2019_09_24 Arte e lirica, gli appuntamenti all'Agorà di Robecco sul Naviglio 2019-2020

Programmazione Musica e teatro
Cineteatro AGORA' - Robecco sul naviglio (Mi)


Stagione 2019 - 2020 Stagione d’ Opera, Danza e Grande Arte
http://www.concertodautunno.it/agora-robecco/agora-robecco-1920.htm
CineTeatroAgorà
P.zza XXI luglio Robecco sul Naviglio
www.cineteatroagora.it
info@cineteatroagora.it
Cell. 349 82 53 070

Ecco il programma della edizione 2019-2020 della rassegna di "Opera, danza, arte al Cinema" che si terrà al CinemaTeatro Agorà di Robecco sul naviglio (Mi).
La stagione presenta alcune nuove collaborazioni che porteranno sul grande schermo opere liriche in diretta e in registrazione differita da importanti palcoscenici europeri come Parigi, Berlino, Salisburgo e ovviamente dal Teatro alla Scala.
Dal nostro "tempio della lirica" non mancherà lo spettacolo inaugurale che sarà quest'anno "Tosca" di Giacomo Puccini, il sipario si alzerà alle ore 18 del giorno di Sant'Ambrogio, sabato 7 dicembre 2019, con la direzione di Riccardo Chailly e la regia di David Livermore.
Ma, grazie alla collaborazione con la RAI, potremo avere ben altre tre produzioni scaligere: martedì 5 novembre 2019 ore 21 I Masnadieri opera di Giuseppe Verdi, diretta da Michele Mariotti; martedì 7 gennaio 2020 ore 21 La bella addormentata balletto – Tchaikovsky con Polina Semionova ed Timofej Andrijashenko e martedì 3 marzo 2020 ore 21 Manon Lescaut opera di G.Puccini, diretta da Riccardo Chailly. Per Manon abbiamo anche voluto accostare alla versione di G.Puccini la precedente di J.Massenet martedì 17 marzo 2020 ore 19,15 da Parigi – in diretta.


Lo spettacolo di apertura sarà un opera molto amata dal pubblico martedì 24 settembre 2019 ore 19,15 La traviata opera di Giuseppe Verdi da Parigi – in diretta; di Giuseppe Verdi presenteremo poi due altri titoli importanti come martedì 18 febbraio 2020 ore 21 Macbeth opera di Giuseppe Verdi da Berlino – in differita e in chiusura della stagione martedì 28 aprile 2020 ore 21 Aida opera di Giuseppe Verdi da Salisburgo – in differita.
Procedendo nel lavoro di diffusione dell'amore per l'opera, per il melodramma e nella volontà di proporre al nostro affezionato pubblico ulteriori sollecitazioni culturali abbiamo inserito tre titoli sicuramente meno conosciuti dal molti come martedì 21 gennaio 2020 ore 21 Il flauto magico opera di W.A.Mozart da Salisburgo – in differita; martedì 17 dicembre 2019 ore 19,15 Il principe Igor opera di Alexander Borodin da Parigi – in diretta (ricordo che è l'opera che ha al suo interno quella pagina affascinante che sono le "Danze polovesiane") e giovedì 10 ottobre 2019 ore 19,15 Les Indes Galantes (Le indie galanti) opera-ballet di Jean Philippe Rameau da Parigi – in diretta, per toccare anche il repertorio barocco.
Non mancheranno gli appuntamenti con la GRANDE ARTE e per ora, infatti, come già negli scorsi anni, potranno essere aggiunti altri titoli nel prossimo anno, martedì 22 ottobre 2019 ore 21 ERMITAGE-IL POTERE DELL’ARTE; martedì 26 novembre 2019 ore 21 FRIDA-VIVA LA VIDA; martedì 3 dicembre 2019 ore 21 VAN GOGH E IL GIAPPONE .
Un evento a sè sarà la serata di martedì 29 ottobre 2019 ore 21 quando proietteremo in contemporanea italiana "PAVAROTTI: il film" del premio Oscar Ron Howard realizzato sul tenore Luciano Pavarotti in ricordo dell'undicesimo anniversario della scomparsa.
Per la serata del 7 dicembre più avanti comunicheremo come si svolgerà l'evento e il rinfresco collegato.
Vi aspettiamo numerosi, per rivedere quello che si conosce e fare l'esperienza di nuove e interessanti proposte culturali.

