2021_06_31 Continuano gli appuntamenti dell’estate culturale di Verbania

 MERCOLEDÌ 30 GIUGNO 2021_06_31

 
ANGELA FINOCCHIARO e DANIELE TRAMBUSTI con lo spettacolo BESTIA CHE SEI
 
SABATO 3 LUGLIO 2021_07_03
 
LINO GUANCIALE con NON SVEGLIATE LO SPETTATORE
 
DOMENICA 4 LUGLIO 2021_07_04
 
ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI con un’esperienza musicale unica tra note e giochi di luci

 

Biglietti disponibili al link

https://toptix1.mioticket.it/fondazioneilmaggiore/

 

Dopo il grande successo registrato dai primi spettacoli, continua l’ESTATE CULTURALE del CENTRO EVENTI IL MAGGIORE che, dopo quasi un anno di chiusura, è pronto a “riaprirsi alla vita” e riaccendere i riflettori sul meglio della prosa, della musica, dell’opera, della danza e una serie di appuntamenti dedicati al 700° anniversario della morte di Dante Alighieri.

 

Questi i prossimi appuntamenti della stagione:

MERCOLEDÌ 30 GIUGNO (ore 21.00 - Arena) con ANGELA FINOCCHIARO e DANIELE TRAMBUSTI nel reading a due voci di Stefano Benni BESTIA CHE SEI.

In Bestia che sei i protagonisti che incontriamo scaturiscono uno dopo l’altro con spontanea naturalezza dall’immaginazione dello scrittore bolognese STEFANO BENNI, che spesso ha incrociato la sua vita professionale con quella di Angela Finocchiaro negli ultimi vent’anni, e danno vita ad una sfilata di caratteri surreali e grotteschi, a volte molto reali e altre volte decisamente fantastici, a volte teneri e a volte crudeli, ma soprattutto creature ambigue, che ci ricordano che l’homo sapiens è la bestia più ridicola e feroce del cosmo. Angela Finocchiaro e Daniele Trambusti, dopo la fortunata collaborazione in Mai più soli e Benneide 2, condividono nuovamente lo stesso palco per dar vita a una lettura a due voci piena di energia. Produzione Agidi Srl.

 

SABATO 3 LUGLIO (ore 21.00 - Arena) con LINO GUANCIALE e lo spettacolo dedicato alla vita dello scrittore e sceneggiatore Ennio Flaiano NON SVEGLIATE LO SPETTATORE.

Dopo il successo di Itaca… il viaggio, Lino Guanciale e Davide Cavuti tornano in scena con un nuovo spettacolo, Non svegliate lo spettatore, prodotto dal TSA Teatro Stabile d’Abruzzo in collaborazione con Stefano Francioni Produzioni, dedicato alla vita di Ennio Flaiano. “Attraverso aneddoti, lettere, racconti, i personaggi prendono forma diventando maschere senza tempo - afferma il regista e compositore Davide Cavuti - I quadri proposti riverberano di senso etico, sociale e storico. Il viaggio con Flaiano (e il suo taccuino) è un prezioso insegnamento per affrontare le nuove sfide dell’esistenza. Il rapporto tra il cinema, il teatro, la letteratura e la musica costituisce una chiave di lettura importante per penetrare i valori di interscambio tra cultura, formazione e apprendimento, affinché siano da stimolo per la ricerca e l’approfondimento delle opere dei grandi scrittori spesso dimenticati”. Lo spettatore sarà proiettato, con i piedi fortemente poggiati sulle nuvole, nel mondo della letteratura, del cinema e del teatro attraverso la recitazione di uno straordinario attore quale Lino Guanciale e il commento musicale del maestro Davide Cavuti.

 

DOMENICA 4 LUGLIO (ore 21.00 - Sala Teatrale) con l’ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI con la Soprano ELIZABETH HERTZBERG e la Direttrice ELENA CASELLA.

Un evento unico che La Finzi Academy, progetto che prende spunto dal successo ottenuto nel rilanciare le musiche del compositore Aldo Finzi, autore la cui vita e carriera artistica furono interrotte dalle leggi razziali promulgate nel 1938 dal fascismo in Italia, ha organizzato insieme alla Fondazione Il Maggiore di Verbania.

Si tratta di una nuova e inedita forma di partecipazione ai concerti classici, con un esperimento musico-sociale di riappropriazione e rioccupazione, post pandemia, degli spazi chiusi e aperti insieme. Si assisterà ad una nuova forma di spettacolo e di aggregazione che coinvolgerà contemporaneamente il luogo della cultura e il territorio circostante.

Lo spettacolo sarà infatti eseguito con il pubblico in sala e diffusione contemporanea all’esterno tramite un sistema di cuffie wi-fi silent system per gli spettatori-partecipanti, a cui sarà consegnata la propria cuffia da utilizzare in una zona limitata del parco a ridosso del Lago Maggiore.

Qui, attraverso la regia di Angela Giulia Toso, il pubblico formerà delle immagini tramite le luci delle cuffie stesse ad enfatizzare la spettacolarità dell’evento.

 

PROGRAMMA DELLA SERATA

Ludwig van Beethoven - Coriolano overture

Fabio Vacchi - Beethoven e la primavera ritrovata

Aldo Finzi - 5 Liriche per soprano e orchestra

Felix Mendelssohn - Sinfonia n.4 “Italiana”

 

In un’estate in cui ci dedicheremo prevalentemente al turismo in Italia, gli appuntamenti proposti da Il Maggiore di Verbania si arricchiscono così di ulteriore valore: non solo il consentire di tornare, finalmente, alle attività che più ci sono mancate in questi mesi, ma anche il permettere di scoprire e riscoprire, proprio grazie alla cultura, a visitatori e viaggiatori provenienti da tutta Italia, le meraviglie del territorio del Verbano.

 

È possibile acquistare i biglietti per gli spettacoli che compongono un ricchissimo cartellone in grado di dare vita a una stagione che, dopo mesi di chiusura, permetterà di ritrovarsi in platea, tornando a condividere emozioni assistendo fisicamente agli spettacoli nel pieno rispetto delle normative attualmente in vigore, secondo le seguenti modalità:

 

       Online dal sito www.ilmaggioreverbania.it al link https://toptix1.mioticket.it/fondazioneilmaggiore/

       Presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) del Comune di Verbania, sede di Piazza Garibaldi 15 a Verbania Pallanza, nei giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30

       Presso la biglietteria del Teatro la sera degli spettacoli, dalle ore 18,00

Diritti di prevendita 1,50 euro (fino a 2 ore prima di ogni evento)

 

Informazioni generali

I posti nella sala Teatrale sono numerati rispettando il distanziamento imposto dell’emergenza COVID 19 - la mascherina è obbligatoria per tutta la durata dello spettacolo (il distanziamento va rispettato anche per congiunti e familiari).

