco Pantani, uno spettacolo-denuncia che aveva scosso le coscienze. Oggi la compagnia affronta un caso di cronaca – il licenziamento di un vigile urbano di Reggio Emilia che è stato licenziato per il fatto di non essersi piegato alle intimidazioni di stampo mafioso. Ecco dunque Va pensiero – per ripristinare la legalità, ovvero ……. Che si rifanno ai dettami risorgimentali. In scena insieme alla compagnia, la Corale Verdi di Pavia.

TRAMA
Il testo si ispira ad un fatto di cronaca, infatti la storia è ambientata in una piccola città dell’Emilia Romagna all’inizio del Duemila, dove un coraggioso vigile urbano non obbedisce ai poteri forti, e si fa licenziare pur di mantenere la propria integrità. Si chiama Vincenzo Benedetti, è un vigile urbano originario dell’Emilia Romagna, che lascia Milano per tornare al suo paesello natio con la moglie e il figlio. Tra i ricordi degli amici e della sua infanzia, però, Vincenzo si accorge che la cittadina è profondamente cambiata; ci sono facce nuove in giro, alcune delle quali sembrano non curarsi della legge, e l’edilizia si è sviluppata in modo quasi incontrollato. Come se non bastasse, il sindaco - la figlia del precedente primo cittadino della città, un socialista purissimo che l’aveva soprannominata “la Zarina” - dimostra di non ascoltare i suoi cittadini e di non curarsi dei loro problemi. C’è anche lo strano progetto di costruire una grandiosa centrale elettrica sull’argine del Po, appropriandosi di terreni che al momento sono campi coltivati, i cui finanziamenti hanno origine oscura. Benedetti, che per passione scrive per il Corriere, non può esimersi dal denunciare questi avvenimenti e dare voce a chi in un modo o nell’altro si trova oppresso e vittima di macchinazioni di stampo mafioso, che avvengono sotto gli occhi e l’evidente beneplacito della Zarina.
L’antica melodia Va pensiero di Verdi sorvola l’Italia, fotografando il disfacimento politico, l’impossibilità di riconoscersi negli ideali dei vecchi partiti, il declino del costume nazionale: elementi di un magma inestricabile che fa un tutt’uno con la nostra vita collettiva. Rifarsi a Giuseppe Verdi è particolarmente d’effetto sia per l’interessante commistione tra il recitato e il cantato, sia e soprattutto perché il tema del dramma scritto e diretto da Marco Martinelli ed Ermanna Montanari è lo stesso di tante opere verdiane: la patria oppressa e amata, da cui si leva un grido di denuncia, ma anche di speranza.
Un altro baluardo civile di Marco Martinelli sulla patria raccontata attraverso i suoi inferni e i suoi gesti di ribellione: un grido disperato e ancora vibrante di speranza, perché si ritrovi il senso di parole come “democrazia” e “giustizia”.

Teatro delle Albe
Marco Martinelli, insieme ad Ermanna Montanari, ha fondato lo storico gruppo di teatro di ricerca romagnolo delle Albe.
Marco Martinelli: E' drammaturgo e regista del Teatro delle Albe, fondato nel 1983 insieme a Ermanna Montanari, Luigi Dadina e Marcella Nonni. Direttore artistico di Ravenna Teatro dal 1991 al 2014, ha ricevuto riconoscimenti nazionali e internazionali (Premio Ubu per "la drammaturgia sui classici" nel 1997, alla "miglior regia" nel 2007, premio speciale a "Eresia della felicità" nel 2012 e per la "drammaturgia" nel 2013, Premio Hystrio 1999, Premio Mess Sarajevo 2003), ha pubblicato i suoi testi teatrali con Ubulibri, Danilo Montanari Editore, Editoria e Spettacolo, L'ancora del mediterraneo

Ermanna Montanari: Autrice e attrice, ha ricevuto molti premi prestigiosi: il Premio Ubu 2000 come “migliore attrice” (lo riceve anche nel 2007, 2009, mentre in occasione del Mittelfest 2001 le viene conferito il Premio Adelaide Ristori). Nel 2006 riceve il Premio Lo Straniero 2006 dedicato “alla memoria di Carmelo Bene con la motivazione "Ermanna Montanari grande interprete di L'isola di Alcina e La mano, sperimentatrice delle possibilità e del potere della voce umana, è a suo modo la migliore continuatrice di una ricerca di cui Carmelo è stato iniziatore e maestro. Ermanna Montanari è la più spericolata e formidabile attrice del teatro italiano contemporaneo, ma al contempo è membro di un gruppo di cui segue il destino con ammirevoli costanza e modestia; agli spettacoli più “suoi” come i citati, ha aggiunto la partecipazione a quelli del gruppo con altre memorabili interpretazioni, dalla Mère Ubu di I Polacchi alla Titania del Sogno di una notte di mezza estate”.
Nel 2013 vince il prestigioso Premio Teatrale "Eleonora Duse”. Premio 2017 dell'Associazione Nazionale Critici come "miglior attrice" per Inferno.