Mario Mainino, direttore artistico
Attilio Viganò, direttore organizzativo

martedì 24 settembre 2019 ore 19,15
La Traviata
opera di Giuseppe Verdi
da Parigi – Operà Garnier - in diretta - GALILEO-OPERA
Opera in tre atti ispirata a Alexandre Dumas Fils,
La Dame aux camélias su libretto di Francesco Maria Piave
Personaggi ed interpreti:
Violetta Valéry (soprano) Pretty Yende
Flora Bervoix, sua amica (mezzosoprano) Catherine Trottmann
Annina, serva di Violetta, (soprano) Marion Lebègue
Alfredo Germont (tenore) Benjamin Bernheim
Giorgio Germont, suo padre (baritono) Jean François Lapointe
Gastone, Visconte di Létorières (tenore) Julien Dran
Il barone Douphol (baritono) Christian Helmer
Il marchese d'Obigny (basso) Marc Labonnette
Il dottor Grenvil (basso) Thomas Dear
Giuseppe, servo di Violetta (tenore) Luca Sannai
Un domestico di Flora (basso) Enzo Coro
Un commissionario (basso) Olivier Ayault
Servi e signori amici di Violetta e Flora, Piccadori e mattadori,
zingare, servi di Violetta e Flora, maschere
Orchestre et Chœurs de l’Opéra national de Paris
Direction musicale : Michele Mariotti
Mise en scène : Simon Stone
Décors : Bob Cousins
Costumes : Alice Babidge
Lumières : James Farncombe
Chef des Choeurs : José Luis Basso
Coproduction avec le Wiener Staatsoper

giovedì 10 ottobre 2019 ore 19,15
Les Indes Galantes Le indie galanti
da Parigi – Opéra Bastille - in diretta - GALILEO-OPERA
Jean-Philippe Rameau
LES INDES GALANTES (1735)
Opera-ballet  in quattro atti ed un prologo
Libretto Louis Fuzelier
Personaggi ed interpreti
Prologo:
Hébé (soprano) - Sabine Devieilhe
L'Amour (soprano) - Jodie Devos
Bellona (basse-taille, basso-cantante) - Florian Sempey
Prima entrée (Le Turc généreux)
Emilie (soprano) - Julie Fuchs
Valère (haute-contre) - Mathias Vidal
Osman (basse-taille) - Edwin Crossley-Mercer
Seconda entrée (Les Incas du Pérou)
Phani (soprano) - Sabine Devieilhe
Don Carlos (haute-contre) - Stanislas de Barbeyrac
Huascar (basse-taille) - Alexandre Duhamel
Terza entrée (Les Fleurs)
Prima versione
Tacmas (haute-contre) - Mathias Vidal
Fatime (soprano) - Julie Fuchs
Zaïre (soprano) - Jodie Devos
Ali (basse-taille) - Edwin Crossley-Mercer
Quarta entrée (Les Sauvages)
Zima (soprano) - Sabine Devieilhe
Adario (taille, baritenore) - Florian Sempey
Damon (haute-contre) - Stanislas de Barbeyrac
Don Alvaro (basse-taille) -  Alexandre Duhamel
Orchestre Cappella Mediterranea
Chœur de chambre de Namur
Maîtrise des Hauts-de-Seine / Chœur d’enfants de l’Opéra national de Paris
Compagnie Rualité
Leonardo García Alarcón, direttore
Thibault Lenaerts, maestro del coro
Clément Cogitore, regia
Bintou Dembélé, coreografia
Alban Ho Van,scene
Wojciech Dziedzic,costumi
Sylvain Verdet, luci
Parte prima 105 mn; intervallo 30 mn; Seconda parte 85 mn
Capolavoro dell'Illuminismo, Les Indes galantes è uno spettacolo scintillante. Tuttavia, il primo balletto d'opera di Rameau testimonia anche la visione ambigua degli europei riguardo ad altri popoli: turchi, incas, persiani, "selvaggi" ... Nel 2017, il regista Clément Cogitore ha realizzato un adattamento cinematografico esplosivo e acclamato dalla critica di un estratto di Les Indes galantes in collaborazione con i ballerini di Krump. Questa volta, con il coreografo Bintou Dembélé, riprende la scatola delle delizie di Rameau nella sua interezza per metterla di nuovo in uno spazio urbano e politico di cui esplora le frontiere.
Les Indes galantes (Le Indie galanti) -  è un'opéra-ballet di Jean-Philippe Rameau consistente in un prologo e due entrées (atti) - , subito portate a tre, e poi a quattro, su libretto di Louis Fuzelier. La prima rappresentazione ebbe luogo il 23 agosto 1735 a Parigi, presso l'Académie Royale de Musique et de Danse (Opéra) - , nel Théâtre du Palais-Royal.