 

Nell’Arena i posti non sono numerati, la disposizione rispetta il distanziamento imposto dell’emergenza COVID 19, raggiunto il posto a sedere si può togliere la mascherina (il distanziamento va rispettato anche per congiunti e familiari)

 

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.ilmaggioreverbania.it

2021_06_19 Aida dalle Piramidi in scena a Broni, Trecate e Magenta


Finalmente un caso abbastanza raro ma che per fortuna si è realizzato, vede la collaborazione di diversi organizzatori PaviaLirica, Schola Cantorum Trecate  e MagentaLirica per condividere lo sforzo organizzativo ed economico per la messa in scena di un'opera complessa come "Aida" di Giuseppe Verdi. Aida vive da sempre la sua grande contraddizione, è un'opera estremamente intima, un gioco atroce di sentimenti che si chiude con la morte dei protagonisti che non potranno mai godere del loro reciproco amore. Però la vicenda umana si svolge all'interno di una vicenda politica e religiosa dove quella politica con il relativo bagaglio di esteriorità vince ancora oggi sulla vicenda umana.
Mi ricordo quando ne parlai in una conferenza tenuta alla Biblioteca di Vigevano per gli Amici di Palazzo Crespi, ancora nel secolo scorso, volli presentare l'opera "senza mai sentire suonare le trombe", si perchè possiamo sentire Aida senza la magniloquenza delle grandi scene di massa e coglierne più a fondo le pennellate musicali che Verdi usa per descrivere i personaggi, in particolare la protagonista.
Oggi e ieri l'opera ha avuto la fortuna di un quadro ammirato più per la cornice che non per il quadro stesso. Basti pensare alla "Notte sul Nilo" seguita da "Oh cieli azzurri" una pagina da brivido, Verdi con poche note ci immerge nella luminosa notte egiziana e questa notte entra nel cuore di Aida che la rende luminosa di azzurro ricordando la sua patria che non vedrà mai più. 
Se Verdi avesse scritto solo questi 15 minuti di musica in tutta la sua vita, avrebbe meritato comunque un posto nell'olimpo dei più grandi compositori.
Nel ruolo di Aida debutta Elena Sabas, soprano di origine georgiana.
Elena Sabas compie gli studi musicali in Georgia per poi, dopo avere conseguito la laurea presso l’università La Sorbona di Parigi, iniziare il perfezionamento in Canto Lirico in Italia presso l’Accademia Donizetti di Milano e, privatamente, con Gianfranca Ostini.
Nel suo percorso formativo partecipa a diverse manifestazioni concertistiche in qualità di soprano solista oltre ad eseguire, in forma di concerto e in realtà minori, diversi titoli del suo repertorio quali La Bohème (Mimì), Manon Lescaut (Manon), Aida (Aida).

Circolo PAVIA LIRICA
Sabato 19 GIUGNO 2021 ore 20,00
Teatro CARBONETTI - Broni
Ingresso da Villa Nuova Italia p.zza Vittorio Veneto, 14 Broni


GIUSEPPE VERDI
AIDA
Melodramma in quattro attti su libretto su Antonio Ghislanzoni
Fonti letterarie Auguste Mariette (originale)
Prima rappr. 24 dicembre 1871
Al Teatro khediviale dell'Opera, Il Cairo
Prima rappr. italiana 8 febbraio 1872
a Milano, Teatro alla Scala
Personaggi e interpreti:
Aida, principessa etiope (soprano)
ELENA SABAS
Radamès, capitano delle Guardie (tenore)
DIEGO CAVAZZIN
Amneris, figlia del Faraone (mezzosoprano)
GIORGIA GAZZOLA (La locandina riporta erroneamente altra interprete)
Amonasro, Re dell'Etiopia e padre di Aida (baritono)
GIORGIO VALERIO
Ramfis, Gran Sacerdote (basso)
YUTAKA TABATA
Il Re d'Egitto, padre di Amneris (basso)
EMIL ABDULLAJEV
Una sacerdotessa (soprano)
IRINA ALEXEEVA
Un messaggero (tenore)
SAVINO NENNA
Sergio Porta e Khalid El Mouki, figuranti
Sacerdoti, sacerdotesse, ministri, capitani, soldati, ufficiali, schiavi e prigionieri etiopi, popolo egizio (coro)
Coro San Gregorio Magno di Trecate
Piccola Orchestra dei Colli Morenici
Direttore DAMIANO MARIA CARISSONI
Maestro del Coro e Regia Mauro TROMBETTA
INGRESSO 20/25€
Info ai numeri: 0385 54691 - 366 8190785
acquisto on-line www.teatrocarbonetti.it




Schola Cantorum San Gregorio Magno
Con il patrocinio del Comune di Trecate 
Venerdì 25 GIUGNO 2021 ore 20,00
Cortile delle Magnolie di Villa Cicogna
Via G. Ferraris 19, Trecate (NO)
(in caso di maltempo si sarebbe tenuta
venerdì 2 luglio 2021 - ore 20.30)
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Info e prenotazioni 
presso la Biblioteca Civica
Via Clerici 1, Trecate tel. 0321 776.458 - 0321 776.461
orario prenotazioni: mar-mer: 14-17.30 gio-ven-sab 10-12  dom-lun: chiuso
Chiusura prenotazioni: giovedì 24 giugno