BIGLIETTERIA
Orari di apertura di biglietteria: dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 19 (da lunedì a sabato). Telefono: 0382/371214
Tutti i prezzi sono pubblicati sul sito www.teatrofraschini.it

2019_03_30 IL SALOTTO NAPOLETANO DELL'OTTOCENTO A MONZA

2019_03_24 CONCERTO

Domenica 24 marzo 2019 ore 18.30
Auditorium Stefano cerri Via Valvassori 56 Milano
CONCERTO
Intende voci Corus
Corale Lirica Ambrosiana

2019_03_24 Il barbiere di Siviglia per TI RACCONTO UNA FIABA

Domenica 24 marzo 2019 ore 11:00
Teatro Dal Verme Via San Giovanni sul Muro 2 – Milano
I Pomeriggi Musicali 2018-2019
in collaborazione con Sconfinarte, Milano Teatro Scuola Paolo Grassi, e con il sostegno di Fondazione Cariplo
presentano
I PICCOLI POMERIGGI MUSICALI
XII STAGIONE TI RACCONTO UNA FIABA
Gioachino Rossini
Il barbiere di Siviglia
con
Soprano: Maria Eleonora Caminada
Basso: Michele Gianquinto
Voci recitanti: Chiara Serangeli e Sara Dho
Adattamento e Regia: Manuel Renga
Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali
Direttore: Daniele Parziani
Trascrizioni: Marco Simoni
Largo al factotum nella XII stagione de I Piccoli Pomeriggi Musicali! Domenica 24 marzo, alle ore 11:00 presso il Teatro Dal Verme di Milano, i nostri piccoli professori si confronteranno con l’opera rossiniana nella trascrizione de Il Barbiere di Siviglia che, appositamente per loro, ha eseguito Marco Simoni.
La storia che si muove intorno al “bravo, bravissimo”, barbiere Figaro sarà raccontata dalle voci di Chiara Serangeli, che per la prima volta collabora con I Piccoli per Ti racconto una fiaba, e di Sara Dho e impreziosita dalle incursioni canore del soprano Maria Eleonora Caminada e del basso Michele Gianquinto.
La riduzione della drammaturgia è stata come di consueto curata da Manuel Renga e la direzione musicale è naturalmente affidata a Daniele Parziani, i quali continuano dunque questa XII Stagione con l’obiettivo di divulgare sempre di più la musica, l'arte, lo spettacolo nelle famiglie e fra i bambini, soprattutto fra i più piccoli.

2019_06_30 Scade il termine per il concorso Versi e Parole in Lomellina 2019

Sistema Bibliotecario della Lomellina

I Edizione Premio Letterario Nazionale
Versi e Parole in Lomellina 2019
SCADENZA 30 GIUGNO 2019
Organizzato dal Sistema Bibliotecario della Lomellina con la collaborazione tecnica de Il Club degli autori
SEZIONE POESIA
Poesia a tema libero di non più di 36 versi (sono ammesse, invece di un’unica poesia, due o tre poesie brevi o sonetti, o aforismi, purché la lunghezza complessiva non superi le 36 righe, comprese le eventuali righe bianche tra una strofa e l’altra).
SEZIONE NARRATIVA
Un racconto breve a tema libero che non superi le 6 cartelle dattiloscritte (10.800 battute totali compresi gli spazi bianchi).
SEZIONE LOMELLINA
Una Poesia o un Racconto breve della lunghezza come sopra indicati incentrato sul territorio lomellino (storia, cultura, tradizioni, gastronomia o altro).

