2024_01_26 Un pianoforte per la memoria al Faraggiana di Novara

Venerdì 26 Gennaio 2024 ore 21.00
Nuovo Teatro Faraggiana
Via dei Caccia, 1F, 28100 Novara NO
“𝑨𝒍𝒊𝒄𝒆, 𝒍𝒂 𝒑𝒊𝒂𝒏𝒊𝒔𝒕𝒂 𝒅𝒊 𝑻𝒆𝒓𝒆𝒛𝒊𝒏”
con
Alice Baccalini, pianoforte
Rachel O'Brien, mezzosoprano
Elda Olivieri, voce recitante
Andrea Zaniboni, testi e drammaturgia
Una produzione a cura di EquiVoci Musicali



Il concerto celebra Alice Herz-Sommer, pianista ebrea sopravvissuta all'orrore del lager grazie alla musica. Morta all'età di 110 anni nel 2014, Alice è stata una grande testimone del nostro tempo oltre che una straordinaria artista.
Lo spettacolo alterna brani di Beethoven, Chopin, Schubert, Listz e altri compositori da lei amati, al racconto della sua incredibile vita: dall'infanzia a Praga, alle persecuzioni, fino alla guerra, alla deportazione con il marito e il figlio di soli 7 anni a Terezin, dove grazie alla musica trovò la salvezza.
Info e prenotazioni:
www.teatrofaraggiana.it
0321 1581721

1985_12_15 Associazione Nazionale Carabinieri organizzava opere in Conservatorio a Milano

Dall'archivio di #mariomainino #concertodautunno una storica edizione di Don Pasquale al Conservatorio Verdi di Milano diretta da Laurence Gordon Siegel (non Sigel come indicato) a capo della Orchestra Sinfonica di Milano ed organizzata dalla Associazione Nazionale Carabinieri. Nel cast anche il tenore Eugenio Saccomani.

CONSERVATORIO GIUSEPPE VERDI MILANO
SALA GRANDE 
L'Ass. Naz. CC. presenta :
Domenica, 15 dicembre 1985, alle ore 21 unica eccezionale esecuzione dell' Opera
‘’DON PASQUALE,,
di Gaetano Donizetti

Programma
"DON PASQUALE"
Dramma buffo in tre atti di MICHELE ACCURSI Musica di GAETANO DONIZETTI
L'azione si finge a Roma



Personaggi ed Interpreti
Don Pasquale, vecchio celibatario
MINO LONGO, basso
Dottor Malatesta, medico e amico di Don Pasquale
MARIO MATTIOTTI, baritono
Ernesto, nipote di Don Pasquale
Norina, giovane vedova
SILVANA DE BENEDETTI, soprano
Un notaro
GIANCARLO MARCOTTI
Coro di Servi e Camerieri
ORCHESTRA SINFONICA DI MILANO E CORO
Partecipazione straordinaria della Corale Polifonica “Angelo Gavina” Vogherese
Diretta dal Maestro Giancarlo Bottino
Maestro concertatore e direttore d'orchestra 
LAURENCE SIGEL 
scritto erroneamente Sigel non SIEGEL)
Presentazione e commento di Luciano Volino

2024_01_27 Il violoncellista Claudio Merlo e il pianista Nicola Giribaldi alla Camera del Lavoro di Milano

Sabato 27 gennaio 2024 alla Camera del Lavoro di Milano
Atelier Musicale: grandi pagine del Novecento per pianoforte e violoncello 
con il duo Merlo-Giribaldi sabato 27 gennaio alla Camera del Lavoro di Milano
Il violoncellista Claudio Merlo e il pianista Nicola Giribaldi eseguiranno musiche di Stravinskij, Milhaud, Prokofiev e Garbarino
sabato 27 gennaio 2024 alla Camera del Lavoro di Milano
Atelier Musicale: grandi pagine del Novecento per pianoforte e violoncello 
con il duo Merlo-Giribaldi sabato 27 gennaio alla Camera del Lavoro di Milano
Il violoncellista Claudio Merlo e il pianista Nicola Giribaldi eseguiranno musiche di Stravinskij, Milhaud, Prokofiev e Garbarino

ATELIER MUSICALE - XXIX stagione 
Sabato 27 gennaio 2024, ore 17.30
Duo Merlo-Giribaldi
Claudio Merlo (violoncello), Nicola Giribaldi (pianoforte).

Programma
S. Prokofiev (1891-1953):
Sonata in Do maggiore per violoncello e pianoforte op. 119
(Andante grave / Moderato/Allegro ma non troppo);

G. Garbarino (1937):
Kasbah - Divertimento per violoncello e pianoforte
(Calmo /Calmo e lirico/Vivo), prima esecuzione;

D. Milhaud (1892-1974):
Élégie Op. 251;

I. Stravinskij (1882-1971):
Suite Italienne N. 1
(Introduzione/Serenata/Aria/Tarantella/Minuetto e Finale).

Introduce Paolo Repetto.