GIUSEPPE VERDI
AIDA
Melodramma in quattro attti su libretto su Antonio Ghislanzoni
Fonti letterarie Auguste Mariette (originale)
Prima rappr. 24 dicembre 1871
Al Teatro khediviale dell'Opera, Il Cairo
Prima rappr. italiana 8 febbraio 1872
a Milano, Teatro alla Scala
Personaggi e interpreti:
Aida, principessa etiope (soprano)
ELENA SABAS
Radamès, capitano delle Guardie (tenore)
DIEGO CAVAZZIN
Amneris, figlia del Faraone (mezzosoprano)
GIORGIA GAZZOLA (La locandina riporta erroneamente altra interprete)
Amonasro, Re dell'Etiopia e padre di Aida (baritono)
GIORGIO VALERIO
Ramfis, Gran Sacerdote (basso)
YUTAKA TABATA
Il Re d'Egitto, padre di Amneris (basso)
EMIL ABDULLAJEV
Una sacerdotessa (soprano)
IRINA ALEXEEVA
Un messaggero (tenore)
SAVINO NENNA
Sergio Porta e Khalid El Mouki, figuranti
Sacerdoti, sacerdotesse, ministri, capitani, soldati, ufficiali, schiavi e prigionieri etiopi, popolo egizio (coro)
Coro San Gregorio Magno di Trecate
Piccola Orchestra dei Colli Morenici
Direttore DAMIANO MARIA CARISSONI
Maestro del Coro e Regia Mauro TROMBETTA




Cuori Grandi Onlus
Domenica 27 GIUGNO 2021 ore 17,30
MAGENTA - Tensostruttura Piazza Mercato

GIUSEPPE VERDI
AIDA
Melodramma in quattro attti su libretto su Antonio Ghislanzoni
Fonti letterarie Auguste Mariette (originale)
Prima rappr. 24 dicembre 1871
Al Teatro khediviale dell'Opera, Il Cairo
Prima rappr. italiana 8 febbraio 1872
a Milano, Teatro alla Scala
Personaggi e interpreti:
Aida, principessa etiope (soprano)
ELENA SABAS
Radamès, capitano delle Guardie (tenore)
DIEGO CAVAZZIN
Amneris, figlia del Faraone (mezzosoprano)
GIORGIA GAZZOLA
Amonasro, Re dell'Etiopia e padre di Aida (baritono)
GIORGIO VALERIO
Ramfis, Gran Sacerdote (basso)
YUTAKA TABATA
Il Re d'Egitto, padre di Amneris (basso)
EMIL ABDULLAJEV
Una sacerdotessa (soprano)
IRINA ALEXEEVA
Un messaggero (tenore)
SAVINO NENNA
Sergio Porta e Khalid El Mouki, figuranti
Sacerdoti, sacerdotesse, ministri, capitani, soldati, ufficiali, schiavi e prigionieri etiopi, popolo egizio (coro)
Coro San Gregorio Magno di Trecate
Piccola Orchestra dei Colli Morenici
Direttore DAMIANO MARIA CARISSONI
Maestro del Coro e Regia Mauro TROMBETTA
Introduzione all'ascolto ADELE FERRARI
Presenta ARABELLA BISCARO
Costumi Sartoria Teatrale Bianchi
Attrezzeria Associazioneoperaoltre
Prenotazione obbligatoria ai numeri: 333 2001317 - 388 9253331

2021_06_24 BEETHOVEN INASPETTATO al Teatro Fraschini con Orchestra e Coro dell’Almo Collegio Borromeo

Giovedì 24 Giugno 2021_06_24 ore 21:00
Teatro Fraschini
Corso Strada Nuova, 136, Pavia
BEETHOVEN INASPETTATO
Solisti
Cristina Mosca, soprano
Lilly Jørstad, mezzosoprano
Mirko Guadagnini, tenore
Bruno Taddia, baritono
Edoardo Destefanis, pianoforte (Mozart)
Alessandro Marangoni, pianoforte (Beethoven)
Orchestra e Coro dell’Almo Collegio Borromeo
Denis Zanchetta, direttore
Marco Berrini, maestro del coro

Ludwig van Beethoven
Musik für einem Ritterballet, WoO 1 
Aria “O welch ein Leben!”,  per tenore e orchestra, WoO 91/1

Wolfgang Amadeus Mozart
Aria “Ch’io mi scordi di te?”, per soprano, pianoforte e orchestra

Ludwig van Beethoven
Duetto “Nei giorni tuoi felici”, per soprano, tenore e orchestra, WoO 93 

Ludwig van Beethoven
"Bundeslied" per tenore solo, basso solo, coro maschile e orchestra, op. 122
“Opferlied” per soprano, contralto, tenore, coro e orchestra, op. 121b
Fantasia Corale per pianoforte, soli, coro e orchestra, op. 80

Beethoven Inaspettato è un evento di  MEETS: Music in higher education to develop transversal skills, progetto cofinanziato dal programma europeo Erasmus+ di cui l’Almo Collegio Borromeo è capofila. Evento inserito nel cartellone La Città come Palcoscenico, con la collaborazione del Comune di Pavia e della Fondazione Teatro Fraschini e il supporto dell’Associazione Alumni Almo Collegio Borromeo.

Ingresso gratuito.
Prenotazione obbligatoria su www.teatrofraschini.it

2021_07_04 Andaloro suona Dante a Firenze

 
Andaloro suona Dante

A Firenze il recital pianistico in scena nelle ambasciate
italiane per ricordare l’opera del Sommo Poeta

 
 
Domenica 4 luglio 2021 – ore 21
Palazzo Medici Riccardi - Cortile di Michelozzo – via Cavour – Firenze
GIUSEPPE ANDALORO
Pianoforte
Musiche di L. Marenzio, L. Luzzaschi, P.I. Tchaikovsky,
S.V. Rachmaninov, H.v. Bülow, F. Liszt, E. Wolf-Ferrari, F. Liszt


Dai madrigali di Marenzio e Luzzaschi a “La Vita Nuova” di Ermanno Wolf-Ferrari, passando per “Francesca da Rimini” di Čajkovskij, fino a “Dante Sonata” di Liszt.
E’ un programma tutto a tema dantesco quello che il pianista Giuseppe Andaloro presenterà domenica 4 luglio al Cortile di Michelozzo di Palazzo Medici Riccardo a Firenze, nel 700esimo anniversario della morte del Sommo Poeta.

Il concerto si svolgerà nel rispetto delle norme anti-Covid. Inizio ore 21. È consigliato l’acquisto dei biglietti in prevendita, online su www.ticketone.it e nei punti Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita). 20 euro biglietto intero, 15 euro ridotto (studenti e over 65). Ai soci Unicoop Firenze e ai titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze è riservato uno sconto del 40%. Biglietto ridotto a 10 euro per gli iscritti alla newsletter dell’Orchestra da Camera Fiorentina (per info e iscrizioni orchestra.camerafiorentina@gmail.com).