TESTI – I testi, a tema libero, devono essere in lingua italiana, editi o inediti. Non sono ammessi testi già premiati ai primi tre posti in altri concorsi. I concorrenti devono inviare tre copie dell’opera (una copia con i dati completi e due copie anonime) a: «Associazione Culturale Il Club degli autori – Casella Postale Aperta – Ufficio Postale di Melegnano – 20077 Melegnano (MI)». Contestualmente
inviare anche una copia dell’elaborato in formato Word all’indirizzo email: segreteria@clubautori.it

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
Quota di iscrizione Euro 15,00 da versarsi con una delle seguenti modalità: Conto Corrente postale n. 93423267 intestato a «Associazione Culturale Il Club degli autori – piazza Codeleoncini, 12 – 20077 Melegnano (MI)». Oppure a mezzo Bonifi co Bancario: Banca Prossima IBAN IT28 X033 5901 6001 0000 0122 471 BIC BCITITMX intestato a Associazione Culturale Il Club degli autori.

PREMI SEZIONE POESIA
Al 1° classificato: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit con
assegnazione di 100 copie all’autore – Attestato di merito – Pubblicazione della poesia nell’Antologia
e su Internet www.club.it 
Al 2° e 3° classificato: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Attestato di merito – Buono valido per avere 20 copie in omaggio in caso di pubblicazione di un proprio libro con la casa editrice Montedit – Pubblicazione della poesia nell’Antologia con assegnazione di 1 copia omaggio e su Internet www.club.it 
Dal 4° al 10° classificato: Attestato di Merito e Pubblicazione della poesia vincitrice sull’Antologia e su Internet www.club.it.

PREMI SEZIONE NARRATIVA
Al 1° classificato: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Pubblicazione del racconto nell’antologia del Premio con assegnazione di 5 copie omaggio – Attestato di merito. Al 2° e al 3° classificato: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Pubblicazione del racconto nell’antologia del Premio con assegnazione di 1 copia omaggio – Buono valido per avere 20 copie in omaggio in caso di pubblicazione di un proprio libro con la casa editrice Montedit Attestato di merito.

PREMI SEZIONE LOMELLINA
Ai primi tre classificati: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Pubblicazione dell’opera nell’antologia del Premio con assegnazione di 1 copia omaggio. Per tutte le sezioni è d’obbligo la presenza degli autori classificati ai primi tre posti o di un loro delegato pena la decadenza del premio.

GIURIA
La Giuria, il cui giudizio è insindacabile e i cui nominativi verranno resi noti in seguito, è
composta da esponenti del mondo scolastico culturale locale.
PREMIAZIONE
La premiazione avverrà a Mortara (PV) nel mese di ottobre 2019. Obbligo di presenza per i primi tre classificati di ciascuna sezione pena la decadenza del premio.

DI RITTI D’AUTORE – Gli autori, per il fatto stesso di partecipare al concorso, cedono il diritto di pubblicazione sul sito Internet dell’associazione e/o su eventuale Antologia del premio senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore.
I diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli Autori.

RISULTATI – I premiati riceveranno comunicazione personale. Tutti i partecipanti riceveranno il notiziario “ClubNews” con i risultati finali del premio che verranno anche pubblicati sul sito Web: www.club.it
NOTE – Il materiale inviato non verrà restituito.
IMPORTANTE – Allegare agli elaborati la dichiarazione che l’opera è frutto del proprio ingegno e autorizzazione al trattamento dei dati personali. Si consiglia di utilizzare l’apposita scheda di iscrizione posta sul retro del volantino.
PRIVACY - La partecipazione implica l’accettazione del presente regolamento e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali ai soli fini istituzionali (Legge 675/1996 e D.L. 196/2003).
L’associazione Culturale Il Club degli autori si impegna al rispetto delle norme sulla Privacy come previsto dalle normative europee (EU 2016/679 regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Sensibili - General Data Protection Regulation). 
Notiziario clubnews - Se avete una email scrivete a iscrivimi <clubnews@club.it> per ricevere il notiziario che aggiorna man mano sull’andamento di tutti i nostri concorsi.

INFORMAZIONI
Per informazioni Umberto De Agostino tel. 335.66.55.482 – Associazione Il Club degli autori tel. 02.98.23.31.00 oppure 02.98.23.31.05 da lunedì a venerdì in orario 9,30–12,30 e



2017_03_24 Bentornata Primavera!