Dove: Camera del Lavoro, auditorium G. Di Vittorio, corso di Porta Vittoria 43, 20122 Milano.
Ingresso: 10 euro con tessera associativa (5/10 euro).
Per informazioni: 348-3591215.
Email: secondomaggio@alice.it; eury@iol.it
Direzione e coordinamento artistico: Giuseppe Garbarino e Maurizio Franco.
Organizzazione: associazione culturale Secondo Maggio (presidente Gianni Bombaci; vicepresidente Enrico Intra).

Per il decimo appuntamento della stagione, l’Atelier Musicale, la rassegna in equilibrio tra jazz e classica contemporanea organizzata dall’associazione culturale Secondo Maggio, propone sabato 27 gennaio il classico duo violoncello-pianoforte, guardando a pagine significative della letteratura del Novecento e a una prima esecuzione, protagonisti il violoncellista Claudio Merlo e il pianista Nicola Giribaldi alla Camera del Lavoro di Milano (inizio concerto ore 17.30; ingresso 10 euro con tessera associativa a 5 euro).
L’opera più celebre è quella stravinskiana, che riprende in forma di suite alcuni temi presenti nel “Pulcinella”, il balletto andato in scena nel 1920 che segnò la svolta neoclassica del grande compositore russo, qui ancora originalissima pur avendo perso la veste timbrica orchestrale e vocale presente nel balletto. Al periodo americano del compositore francese si iscrive, invece, l’Élégie di Milhaud, pagina dal lirismo struggente e lamentoso, che esalta il registro del violoncello esplorato nelle sue diverse altezze. Di Prokofiev viene proposta l’ultima composizione cameristica, in fondo anch’essa vagamente neoclassica per l’adesione alla forma sonata. È uno dei non numerosi lavori da lui scritti per violoncello e fu composto con la collaborazione di un grandissimo maestro dello strumento, l’allora giovane Rostropovic, a cui è idealmente dedicata. Qui il compositore privilegia una per lui non usuale vena melodica e inserisce parti di altissimo virtuosismo, supervisionate proprio dal dedicatario della musica. Infine, “Kasbah” di Giuseppe Garbarino, in prima esecuzione, rimanda ai ricordi di viaggio dell’autore in Nordafrica, ai colori del suq, e unisce momenti legati alla festa e alle arie popolari ad altri di pura introspezione, in linea con l’articolata scrittura, ricca di riferimenti sonori provenienti da tutto il mondo, che caratterizza la poetica del compositore, clarinettista e direttore d’orchestra ligure.
Propone questo programma un duo molto collaudato, quello composto da Claudio Merlo e Nicola Giribaldi. Il primo è uno specialista della musica da camera che ha esplorato quasi tutto il repertorio del duo con il pianoforte, compreso quello contemporaneo, con prime esecuzioni di opere in molti casi a lui dedicate. Ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali, è stato primo violoncello in diverse orchestre e insegna il suo strumento al Conservatorio di Alessandria. Il secondo, Nicola Giribaldi, anch’egli docente, ma al Conservatorio di Genova, è come Merlo uno specialista del repertorio cameristico e un apprezzato autore di saggi sulla didattica pianistica.

2024_02_10 Accademia Tadini di Lovere - 97a Stagione dei Concerti

Accademia Tadini di Lovere BG - 97a Stagione dei Concerti
Dal 10 febbraio al 6 aprile 2024
nell’ottocentesco Salone dei Concerti dell’Accademia Tadini,

Sabato 10 febbraio 2024_02_10
“88 tasti: tra bianco e nero” 
Andreas Frölich (pianoforte)
Musiche di Mozart, Chopin, Bach e Piazzolla.

Sabato 24 febbraio 2024_02_24
“Jazz, Poetry and So”
Giovanni Fontana (poesie), Umberto Petrin (pianoforte)
In collaborazione con “Le 2 Rive del Jazz”.

Venerdì 1 marzo 2024_03_01
“Il canto magico del violino”
Davide Alogna (violino), Giuseppe Gullotta  (pianoforte)
Musiche di Mozart, Rossini, Paganini, Brahms, Saint-Saëns.

Venerdì 8 marzo 2024_03_08
“Le grandi voci”
Alessandro Corbelli (baritono), Elisabetta Sepe (pianoforte)
Musiche di Schubert, Schumann, Musorgskij, Fauré, Ravel, Liszt, Pizzetti, Tosti.