Pochi brani musicali su versi di Dante ci sono pervenuti dai suoi contemporanei. È con il fermento culturale del Rinascimento, e con il fiorire della polifonia vocale, che la letteratura dantesca venne coperta di nuovo interesse. In questo contesto fiorì uno dei maggiori autori di madrigali del ‘500, Luca Marenzio: nel suo “IX Libro di madrigali a cinque voci” troviamo musicato il sonetto “Cosi nel mio parlar voglio esser aspro” che fu probabilmente scritto da Dante prima dell’esilio, intorno al 1296-98, ed appartiene al gruppo delle “Rime per la donna di pietra”.

Al madrigale di Marenzio segue quello di Luzzasco Luzzaschi, suo contemporaneo. Il programma trova il suo apice nel romanticismo di Tchaikovsky, Liszt e Rachmaninov. La “Francesca da Rimini” di Tchaikovsky è una fantasia per orchestra, composta di getto: il carattere visionario e romantico dell’opera ne decretò l’immediato successo. Più ambizioso il progetto di Rachmaninov, che su “Francesca da Rimini” scrisse un’intera opera (in un atto), di cui viene proposta l’aria per soprano “O ne rydai, mai Paolo” nella trascrizione per pianoforte dello stesso Giuseppe Andaloro. Dal punto di vista pianistico è con Liszt che raggiungiamo il culmine del programma, con la “Dante Sonata” di Franz Liszt: si tratta di una "Sonata-Quasi Fantasia" in un movimento, composta nel 1849. Infine, anche nel ‘900 Dante ha continuato ad ispirare i compositori, come testimonia “La vita nuova” di Wolf Ferrari, una cantica su testo di Dante per baritono, soprano, coro, orchestra, organo e pianoforte, da cui il pianista siciliano ha trascritto il sonetto n.10.

Patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dal Comitato Nazionale Italiano Musica, il recital di Giuseppe Andaloro dedicato a Dante è ospitato dalle ambasciate italiane di tutto il mondo per promuovere l’immagine e l’opera di Dante.

Giuseppe Andaloro è considerato uno dei più apprezzati artisti della sua generazione. Nato a Palermo nel 1982, ha iniziato giovanissimo una intensa attività concertistica, proponendo al pubblico un vasto repertorio che spazia dal Rinascimento alla musica moderna e contemporanea.

Tra i numerosi riconoscimenti impossibile non ricordare il primo premio ai concorsi pianistici Ferruccio Busoni e London Piano Competition. Ha al suo attivo registrazioni per diverse etichette discografiche (Sony, Warner, Naxos, Fontec).

La stagione 2021 dell’Orchestra da Camera Fiorentina è realizzata con il sostegno di Ministero della cultura, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Comune di Firenze e – in art bonus -  Fondazione CR Firenze e Intesa San Paolo.

Programma completo sul sito www.orchestrafiorentina.it. Per informazioni e prenotazioni si può contattare la segreteria dell’Orchestra da Camera Fiorentina, tel. 055.783374 – 3391632869 - info@orchafi.it.

Programma concerto
L. Marenzio            Così nel mio parlar voglio esser aspro*
L. Luzzaschi             Quivi sospiri”*
P.I. Tchaikovsky         Francesca da Rimini*
S.V. Rachmaninov:         da “Francesca da Rimini” “O ne rydai, mai Paolo”*
H.v. Bülow- F. Liszt         Sonetto di Dante “Tanto gentile e tanto onesta”, S.479
E. Wolf-Ferrari             Da “Vita Nuova”: Sonetto No.10*
F. Liszt                Après une lecture du Dante - Sonata quasi Fantasia

* trascrizioni di Giuseppe Andaloro

Orchestra da Camera Fiorentina
41° Stagione Concertistica

Informazioni e prenotazioni
www.orchestrafiorentina.it - info@orchestrafiorentina.it - Segreteria Orchestra tel. 055-783374

Biglietti
Biglietto intero 20 euro
Biglietto ridotto a 15 euro per studenti (muniti di tesserino) e over 65 (muniti di un documento).
Biglietto ridotto a 10 euro per gli iscritti alla newsletter dell’Orchestra da Camera Fiorentina
Ai soci Unicoop Firenze e ai titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze è riservato uno sconto del 40%

Prevendite
Online su www.ticketone.it e nei punti Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita).

Ufficio stampa
Marco Mannucci, cell. 3477985172
marco@mannuccionline.com

2021_07_03 Orchestra Toscana Classica e Orchestra Fiorentina omaggio ai Queen

 Queen

in versione sinfonica con
Orchestra Toscana Classica e Orchestra Fiorentina

Solista Giuseppe Andaloro al pianoforte

Sabato 3 luglio 2021 – ore 21
Chiostro Grande di Santa Maria Novella – piazza della Stazione, 6 - Firenze

ORCHESTRA DA CAMERA FIORENTINA
in collaborazione con
ORCHESTRA TOSCANA CLASSICA
BOHEMIAN FANTASY
Symphonic Queen Tribute
Direttore GIUSEPPE LANZETTA
Pianoforte GIUSEPPE ANDALORO
Musiche dei Queen

 

Per una sera Orchestra da Camera Fiorentina e Orchestra Toscana Classica mettono da parte il repertorio colto per abbracciare le musiche di una delle rock band più amate di sempre, i Queen: “Bohemian Fantasy” è il concerto tributo al leggendario gruppo di Freddie Mercury, in programma sabato 3 luglio (ore 21) nel Chiostro Grande di Santa Maria Novella, a Firenze.

Ottima occasione per riascoltare, in chiave sinfonica, “Bohemian Rhapsody”, “We Will Rock You”, “The Show Must Go On”, “Killer Queen”, “Somebody to Love” e altri capisaldi dell’epopea Queen, con arrangiamenti orchestrali che ne rispettano l’essenza e ne esaltano la forza.

Ideato da Giovanni Lanzetta, il concerto vede la straordinaria partecipazione, in veste di solista, di Giuseppe Andaloro, fuoriclasse del pianoforte a cui si devono anche gli arrangiamenti orchestrali. Vincitore di importanti riconoscimenti, tra cui il Premio Busoni, Giuseppe Andaloro spazia con padronanza dalla musica rinascimentale a quella contemporanea. Il musicista siciliano è da sempre aperto alla musica dei giorni nostri, e proprio a “Bohemian Rhapsody” dei Queen ha dedicato una particolare versione per piano solo, pubblicata da Warner Classic.