Data :24/03/2017
Bentornata Primavera!
Sede Cortile e piazza del Comune
Città: Torre d'Isola (Pv)
Sezione #concertodautunnonews: altro
Descrizione: Torre in Festa, bentornata Primavera!
Arriva la bella stagione e Torre d'Isola si veste di fiori: per l'attesissima festa di Primavera la piazza del Comune diventerà un meraviglioso giardino. Appuntamento domenica 24 Marzo con eccellenze food&wine, degustazioni, laboratori per i bambini insieme al casaro Marco Bernini

Torre d'Isola, Marzo 2019 – Anche quest'anno Torre d'Isola fa festa e dà il benvenuto alla tanto attesa bella stagione, finalmente in arrivo: domenica 24 Marzo torna Bentornata Primavera! la manifestazione che riempirà la piazza e le vie del comune del Pavese di bancarelle, di eccellenze enogastronomiche, prodotti genuini e a filiera corta, artigianato di qualità. Una giornata all'insegna del divertimento e dello stare insieme con momenti di condivisione e per grandi e piccini e laboratori ludici per i più piccoli. E per dare un degno benvenuto alla bella stagione la piazza del Comune di Torre d'Isola si trasformerà in un rigoglioso giardino vestito di fiori e colori.
In calendario tanti appuntamenti: dalle 9 alle 18 Al Buon Mercato del Sano e del Genuino (a cura del Mercatino Enogastronomico della Certosa di Pavia), farmers' market che proporrà convenienza, qualità e prodotti stagionali a filiera corta. Il catalogo prevede eccellenze enogastronomiche del territorio come è nella filosofia del MEC: vino, salumi, formaggi dal Canavese, il pane firmato Marco Bernini nelle sue varie declinazioni (con farro, oppure integrale, con 14 cereali, con grano saraceno e con le noci), le pluripremiate Offelle di Parona, salame d'oca, confetture, birra artigianale, miele, verdura. Ed ancora frutta dalla Sicilia, olio e taralli dalla Puglia.
Non solo food tra le bancarelle: gli organizzatori hanno previsto anche il Mercato del Fatto a Mano con oggetti artigianali etnici ed artistici da paesi vicini e lontani.

A mezzogiorno, a cura delle Associazioni di Torre d'Isola e dei banchi del mercato, risottata, panini con il cotechino caldo, schitta con pancetta o coppa per tutti i convenuti.

In programma a partire dalle 14,30 laboratori per bambini dai 5 ai 12 anni (prenotazioni al 339.4748519 – Associazione Genitori per la Scuola). Alle 14:30 Orto in Cassetta a cura dell'Associazione Decumano Est Pavia: bambine e bambini, assistiti da una biologa, metteranno in una cassetta , riempita di terreno adatto alla semina di verdure, piantine dell'orto che innaffieranno e potranno portarsi a casa per vederle crescere, prendersene cura.
Non solo laboratori per agricoltori in erba: Marco Bernini, panificatore e casaro alchimista da Pozzol Groppo (Al) proporrà un laboratorio dal titolo Il formaggio in barattolo ed insegnerà ai più piccoli il miracolo della trasformazione del latte in formaggio.

Bentornata Primavera!
24 Marzo 2019
Dalle 9 alle 18
Cortile e piazza del Comune di Torre d'Isola (Pv)
Per info: 347 7264448
In caso di maltempo la manifestazione si terrà comunque


Contatti:
Indirizzo e-mail :
Numero di cellulare:
Numero fisso:
Sito Web:

2019_03_18 INNER_SPACES 2018-2019 – identità sonore elettroniche

INNER_SPACES 2018-2019 – identità sonore elettroniche
#08 – Lunedì 18 marzo 2019
Auditorium San Fedele (Via Ulrico Hoepli, 3/b)  – Milano

• Ore 19 - Lezione a ingresso libero
Il World Soundscape Project
a cura di Giovanni Cestino – Università degli Studi di Milano

• Ore 21 - Concerto
Janek Schaefer (UK)
Rafael Anton Irisarri (USA)
Regia acusmatica: Giovanni Cospito
Regia tecnica: Filippo Berbenni
info e prevendite: Biglietteria Auditorium
lun-ven 10 / 12.30 – 14 / 18 - tel.0286352231 
Acquisto on line: CLICCA QUI – Evento Facebook
www.centrosanfedele.net

Serata con due sfaccettature antitetiche entro la ricerca elettronica contemporanea. In apertura le atmosfere minimali del sound artist britannico Janek Schaefer: architetto di formazione, è impegnato da anni in una ricerca costante sulle potenzialità espressive della diffusione sonora. I suoi set, dalla forte componente performativa, si fondano su un dialogo dai risvolti imprevedibili tra microsuoni immersivi appena percettibili, accenni melodici e rumori concreti mai invasivi, generati attraverso l'utilizzo dei più disparati sound objects. Le composizioni di Schaefer sono situate al confine fra tristezza e gioia, assaporando l'imprevedibilità della gravità emotiva.
Una delle sue più recenti invenzioni musicali, sviluppata nella title track dell’album “What Light There Is Tells Us Nothing” (Temporary Residence, 2018), è l’esito di una commissione del festival Sounds New di Canterbury per la realizzazione di un brano interamente fondato su elementi dell’album di Robert Wyatt “Cuckooland” (Hannibal, 2003).