Sabato 23 marzo 2024_03_23
“Concerto d’amore in versi”
Fabio Testi (voce recitante), Stefano Maffizzoni (flauto), Andrea Candeli (chitarra)
Musiche e testi di Piovani, Machado, Garcia Lorca, Piazzolla, Ibert, Morricone, Neruda, Merini, Prévert, Vicente.

Sabato 6 aprile 2024_04_06
“Picnic Suite”
I classici incontrano il Jazz
Giuseppe Nova (flauto), Claudio Piastra (chitarra), Simone Pagani (pianoforte), Luca Garlaschelli (contrabbasso), Massimo Melillo (batteria)
Musiche di Claude Bolling.
Tutti i concerti inizieranno alle ore 21 nel Salone dei Concerti di Palazzo Tadini, in via Tadini 40, Lovere (Bg).
Abbonamenti: 75 euro; 50 euro per i giovani fino a 27 anni e per gli over 65.
Ingressi singoli: 20 euro (suggerita prenotazione in segreteria o all’ingresso del museo).
Ingressi singoli ridotti: 15 euro per i giovani fino 27 anni e per gli over 65.
Ingresso gratuito fino a 18 anni previa prenotazione e disponibilità di posti.
Per l’acquisto degli abbonamenti, le relative quote potranno essere versate sul C.C. intestato all’Accademia Tadini presso la Banca Popolare di Sondrio (IBAN IT85 O 056 9654 9600 0003 0265 X04) oppure presso la segreteria dell’Accademia Tadini in orario d’ufficio o direttamente la sera del primo concerto.
I biglietti per i singoli concerti saranno in vendita secondo disponibilità anche la sera del concerto.
Info: www.accademiatadini.it; email: associazione@accademiatadini.it - Tel: +39 340 2503902.