La direzione è affidata a Giuseppe Lanzetta, fondatore e direttore stabile dell’Orchestra da Camera Fiorentina, Giuseppe Lanzetta vanta una lunga carriera internazionale che lo ha visto sul podio dei Berliner Symphoniker e della Berliner Philarmoniker Chamber Orchestre, dell’Orchestra dell’Opera Nazionale Russa, dell’Hermitage di San Pietroburgo, della Johannes Strauss di Vienna, dell’Atlanta Symphony e di altri prestigiosi ensemble. Dal 2013 è direttore Ospite Principale alla Carnegie Hall di New York.

Si consiglia l’acquisto dei biglietti (20/15 euro) in prevendita, online su www.ticketone.it e nei punti Box Office Toscana. Ai soci Unicoop Firenze e ai titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze è riservato uno sconto del 40%. Biglietto ridotto a 10 euro per gli iscritti alla newsletter dell’Orchestra da Camera Fiorentina (per info e iscrizioni orchestra.camerafiorentina@gmail.com).

Per informazioni e prenotazioni si può contattare la segreteria di Toscana Classica, tel 055.783374 – 339 1632869 - 334 6006361 - www.toscanaclassica.com - toscanaclassica@outlook.com.

Appuntamento nell’ambito dei “Mercoledì musicali dell’organo e dintorni”: nato dalle decennali esperienze dei “Mercoledì Musicali della Fondazione CR Firenze” e di Toscana Classica, il festival è sostenuto da Fondazione CR Firenze con il contributo di Intesa Sanpaolo e di Ministero della Cultura, Regione Toscana, Comune di Firenze e Città Metropolitana di Firenze, che concede anche il patrocinio.



Progetto sostenuto da
Fondazione CR Firenze

Con il contributo di
Intesa Sanpaolo
Ministero della Cultura
Regione Toscana
Città Metropolitana di Firenze
Comune di Firenze

Con il patrocinio di
Città Metropolitana di Firenze

Informazioni e prenotazioni
Segreteria Toscana Classica, tel. 055-783374 - 340.3944830 - www.toscanaclassica.com

Biglietti, riduzioni e sconti
Biglietto intero 20 euro
Biglietto ridotto a 15 euro per studenti (muniti di tesserino) e over 65 (muniti di un documento).
Biglietto ridotto a 10 euro per gli iscritti alla newsletter dell’Orchestra da Camera Fiorentina
Ai titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze è riservato uno sconto del 40%

Prevendite
Nei punti vendita Box Office Toscana www.boxofficetoscana.it (tel 055.210804)
Online su www.ticketone.it (tel. 892.101)
Presso le sedi, nei giorni dei concerti, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 21

Toscana Classica
Federazione di Associazioni di Produzione Musicale della Toscana
Via Monferrato 2 – Firenze - Tel/fax 055.783374
www.toscanaclassica.com - info@orcafi.it
Ufficio stampa: Marco Mannucci, marco@mannuccionline.com


2021_07_01 Piergiorgio Odifreddi e Marta Dalla Via in anteprima nazionale con “Alice oltre le meraviglie” al Lago di Bilancino (Fi)

 Piergiorgio Odifreddi e Marta Dalla Via
in anteprima nazionale con
“Alice oltre le meraviglie” al Lago di Bilancino (Fi)


Una riscrittura del celebre romanzo di Lewis Carroll, fatta di humor
scientifico e logica fantastica, in cui teatro e matematica diventano un gioco

 
Giovedì 1 luglio 2021, ore 20.45
Lago di Bilancino | Area Eventi Andolaccio - Barberino di Mugello (Firenze), via del Lago
ALICE OLTRE LE MERAVIGLIE
di e con
Piergiorgio Odifreddi e Marta Dalla Via


Giovedì 1 luglio, ore 20.45, in anteprima nazionale, Piergiorgio Odifreddi e Marta Dalla Via sono sul palco dell’Area Andolaccio del Lago di Bilancino (Fi), con “Alice oltre le meraviglie” per il festival diffuso La Rinascita inizia dalla bellezza 2.0.

Una riscrittura del celebre romanzo di Lewis Carroll, fatta di humor scientifico e logica fantastica, in cui teatro e matematica diventano un gioco. Piergiorgio Odifreddi e Marta Dalla Via accompagnano gli spettatori alla scoperta di strutture numeriche e linguistiche che sono l’anima dell’opera di Carroll, ma anche di mondi fisici alternativi, in caduta libera verso il centro della terra, o ammazzando il tempo e fermandolo all’ora del tè. Un viaggio immaginifico, fatto di filastrocche, anagrammi e misteri, per rimanere aggrovigliati e contenti, ebbri di teatro e anche, sorprendentemente, di matematica.

(Lago di Bilancino, Area Andolaccio, via del Lago). Biglietti: Intero 15 euro (Ridotto  Coop 12 euro, ridotto Estate Card 10 euro, studenti 8 euro). Biglietti in vendita presso la biglietteria del Teatro Corsini e sul Circuito Box Office Toscana e Ticketone | ticketone.it  Prenotazione obbligatoria ai numeri 055 841237 - 055 331449. 

Certi buoni libri si rivolgono ad un pubblico adulto perché, per comprenderli,
è necessario avere esperienze da adulti
ma non esistono buoni libri solo per bambini.
W.H. Auden
Il senno di poi è una scienza esatta
Guy Bellamy

Quando qualcuno  dice “non mi parlare di teatro, non ci capisco niente”  ci rimango male perché adoro il teatro. Ma come fai? Mi dice quello stesso qualcuno, il teatro è qualcosa di oscuro, difficile e noioso. Anche se fosse, ma non è, di questo il teatro non avrebbe colpa. Non è bello scoprire che qualcuno teme o addirittura odia qualcosa che noi troviamo meraviglioso. Ma posso consolarmi, mi occupo di teatro mica di matematica! Quella sì che è oscura, difficile, noiosa… O forse no… E comunque non sarebbe colpa sua.