A seguire, l'atteso ritorno in Italia di Rafael Anton Irisarri, tra i nomi fondamentali della scena ambient/drone contemporanea. La sua poetica musicale è basata su visioni fugaci tradotte in suono attraverso una prospettiva fortemente espressionista, ove stralci di melodie e stratificazioni armoniche si completano a vicenda condensandosi in strutture cicliche tipicamente minimaliste, dando forma a una miscela dal forte impatto emotivo. I suoi concerti presso musei, chiese, sinagoghe e altri spazi performativi non tradizionali esplorano la fisicità del suono. Combinando una serie di amplificatori per basso heavy metal, configurazioni di diffusori multipli, sintetizzatori, chitarre archettate, laptop, proiezioni e illuminazioni, Irisarri decontestualizza la relazione del pubblico con la sede, creando un ambiente esperienziale immersivo e non convenzionale.

BIOGRAFIE 
Janek Schaefer
Sound artist e performer, Janek Schaefer è nato in Inghilterra da genitori polacchi e canadesi nel 1970. La sua ricerca artistica è volta alla disamina dei molteplici aspetti del suono, applicato in installazioni site specific, colonne sonore di mostre, danza e cortometraggi, album e concerti, basati sull’uso di giradischi auto costruiti per realizzare collage di found sound manipolati. La sua "Tri-phonic Turntable", ispirata a Philip Jeck e realizzata nel 1997, è nel Guinness dei primati.
I suoi concerti e installazioni esplorano gli aspetti spaziali e architettonici che il suono può evocare e lo stravolgimento delle tecnologie. L’ibridazione di strumenti analogici e digitali è al servizio della manipolazione di registrazioni su vinile, modificate dal vivo per creare ambienti sonori evocativi e coinvolgenti.

Nel 2008 ha vinto il British Composer of the Year Award in Sonic Art e il Paul Hamlyn Award per il Composers Prize. La Bluecoat Gallery ha esposto una retrospettiva della sua carriera ventennale nel 2009. Schaefer è visiting professor presso l'Oxford Research Sonic Art Research di Oxford, e lavora nel suo studio audiOh! Stanza a Walton-on-Thames, nel Regno Unito. I suoi album, quando non autoprodotti, sono editi da numerose label tra cui FatCat, 12k, Room40 e Temporary Residence.

Rafael Anton Irisarri
Rafael Anton Irisarri è compositore, curatore polistrumentista e multimedia artist. Principalmente associato alla scena ambient-drone, al linguaggio post-minimalista e alle esperienze più periferiche del modern classical, la poetica del suo progetto omonimo è costruita su impressioni tradotte in suono da una prospettiva fortemente espressionista. Nei suoi lavori stralci di melodie e stratificazioni armoniche si completano a vicenda condensandosi in strutture cicliche tipicamente minimaliste, in una miscela dal forte impatto emotivo. Parallelamente a questo percorso, Irisarri ha dato vita al side project The Sight Below, improntato sulla convivenza basse frequenze, pulsazioni sotterranee, texture elettroniche e dilatazioni chitarristiche al confine con lo shoegaze. Assieme a Benoit Pioulard ha formato gli Orcas, forse il suo progetto più celebre, con cui ha prodotto due album a cavallo tra ambient etereo e dream-pop. Ha pubblicato, fra le altre, per etichette come Ghostly International, Miasmah, Morr Music, Room40 e Touch, e collaborato come produttore presso il Black Knoll Studio con artisti come The Naked And Famous, School of Seven Bells, Pantha Du Prince, Biosphere, Balmorhea.