martedì 22 ottobre 2019 ore 21
ERMITAGE-IL POTERE DELL’ARTE
ARTE


martedì 29 ottobre 2019 ore 21
PAVAROTTI: il film
del premio Oscar Ron Howard sul tenore Luciano Pavarotti
NEXO
“Fu vera Gloria” è una citazione ma ce lo possiamo chiedere anche nel caso della carriera e della figura di Luciano Pavarotti il tenore italiano più famoso nel mondo ed emblema stesso della “Lirica italiana”. E’ l'unico nome che negli ultimi 50 anni si è affermato in modo straordinario anche in quello che è il comune sentire della popolazione che non segue comunque la lirica; divenne famoso grazie soprattutto ad un brano, quel famoso “Nessun Dorma” dalla Turandot di G.Puccini, che, dopo la sua interpretazione alle Olimpiadi e la sua diffusione appunto mondiale, non si chiamò più così ma divenne ”Vincerò” ed oggi è una pagina con la quale i giovani tenori riescono anche a vincere i concorsi lirici a cui partecipano.
Ma quando Luciano Pavarotti lanciò Il suo progetto dei tre tenori, insieme a Josè Carreras e Placido Domingo, in realtà il suo intento era di avvicinare all'opera il pubblico che ancora la non la conosceva, perché lui ha sempre detto che “Il grande pubblico non ama l'opera perché non la conosce”. Questo forse fu il suo più grande successo ma anche suo grande fallimento perché riuscì ad avere una popolarità assoluta, a creare un “format concertistico”, quello dei tre tenori, che oggi si rinnova continuamente con altre voci, ma sicuramente non riuscì a portare il grande pubblico all'opera lirica. Anche se oggi come oggi l'opera si è diffusa in tutte le province italiane, come lo era 100 anni fa, però non ha il successo che aveva allora, ancora non riesce a sconfiggere i vari media televisivi o cinematografici o sportivi e conquistare un pubblico, soprattutto che non abbia i capelli grigi. 
Mario Mainino che per “Big Luciano” aveva ideato e condotto nel settembre 2008 la serata al Teatro Cagnoni di Vigevano ad un anno dalla sua scomparsa, ne ha parlato in una serata organizzata dal Lions Vigevano Sforzesco, riservata ai soci, che mercoledì 23 ottobre 2019.
Sul documentario di Ron Howard, a visione avvenuto, qualche perplessità l'abbiamo avuta. Bello il ritratto umano ma troppo incentrato sulle vicende personali e non sulla importanza artistica della sua presenza nel panorama mondiale della lirica. Da segnalare poi la mancanza di figure importanti come Mirella Freni, Raina Kavaivanska e Leone Magiera che attualmente sono viventi ma che avrebbero parlato di Luciano artista e che sono stati "sostituiti" dalla terza dama sentimentale alla quale hanno dedicato un grande spazio accanto alle figure delle due mogli. Da sottolineare molto negativamente il taglio delle arie, i famosi NOVE do dalla Figlia del reggimento non si sono sentiti e sono svaniti dopo i terzo, il successo al MET dopo quella esecuzione non è stato citato, non parliamo poi delle traduzioni nei sottotitoli, penose nelle canzoni napoletane, e poi quando c'era un personaggio il nome era in basso e la traduzione in alto facendo venire il torcicollo per leggere sopra e sotto.
Insomma dopo questo lavoro tanto osannato ce ne vorrebbe un altro che affrontati la figura artistica di Pavarotti sul lato che lui stesso avrebbe voluto "VORREI ESSERE RICORDATO COME UN CANTANTE D'OPERA".
Per chi volesse dare una occhiata al materiale preparatorio della conferenza di Mario Mainino è tutto disponibile su questa pagina: https://www.concertodautunno.it/191023-lions-pavarotti/191023_lions-pavarotti.html