La matematica, come il teatro, è esperienza di incertezza e la pazienza che serve per scorgerne la bellezza spesso langue. Ma non è sempre così. Se Alice si fosse appassionata al libro di storia, senza dialoghi né figure, che stava studiando non sarebbe mai “caduta’’ nel sogno che l’ha portata nel Paese delle Meraviglie e noi non avremo mai seguito questa piccola eroina educata e ragionevole in un mondo abitato da personaggi balordi e anticonvenzionali.  

Nessuno mi ha mai detto “non mi parlare di Alice, non ci capisco niente.” Alice nel paese delle meraviglie piace a tutti. Piace persino a chi non l’ha mai letto e molti si stupiscono nell’apprendere che il suo autore, Lewis Carroll, era un reverendo e un matematico. Ora che lo sapete può entrare in scena il professor Odifreddi, che non è un reverendo, ça va sans dire.
Ma tutto torna perché, nemmeno io sono Alice!
In questa riscrittura fatta di humor scientifico e logica fantastica, teatro e matematica diventeranno un gioco. Scopriremo le strutture numeriche e linguistiche che sono l’anima dell’opera di Carroll. Visiteremo mondi fisici alternativi, in caduta libera verso il centro della terra, o ammazzando il tempo e fermandolo allʼora del thé. Ci porremo domande fondamentali della filosofia, chiedendoci quale sia la differenza tra sogno e realtà. Giocheremo a carte cercando di salvare la testa, o a scacchi scortando Alice dalla regina. Così, tra filastrocche, parole cerniera e anagrammi rimarremo aggrovigliati e contenti, ebbri di teatro e matematica nostro malgrado.
Se proprio nei gomitoli di senso e nonsenso risiede lʼessenza della comunicazione, tentare di dipanarli può essere un utile addestramento alla vita.
Non riuscirci, anche.

Una produzione Corvino Produzioni & Bassano Opera Estate 2021


Piergiorgio Odifreddi, illustre studioso e professore di logica, si laurea in matematica a Torino nel 1973 e seminarista a Cuneo, dal 1983 al 2002 insegna in Italia (Torino, Alessandria, Siena, Milano), negli Stati Uniti (Cornell University) e nella allora Unione Sovietica. Ha vinto nel 1998 il Premio Galileo dell’Unione Matematica Italiana e nel 2002 il Premio Peano della Mathesis. Dal 2001 al 2007 è stato professore ordinario di logica matematica presso il Dipartimento di matematica dell'Università di Torino.
Nel 2007 cominciano le partecipazioni fisse al programma Crozza Italia su La7, varietà satirico condotto dal comico Maurizio Crozza.
Dirige per Longanesi la collana di divulgazione scientifica La Lente di Galileo. Autore di numerosi libri di successo nel campo della logica e la matematica.
Con Promo music porta in scena Matematico e Impertinente. Il teatro diventa lo strumento attraverso il quale spiegare una scienza complessa come la matematica. Esperimento riuscito, la Mondadori produce libro e dvd.

Marta Dalla Via inizia il suo percorso artistico seguendo il lavoro di Pippo Delbono, Laura Curino, Angela Malfitano, Francesca Mazza.  Si laurea nel 2003 al Dams di Bologna. Scrive e mette in scena vari testi, fra cui: “Veneti fair” (2010) con la regia di Angela Malfitano,  “Piccolo Mondo Alpino” vincitore del Premio Kantor, “Mio figlio era come un padre per me” vincitore del premio Scenario 2013. E’ tra i sei giovani autori scelti dal drammaturgo Stefano Massini per il percorso “Urgenze”.  Nel 2012 recita al fianco di Massimo Venturiello in “Menecmi”, regia di Ted Kejiser. Nel 2012 e 2013 è in tour con “Oh Patria Mia” di e con Corrado Augias. Nel 2015 è diretta da Fabrizio Arcuri in “Faust In and Out” di Elfriede Jelinek. Nel 2015/2016 è in tour per “La Cativissima” di e con Natalino Balasso. Nel 2016 debuttano "Drammatica Elementare" coprodotto da Piccionaia e Bassano Opera Festival e "Personale Politico Pentothal opera Rap per Andrea Pazienza” coprodotto dal festival delle Colline Torinesi.
Scrive, mette in scena e dirige con Natalino Balasso “Delusionist - non stand up comedy” (2017). Nel 2018 debutta a Bassano Opera Festival “Walter, i boschi a nord del futuro” scritto e diretto da Marta e Diego Dalla Via. Nel 2019-2020 è attrice ne “La Bancarotta” di Vitagliano Trevisan, regia Serena Sinigaglia. Nel 2019 vince il premio Mariangela Melato per il teatro. Scrive per il Teatro Stabile del Veneto “Never Ending Machine” con la regia di Stefano Scandaletti. Firma la regia de “Le notti Bianche” riadattamento ed interpretazione del cantautore e attore Giulio Casale. Una produzione Corvino e Bassano Opera Festival. Sempre per Corvino produzioni nel 2020 scrive e dirige “Turandò” con Petra Magoni e Ferruccio Spinetti.


Biglietti
Intero 15 euro (Ridotto  Coop 12 euro, ridotto Estate Card 10 euro, studenti 8 euro)
Biglietti in vendita presso la biglietteria del Teatro Corsini e sul Circuito Box Office Toscana e Ticketone | ticketone.it
Prenotazione obbligatoria 055 841237 | 055 331449

LA RINASCITA INIZIA DALLA BELLEZZA 2.0 - In programma da giugno a settembre a Barberino e in altri luoghi del Mugello, la Rinascita inizia dalla bellezza 2.0 è organizzato da Catalyst|Teatro Corsini in collaborazione con Comune e Pro Loco di Barberino di Mugello, Ministero della Cultura, Regione Toscana, Unicoop Firenze e R.A.T. Il festival è sostenuto da Fondazione CR Firenze con il contributo di Intesa Sanpaolo.

ESTATE CARD – Card non nominativa a scalare di 50 euro utilizzabile per tutta l'estate sia singolarmente che in gruppo. I prezzi dei biglietti con la card saranno di 10 euro per gli eventi sul Lago e di 5 euro per gli altri eventi a pagamento.