L’Accademia Tadini di Lovere (Bg) si appresta ad ospitare, per la novantasettesima volta, la rassegna concertistica che negli anni si è affermata come uno degli eventi più prestigiosi del territorio del lago d’Iseo. La nuova edizione prenderà il via sabato 10 febbraio: anche quest’anno gli appuntamenti (sei, in programma fino al 6 aprile) si annunciano di grande interesse e qualità e verranno ospitati nell’ottocentesco Salone dei Concerti, caratterizzato da un’acustica eccellente, recentemente restaurato e ora riscaldato. Sottolinea il maestro Claudio Piastra, direttore artistico della manifestazione: «La rassegna dell’Accademia Tadini gode di un prestigio unanimamente riconosciuto, dovuto alla lunga storia di concerti che hanno visto la partecipazione di alcuni fra i maggiori artisti degli ultimi cento anni. Proprio nel solco di questa gloriosa tradizione vogliamo continuare a offrire al nostro pubblico progetti di elevato spessore culturale». Aggiunge Vanessa Rossi, presidente dell’Associazione Tadini: «Anche quest’anno l’Associazione Tadini, in collaborazione con la Fondazione Tadini che ci ospita nella sua affascinante Sala dei Concerti, vuole offrire agli appassionati sei date di altissimo livello. Come ogni anno, abbiamo selezionato artisti di fama internazionale che garantiscono la qualità che da quasi un secolo caratterizza la nostra rassegna».
Il cartellone si propone di ricreare idealmente quel contesto di alto intrattenimento che si respirava nella Lovere ottocentesca, capace di guardare al passato ma anche ai nuovi stili musicali. Tra i protagonisti della 97a edizione spiccano l’attore Fabio Testi, che si esibirà insieme al duo Maffizzoni-Candeli; il baritono Alessandro Corbelli, accompagnato dalla pianista Elisabetta Sepe; il pianista tedesco Andreas Frölich; il violinista Davide Alogna in duo con il pianista Giuseppe Gullotta; il jazzista Umberto Petrin, autore di una singolare performance con il poeta Giovanni Fontana; infine, per l’evento di chiusura, il mondo classico incontrerà il jazz nell’omaggio al compositore francese Claude Bolling, a cura di Giuseppe Nova, Claudio Piastra, Simone Pagani, Luca Garlaschelli e Massimo Melillo.
L’apertura di quest’anno, in programma sabato 10 febbraio, sarà affidata al recital dell’apprezzato pianista tedesco Andreas Frölich, vincitore di numerosi riconoscimenti internazionali e unanimamente riconosciuto dalla critica come grande interprete. È anche un apprezzato didatta: è docente alla Hochschule für Musik und Tanz di Colonia/Standort Aachen e insegna pure a Villa Musica a Magonza (sempre in Germania), alla International Summeracademy del Mozarteum di Salisburgo e alla Talent music masters Academy di Brescia. Pianista del Mendelssohn Trio Berlin, Frölich, che si è esibito nelle più famose sale da concerto del mondo e in alcuni dei più importanti festival internazionali  (tra cui il Festival di Salisburgo, il Mozartfest Würzburg, il Schubertiade Roskilde e molti altri), eseguirà pagine di Mozart (Fantasia in do minore KV 475, Sonata in mi bemolle maggiore KV 282, Sonata in fa maggiore KV 332, Fantasia in re minore KV 397), Chopin (Polonaise op. 26 n. 1, tre Notturni e Impromptu op.52), Bach (quattro trascrizioni da F. Busoni, Wilhelm Kempff, Myra Hess e Alexander Siloti) e Piazzolla (Adiós Nonino, Milonga en Ay Menor, Chiquilín de Bacchin, Milonga del Ángel).
Per il secondo appuntamento della stagione, dopo il successo della scorsa edizione, l’Accademia Tadini, già promotrice del festival “Le 2 Rive del Jazz”, aprirà di nuovo le sue porte al jazz e alla musica improvvisata: sabato 24 febbraio, infatti, andrà in scena “Jazz, Poetry and So”, concerto-performance che unisce i testi poetici delle avanguardie storiche alla musica di Umberto Petrin, fra i più affermati pianisti jazz italiani. A condividere il palco insieme a Petrin ci sarà il poeta Giovanni Fontana, da poco insignito del prestigioso Premio Pagliarani alla carriera.
Venerdì 1 marzo sarà la volta de “Il canto magico del violino” che vedrà la presenza di Davide Alogna, da alcuni anni diventato una delle star del violinismo italiano, insieme all’affermato pianista Giuseppe Gullotta: i due musicisti proporranno alcuni capolavori immortali di autori come Paganini, Brahms, Rossini, Mozart e Saint-Saëns. Spazio alle grandi voci liriche venerdì 8 marzo con il baritono di fama internazionale Alessandro Corbelli e la pianista Elisabetta Sepe, che presenteranno un raffinato programma con musiche di Schubert, Schumann, Musorgskij, Fauré, Ravel, Liszt, Pizzetti e Tosti. Vincitore di numerosi riconoscimenti (come il Premio Abbiati della Critica, il Rossini d’Oro e l’International Opera Award), Corbelli ha calcato i palchi dei più prestigiosi teatri internazionali, tra cui la Scala di Milano, il Metropolitan Opera di New York, il Covent Garden di Londra, l’Opéra di Parigi, la Staatsoper di Vienna e l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. 
“Concerto d’amore in versi” è il titolo dello spettacolo che andrà in scena sabato 23 marzo, protagonisti l’attore Fabio Testi, uno dei volti più noti del cinema italiano, come voce recitante, il flautista Stefano Maffizzoni e il chitarrista Andrea Candeli. I tre artisti si esibiranno in un suggestivo programma con musiche e testi di Piovani, Machado, Garcia Lorca, Piazzolla, Ibert, Morricone, Neruda, Merini, Prévert e Vicente che ha riscosso un notevole successo di pubblico e critica nei principali teatri italiani.
Sabato 6 aprile chiuderà la stagione un concerto che vuole celebrare idealmente il connubio fra la musica classica e quella jazz: “Picnic Suite”, omaggio al compositore francese Claude Bolling proposto da due solisti di fama internazionale, il flautista Giuseppe Nova e il chitarrista Claudio Piastra, accompagnati da tre jazzisti di vaglia quali il pianista Simone Pagani, il contrabbassista Luca Garlaschelli e il batterista Massimo Melillo.

2024_02_01 San Gaudenzio 2024 per i festeggiamenti del patrono l'Orchestra COCCIA in Basilica

Giovedì 01 Febbraio 2024_02_01 alle 20.45
Basilica di San Gaudenzio - Novara
CONCERTO UFFICIALE 2024


Antonio Vivaldi
Concerto in la maggiore per archi
Concerto in re minore per due violini e archi
Rita Mascagna, Davide Agamennone violini
§§§
Le Quattro Stagioni
Rita Mascagna, violino
Orchestra da Camera Carlo Coccia
Il concerto è organizzato dal Comune di Novara con il contributo della Fondazione Banca Popolare di Novara per il territorio. Il Lions Club Novara Ticino curerà la raccolta di fondi a favore della "Mensa e Armadio del Povero" gestita dai frati cappuccini di San Nazzaro della Costa di Novara. 
Rita Mascagna, violinista che da diversi anni si dedica all’interpretazione del repertorio solistico sia in ambito cameristico sia in quello con orchestra. Rita Mascagna è inoltre docente di violino presso il Conservatorio Cantelli di Novara. Completano il programma della serata, totalmente dedicato a Vivaldi, un concerto per archi in la maggiore e il conosciutissimo concerto in re minore per due violini e archi: sarà il novarese Davide Agamennone, in veste di solista, ad affiancare Rita Mascagna in quest’ultimo brano.

Contatore visite e album degli ospiti (se volete lasciare un commento, grazie)