martedì 5 novembre 2019 ore 21
Differita in collaborazione con RAI-SCALA
L'opera è andata in scena dal 18 Giugno al 7 Luglio 2019
TEATRO ALLA SCALA - Milano
Giuseppe Verdi
I Masnadieri
Personaggi ed interpreti:
Massimiliano, Conte di Moor, (basso) Michele Pertusi
Carlo, figlio di Massimiliano (tenore) Fabio Sartori
Francesco, altro figlio di Massimiliano (baritono) Massimo Cavalletti
Amalia, nipote del Conte (soprano) Lisette Oropesa
Moser, pastore (basso) Alessandro Spina
Arminio, aiutante del Conte (tenore) Francesco Pittari
Rolla, compagno di Carlo Moor (tenore) Matteo Desole
Giovani, banditi, donne, bambini, servitori.
Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Direttore  Michele Mariotti
Regia  David McVicar
Scene  Charles Edwards
Costumi Brigitte Reiffenstuel
Movimenti coreografici Jo Meredith
Luci Adam Silverman
Durata spettacolo: 2 ore e 39 minuti incluso intervallo
Nuova produzione Teatro alla Scala
Vedi la trama 


martedì 19 novembre 2019 ore 21
Italiana in Algeri
opera di G.Rossini
da Salisburgo – in differita - GALILEO-OPERA


martedì 26 novembre 2019 ore 21
FRIDA-VIVA LA VIDA
ARTE

martedì 3 dicembre 2019 ore 21
VAN GOGH E IL GIAPPONE
ARTE

sabato 7 dicembre 2019 ore 18
IN DIRETTA LIVE dal Teatro alla Scala - Milano
Giacomo Puccini
TOSCA
Personaggi ed interpreti
Ingresso 10€ - non ci sarà nessuna riduzione
é possibile aderire alla cena a Buffet
al costo di 20€ da prenotare a parte
Diritto di prevendita 1,50€
inaugurazione del Teatro alla Scala - RAI-SCALA

martedì 17 dicembre 2019 ore 19,15
Il principe Igor
opera di Alexander Borodin
da Parigi – in diretta - GALILEO-OPERA

2020
martedì 7 gennaio 2020 ore 21
LA BELLA ADDORMENTATA balletto
Musiche di P.I.Tchaikovsky
con Polina Semionova ed Timofej Andrijashenko
Teatro alla Scala - RAI-SCALA

martedì 21 gennaio 2020 ore 21
Il flauto magico
opera di W.A.Mozart
da Salisburgo – in differita - GALILEO-OPERA

giovedì 6 febbraio 2020 ore 19,15
Giselle balletto di Coralli-Perrot
su musiche di A.Adàm
da Parigi – in diretta - GALILEO-OPERA

martedì 18 febbraio 2020 ore 21
Macbeth
opera di Giuseppe Verdi
da Berlino – in differita - GALILEO-OPERA

martedì 3 marzo 2020 ore 21
Manon Lescaut
opera di G.Puccini,
diretta da Riccardo Chailly,
Teatro alla Scala - RAI-SCALA

martedì 17 marzo 2020 ore 19,15
Manon
opera di J.Massenet
da Parigi – in diretta - GALILEO-OPERA

giovedì 23 aprile 2020 ore 21
Le Parc balletto di Preljocaj
su musiche di Mozart
da Parigi – in differita - GALILEO-OPERA

martedì 28 aprile 2020 ore 21
Aida
opera di Giuseppe Verdi
da Salisburgo – in differita - GALILEO-OPERA

http://www.concertodautunno.it/agora-robecco/agora-robecco-1920.htm
CineTeatroAgorà
P.zza XXI luglio Robecco sul Naviglio
www.cineteatroagora.it
info@cineteatroagora.it
Cell. 349 82 53 070

Nessun commento:

Posta un commento

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)