Aggiornamenti e approfondimenti sul programma al sito www.catalyst.it

2021_06_30 MAM Milano Arte Musica calendario appuntamenti della stagione 2021

 Associazione Culturale La Cappella Musicale
Via Vincenzo Bellini 2, 20122 Milano
Milano Arte Musica
XV edizione 2021

Mercoledì 30 giugno 2021_06_30 ore 18.00 e ore 20.30 
Basilica di Santa Maria della Passione e Sala Capitolare del Bergognone
Via Conservatorio 16 
Bach transcriptions 
Accademia dell’Annunciata
Mario Brunello, violoncello piccolo
Riccardo Doni, direzione
La rassegna musicale si apre mercoledì 30 giugno, nella splendida Basilica di Santa Maria della Passione, con l’Accademia dell’Annunciata, diretta da Riccardo Doni, e accompagnata da uno dei maggiori virtuosi del violoncello, Mario Brunello. “Bach Transcriptions” presenta in prima assoluta un repertorio centrato su Bach e con protagonista il violoncello piccolo di Brunello, uno strumento dalla sonorità molto particolare, che, secondo diverse testimonianze storiche e iconografiche, sarebbe il vero destinatario di alcune parti per violino di Bach.

Giovedì 8 luglio 2021_07_08 ore 18.00 e ore 20.30
Chiesa di San Pietro in Gessate Piazza San Pietro in Gessate 
DanteNova. Musiche dalla Commedia di Dante
La Fonte Musica
Michele Pasotti, direzione
Il secondo appuntamento, giovedì 8 luglio, si sposta nella chiesa di San Pietro in Gessate per accogliere, per la prima volta a Milano Arte Musica, il liutista Michele Pasotti e La fonte musica. L’ensemble celebra il settimo centenario dalla morte di Dante Alighieri con “Dantenova. Musica dalla Commedia di Dante”, un viaggio musicale in cui brani dell’Ars Nova si alternano alle terzine dantesche.

Martedì 13 luglio 2021_07_13 ore 18.00 e ore 20.30
Chiesa di San Sepolcro Piazza San Sepolcro 
La Tempesta
Musiche di Beethoven
Enrico Baiano, fortepiano
Martedì 13 luglio, Enrico Baiano eseguirà su un fortepiano copia da Graf le prime due sonate dell’opera 31, tra le più celebri del compositore tedesco Ludwig van Beethoven. Opere straordinarie e innovative sotto ogni aspetto, queste sonate segnano, nelle parole dell’allievo Czerny, il desiderio di Beethoven di “incamminarsi per un’altra via” rispetto a quanto fatto fino ad allora, facendo evolvere il suo linguaggio musicale verso una straordinaria potenza di rappresentazione.

Venerdì 23 luglio 2021_07_23 ore 18.00 e ore 20.30
Sala Barozzi dell’Istituto dei Ciechi di Milano  Via Vivaio 7
Les Caractères de la danse 
Ensemble Les Surprises
Eugénie Lefebvre, soprano
Louis-Noël Bestion de Camboulas, direzione
 Il programma del concerto del 23 luglio “Les Caractères de la danse”, sarà interamente dedicato a suites di danze e cantate francesi, eseguito dall’Ensemble Les Surprises, diretto da Louis-Noël Bestion de Camboulas, nella suggestiva Sala Barozzi dell’Istituto dei Ciechi di Milano. 

Lunedì 26 luglio 2021_07_26 ore 20.30
Basilica di Santa Maria della Passione e Sala Capitolare del Bergognone
Via Conservatorio 16 
Il Pianto di Maria
Les Talens Lyriques
Ambroisine Bré, mezzosoprano
Christophe Rousset, direzione 
Lunedì 26 luglio, nella Basilica di Santa Maria della Passione, Les Talens Lyriques con il soprano francese Ambroisine Bré, ospite per la prima volta al festival, sotto la direzione di Christophe Rousset, presenteranno “Il pianto di Maria”, un programma costruito attorno a due capolavori incentrati sulla Passione di Gesù Cristo, vista attraverso gli occhi della Vergine Maria: il Pianto della Madonna di Claudio Monteverdi e Il Pianto di Maria di Giovanni Battista Ferrandini, una pagina di tale sorprendente originalità e profondità da essere stata in passato attribuita a Händel. 

Giovedì 29 luglio 2021_07_29 ore 16.00, ore 18.00 e ore 20.30
Basilica di Santa Maria della Passione e Sala Capitolare del Bergognone
Via Conservatorio 16 
Hausmusik: il clavicordo in Germania
Musiche di Schmid, Scheidt, Müthel
Menno van Delft, clavicordo

Martedì 3 agosto 2021_08_03 ore 16.00, ore 18.00 e ore 20.30
Sala Capitolare del Bergognone
Will you walk the woods so wild?
Paul O’Dette, liuto
In una dimensione più intima e di prossimità verso il pubblico, saranno invece le esibizioni nella Sala Capitolare del Bergognone di Menno van Delft, al clavicordo, e di Paul O’Dette, al liuto, rispettivamente il 29 luglio e il 3 agosto. Due concerti, in triplice replica (ore 16, ore 18 e ore 20.30), per esplorare da un lato la ricchezza espressiva del clavicordo nel repertorio tedesco e, dall’altro lato, il repertorio elisabettiano liutistico di Byrd e Dowland con il programma “Will you walk the woods so wild?”

Martedì 10 agosto 2021_08_10 ore 18.30 e ore 20.30
Giardino della Magnolia Palazzo delle Stelline Corso Magenta 61
Die virtuose Stadtpfeifer
Ensemble Zefiro
Alfredo Bernardini, direzione
Altra novità di quest’anno è l’introduzione in programma di un concerto all’aperto presso il Giardino della Magnolia al Palazzo delle Stelline. A esibirsi, il 10 agosto, l’Ensemble Zefiro, eccellenza e punto di riferimento, in ambito internazionale, per il repertorio di musica per fiati del ‘700/’800 con strumenti d’epoca. Guidato da Alfredo Bernardini, l’Ensemble proporrà Die virtuose Stadtpfeifer, concerti e sonate per oboi, fagotti e fiati nella tradizione dei “suonatori di città”, al servizio delle municipalità tedesche.

Giovedì 12 agosto 2021_08_12 ore 18.00 e ore 20.30
Chiesa di San Bernardino alle Monache Via Lanzone 13 
Un concerto al Caffè del Signor Zimmermann
Musiche di Bach e Telemann
Ensemble Café Zimmermann
Pablo Valetti, violino
Céline Frisch, clavicembalo
Giovedì 12 agosto, nella Chiesa di San Bernardino delle Monache, Café Zimmerman diretto da Pablo Valetti, al violino, e Céline Frish al clavicembalo, ci riporta idealmente ad ascoltare uno dei concerti proposti settimanalmente nell’omonima caffetteria di Lipsia, dove J.S. Bach eseguì per la prima volta alcune delle sue più celebri composizioni da camera, alternando brani di Telemann e Bach.