L’Auditorium San Fedele è l’unica sala in Italia dotata di acusmonium, un’orchestra di 50 altoparlanti che consente la spazializzazione del suono. Ideato su disegno di Eraldo Bocca, il sistema SATOR è costituito da diverse tipologie di diffusori distribuiti lungo tre corone concentriche e una sezione di effetti che, attivato da due mixer, consente la diffusione di musica acusmatica, elettroacustica e mista. Questa particolare strumentazione viene impiegata anche per valorizzare, attraverso un’interpretazione live, di quei capolavori della storia del cinema che presentano materiale sonoro di  particolare interesse ed elaborazione. L’ acusmonium rende la sala uno spazio acustico tridimensionale, nel quale il suono costruisce effetti di profondità e lontananza inimmaginabili con un semplice impianto provvisto di surround, offrendo dunque allo spettatore un’esperienza unica e coinvolgente.
INNER_SPACES 2018-2019

Una produzione
San Fedele Musica

Guest curator
Plunge

Con il contributo di
Fondazione Cariplo

Con il patrocinio di
Comune di Milano

Media Partner
Digicult, Noisey, Lifegate, Poliradio, URSSS, Zero

In collaborazione con
Archivio Storico Ricordi, Conservatorio di Milano, Fondazione Isabella Scelsi, , Forum Austriaco di Cultura, Milano Musica, Università degli sudi di Milano – Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali, Consolato Generale di Repubblica di Polonia in Milano

Un’iniziativa di
Fondazione Culturale San Fedele

Soggetto di rilevanza regionale
Regione Lombardia

2019_03_30 Traviata tra opera e racconto a Buccinasco

Sabato 30 marzo 2019 ore 21.00
Auditorium Fagnana
Via Tiziano 7 - Buccinasco (Mi)
Comune di Buccinasco
STAGIONE CONCERTISTICA 2018/2019
Giuseppe Verdi (1813-1901)
LA TRAVIATA
Trafiletto d'epoca
"Tanto più la vita di queste donne incuriosisce e fa rumore, tanto più la loro morte passa inosservata"
Testi e regia di CHIARA POZZOLI
Personaggi ed interpreti:
Violetta Valéry (soprano) BARBARA FASOL
Alfredo Germont (tenore) ANDREA BRAGIOTTO
Giorgio Germont, suo padre (baritono) ORAZIO MORI
Il barone Douphol (baritono) PINO IANNITELLO
Gastone, Visconte di Létorières (tenore) DIEGO BECCE
Amiche di Violetta:
Clarissa GIUSE MAGGI
Margherita AGATA RIOLO
Evelina EMANUELA ABBRUZZO
e con:
Fabio Buscaglia, Lia Cabibbe, Marina Cecchetti, Daniele Cipriano, Claudio Colombo, Enzo Commisso, Daniele Grimaldi, Anna Veneroni, Daniela Camperi
al pianoforte DEBORA MORI
Aiuto regia Filippo Addabbo, Mario Pozzoli
Luci Marco Bartelli
in collaborazione con Scuola Nova Musica Buccinasco e Compagnia Gli Adulti
Si ringraziano Simone Puzzolo e Landini Srl per elementi scenografici e arredi.

VEDI FOTOSERVIZIO CONCERTODAUTUNNO

APPUNTAMENTI CULTURALI, TEATRO e MUSICA a BUCCINASCO





2019_01_20 Concerti domenicali delle ore 11, per I POMERIGGI MUSICALI

Le Domeniche dei Pomeriggi - IV Edizione - 2019
Musica Classica e Sinfonica
Federico Mondelci apre la serie di concerti domenicali delle ore 11, per I POMERIGGI MUSICALI

Domenica 20 Gennaio 2019_01_20 
ORE 11:00
Plaisir d’amour
Orchestra I Pomeriggi Musicali
Direttore e sassofono: Federico Mondelci
Plaisir d’amour - Suite di canzoni francesi
per sassofono e orchestra (arr. Massimo Morganti)
Charles Trenet Que reste-t-il de nos amours?
Joseph Kosma / Jacques Prevert Les feuilles mortes
Jean-Paul-Égide Martini Plaisir d’amour
Victor Young When I Fall in Love
Pedro Iturralde
Suite Hellénique (arr. Roberto Granata)
Kalamatianos
Valse
Kritis
Roberto Molinelli
Tango Club
Astor Piazzolla
Adios Nonino
Milonga de Angel
Escualo
Oblivion
Libertango
(arr. Federico Mondelci, Michele Paolino)

Domenica 10 Febbraio 2019_02_10 
ORE 11:00
For a while.....Profumo di Violetta
Viaggio intorno all'Opera - Ricercar ed Intrecciar Ciaccone ed altre Danze con frammenti di Arie ed Intermezzi Composizione, clarinetti, sassofono: Gianluigi Trovesi
Percussioni: Fulvio Maras
Orchestra d’Archi I Pomeriggi Musicali
Direttore e arrangiamenti: Corrado Guarino 


Secondo appuntamento con la rassegna Le domeniche dei Pomeriggi, questa volta dedicato alla contaminazioni fra il linguaggio della musica classica e operistica e quello del jazz. Dopo il successo della collaborazione nel giugno 2015, I Pomeriggi Musicali rinnovano il sodalizio con uno dei più grandi esponenti del jazz italiano, Gianluigi Trovesi, per presentare un suo recente progetto dal titolo: For a while... Profumo di Violetta. Tutto nasce da Trovesi all’Opera, lavoro pubblicato alcuni anni fa dal musicista bergamasco per ECM; lavoro discografico decisamente atipico che fece registrare uno strepitoso successo e nato dalla volontà di trovare un terreno di ricerca comune nel segno delle arie celebri del melodramma, delle melodie entrate nella memoria collettiva; un terreno dal quale partire per un viaggio inedito e originale, guidati dalla convinzione che da repertori e trattamenti musicali come le trascrizioni, spesso ingiustamente liquidate, potesse prender vita un percorso calato nella contemporaneità. Trovesi all’Opera fu dunque un avvincente gioco d’incastri tra epoche, generi, stili esecutivi, dal quale si sviluppa ora una nuova avventura che vede Gianluigi Trovesi collaborare con il direttore Corrado Guarino, con Fulvio Marras alle percussione e con l’Orchestra I Pomeriggi Musicali, naturalmente. For a while... Profumo di Violetta prende questa volta come base di partenza il tema della danze antiche, fra le note delle quali l’accennare ad un’aria concede la possibilità di aprire una porta sul mondo dell’opera, forse - in qualche modo - per “rubarne” un’altra, richiudere la porta e proseguire in un divertente cammino di ricerca di una sorta di nuovo elisir di “lunga melodia” anziché di “lunga vita”. E il profumo risultante, tra arie, intermezzi e frammenti musicali, intrecciando ciaccone e altre danze d’epoca, è una sorta di rinnovato nonché entusiasmante nuovo viaggio “intorno all’opera”, toccando qua e là, con licenza poetica, materiali sonori di ogni forma e foggia. Un progetto dunque interessante e coraggioso allo stesso tempo, alla ricerca di un minimo comune denominatore in bilico tra danza, melodramma e scrittura sincopata e di cui I Pomeriggi Musicali sono orgogliosi di fare parte. 

Domenica 24 Febbraio 2019_02_24 
ORE 11:00
Ritratto d’Autore: Franz Schubert
Franz Schubert
Ottetto in Fa Maggiore per fiati e archi, op. 166, D. 803
Ensemble I Pomeriggi Musicali
Clarinetto: Marco Giani
Fagotto: Lorenzo Lumachi
Corno: Alessandro Mauri
Violini: Fatlinda Thaci e Andrea Del Moro
Viola: Lizabeta Soppi
Violoncello: Alexander Zyumbrovskiy
Contrabbasso: Paolo Speziale

L’appuntamento con la rassegna Le domeniche dei Pomeriggi vede questa volta protagonista l’Ensemble di Fiati dei Pomeriggi Musicali, che domenica 24 febbraio alle ore 11:00 si esibirà in un concerto dal titolo: Ritratto d’autore: Franz Schubert.
Senza dubbio Vienna è stata la capitale della musica da camera dall’inizio dell’Ottocento e, senza dubbio, Franz Schubert è stato protagonista di spicco di quel panorama artistico sin da adolescente, raccogliendo il testimone da un Beethoven ancora attivo e conducendo la musica da camera a vette che aprono le porte alla produzione romantica tanto per i piccoli ensemble quanto per la compagine sinfonica. 
Il rapporto con il complesso mondo di Beethoven è oggi chiaro e ampiamente accettato, ma questo passaggio di consegne si era evidenziato sin da allora, quando il conte Ferdinand Troyer, clarinettista di un certo pregio e organizzatore di pregevoli concerti nel suo salotto (Hausmusik, genere ai tempi oltremodo diffuso) in cui le note di Beethoven la facevano da padrone, commissiona al giovane Schubert un brano da creare sul calco di un brano del tedesco che aveva incontrato un notevole favore presso il pubblico: un settimino misto di archi e fiati. Schubert accetta l’incarico, aggiunge un secondo violino all’organico e nel breve volgere di un mese compone la partitura dell’Ottetto, che, nemmeno a dirlo, trascende di molto i limiti di genere.
È infatti difficile definire solo cameristico questo lavoro; il suo respiro è ampio ma la filigrana delle linee melodiche è quella propria della musica per pochissimi strumenti. Con Schubert è sempre così: siamo noi a dover decidere se dalla sua musica vogliamo diletto o grandi verità. E anche la mattina del 24 febbraio, nell’esecuzione dell’Ottetto in Fa maggiore per fiati e archi, op. 166, ritroveremo queste due caratteristiche magnificamente intrecciate e interpretate da Marco Giani al clarinetto, Lorenzo Lumachi al fagotto, Alessandro Mauri al corno, Fatlinda Thaci e Andrea Del Moro ai violini, Lizabeta Soppi alla viola, Alexander Zyumbrovskiy al violoncello e Paolo Speziale al contrabbasso.