Domenica 15 agosto 2021_08_15 ore 18.00 e ore 20.30
Chiesa di San Pietro in Gessate Piazza San Pietro in Gessate 
Concerto di Ferragosto 2021_08_15
Pizzicar Galante
Musiche di D. Scarlatti, Valentini, Vivaldi
Ensemble Pizzicar Galante
Anna Schivazappa, mandolino barocco
Il concerto di Ferragosto, ormai appuntamento fisso del calendario festivaliero, ospita l’Ensemble Pizzicar Galante, diretto da Anna Schivazappa, specialista dei mandolini storici. Nella chiesa di San Pietro in Gessate, sarà possibile rivivere un vero e proprio viaggio attraverso le capitali dell’Europa galante (Roma, Parigi, Venezia, Napoli, Madrid), scoprendo alcune delle pagine più importanti e affascinanti della storia di questo strumento, presente per la prima volta al festival.

Sabato 21 agosto 2021_08_21 dalle ore 9.30 alle ore 18.00
Promenade Organistica
Santa Maria Annunciata Chiesa Rossa ore 9.30 Marimo Toyoda, organo
Basilica di San Simpliciano ore 11.00 Antonio Frigé, organo
Chiesa di Sant’Alessandro ore 12.30 Pietro Dipilato, organo
Basilica di Santa Maria della Passione ore 15.00 Maurizio Croci e Davide Gorini, organi 
Chiesa di San Nicolao ore 16.30 Fabrizio Guidi, organo 
La Promenade organistica che avrà luogo sabato 21 agosto è un invito a rivivere Milano, dopo mesi trascorsi in casa: una passeggiata che va dalla periferia al centro città e poi ancora in periferia, costellata da concerti organistici nelle Chiese della rete di Cantantibus Organis: Marimo Toyoda in Chiesa di S. Maria Annunciata in Chiesa Rossa, Antonio Frigé nella Basilica di S. Simpliciano, Pietro Dipilato nella Chiesa di Sant’Alessandro, Maurizio Croci e Davide Gorini nella Basilica di S. Maria della Passione e Fabrizio Guidi nella chiesa di S. Nicolao della Flue saranno i protagonisti di questa giornata all’insegna della musica organistica. 

Mercoledì 25 agosto 2021_08_08 ore 18.00 e ore 20.30
Basilica di Santa Maria della Passione e Sala Capitolare del Bergognone
Via Conservatorio 16 
J. S. Bach: 
Cantata BWV 82 e Suite per orchestra in si minore BWV 1067
La Divina Armonia
Miriam Feuersinger, soprano
Jan De Winne, flauto traverso
Lorenzo Ghielmi, direzione
Il percorso della quindicesima edizione di Milano Arte Musica si chiuderà mercoledì 25 agosto nella Basilica di Santa Maria della Passione, con il suo compositore di apertura, Johann Sebastian Bach, di cui La Divina Armonia eseguirà la Cantata “Ich habe genug” e la celeberrima Suite per Orchestra in Si minore. Il concerto sarà diretto da Lorenzo Ghielmi con la partecipazione di due prestigiosi solisti come il soprano Miriam Feuersinger e il flautista Jan de Winne. Un appuntamento da non perdere, dalla grande intensità e carica emotiva.

Il festival internazionale di musica antica Milano Arte Musica presenta la sua quindicesima edizione dal 30 giugno al 25 agosto, con un cartellone ricco di ospiti internazionali, nuove location e programmi inediti, che confermano Milano Arte Musica uno degli appuntamenti più attesi dell’estate. 
L’edizione 2021 presenta 12 date e oltre 25 appuntamenti distribuiti in 11 sedi, ed è organizzata dall’Associazione Culturale La Cappella Musicale, con il sostegno del Ministero della Cultura, FNM, Intesa Sanpaolo e con il patrocinio del Comune di Milano e di Regione Lombardia. 
Radio Classica e Radio Marconi sono i media partner della stagione. 
“Quest’anno Milano Arte Musica compie quindici anni: un traguardo che siamo grati di poter celebrare dal vivo, insieme al nostro pubblico, e che assume un significato ancora più carico di emozioni alla luce di quanto vissuto nell’ultimo anno” dichiara il direttore artistico Maurizio Croci. “È una stagione che esalta i punti di forza di Milano Arte Musica: una proposta musicale dalla profonda qualità e ricerca filologica presente dietro ogni concerto ed esecuzione, arricchita quest’anno dalla presenza di programmi inediti e nuove sedi.”
Tra le novità della quindicesima edizione, come anticipato in apertura, inedite location e programmi che si discostano dal repertorio sacro.

INFORMAZIONI
Ufficio stampa
Associazione Culturale La Cappella Musicale
Via Vincenzo Bellini 2 – 20122 Milano
tel 02.76317176 
cel. +39 3477248915

BIGLIETTI
15 agosto: posto unico numerato 5 euro
21 agosto: posto unico numerato 5 euro (biglietto per singolo concerto)
Tutte le altre date: posto unico numerato 12 euro
Giovani fino a 12 anni: gratuito
Giovani fino 26 anni: posto unico numerato 5 euro (disponibilità limitata)
Gruppi (minimo 10 persone): sconto 20% (solo acquisto in prevendita)
Biglietto sospeso: regala un biglietto! Sarà destinato agli utenti dei servizi sociali del Comune di Milano
Abbonamento 3 concerti a scelta: 30 euro
Abbonamento Promenade Organistica: 20 euro
Abbonamento a tutti i concerti: 100 euro 
Punti vendita: 
sul posto, secondo disponibilità, 40 minuti prima di ogni concerto
online (con diritto di prevendita): Circuito Vivaticket www.vivaticket.it 
SI CONSIGLIA VIVAMENTE L'ACQUISTO IN PREVENDITA

SEDI DEI CONCERTI   
Chiesa di Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa via Neera, 24 
Basilica di San Simpliciano Piazza San Simpliciano, 7
Chiesa di Sant’Alessandro Piazza Sant’Alessandro
Chiesa di San Nicolao della Flue Via Dalmazia, 11

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)