Domenica 17 Marzo 2019_03_17 
ORE 11:00
Harmoniemusik!
Da Mozart a Bellini: fiati all'Opera!
Ensemble di fiati I Pomeriggi Musicali
Direttore: Jacopo Brusa 
Wolfgang Amadeus Mozart
Ouverture da Le nozze di Figaro(Arr. J. N. Wendt)
Dove sono i bei momenti da Le nozze di Figaro(Arr. J. N. Wendt)
Ouverture da Don Giovanni(Arr. J. Triebensee)
Madamina, il catalogo è questo da Don Giovanni(Arr. J. Triebensee)
Ouverture da La clemenza di Tito(Arr. J. C. Stumpf)
Gaetano Donizetti Sinfonia in sol minore
Gioachino Rossini  Cavatina nel Tancredi del Sig. Rossini(Arr. G. F. Calegari)
Ouverture da Il barbiere di Siviglia(Arrangiato da W. Sedlak)
Daniel Auber Ouverture da La muette de Portici(Arr. da F. Weller)
Vincenzo Bellini Sinfonia da Norma(Arr. da E. Mosell)

Domenica 31 Marzo 2019_03_31 
ORE 11:00
Coração Americano
Voce: Barbara Casini
Orchestra I Pomeriggi Musicali
Direttore: Paolo Silvestri 
Chiquinha Gonzaga Corta-Jaca
Guinga/Paulo César Pinheiro Saci
Guinga/Paulo César Pinheiro Passarinhadeira
Guinga/Aldir Blanc Catavento e girassol
Cristovão Bastos/Chico Buarque de Hollanda Todo sentimento
Chico Buarque de Hollanda Construção
Toquinho/Vinícius de Moraes Accendi una luna nel cielo
Ernesto Nazareth Odeon
Edu Lobo/Chico Buarque de Hollanda Choro bandido
Edu Lobo/Torquato Neto Pra dizer adeus
Edu Lobo/Chico Buarque de Hollanda O circo místico
Astor Piazzolla/Horácio Ferrer María de Buenos Aires

Domenica 14 Aprile 2019_04_14 
ORE 11:00
L’armonica tra tanghi argentini e danze rumene
Orchestra I Pomeriggi Musicali
Armonica: Gianluca Littera
Direttore: Fabrizio Ventura
Astor Piazzolla Tangazo
Arthur Benjamin Concerto per armonica
Béla Bartók Danze Rumene
György Ligeti Concert românesc

Domenica 12 Maggio 2019_05_12 
ORE 11:00
Perpianoeorchestra
Da Scarlatti a Morricone
Orchestra I Pomeriggi Musicali
Pianoforte: Enrico Pieranunzi 
Direttore: Paolo Silvestri
Domenico Scarlatti Sonate K 9, K 239, Sonate K 206, K 260
(elaborazioni per pianoforte e orchestra di P. Silvestri)
Johann Sebastian Bach Concerto n. 5 in fa minore Bwv 1056
Ennio Morricone Nuovo Cinema Paradiso (arr. P. Silvestri)
Enrico Pieranunzi Les Amants (arr. P. Silvestri)
Una piccola chiave dorata (arr. P. Silvestri)
Paolo Conte Azzurro (arr. P. Silvestri)

Biglietti: (Settore unico, posto numerato)
Intero € 10,00 + prevendita
Ridotto speciale* € 8,00 + prevendita

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)